Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 4:09 pm

Nel collegio di un paio di giorni fa il preside ci ha comunicato che quest'anno i fondi previsti per coprire le ore necessarie a sostituire, quotidianamente, i docenti assenti, sono ulteriormente ridotti (rispetto all'ammontare già ridicolo dell'anno scorso) e saranno sufficienti solo per coprire 100 ore, delle 500 annuali normalmente necessarie.
Per metterci una pezza il collegio ha varato un "progetto" che permette di utilizzare docenti disponibili per le sostituzioni, ma queste ore verranno pagate come attività non di docenza, quindi sostanzialmente a metà prezzo (e sono pochi che vogliono farle).
Anche così, tuttavia, le ore non bastano e si parla di dividere le classi (altra cosa illegale e anti didattica al massimo).

Nel frattempo la scuola ha varato decine di altri progetti di "apertura al territorio", di "cittadinanza" e altre attività extra curriculari. Mi domandavo... ma com'è possibile che la scuola italiana non ha i soldi per GARANTIRE LE ORE DI LEZIONE STANDARD MATTUTINE e poi invece li ha per farsi pubblicità con "progetti innovativi" ? Che fanno apparire come se la scuola facesse tantissime cose EXTRA in più al normale curriculum, quando invece il servizio essenziale di istruzione non è nemmeno garantito, perchè quando un docente è assente non ci sono nemmeno i soldi per sostituirlo? Gli alunni vengono mandati a casa, o smistati in altre classi, insomma perdono ore di lezione semplicemente perchè non ci sono i soldi per pagarle.
Com'è possibile che si tolleri una tale insufficienza di fondi? In pratica lo stato non da alle scuole i soldi necessari per fare lezione regolarmente... è legale questa cosa? Non dovrebbe essere obbligatorio garantire PRIMA il servizio scolastico essenziale e POI eventualmente fornire offerte formative extra?

A me sembra ridicolo che si perdano tante ore di lezione mattutine e poi si buttino soldi per fare il progetto dello yoga, o della consapevolezza del se', al pomeriggio... (progetti frequentati da una piccolissima minoranza degli alunni del resto, ma con un rapporto costo-appariscenza molto più vantaggioso...)
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 5:36 pm

Condivido totalmente le tue perplessità e la tua indignazione!
Tornare in alto Andare in basso
Tah-Dah!



Messaggi : 895
Data d'iscrizione : 02.01.12

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 5:44 pm

Sono assolutamente d'accordo con la riflessione del collega e mi chiedo ma il costo delle supplenze e il costo dei progetti provengono da fondi differenti vero?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 6:35 pm

È l'autonomia, signori. Che ci sarebbe stato un ulteriore taglio sul MOF si sapeva già. Cambiano i governi, cambiano i ministri, cambiano i proclami, ma la minestra è sempre la stessa, anzi, sempre più annacquata.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 6:51 pm

Tah-Dah! ha scritto:
Sono assolutamente d'accordo con la riflessione del collega e mi chiedo  ma il costo delle supplenze e il costo dei progetti provengono da fondi differenti vero?
A quato ho capito è proprio così, quindi non puoi usare per una cosa i soldi destinati ad un'altra. Correggetemi se sbaglio (lo spero tanto).
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 8:18 pm

Quindi la politica del "dare meno istruzione ma far vedere tanti show inutili all'esterno" probabilmente è calata dall'alto.
Anche perchè gli "show" (scusate se chiamo con questo nome i progetti, pur validissimi, che esteriormente appaiono come TANTA ROBA IN PIU' rispetto all'offerta didattica standard) hanno un miglior rapporto costo-appariscenza: costano meno (ore non di docenza, pagate la metà) e danno al mondo dei non addetti ai lavori l'impressione che la scuola offra sempre di più, come se oltre a garantire la normale istruzione che ha sempre dato, ogni anno potesse permettersi di fare anche gli "extra".

In realtà fa solo gli extra, e il servizio base non lo garantisce più.
A conti fatti, con i soldi di 10 progetti "vistosi" non si riuscirebbero a coprire nemmeno il 70% delle ore di sostituzione.
Quindi meglio fare 10 progetti vistosi, la scuola non funziona ma almeno sembra che faccia fuoco e fiamme
La stessa funzione del belletto sopra la piaga... e lo stesso rischio: quello di far infettare la ferita
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 8:39 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Quindi la politica del "dare meno istruzione ma far vedere tanti show inutili all'esterno" probabilmente è calata dall'alto.
Anche perchè gli "show" (scusate se chiamo con questo nome i progetti, pur validissimi, che esteriormente appaiono come TANTA ROBA IN PIU' rispetto all'offerta didattica standard) hanno un miglior rapporto costo-appariscenza: costano meno (ore non di docenza, pagate la metà) e danno al mondo dei non addetti ai lavori l'impressione che la scuola offra sempre di più, come se oltre a garantire la normale istruzione che ha sempre dato, ogni anno potesse permettersi di fare anche gli "extra".

In realtà fa solo gli extra, e il servizio base non lo garantisce più.
A conti fatti, con i soldi di 10 progetti "vistosi" non si riuscirebbero a coprire nemmeno il 70% delle ore di sostituzione.
Quindi meglio fare 10 progetti vistosi, la scuola non funziona ma almeno sembra che faccia fuoco e fiamme
La stessa funzione del belletto sopra la piaga... e lo stesso rischio: quello di far infettare la ferita
In due parole hai inquadrato perfettamente il problema
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 10:05 pm

Io ho stabilito una mia personalissima soglia etica: non faccio più assolutamente nulla che non sia obbligatorio, a meno che non si tratti di una cosa in cui, del tutto EGOISTICAMENTE, mi ci diverto io.

Per cui, ad esempio, lo sbattimento per la gestione delle olimpiadi della matematica e della fisica, continuo ad accollarmelo volentieri, ma solo ed esclusivamente perché sono io che ci tengo, sono io che mi ci diverto, e sono io che ho enormi soddisfazioni a vedere che qualche studente particolarmente illuminato ci tiene quanto me.

Ma la disponibilità facoltativa...

- per le sostituzioni occasionali che di fatto sono un'attività da badante,

- per i corsi di recupero che sono solo un pro-forma,

- per le gite che sono solo un rituale,

- per gli open-day che sono solo una fiera conclamata dell'ipocrisia,

...col cavolo che la do, ANCHE se è pagata.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 07, 2014 11:21 pm

Anch'io ho adottato, negli ultimi anni, la stessa politica.
Tempo fa non era così, ma dopo aver capito come funzionano e cosa sono realmente i vari progetti, open-day, gite e compagnia bella, li evito accuratamente, e sono felice della mia scelta.
Ma al di là delle scelte personali che ognuno di noi fa, c'è una cosa che ci riguarda tutti, è il diritto allo studio; e io credo che una istituzione che non si preoccupa di pagare le ore di sostituzione, mentre si preoccupa molto di sovvenzionare progetti che con una piccola spesa garantiscano un buon quantitativo di "fumo negli occhi del pubblico" sia uno scandalo che abbiamo il dovere di denunciare.

Con gli stessi fondi dei progetti si possono fare anche gli sportelli didattici, corsi di recupero SERI. Si può fare la scuola vera, quella che non si vede e che costa tanto. Ma si preferisce fare la scuola finta, quella che costa poco e sembra il paese dei balocchi.
Tornare in alto Andare in basso
miranda



Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 30.08.10

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Sab Nov 08, 2014 9:02 am

I fondi per le sostituzioni e quelli per i progetti sono diversi e non possono (purtroppo) essere utilizzati in altro modo. Entrambi sono parte del MOF, che è suddiviso in varie voci. FIS (progetti), indennità di direzione Dsga (di legge), Funzioni strumentali, Incarichi specifici ATA, ore eccedenti primaria, ore eccedenti secondaria di 1^ o 2^ grado, Attività complementari di Educazione Fisica. Il problema delle sostituzioni dei colleghi assenti è molto sentito in tutte le scuole e da anni i dirigenti chiedono che venga loro assegnata una quota complessiva da utilizzare secondo le necessità, ma nessuno ascolta.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Sab Nov 08, 2014 2:10 pm

Capisco che i fondi siano diversificati, ma quindi la cosa è ancora più grave.
Vuol dire che i soldi che non bastano per le sostituzioni, e si sa che non bastano (e di parecchio pure!) NON vengono mai stanziati, anzi vengono tolti... mentre altri soldi vengono assegnati ad altre cose!

Il diritto allo studio non dovrebbe avere la priorità? Capisco che con qualche ora di lezione in meno nessuno si lamenti, perchè si sa, la scuola non piace a nessuno e meno se ne fa meglio è, ma di questo passo la chiudiamo proprio e facciamo prima, i docenti li mettiamo a fare le pazzielle dei progetti invece che a insegnare l'aritmetica, la grammatica e la geografia...
Tornare in alto Andare in basso
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Sab Nov 08, 2014 3:00 pm

Ogni mondo è paese.
Questo argomento l'abbiamo affrontato proprio nel collegio docenti di ieri ed è emersa la stessa situazione.
Io ho colto l'occasione per ribadire che la pratica di smistare gli alunni nelle altre classi o di utilizzare l'ITP per le sostituzioni è ILLEGITTIMA e che quindi deve avere fine (io insegno in una sede associata ed essa non viene utilizzata, ma nella sede "centrale" si fa spesso ricorso ad essa), invitando i colleghi a rifiutarsi di eseguire tali disposizioni e, nel caso in cui si voglia insistere con essa, a chiedere l'intervento delle forse dell'ordine e della Autorità Giudiziaria territorialmente competente.
Nessuno ha osato ribattere sostenendo che tale pratica sia legittima, nemmeno colui che maggiormente la caldeggia (il collaboratore vicario).
L'obiezione che viene fatta è che comunque il problema esiste e occorre dare una risposta.
Va bene, a patto però che si opti per soluzioni che restino nell'ambito della legalità.
Ricorrere ad ore aggiuntive da pagare come attività di vigilanza e non di insegnamento è una scelta legittima, a patto ovviamente che ci sia la disponibilità dei docenti. Questo ovviamente impone che l'insegnante si limiti a controllare che gli studenti non disturbino la lezione nelle aule vicine, non facciano danni, non vengano alle mani fra di loro e che comunque in quell'ora NON faccia alcuna attività didattica, nemmeno se si tratta di una sua classe.
L'altra soluzione è quella di ricorrere a uscite anticipate e ad ingressi posticipati. Il solito collaboratore vicario su questa ipotesi ha storto il naso perché in questo modo gli studenti starebbero a scuola meno di quanto dovrebbero stare, contravvenendo così al patto educativo siglato con loro e con le famiglie.
La scelta però è obbligata e comunque, contrariamente a quella di spalmare gli alunni nelle classi, risulta comunque essere legittima (purché le famiglie siano messe al corrente).

Il problema di gestione comunque è emerso per lo più nella sede centrale, che è una realtà più complessa in quanto costituita da due indirizzi di studio e da un maggior numero di classi.
Noi l'abbiamo sempre gestita senza particolari problemi nel seguente modo:

- variazioni di orario con ricorso a uscite anticipate o ingressi posticipati;
- nelle ore intermedie le classi rimangono sole - non abbiamo mai avuto particolari problemi - se alzano troppo il volume della voce, il docente dell'aula adiacente li invita, in maniera abbastanza persuasiva, a stare zitti.
Se un docente ha un'"ora buco", il fiduciario di sede può chiedere la cortesia di dare ogni tanto un'occhiata alla classe. Questa cortesia viene solitamente accordata perché viene chiesta "per favore" da una persona dotata di tanto buon senso.
Se a chiederla fosse stato il collaboratore vicario a cui facevo riferimento prima, la risposta (almeno da parte mia) sarebbe stata sempre e comunque NO.

Mi rendo conto ovviamente che quest'ultima strategia non è perseguibile in particolari realtà, dove se li lasci soli per un minuto, riescono a fare danni alle persone e alle cose.

Quello che deve essere chiaro è che quello che è un problema dell'istituzione NON può in alcun modo diventare un problema dei docenti e posto a loro carico.
I genitori protestano per le uscite anticipate e per gli ingressi posticipati? Hanno tutto il diritto di farlo, ma con chi di dovere. Ma se proprio vogliamo dirla tutto, queste difficoltà sono il frutto dei tagli alla spesa pubblica, voluti e sostenuti dai partiti europeisti che sono poi quelli che prendono il maggior numero di voti. Di cosa ci lagniamo, quindi? Del frutto delle nostre scelte perverse?
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Sab Nov 08, 2014 4:40 pm

Se hanno "chiuso i rubinetti" è perchè evidentemente si sono accorti che togliendo fondi alle sostituzioni continua ad andare "tutto bene"... nel senso che l'impatto negativo sull'istruzione sembra non sentirsi. E' nostro dovere farlo sentire invece, perchè ... c'è!
Tornare in alto Andare in basso
Gariel



Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 02.08.12

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Dom Nov 09, 2014 6:49 pm

Io faccio come PAniscus, faccio quello che mi conviene:

- NO progetti!

- NO coordinatore!

- Sì orientamento in entrata: per garantirmi il posto l'anno seguente nella stessa scuola. Ha sempre avuto successo.

- NO orientamento in uscita!

- Sì sostituzione didattica MA solo nelle mie classi: SE pagate!!

- NO sostituzione nelle classi altrui (non mi viene più neppure chiesto).

- Sì gite: sono ancora giovane e "incosciente".

- NO a tutto il resto, come funzioni strumentali ecc...!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Dom Nov 09, 2014 11:26 pm

Beh, penso che ci siamo capiti, anche se i miei criteri personali sui singoli punti sono un po' diversi.

Ad esempio:

- coordinatore, sì, perché la considero semplicemente un'estensione della normale attività didattica e non come un caso di fuffa artificiosa in più;

- orientamento in entrata, ASSOLUTAMENTE NO, perché lo considero esclusivamente una forma di pubblicità commerciale, e perché trovo gravemente immorale il fatto che la scuola di stato debba prestarsi ad attività di pubblicità commerciale;

- orientamento in uscita, NO, perché trovo oggettivamente vergognoso e umiliante che dei diciottenni o diciannovenni debbano essere accompagnati per la manina a cercare di chiarirsi le idee su cosa vogliano fare, quando possono benissimo pensarci da soli, come abbiamo sempre fatto tutti da tempi immemorabili;

- gite NO, manco sotto tortura (al massimo le uscite didattiche di un giorno solo, ma le gite con pernottamento fuori proprio no), perché non esiste la minima forma di tutela per chi si accolla una responsabilità così enorme;

- progetti sì o no, egoisticamente, a seconda che mi piacciano e mi divertano A ME o no (e scusate l'anacoluto);

- sostituzioni occasionali, SOLO nelle classi mie (in cui posso fare regolarmente lezione) e non a pagamento della singola ora (che considero una forma di prostituzione), ma SOLO come compensazione di ore da recuperare, o come banca di ore da sfruttare per permessi occasionali in momenti successivi;

- funzioni strumentali, semplicemente faccio finta che non esistano : )

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
sweetdream



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.11

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Mer Nov 12, 2014 4:52 pm

Caro Paolo Santaniello, almeno voi avete deliberato!!!
A noi è stato imposto senza se e senza ma!!!
Non ci sono soldi per pagare le supplenze, ma i soldi per i collaboratori del DS si devono trovare! Ed è stata fatta pure una proposta per aumentare il loro malloppone!!!
Ma scherziamo???
Indignazione TOTALE!!!
Tornare in alto Andare in basso
vivi78



Messaggi : 19
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 14, 2014 8:36 pm

Concordo pienamente. Io lavoro in una scuola dell'Infanzia ed è un continuo dividere i bambini nelle altre sezioni anche se qualche collega prende un permesso con largo anticipo. Ci è stato detto che tanto possiamo anche solo fare sorveglianza. Per carità se si tratta di risolvere una situazione di emergenza posso anche essere d'accordo ma quando diventa la normalità mi chiedo dove stia la mia professsionalità e a cosa serva la mia laurea. Senza contare che, oltre a dover annullare quello che avevo programmato per quel giorno, mi ritrovo per mezza giornata in classe in aggiunta ai miei che non conosco. Ovviamente senza nulla di scritto. Ciliegina sulla torta: il dirigente a chi spiegava che non è permesso tenere in classe più di 30 bambini (vengono a mancare i requisiti di sicurezza) ha risposto che si può stare in salone o in cortile. Stupide noi a non averci pensato prima!
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti   Ven Nov 14, 2014 8:50 pm

in merito all'accorpamento delle classi leggevo questo istruttivo vademecum... vabbè che è di uno SNALS , però penso che l'argomento sia trattato efficacemente:

http://www.orizzontescuola.it/news/accorpamento-classi-assenza-del-docente-e-utilizzo-improprio-dellinsegnante-sostegno-come-difen
Tornare in alto Andare in basso
 
Le scuole non hanno i soldi per sostituire docenti assenti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Usa, prete rubava soldi chiesa per pagare gigolò, condannato a 3 anni
» Mi hanno detto che....
» Hanno vinto loro
» I soldi fanno la felicità?!!!
» Le cicogne hanno perso il mio indirizzo - Laurine Boccolini

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: