Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

  immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Gio Ott 30, 2014 2:43 pm

Promemoria primo messaggio :

questa potrebbe essere una soluzione per salvare capra e cavoli:


http://www.orizzontescuola.it/news/sindacato-athena-immissioni-23-anni-tutelerebbero-precari-e-insegnanti-ruolo-lesempio-salerno

Il sindacato Scuola Athena, nell'analizzare la situazione imprescindibile della stabilizzazione degli insegnanti precari delle Graduatorie ad esaurimento e del concorso, propone una soluzione della quale si avvantaggerebbero anche gli insegnanti di ruolo.

In vista della ormai prossima sentenza della Corte Europea sull'abuso dei contratti a tempo determinato, il sindacato pone l'accento del "dove" i precari saranno immessi in ruolo. Per le province del sud complicato sia per i precari che per gli insegnanti di ruolo.

Il problema, per il sindacato Scuola AThena, è "dove", in quale provincia, stabilizzare, e presenta l'esempio di Salerno

"nelle GAE di Salerno per la scuola primarie sono inclusi 933 docenti. I posti in organico di diritto sono poco più di 4 mila.

Se per il prossimo anno dovessero andare in pensione anche 100 docenti e stabilissimo un organico di istituto del 6%, avremmo circa 340 posti.

Solo Il 50% può essere destinato alla stabilizzazione in provincia e il restante 50% va alla mobilità interprovinciale.

Quindi circa 200 immissioni in ruolo dalle Gae.

Considerato però che molti colleghi sono inclusi anche nelle graduatorie della scuola dell'infanzia o della secondaria, e maturando con priorità il ruolo in atro ordine di scuola, poniamo 300, altri 433 potrebbero essere costretti ad accettare nomine in altre province.

Senza contare che nelle regioni dove non è esaurita la graduatoria dei concorsi ordinari le diponibilità vanno divise al 50%.

Così le nomine complessive supererebbero le 200 mila unità, e a questo punto i conti non tornerebbero più, il miliardo non basterebbe. "

N.B. In questo esempio il sindacato non tiene conto dell'organico funzionale, senza il quale è facile comprendere che le 150mila immissioni in ruolo (o giù di lì) non potranno essere disposte. Tutti in ruolo da graduatoria ad esaurimento e concorso. Si può con l'organico funzionale . Leggi tutto

Il sindacato avanza anche una diversa ipotesi per svuotare le graduatorie

"Ci pare invece più corretta l'ipotesi che il governo, di concerto con la Commissione Europea, decida di scaglionare l'intera operazione in un lasso di tempo ragionevole ( 2, 3 anni al massimo, 90/100 mila all'anno). senza depennare dalle graduatorie i colleghi che non possono trasferirsi e senza sforare il patto di stabilità "

Infine c'è il problema della mobilità interprovinciale.

Norma di salvaguardia per chi è ancora nel blocco triennale "Il Testo Unico della Scuola al secondo comma dell'art. 465 prevede: “ I trasferimenti da altra provincia sono disposti sia sul 50 per cento dei posti che risultano annualmente vacanti e disponibili, sia per compensazione” la compensazione appunto prevede che se uno esce viene compensato da un altro in entrata oltre il 50% stabilito.

Il disposto della norma citata è stata anche pari, pari trasposta nel contratto sulla mobilità con la sola aggiunta nella stessa aliquota, della mobilità professionale (passaggi di ruolo).

Quindi per la mobilità definitiva i colleghi di ruolo possono dormire sonni tranquilli. Saranno anche loro avvantaggiati dal piano di immissioni in ruolo.

Credo che già dal prossimo anno quasi tutti possano rientrare.

Le province meridionali però hanno una peculiarità: ogni 100 docenti che entrano da altra provincia ce ne sono al massimo 2/3 che escono. A differenza delle province del Nord dove ovviamente il rapporto è inverso, quindi lì la stabilizzazione dei precari sarà spinta, in molte realtà, anche parecchio oltre il numero degli inclusi in graduatoria.

Discorso diverso invece per la mobilità annuale (assegnazioni provvisorie e utilizzazioni).

Nessuna norma ha mai previsto quote di riserva per questa mobilità, a differenza della mobilità definitiva.

Per questo, se saranno stabilizzati un numero di precari superiore alle scoperture effettive con l'istituzione dell'organico di scuola o di rete, i posti possono liberarsi solo per assegnazioni provvisorie in altre province.

Quindi assegnazioni provisorie ridotte al lumicino o quasi azzerate per un po' di anni, nella gran parte delle province meridionali.

Questo aspetto riguarda i colleghi che sono ancora nel blocco triennale, che sono cioè stati immessi in ruolo dal 01/09/2013 in poi.

Noi crediamo però che non si possano modificare le regole del gioco mentre stiamo giocando, che non si può modificare una norma in peius ex tunc.

Dopo essere stati costretti a sfuggire alla precarietà, questa ulteriore punizione sarebbe davvero oltre che illegittima anche immorale.

Per questi colleghi crediamo si debba prevedere una norma di salvaguardia che preveda un contigente di posti determinato, nei limiti delle previgenti disponibilità, al fine di consentire il rispetto delle norme vigenti alla data di stipula del contratto."
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
sconcertato1



Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Lun Nov 03, 2014 5:27 pm

GA.BRI ha scritto:
Ho capito, sei ingegnere?
perché?
Tornare in alto Andare in basso
miu miu



Messaggi : 1377
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Lun Nov 03, 2014 6:37 pm

crotone ha scritto:
devono essere fatte subito secondo me, oppure non saranno fatte mai
già ....occorrono docenti oggi e subito!
Tornare in alto Andare in basso
GA.BRI



Messaggi : 584
Data d'iscrizione : 28.09.13

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Lun Nov 03, 2014 8:05 pm

sconcertato1 ha scritto:
GA.BRI ha scritto:
Ho capito, sei ingegnere?
perché?

Curiosità, a naso mi pare di sì. La tua battuta mi pare poco comprensibile, ma io non sono ingegnere.
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato1



Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Lun Nov 03, 2014 8:55 pm

GA.BRI ha scritto:
sconcertato1 ha scritto:
GA.BRI ha scritto:
Ho capito, sei ingegnere?
perché?

Curiosità, a naso mi pare di sì. La tua battuta mi pare poco comprensibile, ma io non sono ingegnere.
Vuol essere una rivalsa per quanto detto prima sulle lauree umanistiche?

Io pero' non ho insinuato nulla circa le capacità dei laureati in lettere o sulla loro preparazione. Il discorso era semplicemente legato all'opportunità di collocare le persone giuste al posto giusto e non solo di sistemare qualcuno. Nei tecnici e professionali le persone giuste sono quelle del settore. Tutto qui!

Poi magari sono ingegnere e mi sbaglio, forse volevi solo burlarti di me...... A me la battuta sembra chiara e comunque non voleva prendere in giro te ma i nostri politici ed il loro modo di far politica basata sull'immagine e non sui contenuti. Destra e sinistra agiscono in ugual modo....nessuna differenza!
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato1



Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Lun Nov 03, 2014 9:06 pm

malgieri ha scritto:

Il mio problema personale semai è che 1) la mia compagna continua a marcire nelle GAE, precaria ormai da 15 anni e 2) ho la forte esigenza interna di lavorare e vivere in una istituzione che rispetti le regole, e non discrimini alcuni lavoratori rispetto agli altri.

Quale c.d.c., se posso?
Tornare in alto Andare in basso
GA.BRI



Messaggi : 584
Data d'iscrizione : 28.09.13

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Lun Nov 03, 2014 10:18 pm

È solo una mia curiosità, non mi pare ci sia un conflitto con le lauree umanistiche, tu sei libero di pensare ciò che vuoi, pure che le ore di lettere siano raddoppiate. Però non sono Dante, non è che per ogni parola tu debba ricavarci chissà cosa.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Lun Nov 03, 2014 11:10 pm

malgieri ha scritto:
Dec ha scritto:
Io non so quanti saranno i neoassunti che saranno spostati da una regione all'altra, ma penso che nel caso fossero (solo) 30.000 ci sarà uno squilibrio territoriale nell'assegnazione dei posti (il che, come dicevo, potrebbe anche avere le sue ragioni e non mi scandalizzerebbe più di tanto). Ammettiamo pure che rimanga l'organico funzionale (con gli stessi numeri di quello che sarà stabilito nel 2015), ma se alla mobilità spetta il 25% dei posti vuol dire che dovrebbero esserci 120.000 pensionamenti, cifra probabilmente irrealizzabile; tra l'altro andrebbe considerata la mobilità interprovinciale, non quella interregionale, quindi i posti necessari dovrebbero essere ancora di più, perché chi vuole spostarsi tra due province vicine rientra nello stesso 25% e se ha più punti ha la precedenza su chi chiede il trasferimento verso un'altra regione; e inoltre bisogna considerare anche chi è già entrato in ruolo nel 2014 (o prima) e sta ancora aspettando di ritornare nella propria provincia; vogliamo aggiungerci anche il calo degli iscritti previsto un po' in tutta Italia, ma soprattutto nelle regioni del sud? Insomma i tuoi calcoli non riesco proprio a capirli, ma sicuramente è un limite mio.

Allora il problema era che stavamo parlando di cose diverse. Io ti sto dicendo che gli squilibri territoriali si possono riassorbire, se c'è la volontà politica di farlo, perchè i posti ci sono. Tu mi ricordi che, applicando rigorosamente le regole correnti, qualcuno potrebbe non farcela. Ma secondo te, a fronte di una (ammetto, ogni giorno che passa più ipotetica) operazione epocale di ingresso di 150.000 persone nella scuola con mobilità forzata (supponiamo) per 30.000 (!) è ragionevole che non ci sia la volontà politica di permettere il ricongiungimento delle famiglie (siamo pur sempre in Italia), di agevolare la mobilità territoriale? Si potrebbero certamente ampliare le quote per la mobilità, cosa tra l'altro richiesta da tutti, anche dai docenti già di ruolo, a fornte di una simile operazione.  Numericamente è fattibile, e io conto che questo sarà fatto, se poi tu insisti che siamo governati da automi non sentienti che non lo faranno, e che manterranno rigorosamente le regole attuali, questo io non lo credo.
Possibile, ma per ora nessuno ne ha parlato e mi attengo ai fatti o almeno alle dichiarazioni di chi ha responsabilità di governo. Naturalmente allora a lamentarsi saranno i vincitori dei futuri concorsi, ma penso sia nella logica delle cose.

malgieri ha scritto:
Dec ha scritto:
Per matematica la situazione è ancora migliore (e fisica, se non sbaglio, è già esaurita, per questo non capisco perché tu dici di essere disposto a trasferirti nel 2015, ma non l'hai fatto nella primavera scorsa).

Prima dell'aggiornamento avevo l'abbonamento a "voglioilruolo" (ora è scaduto) e sono certo non vi fossero province dove la A038 era esaurita. Naturalmente ora non ne sono più certo, ma mi sembra strano. Io comunque ho storicamente i punti sulla A049 (a posteriori un errore) e la situazione è peggiore. In ogni caso è ovvio che non mi sono trasferito in altra regione temendo di essere superato da chi veniva dal sud, e di avere la beffa di rimanere altri anni precario, lontano da casa.

Comunque guarda, visto che continui a porti domande sulla mia situazione,
No, guarda, mi confondi con qualcun altro:-) Mi sono permesso di parlarne solo perché tu l'avevi fatto per primo affermando che per la tua classe di concorso non c'erano possibilità di immissione per molti anni con le regole attuali e parlando della tua disponibilità a separarti dalla tua compagna e da tuo figlio e a pagare un affitto.
malgieri ha scritto:
il problema non è più tanto mio personale. Per quanto riguarda me, la riforma praticamente c'è già stata. Infatti avendo comunque avuto l'effetto almeno di ritardare il prossimo concorso,
Perché senza riforma il nuovo concorso si sarebbe concluso in tempo per le immissioni in ruolo del 2015? Questo non l'avevo mai sentito dire da nessuno. E quando avrebbero dovuto bandirlo? Immagino almeno nella primavera scorsa (questi sono stati i tempi nel 2012), quando della Buona Scuola non si sapeva ancora nulla.
malgieri ha scritto:
a questo punto ho praticamente la certezza di entrare in ruolo, almeno giuridico, l'anno prossimo in lombardia da GM, su A047 (in liguria il concorso sulle CdC scientifiche non c'è stato).  Il mio problema personale semai è che 1) la mia compagna continua a marcire nelle GAE, precaria ormai da 15 anni e 2) ho la forte esigenza interna di lavorare e vivere in una istituzione che rispetti le regole, e non discrimini alcuni lavoratori rispetto agli altri.
Anch'io ho la forte esigenza di vivere e lavorare in un paese e in un'istituzione che rispettino le regole; per questo mi aspetterei che non cambiassero ad ogni cambio di governo o anche più spesso. Inoltre vorrei che rispettassero i diritti dei lavoratori, che non li costringessero a trasferimenti forzati e che non tagliassero stipendi e pensioni per finanziare quella che considero un'operazione di propaganda.
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato1



Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Mar Nov 04, 2014 3:10 pm

GA.BRI ha scritto:
È solo una mia curiosità, non mi pare ci sia un conflitto con le lauree umanistiche, tu sei libero di pensare ciò che vuoi, pure che le ore di lettere siano raddoppiate. Però non sono Dante, non è che per ogni parola tu debba ricavarci chissà cosa.

col buon "naso" che hai avuto l'immagine era perfetta ;-)
Tornare in alto Andare in basso
GA.BRI



Messaggi : 584
Data d'iscrizione : 28.09.13

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Mar Nov 04, 2014 4:00 pm

Ah sì, basta il naso per essere come Dante! Un'altra battuta da ingegnere...
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato1



Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Mar Nov 04, 2014 4:21 pm

GA.BRI ha scritto:
Ah sì, basta il naso per essere come Dante! Un'altra battuta da ingegnere...

Perché non è cosi'? (terza battuta da ingegnere, è piu' forte di me!!!!)
Tornare in alto Andare in basso
GA.BRI



Messaggi : 584
Data d'iscrizione : 28.09.13

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Mar Nov 04, 2014 5:21 pm

Ti sei distratto dall'argomento, attento ché mentre perdi tempo col divino naso ti soffiano lo stipendio!
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato1



Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Mar Nov 04, 2014 5:30 pm

GA.BRI ha scritto:
Ti sei distratto dall'argomento, attento ché mentre perdi tempo col divino naso ti soffiano lo stipendio!

degna di un ingegnere ;-)

Tranquillo/a non mi distraggo....soprattutto quando si tratta di soldi e particolarmente quando è un vero e proprio furto!
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Ven Nov 21, 2014 12:06 am

solo accantonando questa riforma e realizzando un piano di immissioni su più anni si potranno salvaguardare gli interessi di tutti! dei precari, dei docenti di ruolo e del governo stesso se non vuole perdere i consensi della scuola...
Tornare in alto Andare in basso
luisa68



Messaggi : 622
Data d'iscrizione : 26.07.11

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Ven Nov 21, 2014 12:03 pm

Io sono del parere che le assunzioni vanno fatte in unica soluzione, anche in considerazione del fatto che sono stati stanziati i fondi in Legge di stabilità. Se non si procedesse in questo modo e la situazione economica e politica (eventuali peggioramenti crisi economica o crisi di Governo) peggiorasse sicuramente salterebbero anche le rimanenti assunzioni e non si farebbero neanche i futuri concorsi. Se poi si configura la sentenza UE in senso favorevole per i precari, partirebbero anche i risarcimenti a fronte delle mancate assunzioni. Alla luce di tutti questi scenari possibili, a mio avviso sarebbe opportuno procedere alle assunzioni in unica soluzione salvaguardando comunque tutti anche i docenti di ruolo. Si può fare ci sono delle proposte in tal senso che ho letto nella " Buona scuola". Una di queste mi è parsa interessante: far fare un aggiornamento delle GAE Straord. e dichiarazioni per chi è in GM con facoltà di esprimere nuove preferenza in conformità del nuovo quadro normativo che sarà definito prossimamente e procedere ad assumere in una prima tornata solo su OD dando solo le cattedre disponibili. Poi una volta quantificato per ogni singola provincia l'OF procedere ad assumere. Chi non rientra nel numero di posti disponibile verrebbe sottoposto a mobilità geografica magari con inserimento in Grad. Naz.. E' chiaro che se si adotta tale sistema bisognerà stabilire a priori quanti anni si dovrà permanere nella fascia di OF e definire anche una priorità nei trasferimenti a chi è già in ruolo. Ma ci sono anche altre proposte anche molto interessanti.
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Ven Nov 21, 2014 2:23 pm

questi sono solo 12 motivi per i quali questa riforma sarebbe un disastro per la scuola, per tutti i docenti (già assunti e futuri assunti) e sarebbe la fine anche per il governo colpevole del grave malcontento che tale sfacelo di riforma produrrebbe:

1) Renzi promette 150.000 assunzioni, come ‘generosa concessione’. In realtà, il Governo è obbligato ad assumere i precari da una sentenza della Corte di Giustizia Europea, che minaccia per l’Italia 4 miliardi di multa. Gli unici ‘beneficiari’ sarebbero i precari delle GAE (pure quelli che rifiutano incarichi da anni): tutti gli altri (anche con più anni di servizio), dovrebbero semplicemente cambiare lavoro. Ma gli assunti risulteranno infine molti di meno anche rispetto alle GAE (e verranno ‘regolarizzati’, però saranno sempre licenziabili, senza l’articolo 18), perché il Governo ha deciso di far “sparire” i posti vacanti ed alla fine assumerà solo sul turnover dei pensionati, obbligando il personale di ruolo a sostituire gratis gli assenti (calcolo a debito dei giorni di chiusura delle scuole). Quando le scuole non saranno aperte agli alunni entreranno in quella che Renzi chiama “banca delle ore”: così ogni docente dovrà restituirli integralmente lavorando in più (prevalentemente supplenze gratuite) in periodi decisi dal Dirigente o, se serve, anche durante le vacanze natalizie, pasquali ed estive, con mansioni diverse da quelle didattiche (La buona scuola, pp. 51 ss.).

2) Tutti i docenti perderanno la titolarità sull’istituto: con l’ ‘organico funzionale’ si verrà assegnati ad “una rete di scuole”, e uno dei Dirigenti di queste deciderà in quale si lavorerà e con che mansioni. Se necessario, il dirigente potrà obbligare il docente a sostituire gli assenti, anche in scuole diverse (La buona scuola, pp. 14 ss.).

3) Si potrà essere spostati su di un piano interprovinciale, oppure su cattedre relative a materie diverse dalla propria (purché “affini”!) (La buona scuola, pp. 27 ss.). Un gruppo di “esperti” del Governo definirà (in tre mesi - sic!) le “competenze dei docenti” (La buona scuola, pp. 45 ss.).

4) Gli insegnanti passeranno la vita a raccogliere ‘crediti’ da inserire in un PORTFOLIO “vagliato” discrezionalmente dal ‘Nucleo di Valutazione’ di ogni scuola, che potrà operare in modo diverso dai ‘nuclei’ delle altre (La buona scuola, pp. 51 ss.).

5) Aboliti tutti gli scatti di anzianità, rimarrà solo lo stipendio-base. Ogni 3 anni, se ‘graditi ai superiori’, avremmo (ammesso che ci siano i fondi) una mancia di €. 60 (meno per Medie e Primaria). Altrimenti, nemmeno quella. Infatti, solo 2 Docenti su 3 ne avrebbero diritto. Verrebbe stilata una classifica pubblicata on-line e solo i primi due terzi della classifica avrebbero quella mancia (La buona scuola, pp. 51 ss.).

6) Per premiare i “meritevoli” non viene stanziato un euro: è tutto autofinanziato con lo scippo degli scatti automatici. Il primo scatto di ‘merito’ si avrebbe solo nel 2018 grazie al recupero di quelli non pagati nel frattempo (La buona scuola, pp. 55 ss.).

7). Il Dirigente avrebbe fidati esecutori e controllori, chiamati mentor, scelti solo fra chi risultasse ‘meritevole’ per 3 ‘volte’ consecutive (ottenendo la ‘elargizione’ dei 60 € per 9 anni). I ‘mentor’ sarebbero al massimo il 10% della categoria, e guadagnerebbero una “indennità di posizione”, oltre agli scatti di merito (La buona scuola, pp. 57 ss.).

Cosa che non succede in nessun paese del mondo, il dirigente (che non ha i requisiti di terzietà richiesti) avrà mano totalmente libera nello scegliere fra docenti ed ata, premiando o penalizzando come meglio crede.

9) Le scuole private avranno più soldi e con più facilità.

10) Le Scuole Statali riceverebbero soldi da “Enti Locali, famiglie e privati”, che ne determinerebbero la linea educativa.

11) Il dirigente chiamerebbe nella propria scuola i docenti che vuole, scegliendoli dal Registro nazionale senza vincolo di graduatoria o diritti acquisiti, esattamente come nelle scuole private.

12) I Decreti Delegati, che nel 1974 hanno introdotto la democrazia elettiva nella scuola, verrebbero aboliti. Il Collegio dei Docenti diverrebbe un Consiglio meramente consultivo, adibito solo alla programmazione didattica. Tutto il potere andrebbe al Dirigente e al “Consiglio dell’Istituzione scolastica”, al quale parteciperebbero con diritto di voto i finanziatori privati. Insomma, esattamente quanto era già previsto dal disegno di legge Aprea di Forza Italia. Nella scuola, l’eliminazione dell’art. 18 per i neo-assunti s’incastra perfettamente con il piano di gestione privatistica che vuole Renzi, tutto incentrato sullo strapotere dei dirigenti, eliminando di fatto libertà d’insegnamento e d’apprendimento."
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Ven Nov 21, 2014 2:26 pm

a questi 12 punti che condannano la riforma e che condannerebbero la scuola e  il governo che la mettesse in campo  aggiungerei anche questi:

13)la immorale "messa sul lastrico" di tutti i precari non iscritti nella graduatoria a esaurimento;

è assolutamente pazzesco costringere buona parte dei precari a cambiare lavoro ; colleghi meno fortunati che hanno avuto l ' unica colpa di non aver potuto accedere alle graduatorie a esaurimento ;  questa riforma  gli toglierebbe anche la possibilità di lavorare sulle supplenze ; questi colleghi hanno contribuito per anni al funzionamento della scuola e hanno concentrato tutti gli sforzi di una vita (come tutti gli altri colleghi ) per raggiungere l' obiettivo di lavorare come docenti nella scuola ed ora gli si dice di cambiare lavoro ; questa immane ingiustizia e discriminazione non è assolutamente accettabile in un paese civile e ferisce profondamente il senso di appartenenza ad una comunità evoluta se non la nostra dignità.

14) un altro effetto, non secondario, della proposta di riforma sarebbe quello di diminuire gli stipendi medi dei docenti tramite il nuovo meccanismo degli scatti per merito solo a due docenti su tre che sostituirebbe gli scatti per anzianità.

e gli stipendi medi dei docenti italiani sono già molto più bassi dei loro colleghi europei:

http://www.orizzontescuola.it/news/riforma-e-merito-donne-rischiano-stipendi-pi-bassi-pensioni-fame-tutti

e anche

http://www.repubblica.it/scuola/2014/10/31/news/insegnanti_sempre_pi_poveri-99407019/?ref=fbpr

" Una famiglia monoreddito composta da mamma, papà e piccolo di cinque anni è considerata "quasi povera" in un comune abbastanza grande del centro Italia se riesce a raggranellare meno di 1.502 euro al mese. E con lo stipendio di 1.375 euro l'ingresso nel  club dei "quasi poveri" è assicurato."
Tornare in alto Andare in basso
marblearch



Messaggi : 251
Data d'iscrizione : 16.05.13

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Ven Nov 21, 2014 8:32 pm

Mirco81, sono pienamente d'accordo con te, su tutto. In particolare aggiungerei che, se solo lontanamente un governo di destra si fosse permesso di fare una cosa simile, o anche solo di proclamarla come stanno facendo questi scippatori legalizzati, lo avrebbero messo in croce e criticato a tal punto che sarebbe morto sul nascere. Questi invece, che si coprono dietro alla loro "facciata democratica" del "assumiamo tutti i precari" (anche se così non è) vengono acclamati da taluni, addirittura, senza riconoscere lo scempio che stanno per fare. E' disgustoso vedere come sacrifici di anni di tutti noi vengono vanificati da decisioni prese a tavolino, e soprattutto quando si sarà costretti a lavorare GRATIS quando non ti pagano nemmeno regolarmente lo stipendio (vedi putiferio anche di questo mese di novembre)e sottostare ad ingiustizie perpretate dal dirigente che con questa riforma ne esce sovrano intoccabile ed assoluto. Bello schifo, complimenti.
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato1



Messaggi : 389
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Sab Nov 22, 2014 10:41 pm

marblearch ha scritto:
Mirco81, sono pienamente d'accordo con te, su tutto. In particolare aggiungerei che, se solo lontanamente un governo di destra si fosse permesso di fare una cosa simile, o anche solo di proclamarla come stanno facendo questi scippatori legalizzati, lo avrebbero messo in croce e criticato a tal punto che sarebbe morto sul nascere. Questi invece, che si coprono dietro alla loro "facciata democratica" del "assumiamo tutti i precari" (anche se così non è) vengono acclamati da taluni, addirittura, senza riconoscere lo scempio che stanno per fare. E' disgustoso vedere come sacrifici di anni di tutti noi vengono vanificati da decisioni prese a tavolino, e soprattutto quando si sarà costretti a lavorare GRATIS quando non ti pagano nemmeno regolarmente lo stipendio (vedi putiferio anche di questo mese di novembre)e sottostare ad ingiustizie perpretate dal dirigente che con questa riforma ne esce sovrano intoccabile ed assoluto. Bello schifo, complimenti.
Questi sono i peggiori! Quelli che dicono una cosa e ne fanno un'altra (curando solo i propri squallidi interessi).
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Gio Nov 27, 2014 12:57 am

sconcertato1 ha scritto:
marblearch ha scritto:
Mirco81, sono pienamente d'accordo con te, su tutto. In particolare aggiungerei che, se solo lontanamente un governo di destra si fosse permesso di fare una cosa simile, o anche solo di proclamarla come stanno facendo questi scippatori legalizzati, lo avrebbero messo in croce e criticato a tal punto che sarebbe morto sul nascere. Questi invece, che si coprono dietro alla loro "facciata democratica" del "assumiamo tutti i precari" (anche se così non è) vengono acclamati da taluni, addirittura, senza riconoscere lo scempio che stanno per fare. E' disgustoso vedere come sacrifici di anni di tutti noi vengono vanificati da decisioni prese a tavolino, e soprattutto quando si sarà costretti a lavorare GRATIS quando non ti pagano nemmeno regolarmente lo stipendio (vedi putiferio anche di questo mese di novembre)e sottostare ad ingiustizie perpretate dal dirigente che con questa riforma ne esce sovrano intoccabile ed assoluto. Bello schifo, complimenti.
Questi sono i peggiori! Quelli che dicono una cosa e ne fanno un'altra (curando solo i propri squallidi interessi).
assolutamente d' accordo, questa riforma peggiora le condizioni economiche e lavorative dei docenti e se non vogliono rovinare la scuola e perdere i voti del mondo della scuola farebbero bene e ritirarla e ascoltare le proposte di chi nella scuola ci lavora.
Tornare in alto Andare in basso
ulisse2002



Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 18.10.14

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Ven Nov 28, 2014 1:24 am

sconcertato1 ha scritto:
mirco81 ha scritto:
i precari fuori dalle gae sono 150.000 (cioè quanto i precari dalle gae) e certo non verranno assunti tutti con il concorso del 2015.... quelli che non supereranno il concorso dovranno cambiare lavoro, sempre se troveranno un altro lavoro visto che hanno studiato una vita per fare i docenti e non altro.

una cosa è dire cominciamo ad assumere i precari dalle gae e poi pian piano assumeremo gli altri altra cosa è dire assumiamo i precari delle gae e quelli del concorso 2015 e poi tutti gli altri dovranno cambiare lavoro perchè non potranno neanche più lavorare sulle supplenze come fanno oggi.

gettare sul lastrico colleghi docenti meno fortunati di noi è immorale e inaccettabile.

sistemare alcuni distruggendo la vita ad altri secondo me è semplicemente barbaro e mostruoso.


il piano di assunzioni della buona scuola è inaccettabile! va modificato , il sistema non deve essere stravolto e nessuno deve essere messo per strada...

per il bene di tutti va pensata un' alternativa più equilibrata cioè assunzioni in più anni, ripristino delle cattedre di diritto tolte dalla Gelmini piuttosto che istituzione di un organico funzionale (tappabuchi a vita) e abbassamento del numero di alunni per classe...

sarebbe questa la vera buona scuola!



Concordo. Chissà perché il PD fece finta di contestare lo schifo di riforma Gelmini ma non ha modificato poi una virgola. Come si chiama? Ipocrisia?

si ! si chiama ipocrisia.
Tornare in alto Andare in basso
miu miu



Messaggi : 1377
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Ven Nov 28, 2014 6:58 pm

no si chiama FA COMODO ANCHE A LORO la riforma Gelmini, guarda caso, è inconcomitanza alla riforma Fornero che a sua volta è inconcomitanza ai Quota '96 .... che delusione poi!
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Dom Dic 07, 2014 2:39 pm

alla luce delle ultime sentenze :

- quella europea che non vieta il protrarsi dell' utilizzo di contratti a tempo determinato se non per gli incarichi fino ad agosto.

- quella del giudice italiano che  (in caso di supermanto dei 3 anni di contratti a tempo determinato x posti fino al 30 agosto ) condanna l' amministrazione al ricarcimento monetario e non all' assunzione.

http://www.orizzontescuola.it/news/precari-scuola-giudice-s-risarcimento-no-ad-assunzione


sarebbe opportuno ripensare all' opportunità di varare una riforma con così tanti buchi neri e così sgradita al mondo della scuola....

sarebbe opportuno ripensare con calma l' intero piano della "buona scuola" che di sicuro rappresenterebbe un boomerang distruttivo per il governo oltre che per la scuola italiana.

sarebbe opportuno prendere in considerazioni un piano di assunzioni più mirato ed equilibrato su più anni e senza impoverire ulteriormente i docenti e stravolgere in maniera peggiorativa le loro condizioni lavorative e la scuola stessa.

con calma e ponderazione , visto che la mannaia che ci si aspettava dovesse calare dall' europa non si è poi rilevata così tagliente, si potrebbe pensare a degli interventi realmente migliorativi della scuola italiana:

1 - aumentare il numero delle cattedre di diritto su cui impiegare i nuovi assunti senza riccorrere all' organico fuzionale.

2 - diminuire il numero degli alunni per classe.

3 - recuperare fondi per premiare il merito senza togliere però gli scatti di anzianità.


queste e altre sono le reali migliorie che  di cui la scuola necessita per diventare davvero "buona" nella sostanza e non nella propaganda.


Ultima modifica di mirco81 il Dom Dic 07, 2014 5:01 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Dom Dic 07, 2014 2:51 pm

Purtroppo Renzi, che all'inizio ho visto con favore, secondo me si e' fatto troppo prendere la mano e ha voluto fare in pochi mesi riforme che avrebbero richiesto, come minimo, un po' di ponderazione in piu', e anche l'umilta' di ascoltare chi lavora in un certo settore da anni.
Come ho gia' scritto, c'e' un altro settore di cui si parla poco ma che e' stato messo in ginocchio da Renzi: la sua introduzione forzata delle fatture elettroniche verso la PA ha, di fatto, bloccato a tempo indefinito tutti i pagamenti.
Per questo decine di migliaia di posti di lavoro sono a rischio, se non gia' persi.
Renzi per inesperienza, irruenza, mancanza di umilta' sta rischiando grosso, di guai ne avevamo gia' abbastanza
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25591
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Dom Dic 07, 2014 2:55 pm

udl ha scritto:
Purtroppo Renzi, che all'inizio ho visto con favore, secondo me si e' fatto troppo prendere la mano e ha voluto fare in pochi mesi riforme che avrebbero richiesto, come minimo, un po' di ponderazione in piu', e anche l'umilta' di ascoltare chi lavora in un certo settore da anni.
Come ho gia' scritto, c'e' un altro settore di cui si parla poco ma che e' stato messo in ginocchio da Renzi: la sua introduzione forzata delle fatture elettroniche verso la PA ha, di fatto, bloccato a tempo indefinito tutti i pagamenti.
Per questo decine di migliaia di posti di lavoro sono a rischio, se non gia' persi.
Renzi per inesperienza, irruenza, mancanza di umilta' sta rischiando grosso, di guai ne avevamo gia' abbastanza

Ma non è che confondi Letta con Renzi?

http://www.lastampa.it/2014/01/29/italia/i-tuoi-diritti/cittadino-e-istituzioni/dal-giugno-fattura-elettronica-obbligatoria-verso-la-pa-TK6USfoMyMFBzbFJbHzOxH/pagina.html


Non vorrei che poi dessi il merito delle assunzioni 2015 alla Gelmini o alla Falcucci. Non si sa mai...
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo   Dom Dic 07, 2014 3:27 pm

Prendo atto della precisazione. Gli effetti disastrosi sono apparsi ora, e questo mi ha fatto confondere con le tempistiche
Tornare in alto Andare in basso
 
immissioni in 2/3 anni tutelerebbero precari e insegnanti di ruolo
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 7Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» elton john papà a 63 anni
» Usa, prete rubava soldi chiesa per pagare gigolò, condannato a 3 anni
» UN VIDEO PER MIO MARITO: 5 ANNI DI MATRIMONIO
» A 24 anni già ovodonazione
» che cosa dovrebbe saper fare un bambino di quattro anni?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: