Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Mozione NO Piano Renzi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Mozione NO Piano Renzi   Mar Ott 21, 2014 6:42 pm

tutti color che sono contra la riforma sono invitati a proporre ai propri collegi dei docenti mozioni tipo questa suggerita dall' UNICOBAS :

http://www.unicobas.org/index.php/unicobas-comunica/501-mozione-no-piano-renzi

Gli insegnanti dell’Istituto ____________________________________________________________
_________________________________________________________________________________
riuniti in Collegio Docenti il giorno ___/___/ 2014, raccogliendo l'invito del Premier Matteo Renzi (‘La Buona Scuola’, pag. ad esprimere nuove proposte ed il proprio parere su “La buona scuola”, dopo ampia ed approfondita discussione deliberano quanto segue:
• Riteniamo che nel documento venga dimenticato quanto di buono, tra enormi difficoltà, nelle scuole viene quotidianamente garantito – l'inserimento dei diversamente abili (unico al mondo), l'inclusione degli stranieri, l'ampliamento dell'offerta formativa, il mantenimento del tempo pieno e prolungato – al fine di attuare un cambiamento che non ci trova concordi proprio a partire dal punto più pubblicizzato: dalle modalità di assunzione di circa 150.000 precari, senza che, peraltro, i fondi siano del tutto certi. Tale assunzione non è sufficiente a far sparire la ‘supplentite’, perché l' ‘organico funzionale’ non sarà aggiuntivo rispetto alle cattedre stabili, quindi le supplenze dovranno farle anche i docenti incaricati a tempo indeterminato obbligati ad aumentare (senza corrispettivo economico) il proprio impegno tramite la “banca delle ore”. Reputiamo inaccettabile quest’istituto, nel quale confluiranno i giorni di sospensione didattica: ogni Docente dovrà restituirli integralmente lavorando di più (prevalentemente supplenze gratuite) in periodi decisi dal Dirigente oppure, se serve, anche durante le vacanze natalizie, pasquali ed estive (con mansioni diverse da quelle didattiche).
• Non ci saranno né stabilizzazione delle cattedre, né arricchimento dell'offerta formativa. I nuovi assunti avranno un contratto ‘a tutele crescenti’ senza più l’art. 18, L.300/70, mentre gli incaricati a tempo indeterminato già in servizio perderanno la titolarità di istituto per essere collocati su una ”rete di scuole”.
• Ci pronunciamo contro la dequalificazione della professione docente e la riduzione della qualità della scuola insita nell'imposizione di supplenze ed incarichi su materie “affini”.
• Ancora più grave risulta il fatto che gli unici precari beneficiari di tale ‘mega assunzione’ saranno quelli delle GAE. Il destino di tutti gli altri, anche con più anni di servizio, è segnato. Infatti, decidendo di avviare già dal 2015 nuovi concorsi a cattedra senza aver stabilizzato tutti i precari, il risultato sarà quello di mettere uno contro l'altro: l'insegnante con anni di precariato alle spalle e l'aspirante docente che è appena uscito dall'Università. Una volta di più la solita guerra tra poveri.
• Rigettiamo la logica, proposta nel documento, secondo la quale i principi democratici, su cui finora si è fondata la scuola, vengono presentati come intralci e fonti di frustrazione per i docenti. In realtà il nuovo sistema di ‘progressione di carriera’, non più basato sugli scatti di anzianità ma su premi stipendiali legati all’ “impegno” ed al “merito”, sanciti, come non avviene in nessun paese del mondo, dal Dirigente Scolastico e dalla sua ‘squadra’, stravolgerebbe i Decreti Delegati (DPR 416 e 417/74) e lo stato giuridico dei docenti (oggi lavoratori non subordinati), con grave nocumento per la libertà d’insegnamento. Un sistema inaccettabile in un settore delicato come quello dell'istruzione, in primo luogo perché l'esperienza (anzianità di servizio) viene assurdamente considerata un deterrente anziché un valore aggiunto, poi perché si stabilisce a monte (e senza prova alcuna) che i docenti meritevoli possano essere solo il 66% della categoria. Così si favorirà l'affermarsi nell'ambiente scolastico di un pericoloso verticismo: superpoteri ai DS, affiancati da un Nucleo di Valutazione e da docenti ‘mentor.’ Ciò creerebbe, inevitabilmente, una struttura 'oligarchica’ non ‘terza’, col potere di decidere in merito alle “carriere”, nonché la separazione fra docenti di ‘serie A’ (i formatori - i mentor, al massimo il 10% scelto fra i docenti di ‘serie B’), ‘B’ (al massimo il 66% dei docenti di un istituto o di una rete di scuole) e ‘C’ (i docenti ‘ordinari’). Il DS avrebbe inoltre il potere di attingere al Registro nazionale - una banca dati contenente i curricula di tutti i docenti, corredati da crediti scolastici, formativi e professionali per poter scegliere la sua “squadra”, cioè i docenti ritenuti più adatti, ‘premiandoli’ o respingendoli nel ‘limbo’ di un ‘organico funzionale’ che non è tale: funzionale solo a far supplenze. In sostanza Renzi e il Ministro Giannini avallano lo strumento della “chiamata diretta”, come negli istituti privati. La collaborazione (tipica di una comunità educante) e la collegialità, già seriamente compromessa dalla sostituzione della figura del Preside con quella del Dirigente Scolastico, faranno posto a meccanismi clientelari ed i rapporti tra i docenti saranno improntati alla competizione ed al carrierismo, così come più forte sarà lo spirito di competizione anche fra le scuole, spinte a gareggiare per conquistare i finanziamenti pubblici (immaginiamo sempre più scarsi) e quelli privati (sempre più interessati), rappresentati ex novo nei Consigli di Istituto.
• Ci preoccupa non solo l’invito rivolto ai privati a finanziare le attività o le strutture della scuola ma l'affermazione (si trova già nelle pagine introduttive per essere più volte ripresa in seguito) che la Scuola deve raccordare scopi e metodi al mondo dell'impresa. Vogliamo ricordare agli estensori del documento che l'impresa ha per scopo fondamentale vendere prodotti, far soldi, creare anche dipendenze per accrescere il margine dei profitti. Viceversa, la Scuola disegnata dalla Costituzione Repubblicana non ha nulla in comune col modello dell'impresa, né può essere negata e rigettata la sua funzione peculiare in nome del totem di un ‘produttivismo’ di tipo aziendalista che, peraltro, prevedendo innanzitutto la mera presenza come conditio sine qua non per l’acquisizione di ‘punti’ per il fantomatico ‘portfolio’ del docente previsto nel testo ufficiale ai fini della ‘carriera’, non tiene in conto neppure l’esclusione così operata per le donne in maternità dallo ‘scatto di merito’. Uno scatto di merito che, d’altro canto, anche qualora venisse ottenuto, non compenserebbe alla lunga neppure la perdita generale degli attuali scatti d’anzianità.
• Esprimiamo la nostra contrarietà all'abolizione dei Decreti Delegati, alla trasformazione del Collegio Docenti in Consiglio consultivo con l'unica funzione di decidere della programmazione didattica, all'assegnazione di tutto il potere al DS registrando il fatto che la proposta “La buona scuola” non è altro che la riproposizione, demagogicamente edulcorata (assunzione di “massa” dei precari) del Disegno di Legge Aprea-Ghizzoni che già il mondo della scuola ha respinto senza mediazioni.
• Secondo noi, invece, la scuola andrebbe riformata a partire:
◦ dalla cancellazione dei tagli apportati dalla “Riforma Gelmini”, nonché del Liceo Scientifico senza latino;
◦ dalla revisione delle classi di concorso nel rispetto della professionalità docente e della qualità della didattica;
◦ dalla riproposizione del programma di Storia e Geografia come insegnamento ciclico nella Primaria e nelle Medie;
◦ dall'implementazione dei laboratori negli Istituti Secondari di Secondo Grado;
◦ dalla diminuzione del numero degli alunni per classe fino ad un massimo di 25 (20 in presenza di un diversamente abile);
◦ dall’introduzione di periodi sabatici d’aggiornamento;
◦ dall'ingresso nell'obbligo scolastico dell'ultimo anno della Scuola dell'Infanzia e con l'innalzamento dello stesso al quinto anno della Scuola Superiore;
◦ dalla riapertura di un contratto ampiamente scaduto;
◦ dalla riqualificazione della Scuola attraverso il riconoscimento dell'unicità della funzione docente, con un contratto ed un assetto giuridico specifico per tutti gli insegnanti e gli ata della Scuola fuori dal Pubblico Impiego.

A conclusione il Collegio delibera che questa mozione di analisi e valutazione del piano di Riforma della Scuola, con le conseguenti proposte, sia inviata per raccomandata AR a cura del Dirigente Scolastico al Presidente del Consiglio Matteo Renzi (come sollecitato dallo stesso), presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, nonché al Ministro dell’Istruzione Giannini, presso il Ministero dell’Istruzione.


Ultima modifica di mirco81 il Mar Ott 21, 2014 6:48 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Mar Ott 21, 2014 6:47 pm

Direi che a bugie stiamo bene!
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Mar Ott 21, 2014 6:56 pm

i collegi dei docenti potranno discutere e modificare come riterranno più opportuno le parti che non condividono di questa mozione che rappresenta solo un modello operativo per contrastare questa assurda riforma ; d' altra parte è stato lo stesso Renzi a richiedere il parere del mondo della scuola che si riserva di utilizzare liberamente altri metodi oltre la finta consultazione on line proposta da Renzi e già boicottata dai docenti.
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Lun Nov 17, 2014 2:53 am

nessuno da notizia di cosa sta succedendo davvero nel mondo della scuola! E' in atto, in maniera antidemecratica, un pericolosissimo disegno per distruggere la scuola pubblica , impoverire ed asservire i docenti :

http://www.youreporter.it/video_MIUR_blindato_non_e_ricevuta_delegazione_contro_la_riforma
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Lun Nov 17, 2014 6:08 am

http://www.orizzontescuola.it/news/mozioni-sfiducia-buona-scuola-diventano-aeroplanini-carta-recapitati-al-ministero-lettera

in realtà nel documento non si evince se fosse stato concordato un appuntamento. non è che si arriva al ministero e si dice: voglio entrare, nè il ministero è tenuto a ricevere chiunque sia in manifestazione davanti al palazzo.

pertanto la notizia diffusa è monca di questo particolare e non rende esattamente cosa è accaduto.
Tornare in alto Andare in basso
Onofrio Del Grillo



Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Lun Nov 17, 2014 2:32 pm

Un sentito "grazie" all'UNICOBAS per essersi disinteressato della Storia dell'Arte, cancellata dai programmi degli istituti professionali e tecnici. Latino e Geografia sì, Storia dell'Arte no. Grazie.
Tornare in alto Andare in basso
ulisse2002



Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 18.10.14

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Lun Nov 17, 2014 2:34 pm

lalla quella che hai espresso è la tua rispettabile opinione ma io non la condivido; è vero che il ministero non era obbligato a ricevere i dcneti che protestavano ma sarebbe stato un gesto di apertura al dialogo; si trattava di ricevere una piccola delegazione che aveva solo l' intenzione di consegnare civilmente le mozioni contro la riforma e le controproposte; il ministero avrebbe soltando dovuto ricevere tale materiale.

il non ricevere questa delegazione anche se non era un obbligo sarebbe stato un atto simbolico di democrazia e di apertura; al contrario la chiusura del ministero appare un atto politico in linea con tanti altri a cominciare dalla chiusura rispetto al dialogo con i sindacati.


il governo mostra di non volere dialogare con le parti sociali che vengono dal basso e nemmeno con le rappresentaze sindacali; questo appare come un atteggiameno antidemocratico e autoritario.

la tanto decantata consultazione on line appare invece soltanto un' operazione di propaganda con la subdola finalità di tentare di incanale il dissenso e neutralizzarlo. Il governo sembra già aver deciso
e non farà altro che modificare qualche piccola sfumatira dell' impianto(o si evince anche dalle dichiarazioni del ministro).


questo governo di casta e antidemocarico appare sempre più servo dei poteri forti e delle grandi lobby economiche e politiche e sempre più ostile alle istanze che provengono dal basso.
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Gio Nov 27, 2014 1:26 am

"In soli 30 giorni abbiamo raccolto già 160 tra delibere e mozioni dei collegi docenti che stroncano le linee guida targate Renzi-Giannini - spiega nel corso della conferenza stampa 'La vera scuola boccia la Buona Scuola'- Non solo, ma da due terzi di questi documenti è giunta una bocciatura all'unanimità. E siamo solo all'inizio perché il lavoro sta andando avanti. Nel Lazio, ma anche in Emilia Romagna e Veneto".

http://www.orizzontescuola.it/news/buona-scuola-bocciata-160-mozioni-dei-collegi-dei-docenti
Tornare in alto Andare in basso
clamar79



Messaggi : 465
Data d'iscrizione : 03.09.11

MessaggioOggetto: Re: Mozione NO Piano Renzi   Ven Mag 22, 2015 3:46 pm

COME HO già detto in un altro post a mio avviso, pur ritenendo il ddl un abominio, il collegio docenti non ha competenza di delibera in materia (vedasi dl 297): è materia di assemblea sindacale sicuramente, non so se pertinente alle mansioni del collegio...qui chiederei comunque il parere di lalla...
Tornare in alto Andare in basso
 
Mozione NO Piano Renzi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Quegli 80 euro di Renzi
» I veri obiettivi del Governo Renzi
» Supplenza part time e Bonus Renzi

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: