Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente
AutoreMessaggio
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Lun Nov 17, 2014 6:48 am

Promemoria primo messaggio :

In ogni classe delle medie c'è almeno un alunno certificato per disturbi specifici dell'apprendimento, cioè quello che l'istituzione scuola, i genitori e i medici (i medici???) si ostinano (o si affrettano) a etichettare come DSA.
Il più delle volte si tratta di disturbi della grafia e spesso questi alunni si portano appresso la diagnosi dalle elementari, a volte anche dai primissimi anni: le brave maestre delle elementari, rilevando una certa difficoltà reciproca di insegnamento/apprendimento, anche nelle famose "stanghette", hanno ritenuto di chiamare i genitori, esporre loro la situazione e proporre il bimbo per una visita premio dal medico specialista. Molti anni più tardi, di fronte al collegio, il bravo professore avrebbe preso atto della diagnosi e redatto il suo bel PDP, mettendo tutte le crocette giuste; e pazienza se in ogni classe ci sono almeno 5-6 alunni non certificati che scrivono peggio di quello certificato e che non avranno strumenti compensativi e dispensativi, se non in via surrettizia e lasciata al buon senso (e alla buona volontà) del docente e del collegio.
Oddio mi scrive male! Oddio mi va male in matematica! Oddio non mi riesce a tenere l'attenzione per più di un minuto! Oddio ha degli scatti d'ira! E per placare il senso di inadeguatezza nel constatare la mancata corrispondenza del pargolo ai desiderata propri e sociali, il bravo genitore demanda al medico tutto ciò che potrebbe essere risolto, o attenuato, dalla famiglia e dalla scuola e, soprattutto, dall'alunno stesso mediante il proprio impegno nel superare i propri limiti; e confinando il minore in una confortevole e deresponsabilizzante nicchia di inadeguatezza DOC.
E' la stessa cultura della dis-integrazione che pretende una didattica personalizzata per ogni alunno, che ha inventato l'ADHD e ha somministrato Ritalin in dosi massicce a bambini colpevoli di vivacità, che definisce malattie lo scarso interesse allo studio, o l'idiosincrasia nei confronti della matematica o di esercizi di grafia noiosi e ripetitivi.
Tutto ciò in spregio a quei ragazzi che realmente hanno difficoltà di lettura o di scrittura o di concentrazione.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8348
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 6:01 pm

Citazione :
No, se arriva a un'età che oggettivamente fuori dalla fascia di normalità, e se questo vuol dire che ha un DSA vero, gli facciamo la certificazione di DSA sul serio, e (contrariamente alle tue personali fantasie sui cattivissimi insegnanti negazionisti) nessuno si sogna di contestarla.

E l'età chi la decide?

Quando si fa la diagnosi di dsa uno dei valori tenuti in considerazione è la discrepanza tra le prestazioni della media dei soggetti di una data età e quelle del soggetto esaminato.

Chi deve essere, secondo te, a stabilire quando sia l'età giusta oltre la quale si può dire che una determinata risposta sia fuori dalla fascia di normalità? Non può certo essere una decisione soggettiva non credi? ci vuole un limite, altrimenti si arriva a dire "aspettiamo un altro po', magari matura, magari l'anno prossimo è quello che vede la svolta"

E intanto il ragazzo vive le conseguenze del disturbo e non è aiutato. E più si radicano i disagi e gli errori di impostazione più sono difficili da sradicare.

Non attribuirmi espressioni che non ho usato.

Negazionisti non fa parte di me e non voglio che sia messa in giro la voce che quando mi riferisco a chi non sa o non vuole capire io parli di negazionisti.

E poi smettila, ormai l'hai detto che il problema non è il certificato ma è che non ce la potete fare con tanti bisogni.

E io ho già detto diverse volte che penso sia così-
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 6:22 pm

tanto per non dimenticarlo, Einstein iniziò a parlare tardissimo, credo a 5 anni, e alle elementari era un disastro.
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 7:09 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ire ha scritto:
 
Ha scritto, non si venga a scuola già a fine del primo anno con certificazione di sospetto di dsa-

sospetto    non significa    ha un dsa   significa   potrebbe averlo.

E se è "solo un sospetto"... per quale motivo verrebbero direttamente indicati sulla certificazione (e "consigliati" con un carico di pressione enorme) esattamente gli stessi strumenti compensativi e dispensativi che vengono normalmente previsti per i casi di DSA conclamati?

Voglio dire, come cavolo gli viene in mente, a chi scrive la diagnosi, di raccomandare la concessione dell'uso della calcolatrice in terza elementare "perché normalmente con i discalculici si fa così", se non c'è nessuna prova che il ragazzino sia realmente discalculico o no?

L.

Sì, hai centrato il problema. Danno gli stessi consigli sia che la certificazione abbia il carattere dell'ufficialità, sia quando è ancora in forma ufficiosa.
Normalmente queste certificazioni spuntano a fine prima, inizio seconda e, visto che vengono presentate da genitori e firmate da psicologi, non si può non tenerne conto e danno quindi luogo a BES, per i quali è ormai previsto di predisporre il PDP, sul quale poi ci si impegna a utilizzare determinati accorgimenti per far fronte al problema individuato.
Insomma si crea un bel circolo vizioso da cui è difficile uscire.
Quando i genitori presentano una certificazione, infatti, non si può certo far finta di niente, anche se si parla solo di sospetto DSA. Questo per quanto concerne le diagnosi presentate nei primi due anni di scuola...
Poi ci sono quelle fornite a inizio terza... Quelle sono proprio ufficiali e in alcune (redatte dai servizi di neuropsichiatria), basta che in una sola prova venga superata la soglia di deviazione prevista, perché il bambino sia classificato d.s.a..
E vengono prescritte tutta una serie di misure per cui, se pure inizialmente ci sarebbe stata la possibilità di aiutare il bambino a superare le sue difficoltà, diviene praticamente impossibile poi aiutarlo a migliorare nelle materie di base. L'unica cosa che ha veramente senso di tutte le varie indicazioni fornite è per me quella di predisporre i materiali in modo diverso e di valutare i lavori in modo più flessibile, dando più tempo e dispensando da alcune tipologie di prove.

Per rispondere a Ire, io mi rendo conto che, se poi uno risulta essere veramente portatore di un DSA, può sembrare tempo perso quello speso nel cercare di insegnare/apprendere cose impossibili da imparare. Quando però un insegnante si mette d'impegno nel cercare di favorire gli apprendimenti, si accorge da solo dell'esistenza di quel punto limite oltre il quale non si può andare: sarà allora il docente attento a proporre alla famiglia una valutazione al momento opportuno. Bisogna avere un po' più di fiducia negli insegnanti! Ricordiamoci che sono persone che vedono bambini tutti i giorni da anni e che quindi hanno un'idea abbastanza chiara di cosa sia possibile fare o non fare a una certa età.
Le situazioni anomale che ho incontrato si discostano invece da questo tipo di percorso ragionevole. Alcuni genitori sembrano voler a tutti i costi mettere le mani davanti... per paura che i propri figli vengano valutati negativamente. Mi chiedo, quindi, se tutte queste certificazioni precoci ci sarebbero se, per esempio, venisse abolito il voto in pagella a fine anno...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 8:36 pm

ufo polemico ha scritto:
tanto per non dimenticarlo, Einstein iniziò a parlare tardissimo, credo a 5 anni, e alle elementari era un disastro.

E infatti ripetere a pappagallo che "Einstein era dislessico" è uno dei cavalli di battaglia più popolari dei paladini in questione.

Anzi, adesso va di moda sostenere che QUALUNQUE personaggio illustre del passato avesse quanche DSA.
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 8:52 pm

Intendevo solo dire che se ad Einstein fosse stato fatto un PDP forse non sarebbe diventato il più grande fisico moderno: o almeno non ne abbiamo la controprova.
Che fosse una "beautiful mind" è sotto gli occhi di tutti: credo però che oltre a essere una mente geniale abbia anche faticato un bel po'.

Nella stessa classe: un alunno con DSA ormai "riassorbito", seppure non sarebbe previsto, che ha il suo PDP e le sue brave sufficienze anche senza compensazioni e dispense; un alunno con enormi problemi psicologici e familiari, alunno con BES non certificati da nessuno, con le sue brave insufficienze, pronto a ripetere nuovamente l'anno.
Tornare in alto Andare in basso
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 9:19 pm

recenti studi sulla mummia di Tuthankhamon hanno dimostrato che era anche lui DSA! Essendo faraone si poteva pagare anche i medici e fregarsene se non sapeva leggere i geroglifici???!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 9:42 pm

Una delle ultime che ho sentito è che Carlo Magno era dislessico!

Ma non è molto più probabile... che fosse semplicemente un analfabeta inveterato, che non aveva mai ricevuto nessuna istruzione formale da bambino perché nel suo ambiente non si usava, e che poi aveva provato faticosamente a imparare a leggere e scrivere da adulto ma c'era riuscito in maniera incompleta e approssimativa, proprio perché aveva iniziato troppo tardi, dopo decenni di abitudine a sforzi mentali completamente diversi?

L.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 10:02 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ire ha scritto:
 
Ha scritto, non si venga a scuola già a fine del primo anno con certificazione di sospetto di dsa-

sospetto    non significa    ha un dsa   significa   potrebbe averlo.

E se è "solo un sospetto"... per quale motivo verrebbero direttamente indicati sulla certificazione (e "consigliati" con un carico di pressione enorme) esattamente gli stessi strumenti compensativi e dispensativi che vengono normalmente previsti per i casi di DSA conclamati?

Voglio dire, come cavolo gli viene in mente, a chi scrive la diagnosi, di raccomandare la concessione dell'uso della calcolatrice in terza elementare "perché normalmente con i discalculici si fa così", se non c'è nessuna prova che il ragazzino sia realmente discalculico o no?

L.


Forse vado fuori tema, ma sollevi un punto che credo cruciale: non capisco proprio come su una diagnosi si possa consigliare la calcolatrice, eppure vedo che ora "usa così"!
Mi spiego. Mi arriva il mese scorso la diagnosi di una ragazzina disgrafica. In calce alla certificazione, dopo una serie dati prettamente medici (controllo degli sfinteri compresi), alla voce terapia consigliata il dottore scrive uso del computer e di un tutor nello studio.
Vi domando: è questa una terapia medica? Non dovrebbe spettare all'insegnante individuare lo strumento compensativo tarandolo sulle esigenze specifiche dello studente? OGNI disgrafico deve usare la tastiera come OGNI allergico deve prendere l'antistaminico? Non è questo un segnale della medicalizzazione che si fa del DSA? Il medico lo concepisce come un disturbo che richiede un intervento univoco, sempre quello, alla faccia delle personalizzazione!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 11:32 pm

Ecco, se si vuole ritrovare una delle primissime fonti documentali antiche che attestano l'esistenza plateale di un DSA autentico, bisogna andare a scavare nella storia di Erode Attico, letterato e politico greco-romano del secondo secolo dopo Cristo, talmente apprezzato per la sua finezza culturale da essere scelto dall'imperatore romano come precettore dell'erede, che sarebbe poi diventato Marco Aurelio.

Erode Attico, che come intellettuale era raffinatissimo ma come persona faceva schifo, è diventato noto in seguito anche per aver massacrato di botte la moglie incinta (o, a seconda delle fonti, per aver dato ordine di farlo a un domestico fidato, e averlo poi coperto e difeso amichevolmente in giudizio) e per essersi riempito la casa, anche quando la moglie era ancora in vita, di giovani favoriti sentimentali e sessuali (sia maschi che femmine, ma soprattutto maschi) che si compiaceva di anteporre ai propri stessi figli nella considerazione affettiva, sociale e materiale.

Bene, un altro dei dettagli che viene fuori da tale biografia, e che visto con gli occhi di oggi fa rabbrividire, è uno dei figli di questo signore, noto come Bradua Attico, era stato la disperazione del padre perché non riusciva a imparare a leggere fluentemente all'età prevista.

Visto il lusso sfrenato in cui viveva la famiglia, mantenuta da rendite ricchissime e assistita da centinaia di schiavi, il padre arrivò a ricorrere a un teatrino vivente, procurandosi una trentina di valletti-bambini, della stessa età del figlio, ognuno dei quali rappresentava una singola lettera dell'alfabeto che portava ricamata sul vestito, e che collaboravano alle lezioni componendo le parole tramite cartelloni che portavano in giro a mano, ognuno con la sua lettera...

Ma appunto, il povero ragazzo forse alla fine imparò davvero a leggere e scrivere decentemente, ma non mi risulta che sia passato alla storia come esempio di DSA di grande successo intellettuale... anzi, al contrario, fu sempre tenuto in ombra dalla famiglia che probabilmente si vergognava un po' della situazione, e poi da adulto litigò ferocemente col padre e non ne volle più sapere di frequentarlo!

Vittima incolpevole una famiglia funestata dal femminicidio, e pure con disturbi di apprendimento... oggi sarebbe stato altro che BES!

L.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 26, 2014 11:47 pm

lucetta10 ha scritto:
  Forse vado fuori tema, ma sollevi un punto che credo cruciale: non capisco proprio come su una diagnosi si possa consigliare la calcolatrice, eppure vedo che ora "usa così"!
Mi spiego. Mi arriva il mese scorso la diagnosi di una ragazzina disgrafica. In calce alla certificazione, dopo una serie dati prettamente medici (controllo degli sfinteri compresi), alla voce terapia consigliata il dottore scrive uso del computer e di un tutor nello studio.
Vi domando: è questa una terapia medica? Non dovrebbe spettare all'insegnante individuare lo strumento compensativo tarandolo sulle esigenze specifiche dello studente?  

Ma soprattutto:


per quale motivo l'insegnante non può permettersi di entrare nel merito della diagnosi (che spetta al medico o allo psicologo), mentre il medico o lo psicologo possono permettersi tranquillamente di entrare nel merito delle scelte didattiche (che dovrebbero spettare all'insegnante)?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8348
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 9:12 am

dami ha scritto:
Per rispondere a Ire, io mi rendo conto che, se poi uno risulta essere veramente portatore di un DSA, può sembrare tempo perso quello speso nel cercare di insegnare/apprendere cose impossibili da imparare. Quando però un insegnante si mette d'impegno nel cercare di favorire gli apprendimenti, si accorge da solo dell'esistenza di quel punto limite oltre il quale non si può andare: sarà allora il docente attento a proporre alla famiglia una valutazione al momento opportuno. Bisogna avere un po' più di fiducia negli insegnanti! Ricordiamoci che sono persone che vedono bambini tutti i giorni da anni e che quindi hanno un'idea abbastanza chiara di cosa sia possibile fare o non fare a una certa età.


Mi hai quasi commossa. :-)

Commossa perchè è l'obbiettivo questo. E sono certa che si arriverà a raggiungerlo sai. Adesso è troppo presto.

Quando dopo una battaglia epica, fu firmata quella benedetta legge, molti di noi, tra cui io, festeggiarono mestamente. Era indispensabile averla. Ed era l'insuccesso più grande della storia della scuola.

Ti rendi conto? abbiamo avuto bisogno di dire per legge ad un docente che non esiste un solo modo di insegnare e che non esiste un solo modo di imparare.

Voi che siete qui a parlarne vi stupite di quanto dico, vi scandalizzate quando dico che ci sono quelli che di dsa non sanno nulla, che non sanno nulla di nulla se non la loro piccola lezionicina studiata a memoria dalla quale non sanno discostarsi di una virgola o perdono il filo, che ci sono quelli che si permettono di deridere un ragazzino per la sua lentezza, che ci sono quelli che puliscono le miserie della propria vita insultando pubblicamente fino al quarto ordine di antenati l'alunno che chiede loro qualcosa di più.
Voi che siete qui a parlarne vi stupite se vi racconto che non più tardi dello scorso anno ho accompagnato una amica mamma di un dsa a parlare con la ds della scuola del figlio perchè non c'era verso di ottenere alcuno strumento per il ragazzino e questa illuminata dirigente ha detto:
"signora, la prof si lamenta che il ragazzo non prende appunti"

"ma preside, il ragazzino non ce la fa per questo e questo e questo"

"ah, ma allora se è questione di lentezza, sa cosa deve fare? gli faccia imparare la stenografia, e risolviamo il problema"

L'anno scorso, dami, in una scuola superiore di Bologna.

Voi che siete qui vi stupite perchè siete comunque almeno informati, perchè ne sentite parlare e avete voglia di confrontarvi.

Ma quanti siete? Quanti di voi si confrontano qui? Tre, quattro, dieci? Mille che leggono e non intervengono?

Beh, siete pochi, pochi rispetto a tutta la selva oscura che lavora e si muove oggi nella scuola.

Si dovrà per forza arrivare a quello che dici tu, e saremo tutti più contenti. Ma non è ancora il momento. La strada è ancora lunghissima e dolorosa. Per tutti.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 9:18 am

Ire ha scritto:


Quando dopo una battaglia epica, fu firmata quella benedetta legge, molti di noi, tra cui io, festeggiarono mestamente.  Era indispensabile averla. Ed era l'insuccesso più grande della storia della scuola.

Ti rendi conto?  abbiamo avuto bisogno di dire per legge ad un docente che non esiste un solo modo di insegnare e che non esiste un solo modo di imparare.  

Se è per questo, abbiamo anche bisogno di leggi che ci dicono (a tutti noi cittadini) di non uccidere, non rubare, ecc.

Quella legge NON dice che ci sono altri modi di insegnare, ma dice quali passi burocratici vanno fatti (da genitori e scuola) per gli alunni con DSA e consente ai docenti una maggiore libertà metodologica. Punto.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8348
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 9:31 am

La libertà metodologica era già consentita molto prima del 2010, Mac. Almeno dal 1994 si sente parlare di autonomia didattica del docente. Non c'era bisogno di fare un'altra legge se il problema fosse stato quello.

La legge del 2010 serve a dare uffficialità e dignità all'esistenza di un diverso modo di apprendere, alla possibilità che il mancato successo scolastico di un qualche alunno non sia dovuto alla sua stupidità, ai problemi psicologici dei suoi genitori, alla sua poca voglia di applicarsi ma ad un problema specifico che può essere compensato, superato o aggirato facendo determinate cose.
E serve ad obbligare la scuola a farle.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 10:37 am

Ire ha scritto:
La libertà metodologica era già consentita molto prima del 2010, Mac.  Almeno dal 1994 si sente parlare di autonomia didattica del docente. Non c'era bisogno di fare un'altra legge se il problema fosse stato quello.

La legge del 2010 serve a dare uffficialità e dignità all'esistenza di un diverso modo di apprendere, alla possibilità che il mancato successo scolastico di un qualche alunno non sia dovuto alla sua stupidità, ai problemi psicologici dei suoi genitori, alla sua poca voglia di applicarsi  ma ad un problema specifico che può essere compensato, superato o aggirato facendo determinate cose.
E serve ad obbligare la scuola a farle.


Ci libera dal dovere giustificare perché Pierino può e Ciccio non può. A te sembra niente, a me che ci lavoro sembra essenziale.

Come la legge sui BES (quelli seri, intendiamoci): se prima davamo una mano all'alunno che sapevamo avere una situazione familiare difficile prendendoci la responsbilità sulle nostre spalle, ora le nostre spalle sono coperte.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8348
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 10:47 am

Citazione :
Ci libera dal dovere giustificare perché Pierino può e Ciccio non può. A te sembra niente, a me che ci lavoro sembra essenziale.

Bah, va bene anche prenderla così. Se per te il problema di differenziare era questo e se trovi in questo la serenità per lavorare diversamente, è un buon risultato ottenuto dalla legge.

Uno dei discorsi più frequenti che affronto con diversi docenti è il come fare a giustificare agli altri il fatto che Pierino può.

La legge non li fa sentire sicuri da questo punto di vista.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 11:17 am

Ire ha scritto:
Citazione :
Ci libera dal dovere giustificare perché Pierino può e Ciccio non può. A te sembra niente, a me che ci lavoro sembra essenziale.

Bah, va bene anche prenderla così.  Se per te il problema di differenziare era questo e se trovi in questo la serenità per lavorare diversamente, è un buon risultato ottenuto dalla legge.

Uno dei discorsi più frequenti che affronto con diversi docenti è il come fare a giustificare agli altri il fatto che Pierino può.

La legge non li fa sentire sicuri da questo punto di vista.

Quando troviamo genitori che non collaborano, perché non vogliono che i compagni sappiano, allora ci troviamo in difficoltà. Io finora ho avuto due casi, entrambi collaborativi, i compagni sanno, gli strumenti compensativi li usiamo senza problemi.
Tornare in alto Andare in basso
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 3:14 pm

beh potrei citare Orazio che non riuscendo a imparare a memoria i versi dell'Odusia veniva preso costantemente preso a nerbate dal maestro Orbilio, o Nerone che amava tanto gli studi da preferirgli la danza, il canto o dare fuoco a Roma o far fuori parenti, amici e animaletti vari...ma forse basta citare Eracle che non essendo abile nel suono della lira la spaccò in testa al suo maestro Lino uccidendolo sul colpo!
In conclusione se trovate diagnosi o sospetti DSA BES o qualsiasi altro acronimo il popolo italico inventi voi guardatevi da contraddire queste persone: il mito e la storia docent!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 8:50 pm

Ire ha scritto:
La legge del 2010 serve a dare uffficialità e dignità all'esistenza di un diverso modo di apprendere,

La legge non può stabilire "se esiste o no un diverso modo di apprendere".

Il giudizio su tale affermazione deve essere riservato agli studiosi che se ne occupano, NON ai giuristi o ai parlamentari.

Esattamente come la legge non può stabilire se una certa terapia medica funziona o no, o se un certo fenomeno fisico esiste davvero o no. Altrimenti si potrebbe anche stabilire per legge (ossia, per votazione parlamentare) che la Terra è cubica, o che i neutrini viaggiano più velocemente della luce.

L.

Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 10:17 pm

Diciamo che la legge riconosce come ufficialmente valido ciò che gli studiosi che se ne occupano hanno scoperto.
;-)
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 10:18 pm

E soprattutto riconosce il diritto delle persone con DSA a non essere trattate come somari a priori.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 11:01 pm

Quindi la stessa legge dovrebbe coerentemente essere soggetta a modifiche, anche radicali, ogni volta che dovesse ipoteticamente avvenire in futuro che lo "stato dell'arte" delle evidenze scientifiche cambiasse?

Per cui, se (ipoteticamente) tra 20 o 50 anni dovesse venire fuori una nuovissima interpretazione neuroscientifica dei DSA che smentisce completamente quella che è maggioritaria adesso, allora le leggi dovrebero cambiare abissalmente da un giorno all'altro?

Esattamente come sono cambiate nei decenni e nei secoli, che so, le leggi "sulla razza" o "sulla differenza naturale tra maschio e femmina"?????

L.
Tornare in alto Andare in basso
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 11:22 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Quindi la stessa legge dovrebbe coerentemente essere soggetta a modifiche, anche radicali, ogni volta che dovesse ipoteticamente avvenire in futuro che lo "stato dell'arte" delle evidenze scientifiche cambiasse?

Per cui, se (ipoteticamente) tra 20 o 50 anni dovesse venire fuori una nuovissima interpretazione neuroscientifica dei DSA che smentisce completamente quella che è maggioritaria adesso, allora le leggi dovrebero cambiare abissalmente da un giorno all'altro?

Esattamente come sono cambiate nei decenni e nei secoli, che so, le leggi "sulla razza" o "sulla differenza naturale tra maschio e femmina"?????

L.

Purtroppo è proprio così.
Certi sedicenti "disturbi specifici di apprendimento", benché recepiti dalla legislazione vigente, hanno lo stesso grado di scientificità delle teorie sulle razze superiori e sulla differenza naturale fra maschio e femmina.
Del resto il suffragio riservato alle persone di sesso maschile, la legittimità dello schiavismo e le leggi razziali furono tutti punti di vista recepiti dalla legislazione un tempo vigente in vari stati.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Gio Nov 27, 2014 11:39 pm

Io li paragonerei piuttosto all'ondata della ISTERIA freudiana.

A un certo punto della storia mondiale della medicina, diciamo tra la fine del 1800 e i primi 30 anni del 1900, qualsiasi disturbo nervoso (specialmente femminile) di cui non si conoscevano bene le cause, veniva immediatamente catalogato sotto la definizione di "ISTERIA" e veniva trattato con una serie complicatissima di prescrizioni sia farmacologiche sia psicoterapeutiche, che erano considerate scientificamente adatte a quello specifico disturbo...

...salvo poi accorgersi, mezzo secolo dopo, che tale specifico disturbo non esisteva proprio, e che i suoi presunti sintomi potevano essere ricondotti a più malattie diversissime tra di loro, che non avevano niente a che fare l'una con l'altra, e ognuna delle quali richiedeva una terapia diversa.

Ecco, secondo me esiste la concreta possibilità che tra 20 anni, o 30, o 50, dei disturbi che inducono le diagnosi di DSA o le dichiarazioni di BES, si parlerà esattamente come adesso si parla dell'isteria...

Lo scopriremo solo vivendo, almeno i più giovani di noi  : )

L.
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Ven Nov 28, 2014 6:25 am

Nelle mie classi gli alunni certificati più che DSA andrebbero più propriamente chiamati alunni con DAA: Disturbi Aspecifici dell'Apprendimento. Sono per lo più disgrafici o disprassici, ma più che altro sembrano essere lenti, pasticcioni, ansiosi, dotati di scarsa autostima, con genitori oppressivi o al contrario assenti e spesso in conflitto, ma per lo più colti e benestanti. Malati di scarso rendimento scolastico, alcuni sono in via di una miracolosa guarigione, per lo stupore dei genitori che pronosticavano per loro la vergogna di una vita senza liceo classico.

Nelle stesse classi -ed è questo che mi indigna- ci sono altri ragazzi con problemi grandi una casa, impossibili da non vedere, e privi di qualunque certificazione. Sono privi di computerino, privi di PDP, privi di dispense e compensazioni e senza una reale attenzione da parte dei docenti, che spesso si limitano ad elemosinare loro una sufficienza. Presi dai propri problemi, spesso gravissimi, e da una diversità rispetto agli altri che avvertono benissimo ed accentuano, si chiudono in loro stessi e diventano refrattari tanto all'insegnamento quanto alle esortazioni o alle ammonizioni del professore. Nessun professore è disposto a impelagarsi nelle formalità a volte estenuanti della redazione e dell'attuazione di un PDP per alunni con BES, né nel coinvolgimento spesso problematico di famiglie border-line, quasi sempre povere; chè già "si è perso troppo tempo" a fare i PDP per gli alunni con DSA. Diventa difficile, in assenza di una qualsiasi "pezza di appoggio", farli beneficiare di una didattica personalizzata o di una valutazione differenziata; per evitare che i loro compagni e loro stessi avvertano il trattamento diverso, è necessario ricorrere ad espedienti e sotterfugi, come far capitare loro magicamente una traccia facilitata.
Tornare in alto Andare in basso
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Ven Nov 28, 2014 4:10 pm

resta che i DSA sono da inserirsi tra le tipologie BES ... mi chiedo solo come abbiano fatto a sopravvivere miliardi di generazioni di studenti per secoli (ma anche come abbiamo fatto noi a sopravvivere a quella malefica scuola passata fatta da "vampiri" che erano ossessionati da farci imparare i verbi, le tabelline o che semplicemente ci insegnavano che imparare voleva dire saper fare un ragionamento e non imparare le formulette a pappagallo...) e come mai oggi spuntino i casi più disparati in ogni scuola di ordine e grado (sarà colpa della Coca Cola????) .... anche perchè il rendimento degli alunni in generale fa sempre più schifo, le famiglie sono diventate tuttologhe, e l'educazione dei ragazzi un retaggio di romanzetti stile libro Cuore (bei tempi!).
Tornare in alto Andare in basso
 
Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 8 di 9Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente
 Argomenti simili
-
» la web community dei professionisti dell'estetica
» La legge dell'attrazione...
» monnalisa e il magico mondo dell'andrologia....
» I passi dell'amore
» LA TEORIA DELL'EVOLUZIONE

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: