Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 preghiera si o preghiera no

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
franci



Messaggi : 234
Data d'iscrizione : 07.02.11

MessaggioOggetto: preghiera si o preghiera no   Mar Ott 14, 2014 2:15 pm

Promemoria primo messaggio :

non faccio fare la preghiere ai miei bambini perché non è mio compito e non è il luogo dove farle, le altre insegnanti non mi guardano più in faccia, ed è un continuo mormorio............questa situazione è così da circa un mese......come dovrei reagire secondo voi?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:35 pm

avidodinformazioni ha scritto:

L'anno prossimo non sarai più in prova e volendo potrai girare con un simbolo satanico ben esposto; non sei satanista ? Che te ne frega, basta che s'incazzino !
bah, per me possono salutare tutti i crocifissi che vogliono, l'importante è che la collega di religione non scassi e, soprattutto, non si metta a discutere di evoluzionismo all'ora di religione, altrimenti m'incazzo io.

In principio fu il big bang, poi venne il sistema solare, poi l'aggregazione spontanea dei fosfolipidi nel brodo primordiale fino alla formazione della prima protocellula. Anche Cristo aveva nei suoi introni parecchie sequenze di DNA spazzatura ereditato da qualche procariote ancestrale e da qualche vertebrato ancestrale. Non so Dio, per ora mi occupo solo delle forme di vita del pianeta Terra.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6186
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:37 pm

Ire ha scritto:
Non è giusto rivolgersi in questo modo ai bambini.

E ti pareva: invece, insegnare loro a dire le preghiere in classe, e far credere loro che sia normale, quello evidentemente è giusto, o comunque è meno grave?

Certo che pur di difendere una marcatura clericale e bacchettona ci si attacca veramente a tutto, eh.
Tornare in alto Andare in basso
Online
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:38 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
Io sarei stato più caustico ed avrei risposto che glielo avevo detto varie volte ma lui non ha mai risposto quindi ho deciso d'ignorarlo

Non è giusto rivolgersi in questo modo ai bambini.

A loro un adulto di riferimento, o più adulti, hanno insegnato che si deve dare il buongiorno a Gesù e pensano di conseguenza sia giusto farlo.

Che gli adulti se la vedano tra di loro, che le risposte caustiche se le diano tra di loro e che si presentino poi davanti ai bambini con una voce compatta.  A casa come a scuola.

Fino a quando non si sarà arrivati tra adulti ad eliminare questa abitudine, qualcuno lo farà e qualcun altro no e andrà bene ogni cosa.  Poi piano piano si spiegherà che non tutti sono del parere che si debba fare e che visto che la scuola è di tutti non è giusto obbligare chi non crede sia giusto quindi a voce alta non si fa per non infastidire nessuno ma se qualcuno desidererà farlo potrà farlo dentro di sè.
Non entro nel merito del "giusto o non giusto", ma ti chiedo Ire, se un adulto da insegnamenti sbagliati ai bambini, gli altri adulti devono adeguarsi a questi insegnamenti perchè i bambini lo ritengono giusto in quanto insegnato loro dall'adulto di riferimento?
Concordo che gli adulti devono presentarsi ai bambini con voce compatta, ma nessuno deve prevaricare e le decisioni devono come minimo essere concordate
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:44 pm

Ire ha scritto:
Fino a quando non si sarà arrivati tra adulti ad eliminare questa abitudine, qualcuno lo farà e qualcun altro no e andrà bene ogni cosa. Poi piano piano si spiegherà che non tutti sono del parere che si debba fare e che visto che la scuola è di tutti non è giusto obbligare chi non crede sia giusto quindi a voce alta non si fa per non infastidire nessuno ma se qualcuno desidererà farlo potrà farlo dentro di sè.


Bah, sono sempre più basita-

Ma giovanna e paniscus, non vi sentite mai un po' in imbarazzo?


Ultima modifica di Ire il Mer Ott 15, 2014 6:45 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:44 pm

Quando ero più giovane facevo da baby-sitter a una bambina che, a meno di un anno di età, lanciava con la manina i baci all'indirizzo del crocifisso di casa.
Devo dire che la cosa mi metteva a forte disagio...ogni volta.
Però ognuno a casa propria può ammaestrare i propri figli come vuole.
In una scuola pubblica questo tipo di comportamenti li trovo fortemente fuori luogo. Francamente mi stupisco che nessuno si sia mai lamentato.
Comunque è vero che in molte realtà scolastiche la presenza di maestri cattolici praticanti è alta.
A mia figlia le maestre hanno per es. regalato una matita per la sua prima comunione... che lei non ha mai fatto... dando per scontato che l'avesse fatta...
Volevano essere carine, naturalmente.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:47 pm

Ire ha scritto:

Ma giovanna e paniscus, non vi sentite mai un po' in imbarazzo?

A dire il vero io mi sentirei imbarazzato a salutare a voce alta un pezzo di legno appeso alla parete. Qualche studente potrebbe pensare che mi rifornisco da uno spacciatore buontempone che mi rifila colla poliuretanica invece di hashish.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:53 pm

@ gian

ah, beh, ognuno si sente in imbarazzo per ciò che gli pare.

C'è chi parla con le piante per farle crescere meglio e non vedo perchè qualcuno non dovrebbe parlare con un pezzo di legno se ne ha voglia o se per lui ha un qualche significato.

Gli altri pensino un po' quello che ritengono di pensare.


Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:56 pm

Ire ha scritto:
C'è chi parla con le piante per farle crescere meglio
Meglio il nitrato ammonico, non c'è neppure bisogno del traduttore di gugol per farsi capire dalle piante :-)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:58 pm

Comunque se avessi un figlio e mi raccontasse che la maestra gli fa salutare il crocifisso gli direi "dì alla maestra che il babbo non vuole che saluti gli sconosciuti".
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6186
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:58 pm

Ma di cosa dovremmo sentirci in imbarazzo, santa pazienza????

Di aver detto un'ovvietà assoluta, che attiene ai principi fondamentali di LEGALITA' e di CREDIBILITA' delle istituzioni statali?

Tu arrivi bella candida, come al solito, e te ne esci con un punto di vista incredibile: ovvero, che se a scuola qualcuno ha l'abitudine di far dire le preghiere ai ragazzini e qualcun altro no, allora si tratta solo di due punti di vista qualsiasi, che ognuno è libero di ritenere validi quanto gli pare, e che le due "fazioni" dovrebbero chiarirsi tra di loro e raggiungere un educato e gentile compromesso invece di contraddirsi a vicenda.

Ma cazzarola, lo capisci o no che non si sta parlando di gusti personali o di abitudini innocue, si sta parlando di un comportamento VIETATO? Anzi, proprio ILLEGALE?

Secondo te, un insegnante pagato dallo stato, a cui i genitori affidano i figli perché faccia il suo lavoro correttamente, e che durante questo lavoro li espone abitualmente a d atti ILLEGALI, sta solo seguento una consuetudine come un'altra? E soprattutto, se qualcun altro si accorge di questa illegalità e gliela fa notare inq*zzandosi di brutto, sta sullo stesso piano del primo, e devono solo trovare il modo di mettersi d'accordo tra di loro senza litigare troppo?

Ma roba da chiodi!

Se gli insegnanti fumassero in classe, e i bambini fossero così abituati a vedere l'insegnante che fuma in classe da pensare che sia giusto così, e da stupirsi perché invece la maestra nuova non lo fa, la prenderesti allo stesso modo? Se io scoprissi che un mio collega fuma in classe, partirebbe una denuncia nel giro di due minuti, altro che trovare un compromesso per metterci d'accordo!

Ovviamente, replicherai che il paragone non regge, perché "c'è una bella differenza tra il fumo e una preghierina". E invece, che ti piaccia o no, da un punto di vista normativo NON C'E alcuna differenza, perché entrambi, in classe, sono chiaramente vietati dalla legge.

E poi dovrei essere io a sentirmi in imbarazzo?

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 6:59 pm

Ire ha scritto:
Ire ha scritto:
Fino a quando non si sarà arrivati tra adulti ad eliminare questa abitudine, qualcuno lo farà e qualcun altro no e andrà bene ogni cosa. Poi piano piano si spiegherà che non tutti sono del parere che si debba fare e che visto che la scuola è di tutti non è giusto obbligare chi non crede sia giusto quindi a voce alta non si fa per non infastidire nessuno ma se qualcuno desidererà farlo potrà farlo dentro di sè.


Bah, sono sempre più basita-

Ma giovanna e paniscus, non vi sentite mai un po' in imbarazzo?
Assolutamente no, per quanto mi riguarda! Perchè dovrei?
Ancora una volta interprerti a modo tuo quanto ti viene detto. A me imbarazzerebbe travisare sempre quanto viene detto ed avere reazioni fuori luogo con risposte non proprio gentili, ma non è il mio caso. L'imbarazzo lo lascio, quindi, a chi avrebbe motivi di esserlo
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6186
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 7:22 pm

Comunque, cara Giovanna, benvenuta nel club dei cattivi!

Fimo a poche settimane fa la reproba inqualificabile senza speranza ero solo io, mentre a te veniva sempre riservato un generoso contentino, sul tipo che "con te mi degno ancora di abbassarmi a discutere, perché forse esiste ancora qualche minima speranza di farti capire qualcosa, mica come quell'altra...".

Adesso, invece, vedo che siamo citate quasi sempre alla pari : )

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 1790
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 7:51 pm

Ire ha scritto:
Ire ha scritto:
Fino a quando non si sarà arrivati tra adulti ad eliminare questa abitudine, qualcuno lo farà e qualcun altro no e andrà bene ogni cosa. Poi piano piano si spiegherà che non tutti sono del parere che si debba fare e che visto che la scuola è di tutti non è giusto obbligare chi non crede sia giusto quindi a voce alta non si fa per non infastidire nessuno ma se qualcuno desidererà farlo potrà farlo dentro di sè.


Bah, sono sempre più basita-

Ma giovanna e paniscus, non vi sentite mai un po' in imbarazzo?

Puoi spiegare per quale motivo dovrebbero sentirsi in imbarazzo?
Ho visto che hai modificato il tuo intervento, forse lo avevi scritto e poi lo hai cancellato.
Quale è il problema? A me sembra giusto che certe pratiche (diciamo "di culto") come salutare Gesù o dire le preghiere, alcuni le fanno e altri no. Non mi sento in imbarazzo nè a sostenere questa ovvia libertà costituzionale nè a sostenere la laicità della scuola, che infatti non permette questo genere di attività di culto in orario e ambiente scolastico.

Semmai l'imbarazzo, io, lo provo per quei colleghi che si dimostrano non solo perdonabilmente ignoranti dei principi costituzionali sopra esposti, non solo perdonabilmente conservatori e clericali al punto da assecondare usanze confessionali, ma IMPERDONABILMENTE subdoli al punto da mobbizzare chi osa pensarla diversamente!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 8:30 pm

Non è certo un motivo di preghiere quello per il quale si dovrebbero sentire in imbarazzo ogni tanto le due utenti che ho nominato, a mio parere, naturalmente.

Io non sono in imbarazzo a dire che prego, non sono in imbarazzo con chi non prega e non vedo perchè una qualsiasi opinione sull'argomento dovrebbe essere imbarazzante anche se diversa dalla mia o da quella di chiunque altro.

L'imbarazzo cui faccio riferimento io è quello che queste due persone, questa volta come tante altre, arrivano lancia in resta a contrastare qualcosa che non è assolutamente contrario a quello che pensano anche loro. Solo che non l'hanno letto.

E non è che lo fanno solo con me. Questo dovrebbe mettere in imbarazzo, imho
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6186
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 8:46 pm

Ire ha scritto:
Io non sono in imbarazzo a dire che prego, non sono in imbarazzo con chi non prega e non vedo perchè una qualsiasi opinione sull'argomento dovrebbe essere imbarazzante anche se diversa dalla mia o da quella di chiunque altro.

Guarda che qua non frega nulla a nessuno del fatto che tu preghi o no.

E di sicuro nessuno ha detto che tu dovresti sentirti in imbarazzo perché preghi.

E se arrivi a sostenere che avevi capito questo, vuol dire che sei in assoluta e spudorata malafede.

Non si stava affatto discutendo della legittimità morale della preghiera, o della libertà di qualsiai individuo di pregare o non pregare per i fatti suoi: si stava discutendo del fatto OGGETTIVO che esiste una legge che dice che è vietato svolgere degli atti di culto in classe, e a maggior ragione è vietato farli svolgere agli alunni , punto.

Esattamente come è vietato fumare, o come è vietato picchiare gli alunni.

E' VIETATO, punto e basta.

E' contro la legge.

E' punibile.

Non è una questione di libera scelta personale, per cui chi ha voglia di farlo lo fa e chi non ha voglia non lo fa: è VIETATO a tutti.

Hai capito, stavolta?

O hai già pronta immediatamente l'ennesima scappatoia dialettica per dimostrare che in realtà siamo noi ad averti provocata, siamo noi ad averti fraintesa, siamo noi ad avercela ingiustamente con te solo perché tu sei cattolica e preghi... cosa che con il discorso in tema c'entra come i gatti con le immersioni subacquee?

Chiunque è libero di pregare in casa propria, di pregare in chiesa, o di pregare insieme a un gruppo di amici che vogliono pregare con lui, e che lo fanno per scelta.

Cosa c'entra con l'abuso gravissimo commesso da un insegnante della scuola pubblica che  in classe impone agli alunni delle pratiche vietate dalla legge?

Ah, a scanso di equivoci, sei pregata di non ricominciare con la solita storia che noi siamo presuntuosi e spocchiosi, e ci crediamo superiori a te, e pensiamo che tu sia scema.

No, francamente, io non penso affatto che tu sia scema.

Penso, esattamente al contrario, che tu ti compiaccia deliberatamente di fingerti scema per non pagare dazio.

Cosa che, compattata in una sola parola, si chiama "malafede", oppure alternativamente "ipocrisia".

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 8:57 pm

booooni....
che poi arriva il t-1000 e ci chiude l'arena :-D
Tornare in alto Andare in basso
cricco84



Messaggi : 489
Data d'iscrizione : 26.12.12

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 9:02 pm

si torna sempre al solito scontro.
paniscus, certo che tu quando prendi di mir auna persona...e te l'ho già detto, non sei il padreterno, non hai sempre ragione
giovanna io ti ammiro ma temo stavolta tu abbia preso un granchio. se si legge x bene, si capisce che l'imbarazzo nasceva dal fatto che, dopo una premsessa erronea, ire diceva quel che dicevate voi.
so che ire il più delle volte è inopportuna, ma bisgna anche non partire prevenuti
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6186
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 9:07 pm

Infatti io non sono affatto prevenuta contro ire.

"Prevenuto" vuol dire qualcuno che ce l'ha contro qualcun altro a priori, senza alcun motivo razionale, e senza aver provato a confrontarcisi prima.

L'pinione che mi sono fatta su ire e del suo modo di discutere, non è affatto arrivata "a priori", ma è arrivata DOPO aver seguito i suoi interventi per anni e aver provato a discuterci per anni.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 1790
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 9:09 pm

Ci si nasconde dietro frasi mal impostate e peggio interpretate o addirittura dietro antipatie personali, e non si affronta, in modo semplice e diretto, quello che secondo me è l'argomento importante:

La scuola ha il diritto, anzi IL DOVERE, di fornire agli alunni tutti gli strumenti di SPIRITO CRITICO che li mettano in grado di fare le scelte della loro vita, compresa la scelta di quale religione seguire e/o se cambiare quella "ereditata" dai genitori per scegliersene un'altra o nessuna.

Per questo motivo la preghiera, a scuola, è inopportuna: violando lo spirito di laicità, si presta a presentare ai bambini una VISIONE UNICA della "religione di stato senza alternative" diametralmente opposta a quello dello spirito critico che invece ogni forma d'insegnamento dovrebbe promuovere al fine di costituire nell'individuo quella piena libertà di scelta che la costituzione ci garantisce.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 10:36 pm

Pienamente d'accordo con Paolo Santaniello.

Aggiungo, inoltre, che insegnanti che attraverso la loro funzione inculcano usi e che fanno capo ad un'ideologia o ad una religione andrebbero interdetti dall'insegnamento in quanto colpevoli del peggior abuso che possa commettere un educatore: il plagio.
Sono insegnante alle superiori, ho a che fare con persone che sono al climax del loro processo evolutivo mentale. Persone che iniziano a formulare idee proprie, almeno nell'apparenza. Eppure non mi sono mai permesso di interferire con la loro evoluzione ideologica, ho sempre cercato di deviare dai sentieri pericolosi, solo raramente, se chiamato in causa dai miei stessi studenti, espongo una mia idea, facendo ben presente che in quel momento sto uscendo dai panni del formatore e dell'educatore, ma mi sto rapportando da pari a pari. L'unica debolezza, se tale può definirsi, che mi concedo è quella di essere uno strenuo assertore dell'evoluzionismo.
In questo periodo sto trattando in quinta il modulo di biotecnologie e ingegneria genetica. Ho le mie idee fortemente critiche in proposito, soprattutto in merito all'uso deviante che caratterizza questo ambito tecnologico in campo etico, politico ed economico. Eppure sto trattando i contenuti con l'enfasi che si riserva al progresso scientifico e tecnologico dell'umanità. Le mie idee le espongo solo quando termina la lezione, quando dall'ambito dell'interazione docente-discente si passa all'interazione tra persone libere, capaci di confrontarsi e discutere su un tema senza alcun vincolo referenziale e gerarchico. E' il bello di insegnare in gruppi di persone ormai adulte o giunte quasi al traguardo dell'età adulta: poter mettere dei paletti fisici tra il confronto diretto e il processo formativo e educativo.
Penso di avere parecchi difetti, sia come formatore sia come educatore, ma sono sempre stato attento a non sottovalutare questi principi. Per me lo studente è sempre stato una persona libera, a cui va garantito il diritto primario di sviluppare le proprie idee senza alcun condizionamento. Nel mio primo intervento in questa discussione ho usato un approccio ironico-sarcastico, ma mi sono trattenuto dall'esplicitare il mio pensiero in merito. Lo faccio ora: quelle maestre colleghe di Francy andrebbero sbattute fuori a calci in culo dalla scuola, perché sono le peggiori insegnanti che possano poggiare il loro sporco deretano sulla seggiola di una cattedra. Scusate, ma questo è il mio schietto pensiero.

Ma siamo in Italia, Paese in cui l'imbecillità, la disonestà intellettuale, la malafede pagano. Egoisticamente sono felice di non insegnare negli cicli scolastici "bassi", perché, pur sostenendo di non avere alcuna competenza in materia di pedagogia e di psicologia dell'età evolutiva, non sopporterei di soprassedere su certe carognate commesse su menti fragili, incapaci di intendere e di volere. Spero sia evidente lo sforzo che ho fatto fino a questo intervento per sdrammatizzare e mantenere un tono educato. Spero sia evidente la violenza che commetterei nei miei confronti nel turarmi il naso, qualora dovessi mettere piede in una scuola come quella descritta da Franci. Probabilmente finirei per farmi sbattere fuori per avere abusato di ingiuria e violenza nei confronti di altri "operatori" della formazione e dell'educazione.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15840
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 10:44 pm

Si vede che la stai prendendo molto a cuore, ma come diceva Bill, il mondo è pieno d'ingiustizie, ti ci devi abituare; in alternativa il cuore ti scoppia.

Io sono più pragmatico, questo è proprio il caso in cui un'ingiustizia ne può mitigare (non sanare) un'altra.

Quei bambini necessitano o che il coro si zittisca o di sentire una voce fuori dal coro; zittire non è nel potere di franci, cantare un'altra melodia si.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 10:53 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Si vede che la stai prendendo molto a cuore, ma come diceva Bill, il mondo è pieno d'ingiustizie, ti ci devi abituare; in alternativa il cuore ti scoppia.

Io sono più pragmatico, questo è proprio il caso in cui un'ingiustizia ne può mitigare (non sanare) un'altra.

Quei bambini necessitano o che il coro si zittisca o di sentire una voce fuori dal coro; zittire non è nel potere di franci, cantare un'altra melodia si.

Vero anche questo :-)
ciò non toglie che sia ben felice di operare in tutt'altro contesto e riuscire a non litigare con i colleghi di religione. Gli altri colleghi hanno quasi sempre avuto il buon gusto di mantenere staccato il proprio credo (religioso, agnostico o ateo) dal proprio insegnamento.

Aggiungo un'altra considerazione: nella mia modesta esperienza personale, i migliori colleghi di religione - in termini di elasticità e apertura al dialogo - con cui ho lavorato si sono rivelati essere i sacerdoti. Sono sempre stati attenti a mantenere separati la loro funzione evangelica dalla loro funzione pedagogica.

Il migliore in assoluto è stato il parroco di un paesino del medio campidano. Un anziano prete di un'apertura mentale fuori dall'incredibile. Quando morì Giovanni Paolo II, su invito mio e dietro richiesta della maggior parte dei ragazzi, si lasciò convincere a portare tutte le classi ad assistere alla proiezione della cronaca in diretta della celebrazione del funerale. Rimase in disparte, agli ultimi posti, io al suo fianco. Interveniva solo se interpellato, da me o dai ragazzi seduti vicini, per illustrare il significato di alcuni momenti.

E' stato un simpaticissimo. affabile e competente collega con cui mi onoro di aver lavorato per alcuni anni. Io anticlericale, lui sacerdote, ci siamo sempre trovati in piena sintonia nella nostra funzione didattica e mai in conflitto. Penso che nei confronti delle colleghe di Franci avrebbe avuto lo stesso approccio che ebbe Cristo nei confronti dei mercanti del tempio.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6186
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 11:07 pm

gian ha scritto:
Eppure non mi sono mai permesso di interferire con la loro evoluzione ideologica, ho sempre cercato di deviare dai sentieri pericolosi, solo raramente, se chiamato in causa dai miei stessi studenti, espongo una mia idea, facendo ben presente che in quel momento sto uscendo dai panni del formatore e dell'educatore, ma mi sto rapportando da pari a pari. L'unica debolezza, se tale può definirsi, che mi concedo è quella di essere uno strenuo assertore dell'evoluzionismo.

In tal caso, non vedo cosa c'entri con l'ideologia o con la paura di condizionare la loro formazione ideologica: l'evoluzione non è mica un'ideologia, è un dato di fatto.

Io mica mi sento a disagio per la paura di "condizionare la loro evoluzione ideologica" se racconto loro che il flusso del campo elettrostatico segue il teorema di Gauss, per il semplice motivo che è VERO, e che è stato dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio, mica perché è la mia posizione ideologica...
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6186
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 11:15 pm

gian ha scritto:
Aggiungo un'altra considerazione: nella mia modesta esperienza personale, i migliori colleghi di religione - in termini di elasticità e apertura al dialogo - con cui ho lavorato si sono rivelati essere i sacerdoti.

Ma su questo anche con me sfonderesti una porta aperta grossa come l'arco di san Frediano.

Molto meglio i preti, che almeno hanno fatto una fortissima scelta di vita complessiva e consapevole...

...piuttosto che gli sprovveduti improvvisati (o invasati, o disadattati, o svalvolati) che non sarebbero mai riusciti a trovare un qualsiasi altro lavoro in vita loro, e che però vengono raccomandati dalla curia per essere piazzati a fare gli insegnanti di religione a spese dello stato, solo perché c'era da ricompensarli di aver fatto per anni volontariato gratuito in parrocchia!

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: preghiera si o preghiera no   Mer Ott 15, 2014 11:15 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
gian ha scritto:
 Eppure non mi sono mai permesso di interferire con la loro evoluzione ideologica, ho sempre cercato di deviare dai sentieri pericolosi, solo raramente, se chiamato in causa dai miei stessi studenti, espongo una mia idea, facendo ben presente che in quel momento sto uscendo dai panni del formatore e dell'educatore, ma mi sto rapportando da pari a pari. L'unica debolezza, se tale può definirsi, che mi concedo è quella di essere uno strenuo assertore dell'evoluzionismo.

In tal caso, non vedo cosa c'entri con l'ideologia o con la paura di condizionare la loro formazione ideologica: l'evoluzione non è mica un'ideologia, è un dato di fatto.

Da evoluzionista radicale, permettimi di dissentire. L'evoluzionismo è una teoria e, come tale, un'idea (non un'ideologia). È sicuramente l'idea che raccoglie la maggior parte del consenso nella comunità scientifica e un ampio bagaglio di conferme, ottenute con quella che s'intende al giorno d'oggi la metodologia scientifica e sperimentale.
Nessuna idea può competere da pari a pari con il neodarwinismo, ma non è un dato di fatto. Questo è il mio modesto pensiero in merito.
Tornare in alto Andare in basso
 
preghiera si o preghiera no
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 8Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
 Argomenti simili
-
» Ho l'aids? Tra preghiera e Camus
» preghiera
» Preghiera mattutina...
» La Preghiera dell'Ignorante (poesia)
» L'angolo della preghiera...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: