Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 genitori che si intromettono

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
antonella1979



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 21.12.12

MessaggioOggetto: genitori che si intromettono   Gio Ott 02, 2014 7:17 pm

Insegno in una classe prima di 26 bambini con una bambina autistica,3 cinesi  e una bimba moldava che non parlano italiano.
Potete immaginare la difficoltà di fare lezione.... Ieri abbiamo introdotto la lettera A, ho letto una breve storia sull' Ape Alina e ho invitato i bambini a raccontarla aiutandosi con le immagini presenti sul libro. Un bimbo si è rifiutato di raccontare, e non era la prima volta che lo faceva, quindi l 'ho invitato a uscire fuori, ovviamente si è rifiutato e si è "incollato" con le mani e le gambe alla sedia. Quando ho detto che avrei riferito ai suoi genitori si è alzato e d è uscito fuori (ovviamente ho lasciato la porta aperta). Stamattina sua mamma ha scritto sul diario che il figlio gli aveva raccontato di essere stato messo fuori dalla porta e chiedeva il motivo. Io non mi sarei mai permessa di fare una cosa del genere, anzi quando la mia bimba viene a casa dicendo che la sua insegnante ha fatto questo o quello io le dico che avrà avuto le sue buon ragioni, se poi reputo che sia da chiarire cerco di farlo personalmente e non facendo partecipe la bambina.
Secondo casa: bimbo che non sta mai seduto al suo posto, disturba continuamente i compagni di banco, scrive sui loro quaderni, ha persino incollato i capelli della sua compagna di banco. All' uscita della scuola oggi, il suo papà mi ha detto che il figlio gli ha riferito che il suo compagno di banco lo disturba, gli da dei pizzicotti e quando gli ho fatto presente che è il figlio a disturbare gli altri miha detto va bè... al che ho detto che se suo figlio torna a casa un giorno dicendo che è stato messo in un banco da solo, non devono lamentarsi perchè non sappiamo come fare!!!
Mi sa che mi troverò presto con una denuncia in questa classe.... voi cosa mi consigliate???
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Gio Ott 02, 2014 7:46 pm

Ti consiglio di non mandare fuori dalla classe il bambino, posso capire che non sia facile gestirlo, ma trovo inconcepibile sbatterlo fuori dall'aula anche se "ovviamente hai lasciato la porta aperta".......scusa, non voglio essere polemica, ma non trovo per niente ovvio intervenire in questo modo...poi, forse, sono io a sbagliare, ma non condivido il tuo modo di agire
Tornare in alto Andare in basso
stefy1879



Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.05.11

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Gio Ott 02, 2014 7:47 pm

Ti rispondo sinceramente, secondo me nel primo caso l errore è tuo e solo tuo. Infatti mai mandare un alunno fuori dalla classe poiché non produce a lungo termine risultati soddisfacenti in termini di comportamento ed inoltre ,fattore importante,espone l insegnante al rischio di denunce penali nel caso di infortunio dello stesso. Dici che avevi la porta aperta, ma come riuscivi a guardarlo costantemente? Mentre spieghi guarderai negli occhi il resto della classe credo... o sbaglio?La mamma se vuole sapere i motivi ha ragione perché è un suo diritto.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Gio Ott 02, 2014 7:48 pm

stefy1879 ha scritto:
Ti rispondo sinceramente, secondo me nel primo caso l errore è tuo e solo tuo. Infatti mai mandare un alunno fuori dalla classe poiché non  produce a lungo termine risultati soddisfacenti in termini di comportamento ed inoltre ,fattore importante,espone l insegnante al rischio di denunce penali nel caso di infortunio dello stesso. Dici che avevi la porta aperta,  ma come riuscivi a guardarlo costantemente? Mentre spieghi guarderai negli occhi il resto della classe credo... o sbaglio?La mamma se vuole sapere i motivi ha ragione perché è un suo diritto.
Condivido!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Gio Ott 02, 2014 10:46 pm

Cosa ha fatto quella mamma? Ha saputo che il bambino è stato messo fuori e ti ha chiesto il perchè. Non ti ha detto "come si è permessa?"

Non è che si è intromessa, ha voluto capire cosa avesse combinato il figliolo.


Non è mai bello comunicare sul diario qualcosa che non sia la richiesta di appuntamento per parlare di quello che succede, ma questo i genitori alle volte faticano a capirlo, ma questa è una mamma di un bimbo di prima elementare, è un mese che va a scuola. Ha anche il diritto di sbagliare modalità-

Cerca un colloquio con lei per spiegarglielo e alla prima riunione con tutti i genitori spiega che sei disponibilissima a parlare di qualsiasi cosa ma che per questo è necessario chiedano un appuntamento.
Dì che non risponderai a domande scritte sul diario circa eventuali problemi si dovessero verificare perchè credi che solo parlandone a voce si possa trovare il modo di risolvere qualsiasi difficoltà.

Fai notare che non è bello per un bambino trovare sul diario, che è un suo strumento di lavoro, frasi che lo mettano a disagio, che gli ricordino qualcosa di spiacevole o che possa fargli pensare che mamma e papà litighino con la maestra. Il diario deve essere tranquillo.

Mille cose puoi dire, hai il diritto di dettare le tue regole così come i genitori hanno il diritto di conoscerle-
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 6:50 am

antonella1979 ha scritto:
Insegno in una classe prima di 26 bambini con una bambina autistica,3 cinesi  e una bimba moldava che non parlano italiano.
Potete immaginare la difficoltà di fare lezione.... Ieri abbiamo introdotto la lettera A, ho letto una breve storia sull' Ape Alina e ho invitato i bambini a raccontarla aiutandosi con le immagini presenti sul libro. Un bimbo si è rifiutato di raccontare, e non era la prima volta che lo faceva, quindi l 'ho invitato a uscire fuori, ovviamente si è rifiutato e si è "incollato" con le mani e le gambe alla sedia. Quando ho detto che avrei riferito ai suoi genitori si è alzato e d è uscito fuori (ovviamente ho lasciato la porta aperta). Stamattina sua mamma ha scritto sul diario che il figlio gli aveva raccontato di essere stato messo fuori dalla porta e chiedeva il motivo. Io non mi sarei mai permessa di fare una cosa del genere, anzi quando la mia bimba viene a casa dicendo che la sua insegnante ha fatto questo o quello io le dico che avrà avuto le sue buon ragioni, se poi reputo che sia da chiarire cerco di farlo personalmente e non facendo partecipe la bambina.

qual era il motivo del rifiuto a raccontare? tu sei sicura che il bambino avesse, in quel momento, le competenze per farlo?

non esporre il racconto avrebbe comportato una punizione. i bambini ne erano a conoscenza?

sembra chiaro che il bambino - furbo - abbia cercato le grazie della madre prima di te, ha una via più semplice :-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 7:36 am

Citazione :
sembra chiaro che il bambino - furbo - abbia cercato le grazie della madre prima di te, ha una via più semplice :-)


Mi sembra che non gliene si possa dare colpa!

Ha sei anni, da chi dovrebbe andare? chi è quella signora che sta alla cattedra? la prima cosa che ha fatto in un momento di difficoltà è stata quella di farlo vergognare davanti a tutti, di dire alla classe che lui è cattivo. Aveva un problema e invece di risolverlo glielo si è ingigantito.

Non mi sembra avesse altra scelta se non quella di parlarne alla mamma cercando conforto, magari esternando con lei l'ansia di quello che era successo in classe, magari piangendo con la disperazione di un bimbo di sei anni. Anche assai che la mamma si è limitata a chiedere cosa fosse successo.

(sbagliando modalità, ne convengo)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 7:51 am

Anche se è vero quello che dicono le colleghe, è pure vero che la pratica di metter fuori dalla porta i bambini che disturbano è abbastanza frequente (l'ho visto fare tantissime volte, anche da maestri bravissimi e competenti). Diciamo che tu ti assumi il rischio che il bambino possa farsi male, ma in compenso hai una punizione "sociale". Sappi però che di solito si "minaccia", ma non si fa.
Quello che posso dirti è di avere pazienza con questo bambino, dovesse ricapitare che si rifiuti di svolgere qualche attività.
In realtà il caso più preoccupante è il secondo. E magari era quest'altro bambino che ti esasperava di più. Potrebbe essere un bambino oppositivo. Se così fosse, cerca in qualche modo di fartelo piacere, cerca di parlargli, di trovare un modo di relazionarti con lui. Mettetelo vicino alla cattedra, in modo da sorvegliarlo e interloquite con lui spesso.
Riguardo alla denuncia non esageriamo, non è successo niente di così particolare...
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 8:12 am

Ire ha scritto:
Citazione :
sembra chiaro che il bambino - furbo - abbia cercato le grazie della madre prima di te, ha una via più semplice :-)


Mi sembra che non gliene si possa dare colpa!

Ha sei anni, da chi dovrebbe andare?  chi è quella signora che sta alla cattedra? la prima cosa che ha fatto in un momento di difficoltà è stata quella di farlo vergognare davanti a tutti, di dire alla classe che lui è cattivo. Aveva un problema e invece di risolverlo glielo si è ingigantito.

Non mi sembra avesse altra scelta se non quella di parlarne alla mamma cercando conforto, magari esternando con lei l'ansia di quello che era successo in classe, magari piangendo con la disperazione di un bimbo di sei anni.  Anche assai che la mamma si è limitata a chiedere cosa fosse successo.

(sbagliando modalità, ne convengo)

infatti non gliene ho fatto una colpa, anzi! l'ho elogiato per essere stato più "furbo" della collega. con questo ho introdotto un elemento diverso rispetto al tuo, che parli di ansia e ricerca di conforto (non escludiamo possa esserci)

è stata la collega a introdurre nel rapporto maestra - alunno il genitore (la collega ha intitolato il topic "genitori che si intromettono", ma la prima a chiamarli in causa a lezione, davanti a tutti gli altri bambini, è stata lei, forse senza riflettere sulle conseguenze)

le parole "lo dico ai genitori" possono  aver scatenato nel bambino la corsa al "vediamo a chi darà ragione" e naturalmente il bambino - com'è logico -  è arrivato primo  :-)

questo naturalmente non vuole essere una colpa per la collega, ma semplicemente spiegare il meccanismo che potrebbe essersi instaurato
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 8:14 am

concordo :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
antonella1979



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 21.12.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 11:36 am

il motivo per cui è stato invitato ad uscire dall' aula è che per l' ennesima volta si è rifiutato di fare quello che gli veniva detto, cioè racontare una storia brevissima che io avevo appena letto e che loro avrebbero dovuto raccontarmi aiutandosi con le immagini del libro. Lo ha fatto tutto il resto della classe. Un' altra volta si è rifiutato di ripetere Hello- What' s your name (insegno anche inglese) e quella volta ci sono passata sopra, ma lui lo fa sistematicamente. E' in classe per imparare e se si rifiuta di partecipare alla lezione in qualche modo bisogna "correggerlo", perchè altrimenti l' esempio per la classe sarebbe quello che se anche io non ho voglia di far qualcosa non vedo perchè dovrei.
Quanto alla mamma mi sono rapportata con le colleghe che hanno il fratello in seconda e mi hanno detto che lo scorso anno era sempre a scuola a contestare il fatto che il figlio fosse perennemente in punizione senza mettere in discussione che magari sono i suoi figli a non essere molto educati. Perchè oltra al fatto che il bambino rifuiti di fare molte delle attività proposte (perchè ripeto in 15 gg non era la prima volta)risponde molto male a noi insegnanti, infatti l' altro giorno la collega non l' ha mandato in bagno durante tutta la mattina perchè mi ha detto che gli aveva risposto malissimo quando lo aveva invitato a sedersi composto.
Allora se i metodi "buoni"non funzionano come bisogna comportarsi? permettergli di fare quello che vuole???
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 12:02 pm

E' possibile che ci siano dei problemi di non consapevolezza di questi genitori.
In questo caso però la mamma non ha fatto nulla di grave e ti poni in una situazione difficile da risolvere, dal punto di vista di una tua predisposizione verso o contro questa persona, nell'ottica di aiutare il bimbo, se cerchi conferma dalle colleghe di come sia questa mamma piuttosto che cercare tu un contatto e verificarlo da sola.

E' evidentemente un bambino in cerca di aiuto, a me piace molto parlare di bambini "cattivi" perchè mi fa venire in mente che sono bambini in cattività, bambini prigionieri di una situazione che li fa stare male.
(probabilmente a casa visto quello che si sa di questa famiglia)

Un bambino prigioniero va "liberato" e tu, come punto di riferimento per lui puoi fare tanto.

A sei anni ci si riesce ancora.

A sei anni non si può mandarlo fuori dalla classe per dare l'esempio agli altri.
Sembra quasi che tu abbia già rinunciato a lui. Dopo venti giorni mi sembra presto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 1:34 pm

Allora il bambino mandato fuori è proprio quello oppositivo...
Sappi che spesso i genitori dei bambini oppositivi non ammettono i problemi dei propri figli.
Bisogna a questo punto vedere quanto il bambino è oppositivo, se si tratta di una reazione iniziale alla scuola primaria o se lo era anche alla scuola dell'infanzia. Ti consiglio di parlare con le sue educatrici della materna: loro lo sanno di sicuro.
Se venisse fuori che era già oppositivo da prima, la faccenda si complica, poiché vuol dire che non sarà così facile far riequilibrare il suo comportamento.
Con gli oppositivi ti avviso già che il muro contro muro non funziona. So che sono difficili da prendere...
Devi cercare di dargli poche regole, che sia in grado di rispettare: non pretendere che faccia tutto un compito fin da subito. Digli che può farne un pezzetto ed elogialo se lo fa.
Parla con lui dei suoi interessi: se avrà fiducia nel fatto che tu sei benevola nei suoi confronti, sarà più collaborante.
Inutile dirti che la famiglia la devi lasciare fuori da tutto il più possibile: tanto è probabile che non ti aiuterà...
Se le cose dovessero peggiorare, parla invece del problema col dirigente.
Se è un bambino oppositivo vero (cosa che non è il caso di verificare ora, dopo così pochi giorni di scuola) è bene che tu sappia che trattasi di patologia certificabile, a cui viene data una risposta in termini di diagnosi non prima della classe terza, di norma (è una patologia che si accompagna spesso al disturbo di attenzione e all'iperattività).
Tornare in alto Andare in basso
Woland



Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 01.09.13

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 2:59 pm

Io non vorrei sembrare critico, perché è sempre facile giudicare dall'esterno, tuttavia... è mai possibile assumere come interlocutore "responsabile" un bambino che non parla? Magari ci sarà anche una ragione, però dubito che sarà lui a fornirla. Spiace dar contro a colleghi, ma fuori dalla porta non si manda nessuno, di nessuna età e in nessun ordine di scuola. Io, anziché cacciare il bambino, mi sarei precipitato a parlare con i genitori per chiarire la situazione, o avrei comunicato loro quello che stava succedendo.
Poi, un'altra osservazione, io insegno al triennio delle superiori, e non conosco nel dettaglio le dinamiche della didattica delle scuole elementari (anzi, primarie), tuttavia mi risulta di evidenza palmare un fatto: che ciascuno di noi è schiavo del proprio carattere, e superarne gli spigoli è difficile, anche se si è ancora in formazione: se il bambino, per ragioni che a noi sono ignote, ma che ovviamente ci sono, ha un qualunque blocco nei confronti dell'interazione con l'adulto, non è certo buttandolo fuori dall'aula che potrà superarlo. Dico questo dal basso della mia ignoranza in materia pedagogica, non avendo mai avuto contatti istituzionali con tale disciplina, tuttavia mi pare che l'atteggiamento repressivo a fronte di un possibile disturbo caratteriale non sia destinato a sortire frutti particolarmente prelibati.

Tutto ciò, ovviamente, osservando la situazione dall'esterno e nei termini in cui è stata riferita, senza giudizi di merito sulla collega, né sul fanciullo in questione.
Tornare in alto Andare in basso
antonella1979



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 21.12.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 6:32 pm

dami ha scritto:
Allora il bambino mandato fuori è proprio quello oppositivo...
Sappi che spesso i genitori dei bambini oppositivi non ammettono i problemi dei propri figli.
Bisogna a questo punto vedere quanto il bambino è oppositivo, se si tratta di una reazione iniziale alla scuola primaria o se lo era anche alla scuola dell'infanzia. Ti consiglio di parlare con le sue educatrici della materna: loro lo sanno di sicuro.
Se venisse fuori che era già oppositivo da prima, la faccenda si complica, poiché vuol dire che non sarà così facile far riequilibrare il suo comportamento.
Con gli oppositivi ti avviso già che il muro contro muro non funziona. So che sono difficili da prendere...
Devi cercare di dargli poche regole, che sia in grado di rispettare: non pretendere che faccia tutto un compito fin da subito. Digli che può farne un pezzetto ed elogialo se lo fa.
Parla con lui dei suoi interessi: se avrà fiducia nel fatto che tu sei benevola nei suoi confronti, sarà più collaborante.
Inutile dirti che la famiglia la devi lasciare fuori da tutto il più possibile: tanto è probabile che non ti aiuterà...
Se le cose dovessero peggiorare, parla invece del problema col dirigente.
Se è un bambino oppositivo vero (cosa che non è il caso di verificare ora, dopo così pochi giorni di scuola) è bene che tu sappia che trattasi di patologia certificabile, a cui viene data una risposta in termini di diagnosi non prima della classe terza, di norma (è una patologia che si accompagna spesso al disturbo di attenzione e all'iperattività).


Nella documentazione di passaggio le insegnanti della scuola dell' infanzia lo descrivono un bambino *****CANCELLATO DALL'AMMINISTRAZIONE

Ho premesso che non è stata la prima volta che si è rifiutato di svolgere un compito assegnatogli, ma succede puntalmente.
Le prime volte ho cercato di parlare con lui, di aspettare i suoi tempi, invitandolo a svolgerlo magari per ultimo, ma ho altri 25 bambini e se inizio ad essere tollerante con tutti, rischio che anche gli altri si sentano autorizzati a rifiutarsi.
Non so quanto abbia sortito effetto il gesto di farlo uscire dall' aula, ma oggi ha partecipato e non si è rifiutato di fare quello che gli chiedevo


Ultima modifica di antonella1979 il Ven Ott 03, 2014 6:41 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 6:35 pm

antonella1979 ha scritto:
dami ha scritto:
Allora il bambino mandato fuori è proprio quello oppositivo...
Sappi che spesso i genitori dei bambini oppositivi non ammettono i problemi dei propri figli.
Bisogna a questo punto vedere quanto il bambino è oppositivo, se si tratta di una reazione iniziale alla scuola primaria o se lo era anche alla scuola dell'infanzia. Ti consiglio di parlare con le sue educatrici della materna: loro lo sanno di sicuro.
Se venisse fuori che era già oppositivo da prima, la faccenda si complica, poiché vuol dire che non sarà così facile far riequilibrare il suo comportamento.
Con gli oppositivi ti avviso già che il muro contro muro non funziona. So che sono difficili da prendere...
Devi cercare di dargli poche regole, che sia in grado di rispettare: non pretendere che faccia tutto un compito fin da subito. Digli che può farne un pezzetto ed elogialo se lo fa.
Parla con lui dei suoi interessi: se avrà fiducia nel fatto che tu sei benevola nei suoi confronti, sarà più collaborante.
Inutile dirti che la famiglia la devi lasciare fuori da tutto il più possibile: tanto è probabile che non ti aiuterà...
Se le cose dovessero peggiorare, parla invece del problema col dirigente.
Se è un bambino oppositivo vero (cosa che non è il caso di verificare ora, dopo così pochi giorni di scuola) è bene che tu sappia che trattasi di patologia certificabile, a cui viene data una risposta in termini di diagnosi non prima della classe terza, di norma (è una patologia che si accompagna spesso al disturbo di attenzione e all'iperattività).


ti chiedo di cancellare il testo, in quanto non è corretto, trattandosi di un documento legato ad un minore.  una tua sintesi sarà sufficiente
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 7:15 pm

poichè era trascorso un po' di tempo e non eri intervenuta, abbiamo cancellato no

non è possibile a nostro parere divulgare su internet i contenuti delle schede personali degli alunni.

una cosa è parlare della situazione - caso in un forum pubblicato, altro riportare testualmente documenti della scuola

attenzione.
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 03, 2014 7:41 pm

Woland ha scritto:
Io non vorrei sembrare critico, perché è sempre facile giudicare dall'esterno, tuttavia... è mai possibile assumere come interlocutore "responsabile" un bambino che non parla? Magari ci sarà anche una ragione, però dubito che sarà lui a fornirla. Spiace dar contro a colleghi, ma fuori dalla porta non si manda nessuno, di nessuna età e in nessun ordine di scuola. Io, anziché cacciare il bambino, mi sarei precipitato a parlare con i genitori per chiarire la situazione, o avrei comunicato loro quello che stava succedendo.
Poi, un'altra osservazione, io insegno al triennio delle superiori, e non conosco nel dettaglio le dinamiche della didattica delle scuole elementari (anzi, primarie), tuttavia mi risulta di evidenza palmare un fatto: che ciascuno di noi è schiavo del proprio carattere, e superarne gli spigoli è difficile, anche se si è ancora in formazione: se il bambino, per ragioni che a noi sono ignote, ma che ovviamente ci sono, ha un qualunque blocco nei confronti dell'interazione con l'adulto, non è certo buttandolo fuori dall'aula che potrà superarlo. Dico questo dal basso della mia ignoranza in materia pedagogica, non avendo mai avuto contatti istituzionali con tale disciplina, tuttavia mi pare che l'atteggiamento repressivo a fronte di un possibile disturbo caratteriale non sia destinato a sortire frutti particolarmente prelibati.

Tutto ciò, ovviamente, osservando la situazione dall'esterno e nei termini in cui è stata riferita, senza giudizi di merito sulla collega, né sul fanciullo in questione.

In effetti allontanare dall'aula un bambino con questo tipo di temperamento potrebbe essere controproducente. Potrebbe davvero andarsene, invece di rimanere appena fuori.
Comunque ti assicuro che negli anni di bambini messi fuori dall'aula ne ho visti diversi: alla primaria è una pratica non rara, anche se non è una gran soluzione. La leva sta nel fatto che ai bambini piace stare con i compagni e spesso, pur di rimanere in classe, se li si minaccia che finiranno fuori, smettono di dare fastidio e comportarsi male e lavorano.
Sul fatto che i bambini debbano comunque rimanere nostri interlocutori, anche se bambini, secondo me è giusto che sia così.
Per me sono persone e cerco sempre di dare una motivazione del perché pretendo qualche cosa da loro, sicura che siano in grado di capirmi. Quando faccio una richiesta termino con un "Siamo d'accordo?" E aspetto un segno di consenso prima di levare lo sguardo, terminando con un sorriso e muovendo affermativamente la testa. Se il bambino fa segno di sì, il patto è concluso. E' un modo per responsabilizzarlo sul comportamento successivo.
Riguardo alle comunicazioni alle famiglie, credo che sia sempre meglio rassicurarle sul fatto che i loro figli stiano migliorando, anche se magari le situazioni sono abbastanza statiche. Andare a lamentarsi con loro del comportamento dei figli in classe, alla minima difficoltà, ha senso solo in alcuni casi. Se non succede niente di grave, meglio eliminare preoccupazioni inutili. Non fa certo piacere a nessuno guardare una nota sul diario del proprio figlio un giorno sì e uno no. Così non si crea collaborazione. E anche i colloqui vanno fatti, ma con moderazione, più che altro per farsi un'idea di come è la famiglia (osservando i genitori, spesso si capisce meglio il bambino).
Tornando a monte, è vero che ognuno ha il proprio carattere e inevitabilmente va a formarsi le sue strategie in base ad esso. E' facile comunque innervosirsi quando si tratta con bambini molto indisciplinati e quindi non mi stupisco affatto, visto che ce ne sono in giro davvero tanti, di sentire spesso insegnanti che urlano e si lamentano dentro alle loro aule. E magari l'urlatore di turno non è l'insegnante cattivo... A me fanno molta più impressione quegli insegnanti che tengono le classi zitte zitte perché magari i bambini hanno talmente paura di un minimo rimprovero da non azzardare nemmeno un sospiro...
Il mondo dei bambini è comunque diverso da quello degli adolescenti: ho quindi l'impressione che ciò che funziona da una parte, potrebbe non funzionare in un altro contesto...


Ultima modifica di dami il Sab Ott 04, 2014 6:53 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
vadixna



Messaggi : 303
Data d'iscrizione : 04.03.13

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Sab Ott 04, 2014 5:08 pm

Ho una situazione molto simile a quella che descrivi tu, con un numero appena più elevato, tutti italofoni (grazie agli dei) ma molto-molto rumorosi, due "simpatici teppistelli" che si spalleggiano vicendevolmente e zero (zero) compresenze.

Sono sull'orlo della crisi.

Uno dei due è un probabile iperattivo, abbiamo parlato con la madre che sembra travolta da questo bambino e che si è detta disponibile a chiedere aiuto e a fare un percorso per cercare di capire se effettivamente c'è una patologia.
Dell'altro, semplice maleducato, abbiamo visto la madre, che guarda nel vuoto mentre le parli, e abbiamo convocato il padre (lo vedremo a brevissimo).

E' accaduto che la mia collega ne abbia messo uno fuori, ma seduto assieme all'ata di servizio in quel momento. Ti sconsiglio anch'io di lasciarlo da solo, al di là di qualunque considerazione pedagogica, per il semplice fatto che se si fa male finisci in galera (culpa in vigilando).
La prima cosa che devi fare è tutelarti.
Al culmine dell'esasperazione (si buttavano ripetutamente per terra dalla sedia a corpo morto, picchiando la testa) mi è scappato un "fare così è da scemi" e ancora mi sto mangiando le mani.
Dobbiamo essere inappuntabili.

Ma che fare?
La mia collega (esperienza trentennale in questo grado - io comincio ora, in precedenza ho insegnato negli altri gradi e confermo che la primaria è tutta un'altra cosa), ha proposto di fare un progetto e l'abbiamo elaborato assieme, partendo dalla "convivenza civile" e dalla necessità del rispetto delle regole, proponiamo di mandare due alunni per volta in un'altra prima, tranquillissima e poco affollata, per un confronto che ci auguriamo possa rivelarsi costruttivo. Tradotto: allontaniamo uno dei due ogni tanto, insieme a un altro alunno meno problematico, per avere un po' più di tranquillità e riuscire a gestire il resto della classe e per poter anche andare un po' avanti, altrimenti questi non leggono e scrivono nemmeno a giugno.
L'ho redatto or ora, e già lunedì lo sottoporremo alla DS.

All'inizio ho cercato di coinvolgerli il più possibile, premiandoli con la nomina da "assistente", standogli sempre dietro, elogiandoli per qualunque cosa, quest'ultima settimana ero alla canna del gas e ho mollato. Ora mi dico che ho sbagliato, non è possibile lasciargli fare quel che vogliono e additarli come esempio sbagliato al resto della classe, non è così che li aiuto.
Ok, lunedì riparto da zero.

Confesso che annaspo.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Sab Ott 04, 2014 5:46 pm

annaspi, ti pieghi, ma non ti spezzi, a quanto sembra  :-)

genitori travolti che sono disponibili a vedere se ci sia bisogno di aiuto?  evvaiiiiii

(quanti ne abbiamo visti di genitori travolti che pensavano e agivano come se chi avesse bisogno di aiuto fosse la maestra?)

quando mi capita di incontrare per strada un certo ragazzo sempre vestito di nero e con le maniche lunghe per coprire le cicatrici dei tagli mi chiedo se avrei potuto fare di più quando davanti a me le maestre dicevano alla sua mamma che il bimbo aveva problemi

Vai, qualcosa si può fare per il primo
speriamo anche per il secondo
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Sab Ott 04, 2014 6:02 pm

Ire ha scritto:

.....quando mi capita di incontrare per strada un certo ragazzo sempre vestito di nero e con le maniche lunghe per coprire le cicatrici dei tagli mi chiedo se avrei potuto fare di più quando davanti a me le maestre dicevano alla sua mamma che il bimbo aveva problemi.....
Cioè davanti a te, che eri un'estranea, le maestre si sono permesse di formulare giudizi su un bambino alla sua mamma, senza considerare la necessaria riservatezza??? Alla faccia della tutela della privacy!!! E tu sei rimasta vicino per sentire anche se erano cose che non ti riguardavano direttamente??
Ho capito bene oppure ho totalmente frainteso?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Sab Ott 04, 2014 6:46 pm

Magari non se ne erano accorte che io ascoltavo e in questo caso il mio scrupolo è che in quel momento sarei dovuta saltar fuori dall'armadietto e gridare

"ta-tah, guarda che forse la maestra non ha torto"




O magari invece eravamo in una aula insieme per vedere di risolvere un problema?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Sab Ott 04, 2014 7:37 pm

Ire ha scritto:
Magari non se ne erano accorte che io ascoltavo e in questo caso il mio scrupolo è che in quel momento sarei dovuta saltar fuori dall'armadietto e gridare

"ta-tah, guarda che forse la maestra non ha torto"




O magari invece eravamo in una aula insieme per vedere di risolvere un problema?
Magari...oppure magari??...questo io non lo posso sapere, infatti ti ho fatto domanda in merito, proprio per chiarire...ma come al solito rispondi ad una domanda con un'altra domanda, anzi due e questo non chiarisce proprio niente!

PS) Rispondere ad una domanda è cortesia e non si risponde con un'altra domanda, perchè questa è una "non-risposta"!
Tornare in alto Andare in basso
antonella1979



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 21.12.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Lun Ott 06, 2014 10:47 am

vadixna ha scritto:
Ho una situazione molto simile a quella che descrivi tu, con un numero appena più elevato, tutti italofoni (grazie agli dei) ma molto-molto rumorosi, due "simpatici teppistelli" che si spalleggiano vicendevolmente e zero (zero) compresenze.

Sono sull'orlo della crisi.

Uno dei due è un probabile iperattivo, abbiamo parlato con la madre che sembra travolta da questo bambino e che si è detta disponibile a chiedere aiuto e a fare un percorso per cercare di capire se effettivamente c'è una patologia.
Dell'altro, semplice maleducato, abbiamo visto la madre, che guarda nel vuoto mentre le parli, e abbiamo convocato il padre (lo vedremo a brevissimo).

E' accaduto che la mia collega ne abbia messo uno fuori, ma seduto assieme all'ata di servizio in quel momento. Ti sconsiglio anch'io di lasciarlo da solo, al di là di qualunque considerazione pedagogica, per il semplice fatto che se si fa male finisci in galera (culpa in vigilando).
La prima cosa che devi fare è tutelarti.
Al culmine dell'esasperazione (si buttavano ripetutamente per terra dalla sedia a corpo morto, picchiando la testa) mi è scappato un "fare così è da scemi" e ancora mi sto mangiando le mani.
Dobbiamo essere inappuntabili.

Ma che fare?
La mia collega (esperienza trentennale in questo grado - io comincio ora, in precedenza ho insegnato negli altri gradi e confermo che la primaria è tutta un'altra cosa), ha proposto di fare un progetto e l'abbiamo elaborato assieme, partendo dalla "convivenza civile" e dalla necessità del rispetto delle regole, proponiamo di mandare due alunni per volta in un'altra prima, tranquillissima e poco affollata, per un confronto che ci auguriamo possa rivelarsi costruttivo. Tradotto: allontaniamo uno dei due ogni tanto, insieme a un altro alunno meno problematico, per avere un po' più di tranquillità e riuscire a gestire il resto della classe e per poter anche andare un po' avanti, altrimenti questi non leggono e scrivono nemmeno a giugno.
L'ho redatto or ora, e già lunedì lo sottoporremo alla DS.

All'inizio ho cercato di coinvolgerli il più possibile, premiandoli con la nomina da "assistente", standogli sempre dietro, elogiandoli per qualunque cosa, quest'ultima settimana ero alla canna del gas e ho mollato. Ora mi dico che ho sbagliato, non è possibile lasciargli fare quel che vogliono e additarli come esempio sbagliato al resto della classe, non è così che li aiuto.
Ok, lunedì riparto da zero.

Confesso che annaspo.

Leggere te è stato un sollievo.... nel senso che qualcuno comprende la mia situazione.... io non ho mollato con quel bimbo, semplicemente non potevo permettere che passasse l' esempio che uno può rifiutarsi di fare quello che la maestra dice, soprattutto se fa parte della lezione. La mia non era punizione, io ho spiegato che se non era interessato alla lezione usciva fuori dall' aula, perchè nell' aula si stava facendo lezione e tutti i presenti dovevano partecipare. Per quanto riguarda il comportamento ne ho diversi maleducati, che disturbano, ma non li mando fuori dall' aula per questo. I genitori li incontriamo domani pomeriggio speriamo bene!!!
Tornare in alto Andare in basso
antonella1979



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 21.12.12

MessaggioOggetto: Re: genitori che si intromettono   Ven Ott 10, 2014 6:29 pm

Ho avuto un confronto con i genitori del bimbo invitato ad uscire fuori dall' aula, i quali avevano approvato il mio sistema e la nota sul diario era solo richiesta di sapere il motivo dal momento che il figlio gli aveva dato tante versioni e volevano sapere quale era quella vera
Tornare in alto Andare in basso
 
genitori che si intromettono
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» vacanze per genitori single
» Mantenere i proprio genitori
» Avete visto il servizio delle Iene di ieri dei bambini tolti ai genitori?
» Genitori Cattolici - Tsunami spirituale
» [FORUM] genitori soli

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: