Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente
AutoreMessaggio
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Lun Nov 17, 2014 6:48 am

Promemoria primo messaggio :

In ogni classe delle medie c'è almeno un alunno certificato per disturbi specifici dell'apprendimento, cioè quello che l'istituzione scuola, i genitori e i medici (i medici???) si ostinano (o si affrettano) a etichettare come DSA.
Il più delle volte si tratta di disturbi della grafia e spesso questi alunni si portano appresso la diagnosi dalle elementari, a volte anche dai primissimi anni: le brave maestre delle elementari, rilevando una certa difficoltà reciproca di insegnamento/apprendimento, anche nelle famose "stanghette", hanno ritenuto di chiamare i genitori, esporre loro la situazione e proporre il bimbo per una visita premio dal medico specialista. Molti anni più tardi, di fronte al collegio, il bravo professore avrebbe preso atto della diagnosi e redatto il suo bel PDP, mettendo tutte le crocette giuste; e pazienza se in ogni classe ci sono almeno 5-6 alunni non certificati che scrivono peggio di quello certificato e che non avranno strumenti compensativi e dispensativi, se non in via surrettizia e lasciata al buon senso (e alla buona volontà) del docente e del collegio.
Oddio mi scrive male! Oddio mi va male in matematica! Oddio non mi riesce a tenere l'attenzione per più di un minuto! Oddio ha degli scatti d'ira! E per placare il senso di inadeguatezza nel constatare la mancata corrispondenza del pargolo ai desiderata propri e sociali, il bravo genitore demanda al medico tutto ciò che potrebbe essere risolto, o attenuato, dalla famiglia e dalla scuola e, soprattutto, dall'alunno stesso mediante il proprio impegno nel superare i propri limiti; e confinando il minore in una confortevole e deresponsabilizzante nicchia di inadeguatezza DOC.
E' la stessa cultura della dis-integrazione che pretende una didattica personalizzata per ogni alunno, che ha inventato l'ADHD e ha somministrato Ritalin in dosi massicce a bambini colpevoli di vivacità, che definisce malattie lo scarso interesse allo studio, o l'idiosincrasia nei confronti della matematica o di esercizi di grafia noiosi e ripetitivi.
Tutto ciò in spregio a quei ragazzi che realmente hanno difficoltà di lettura o di scrittura o di concentrazione.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 10:42 am

Ire ha scritto:
Esistono pure quelli che hanno difficoltà senza ragioni giustificabili.

Questi ultimi li penalizzerà la vita a meno che non abbiano lo zio commendatore.  Ma il mondo è ingiusto e non ci possiamo fare nulla.  Li lasciamo al loro destino e buonanotte, sperando di non incappare in loro quando avessimo bisogno di un professionista.
Mi dispiace, ma non riesco a rassegnarmi all'idea che la scuola debba essere un luogo dove si conferma e si rafforza l'ingiustizia che c'è nel mondo, visto che la prima richiesta che facevo io da studente e che ci fanno ancora oggi i nostri alunni è di essere equi nelle valutazioni.
L'idea che tutto quello che non funziona sia colpa della scuola (che non si muove), ma che al tempo stesso la scuola debba avere tutte e due le mani legate perché così va il mondo, è un'idea tua, che non posso condividere minimamente.
Condivido totalmente la riflessione di paniscus.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 11:31 am

Questo tipo di cose che non funzionano non sono colpa della scuola, Dec.

Non vuoi arrivare a fare in modo che chi non ha voglia di fare nulla e sia comunque certificato come dsa per i 1000 euro o per lo zio commendatore riesca ad ottenere il diploma.

Condivido in pieno.

Ma tu (e nemmeno io) e nessuno, ha la possibilità di farci nulla.

Arrivano due ragazzi con la diagnosi, uno di questi dsa l'altro fannullone.

Non puoi discriminarli. Puoi ostacolare il secondo non concedendo misure, litigando con la famiglia per il pdp, non seguendo una valutazione "da dsa".
Ma volendo la famiglia ricorre, e vince.
Perchè nessuno entra nel merito.

Non è giusto. Ma è così.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 11:40 am

Nel dubbio di far del male a chi davvero abbia solo difficoltà di compensazione, qualche dispensa, fiducia e più tempo penso sia preferibile concedere a chi non ne abbia davvero bisogno (a prescindere dal fatto che non si limita nulla e che gli apprendimenti devono essere comunque rispondenti alle previsioni del programma)-

Poi, ripeto, la vita metterà giustizia.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 11:53 am

@ Dec,
scusami, è inquietante non avere la possibilità di modificare i propri interventi quando ci si accorga della necessità di una integrazione, correzione o altro.

Visto che siamo in diversi a non avere più la possibilità di farlo è piuttosto inverosimile che la causa sia nel pc dell'utente.

Non è che nel pannello di controllo di amministrazione inavvertitamente (magari a seguito di un aggiornamento) sono stati modificati i permessi di un gruppo?

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6135
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 1:45 pm

Ire, non so se sono stata troppo logorroica e quindi il senso PRINCIPALE della mia obiezione si è annacquato, ma il mio unico problema sulla tua ricostruzione è esattamente quello:

- ci sono due ragazzi, Piero e Pippo, che presentano difficoltà di lettura e di scrittura apparentemente simili. Ossia, diciamo nella maniera più generica possibile che entrambi "scrivono male" o che entrambi "leggono male", o che entrambi "hanno difficoltà a fare i calcoli", anche se so benissimo che è una ipersemplificazione, ma facciamo a capirsi così.

- solo che (incidentalmente), capita che Piero è effettivamente dislessico (o altro dsa effettivo), e quindi certe abilità tecniche non potrà mai svilupparle del tutto, ma solo aggirarle e compensarle; e che invece Pippo non è affatto dislessico, ma scrive male o calcola male SOLO per mancanza di abitudine all'esercizio e allo sforzo, ma se invece si sforzasse di più potrebbe correggersi eccome, e il suo problema (a differenza di quello di Piero) sparirebbe del tutto.

- quale è la conclusione? la conclusione è che la strategie di recupero e di sostegno OPPORTUNE per Pippo e per Piero sarebbero radicalmente opposte. A Piero si fa effettivamente del bene "esonerandolo" da determinate operazioni tecniche, formali e ripetitive che comunque non potrà mai eseguire con efficienza piena, nemmeno se si esercitasse per 30 anni... e focalizzarsi invece su "modalità diverse" per fargli apprendere le stesse cose. Mentre a Pippo, esattamente all'opposto, si farebbe del bene costringendolo a esercitarsi di più e a studiare di più, finché le sue carenze non si sono colmate e il suo problema non è sparito del tutto (il che è perfettamente possibile).

Ossia, nel caso di Piero si fa effettivamente il suo bene "non valutandogli gli errori di ortografia" o "non costringendolo a imparare le cose a memoria" o "non chiedendogli di fare i calcoli a mano", o "esentandolo dalla traduzione scritta", o "consentendogli di consultare i formulari durante il compito"... mentre nel caso di Pippo, concedendogli gli stessi accorgimenti, gli si fa un DANNO, perché lo si conduce a non sviluppare quelle capacità che ha.

Invece, quello che succede è che entrambi ricevono la stessa diagnosi, e le stesse indicazioni di strumenti compensativi e dispensativi (che appunto, negli ultimi anni, stanno diventando sempre di più una lista automatica uguale per tutti, alla faccia della "personalizzazione").

Per cui, anche Pippo, che (a differenza di Piero) sarebbe perfettamente in grado di ricordarsi le formule a memoria SE SOLO si mettesse a studiarle, e al quale farebbe un gran bene l'essere COSTRETTO a studiarle finché non se le ricorda, viene semplicemente esonerato anche lui dal fare lo sforzo di studiarle... e gli vengono semplicemente regalate senza motivo, NON come "strumento compensativo" (di cui non ha bisogno), ma come puro e semplice alleggerimento gratuito del programma, non motivato da alcuna esigenza seria.

Anche a Pippo, che (a differenza di Piero), sarebbe perfettamente in grado di rileggere quello che ha scritto e di autocorreggersi gli errori di ortografia, se solo si degnasse di concentrarsi e faticare, viene detto: "Ma no, stai tranquillo, non ti preoccupare, tanto nel voto non te li contiamo!"

Il risultato è che Pippo ha a disposizione delle pure e semplici facilitazioni immotivate, e che NON VIENE affatto stimolato a correggersi. Perchè la certificazione dice che ha esattamente lo stesso problema di Piero, anche se questo NON E' VERO.

Ripeto, alla faccia del mito della "personalizzazione"!

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 2:25 pm

Ire ha scritto:
Ma tu (e nemmeno io) e nessuno, ha la possibilità di farci nulla.

Arrivano due ragazzi con la diagnosi, uno di questi dsa l'altro fannullone.

Non puoi discriminarli. Puoi ostacolare il secondo non concedendo misure, litigando con la famiglia per il pdp, non seguendo una valutazione "da dsa".
Ma volendo la famiglia ricorre, e vince.
Perchè nessuno entra nel merito.

Non è giusto.  Ma è così.


Come singolo, non posso farci niente. E ti assicuro che nella mia vita reale non mi metto certo a litigare con le famiglie e a rischiare un ricorso, perché so che mi troverei solo contro il mondo e non arrivo a questi livelli di masochismo, ma è una delle tante cose che non mi piace della scuola e che trovo dannosa per i ragazzi e almeno qui spero di poterlo dire, così come spero che in futuro ci saranno diagnosi più affidabili e che il parlamento e il governo, passato il furore ideologico del momento, rivedranno la legge per tutelare chi ne ha davvero bisogno ed eliminare queste storture.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 2:29 pm

Ire ha scritto:
a prescindere dal fatto che non si limita nulla e  che gli apprendimenti devono essere comunque rispondenti alle previsioni del programma


Questa purtroppo è una leggenda metropolitana. Non posso scendere nei dettagli, ma l'esperienza mi ha dimostrato che molto spesso non è affatto così, stretti come siamo tra famiglie iperprotettive e dirigenti spaventati dai ricorsi.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 2:31 pm

Ire ha scritto:
@ Dec,
scusami, è inquietante non avere la possibilità di modificare i propri interventi quando ci si accorga della necessità di una integrazione, correzione o altro.

Visto che siamo in diversi a non avere più la possibilità di farlo è piuttosto inverosimile che la causa sia nel pc dell'utente.

Non è che nel pannello di controllo di amministrazione inavvertitamente (magari a seguito di un aggiornamento) sono stati modificati i permessi di un gruppo?


Io non posso farci nulla. Segnalo nella sezione a noi dedicata, nel caso improbabile che i tecnici non se ne siano accorti.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 3:02 pm

Speranze condivise.

Per quanto riguarda il livello degli apprendimenti, concordo con te, ma fa parte di quel discorso da riportare alle speranze.

So che non puoi fare nulla di diverso da una segnalazione. E' già importante quella. Grazie
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 3:17 pm

Ottima analisi Paniscus.
Lasciamo Piero e occupiamoci di Pippo.
Per fare tutto ciò che dici giustamente tu, esercizi in più, recuperi e quant'altro, serve chi glielo fa fare, o no? Non possiamo certo pensare che un bambino o un ragazzino, che tra l'altro è in difficoltà ripetto agli altri, di sua spontanea volontà passi le giornate a fare più esercizi o più compiti degli altri e riesca da solo a gestirsi e a recuperare in pochi mesi ciò che gli è mancato per anni.
Allora la mia domanda è questa: che mezzi abbiamo a scuola per fare tutto questo lavoro in più? Chi gliela spiega la matematica del suo livello? Chi ferma il programma di una classe per partire dal punto in cui è arrivato? Chi lo mette a lavorare per tutto il pimeriggio e gli impedisce di uscire a giocare al parco? Perché, parliamoci chiaro, questo è quello di cui avrebbe bisogno.
La risposta sarebbe: i genitori. In fondo è quello che facciamo noi con i nostri figli. Purtroppo però non tutti i genitori sono in grado di farlo. Molti sono ancora più in difficoltà dei figli.
E allora che facciamo?
Servizi sociali? Non ci sono soldi. Insegnanti di sostegno? Non ci sono soldi. Doposcuola? Non ci sono soldi.
Morale della favola: alla scuola dell'obbligo i problemi degli alunni sono caxxi nostri.
E io sono talmente arrabbiata per questo mancato aiuto da parte dello stato (che però trova soldi a palate per altre cose) che il problema di cui parli tu, vero e chiaro come lo hai ben spiegato, è per me secondario.
Scusa se sono un po' caustica, non ce l'ho ovviamente con te, ma con chi ci lascia in queste condizioni pensando di averle risolte applicando una bella etichettina con scritto BES.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6135
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 3:58 pm

Io invece mi permetto di mettere in dubbio proprio questo principio categorico che la responsabilità del recupero spetti SOLO alla scuola. Sarò pure impopolare, ma la penso veramente così. La responsabilità del recupero spetta in parte alla scuola, sì, ma in parte anche allo studente e alla sua famiglia.

E trovo anche abbastanza paternalistico e spocchioso il fatto di precisare continuamente che "quelli come noi ci pensano personalmente, però purtroppo ci sono anche i genitori che non possono, perché evidentemente non sono come noi, ma sono ontologicamente diversi".

Mi sembra un ottimo alibi per sentirsi superiori, senza motivo.

Oltretutto, faccio presente che non si stava parlando SOLO di scuola dell'obbligo, ma anche di anni avanzati delle superiori...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 4:16 pm

Intevengo perché, come sai, mi dà fastidio che mi si mettano in bocca parole che non ho detto.
Innanzitutto non ho detto che il compito di seguire questi ragazzi spetti SOLO alla scuola. Anzi, ho detto che la responsabilità è dei genitori.
Poi non ho detto che solo quelli COME noi possono farlo, ma ho detto che è ciò che facciamo ANCHE NOI con i nostri figli. Non è che lo facciamo SOLO noi, lo facciamo ANCHE noi. Quindi nessuna spocchia, nessun sentimento di superiorità. Anzi! È un po' come dire che nessuno è immune, che anche i figli degli insegnanti possono essere in difficoltà, mica tutti i figli dei prof sono geni!
Ho solo detto che alcuni genitori sono più in difficoltà dei loro figli, cioè non sono nemmeno in grado di badare a se stessi figurati se possono occuparsi dei figli. Avrebbero bisogno loro per primi del sostegno, figurati se possono sostenere dei ragazzini in via di sviluppo. Oppure sono analfabeti o quasi, come possono controllare che i loro figli facciano i compiti? Oppure sono persone per le quali la scuola non ha nessun valore, che vuoi che trasmettano ai figli? Ed è inutile che ci nascondiamo, le cose stanno così.
Infine, siccome a me interssa più risolvere il problema che trovare le colpe, mi chiedevo cosa si può fare per questi Pippo. Per prima cosa ho pensato non alla scuola, ma ai servizi sociali in modo che sostengano le famiglie nella cura dei figli. Ma ciò non succede. E llora dateci almeno gli insegnanti di sostegno. Ma nemmeno quelli! Dateci risorse per il doposcuola! Nemmeno a parlarne.
Quindi? La soluzione non c'è, punto e basta. E che Pippo si arrangi.
Il discorso alle superiori per me è diverso. E non concordo nel affrontare i problemi allo stesso modo nei due ordini di scuola. Alla superiori se vuoi fare il liceo lavori, altrimenti vai a zappare. Punto. Se sei in difficoltà cambi scuola. Punto.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 4:17 pm

Scusate i refusi, ma mi è sparito il tasto modifica e non posso correggere.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6135
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 4:25 pm

Citazione :
Ho solo detto che alcuni genitori sono più in difficoltà dei loro figli, cioè non sono nemmeno in grado di badare a se stessi figurati se possono occuparsi dei figli. Avrebbero bisogno loro per primi del sostegno, figurati se possono sostenere dei ragazzini in via di sviluppo. Oppure sono analfabeti o quasi, come possono controllare che i loro figli facciano i compiti? Oppure sono persone per le quali la scuola non ha nessun valore, che vuoi che trasmettano ai figli? Ed è inutile che ci nascondiamo, le cose stanno così.
Infine, siccome a me interssa più risolvere il problema che trovare le colpe, mi chiedevo cosa si può fare per questi Pippo. Per prima cosa ho pensato non alla scuola, ma ai servizi sociali in modo che sostengano le famiglie nella cura dei figli. Ma ciò non succede. E llora dateci almeno gli insegnanti di sostegno. Ma nemmeno quelli! Dateci risorse per il doposcuola! Nemmeno a parlarne.
Quindi? La soluzione non c'è, punto e basta. E che Pippo si arrangi.

Quello che volevo dire io è che la soluzione, nel caso, NON E' CERTO quella di fargli una diagnosi uguale a quella dei dsa, anche quando il dsa non c'è realmente, e le cause delle difficoltà sono altre...

...ma NON per una questione di principio di giustizia, quanto proprio perché la diagnosi di dsa PORTA inevitabimente a usare degli strumenti di ausilio che sono totalmente inadeguati a tali casi, e che PEGGIORANO la situazione di apprendimento del ragazzino invece di aiutarlo!!!!

Perché qua si è esplicitamente sostenuto che siccome non si trova il modo di intervenire correttamente sulle sue vere difficoltà, allora tanto vale fargli una diagnosi vaga di dsa, che è sempre meglio di niente, e che ALMENO costringe la scuola a "fare qualcosa".

Ma se questo "qualcosa", di fatto, è una soluzione categoricamente sbagliata, e PEGGIORA le possibilità di recupero invece che aiutarle, come q*zz si fa a sostenere che sia meglio così??????

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mar Nov 18, 2014 4:48 pm

E chi ha detto che è meglio così?
Tornare in alto Andare in basso
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 3:17 pm

Come docente sono obbligato a prendere per buona qualsiasi certificazione di DSA formulata da un professionista abilitato e a regolarmi di conseguenza.
Come persona pensante sono però consapevole del fatto che molto spesso queste certificazioni sono furbate per coprire problemi ben più gravi (alludo a deficit cognitivi) o difficoltà nello studio dovute a varie e differenti motivazioni.
Fra l'altro è poco credibile che se la percentuale di incidenza della dislessia nella popolazione è N, nella scuola si riscontrino diagnosi per percentuali maggiori di N.
Su un disturbo quale la discalculia poi la penso come il prof. Giorgio Israel: trattasi dell'invenzione di qualche psicologo che non ha la minima idea di che cosa sia la matematica (al punto da definirla, bestemmia delle bestemmie, una "scienza procedurale")e che quindi non ha alcun titolo per valutare un disturbo nel suo apprendimento:
http://gisrael.blogspot.it/2011/06/bestiario-matematico-n-14.html
http://gisrael.blogspot.it/2011/03/la-truffa-della-discalculia.html
http://www.gildavenezia.it/docs/Archivio/2011/apr2011/alte_invenzioni.htm

Io non pretendo di fare lo psicologo o il neuro-psichiatra, ma non voglio nemmeno che questi pretendano di insegnare la matematica a persone che in matematica sono laureate e che la insegnano da anni.
L'idea che emerge, sentendo i loro corsi, è che la matematica coincida con un insieme di tecniche e di formule e che quindi il problema sia quello di fornire strumenti "compensativi e dispensativi", che nel caso specifico sarebbero la calcolatrice e il formulario.
Tuttavia, come giustamente osserva Israel, affermare che l'apprendimento delle tabelline sia un puro esercizio mnemonico e non invece l'interiorizzazione di una precisa relazione fra l'operazione di addizione e quella di moltiplicazione, è una colossale cialtronata che denota solo la crassa ignoranza in campo matematico di chi certifica simili disturbi.
Rifletteteci un attimo: nessuno ha imparato le tabelline allo stesso modo in cui si memorizza una lista di numeri messi a caso uno dopo l'altro. Tutti noi abbiamo imparato le tabelline interiorizzando, con una lunga serie di esercizi mentale, il legame esistente fra la moltiplicazione e l'addizione.
Pertanto può esserci, al più, un problema di dislessia e quello (e solo quello) può essere risolto con l'utilizzo di un formulario, a patto però che dietro la diagnosi di dislessia, non si nascondano invece problemi ben più seri. Per essere chiari, se c'è davvero dislessia, essa non si deve in alcun modo accompagnare a deficit intellettivi. Chiunque abbia un minimo di esperienza di insegnamento sa bene che le cose non stanno così. E allora, se si richiede agli insegnanti di prestare attenzione al problema della dislessia (che, a differenza della discalculia, esiste realmente), occorrerebbe pretendere una maggiore serietà da parte di chi effettua la diagnosi e, soprattutto, sono del parere che le certificazioni a uso scolastico dovrebbero essere effettuate in FORMA COLLEGIALE e SOLO da professionisti che operano all'interno di strutture pubbliche.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 3:40 pm

Non mi torna questo discorso.

Quale è la ragione secondo la quale per quanto riguarda la lettura ci possono essere problemi legati alla memoria, legati alla mancata acquisizione di automatismo mentre tali problemi non ci possono essere per quanto riguarda i numeri e i processi matematici?

O la dislessia non c'è in assoluto e allora non c'è nemmeno la discalculia
o la dislessia c'è e allora non c'è nessuna evidenza scientifica da nessuna parte, Israel o meno, che giustifichi il fatto che l'area logico matematica sia immune dal disturbo.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 3:44 pm

Ire ha scritto:
Non mi torna questo discorso.

Quale è la ragione secondo la quale per quanto riguarda la lettura ci possono essere problemi legati alla memoria, legati alla mancata acquisizione di automatismo mentre tali problemi non ci possono essere per quanto riguarda i numeri e i processi matematici?

O la dislessia non c'è in assoluto e allora non c'è nemmeno la discalculia
o la dislessia c'è e allora non c'è nessuna evidenza scientifica da nessuna parte, Israel o meno, che giustifichi il fatto che l'area logico matematica sia immune dal disturbo.


Perché c'è un errore sostanziale e gravissimo fatto da certi psicologi e da certi neuro-psichiatri: confondere l'operazione con la modalità grafica con la quale la si esegue.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 4:10 pm

Se dsa fosse disturbo di lettura potresti anche aver ragione. Considereremmo i numeri come segni grafici e allora sarebbe assurdo parlare di discalculia. Si dovrebbe parlare di dislessia sui numeri.

Ma cosa mi dici di disortografia e disgrafia?



Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 4:52 pm

Ire ha scritto:
Se dsa fosse disturbo di lettura potresti anche aver ragione. Considereremmo i numeri come segni grafici e allora sarebbe assurdo parlare di discalculia. Si dovrebbe parlare di dislessia sui numeri.

Ma cosa mi dici di disortografia e disgrafia?




e allora come mai ci sono dislessici che non sono discalculici?
Tornare in alto Andare in basso
Online
russele



Messaggi : 493
Data d'iscrizione : 06.03.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 5:14 pm

Ogni anno apriamo un topic come questo perchè quella dei DSA è certamente questione annosa e spinosa. Direi pure penosa. Come referente DSA (al solito messa li perchè da qualche parte bisogna pure che qualcuno ottemperi alla predisposizione dei PDP) vi dico che diagnosi e ragazzini ne ho visti tanti. Giuro che solo in due casi ho avuto l'impressione di avere a che fare con un "vero DSA". Ragazzini in gamba, assolutamente normodotati che con qualche strumento compensativo e dispensativo si sono ritrovati a fare l'esame di terza con tutti gli altri e come tutti gli altri. Per me che insegno inglese una vera conquista. Cosa accomunava questi due ragazzini? Una famiglia consapevole alle spalle e tanta volontà. La consapevolezza che sperimentando prima o poi si sarebbe trovata la giusta strategia di studio. Provando e riprovando.
Per tutti gli altri, mi spiace dirlo, mi sono trovata davanti a famiglie ignoranti, arroganti che, nascondendosi dietro diagnosi fatte a cavolo, pretendevano così di aggiustare gli insuccessi dei propri figli.
Poi fate anche caso alle diagnosi. Perchè quelle delle strutture private sono malloppozzi di 5/6 pagine mentre quelle della ASL sono solo un codice e via? (almeno qui nella mia ASl di riferimento)
Ho contestato al medico che quel codice per me è pari a niente, nel senso che io docente non ho la preparazione per dire cosa realmente un disturbo specifico di tipo misto può fare in più o in meno rispetto ad un disturbo specifico di origine emozionale (esempi presi da diagnosi).
Qui concordo con chi sostiene che siamo stati lasciati a gestire una situazione più grande delle nostre competenze ma anche al di là delle stesse. Intendo dire che un conto è che tu dottore mi dici cosa posso e non posso fare confrontandoci su strategie, risultati positivi o negativi di questa o quella mossa, un conto è che tu dottore mi dici è codice XYZ e per leggi DEVI fare in modo che raggiunga il successo scolastico.
E anche in questo secondo caso, pur consapevoli che DSA non è malattia e non si guarisce perchè non c'è nulla da cui guarire, tu dottore perchè di tanto in tanto vedi se qualche cosa è cambiato, migliorato o peggiorato nell'alunno in questione. Ossia, le strategie adottate, a che hanno portato?
La diagnosi fatta in 4 elementare resta li bella bella fino alla terza media senza che niente e nessuno abbia riverificato niente.
Per me questo è schifo.

Tornare in alto Andare in basso
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 5:46 pm

Ire ha scritto:
Se dsa fosse disturbo di lettura potresti anche aver ragione. Considereremmo i numeri come segni grafici e allora sarebbe assurdo parlare di discalculia. Si dovrebbe parlare di dislessia sui numeri.

Ma cosa mi dici di disortografia e disgrafia?


Che non sono disturbi.
Semplicemente il bambino/ragazzo non ha imparato a tenere bene la penna in mano o a scrivere bene le parole.
Un tempo si era più abituati a scrivere a mano e a contare mentalmente, non c'è da stupirsi quindi se mancando un certo allenamento si evidenziano certe difficoltà, che però sono indotte dall'attuale contesto di apprendimento e di vita, non certo da "disturbi specifici".
E queste difficoltà si risolvono con l'esercizio e con tanta pazienza, non certo con l'idea bislacca che siccome lo studente è disgrafico o discalculico l'insegnante deve rinunciare a insistere su certi aspetti.
Finiamola con questa assurda medicalizzazione della scuola che altro non serve che a trovare lavoro a certi esperti del nulla che diagnosticano disturbi inesistenti o che, quando sono esistenti (come nel caso della dislessia), vengono comunque certificati anche a chi non ne è affetto con l'intento, nemmeno troppo nascosto, di occultare problematiche ben più gravi.
Tornare in alto Andare in basso
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 6:03 pm

russele ha scritto:
Giuro che solo in due casi ho avuto l'impressione di avere a che fare con un "vero DSA".

Questa tua impressione è condivisa da me e da migliaia di docenti italiani. Siamo però costretti a dirla inter nos perché sappiamo bene cosa accadrebbe se lo dicessimo in consiglio di classe o se ce ne fregassimo di diagnosi fatte con i piedi dove si certificano disturbi inventati quali la discalculia, la disgrafia o la disortografia o dove si diagnostica un disturbo realmente esistente come la dislessia per occultare un deficit cognitivo.
Insomma, sappiamo bene che il rischio di finire sul giornale con l'etichetta di "nemico del diverso" è molto alta.
In questi casi dovrebbe avvenire quello che accade quando i medici certificano delle malattie: tendenzialmente di prende per buono il certificato. Quando però ci sono dei fondati motivi per dubitare della veridicità degli stessi (ad esempio quando questi vengono rilasciati con frequenza anomala in prossimità di festività o ponti vari), allora si va fino in fondo e si indaga sulla correttezza della certificazione.
Probabilmente la colpa è di noi docenti, io per primo, che non alziamo la voce e non ci ribelliamo a questa ondata di certificazioni facili, chiedendo a chi di dovere un maggiore controllo nelle diagnosi.
La mia idea in merito l'ho già esposta prima: diagnosi collegiale rilasciata solo da strutture pubbliche, non da specialisti a pagamento solitamente propensi ad annacquare un deficit cognitivo.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 6:26 pm

Non capisco proprio la domanda.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6135
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non   Mer Nov 19, 2014 9:56 pm

russele ha scritto:
Poi fate anche caso alle diagnosi. Perchè quelle delle strutture private sono malloppozzi di 5/6 pagine mentre quelle della ASL sono solo un codice e via? (almeno qui nella mia ASl di riferimento)

Mah, su questo devo contraddirti... non so se ci sia una forte differenza di consuetudine tra una regione e l'altra, ma nella mia esperienza è esattamente il contrario.

Le diagnosi delle ASL tendono a seguire delle linee guida fisse, e quindi a includere tutta una serie di indicatori e di dettagli previsti per legge e trattati allo stesso modo per tutti...

...mentre è molto ma molto più comune che in quelle degli studi privati (per quanto convenzionati, e a questo punto è legittimo chiedersi COME abbiano fatto a ottenere la convenzione) si trovino dei puri e semplici cumuli di fuffa, che magari è vero che riempiono 5 o 6 pagine, o anche 10 o 20, ma che appunto non dicono NULLA di chiaro e di comprensibile, e che servono SOLO a impressionare il lettore, nonché ad accontentare la famiglia che paga.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Alunni certificati per disturbi specifici dell'apprendimento e non
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 9Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente
 Argomenti simili
-
» la web community dei professionisti dell'estetica
» La legge dell'attrazione...
» monnalisa e il magico mondo dell'andrologia....
» I passi dell'amore
» LA TEORIA DELL'EVOLUZIONE

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: