Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Doposcuola come necessità didattica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 3:34 pm

Osservo i miei alunni da anni e mi sono convinta che il doposcuola per tanti di essi è molto utile perchè non sono seguiti a casa e per noi docenti delle ore di mattina una necessità didattica imprescindibile.
Chissà se, dopo tanti anni persi in chiacchiere, fra i tanti assunti di settembre 2015 vi saranno quelli che verranno impiegati per tale lavoro.

Voi cosa ne pensate? Il doposcuola serve oppure no? E come dovrebbe essere organizzato per rendere al meglio?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6201
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 4:34 pm

Assolutamente no: il "doposcuola" è una necessità sociale o logistica, ma di sicuro NON didattica.

Il tempo pieno, con orari dedicati esplicitamente alle attività di insegnamento, che è cosa completamente diversa dal "doposcuola", ha una valenza didattica... ma il "doposcuola" proprio no.

Se si comincia a ipotizzare la possibilità di raccogliere (per fame) delle persone formate professionalmente come insegnanti, e assumerle per fare "doposcuola" invece che per fare SCUOLA, vuol dire che stiamo veramente al fondo del barile, e allibisco all'idea che qualcuno lo trovi normale.

Se si vuole assumere gente per fare il doposcuola, che si abbia il coraggio di assumere dei "dopoinsegnanti", selezionati attraverso un canale diverso e inquadrati in modo diverso.

L.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 4:38 pm

Per un buon numero di alunni, avere qualcuno in grado di correggere e chiarire a tu per tu è una soluzione efficace. Alla fine, lo sportello dovrebbe funzionare così e non diventare una ripetizione di una lezione.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 5:03 pm

Io sono favorevole. Credo che per molti ragazzi significherebbe avere un'alternativa alla strada e soprattutto avere la possibilità di studiare.
Se poi non vogliamo definirla esigenza didattica, chiamiamola pure in un altro modo. Il concetto è quello.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 5:11 pm

Io farei due doposcuola separati: uno su base volontaria, dedicato a chi vuole un supporto allo studio per qualsiasi motivo e l'altro su base obbligatoria, dedicato a chi ha insufficienze.

Due distinti perchè distinte sono le personalità ed i bisogni dell'utenza; il primo sarebbe una sorta di valorizzazione delle eccellenze, il secondo una forma di galera, ed i galeotti non vanno mischiati con la gente per bene.
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 5:56 pm

Il motivo per cui trovo necessario il doposcuola è per un concetto altruistico perchè in tal modo tanti ragazzi che non svolgono i compiti scritti ed orali a casa per vari motivi così possono avere uno spazio dedicato a scuola per tale scopo, dall'altro per evitare che le lezioni mattutine siano svalorizzate dalla presenza di ragazzi che ancora non hanno assimilato i concetti necessari e tali da costringere gli insegnanti a dover fare la scelta di o bloccarsi negli stessi argomenti per tutto l'anno (trascurando le eccellenze) oppure di andare avanti lo stesso non considerando chi resta sempre più indietro e sempre più incapace di raggiungere i compagni più bravi.

Gli insegnanti del doposcuola non sono affatto svalutati rispetto a quelli della mattina in quanto le competenze didattiche sono identiche. Anzi. Lavorando in sinergia con quelli di mattina sui compiti e sulle lezioni da imparare darebbero una accellerata al processo di apprendimento di tutti i ragazzi che hanno difficoltà.
Se a questo si aggiunge la possibilità per loro di poter usufruire di una biblioteca attrezzata e di un pc collegato solo a wikipedia, avrebbero, così, anche la possibilità di avere quello che a casa non è loro possibile.

Per il doposcuola avere classi di 16 alunni ciascuna organizzati a due a due per azioni di tutoring fra alunni e per ottenere rinforzo, da parte degli insegnanti, sulle lezioni e i concetti spiegati la mattina penso che sia un'organizzazione efficace.
Naturalmente la disciplina dovrebbe essere molto curata e inflessibile.

Oppure come organizzare il doposcuola?
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1792
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 7:20 pm

Per fare le cose bene, il "doposcuola" dovrebbe essere appunto affidati a insegnanti, PAGATI quanto i colleghi diurni!
Ma se nella scuola pubblica di oggi non ci sono i soldi nemmeno per pagare le ore di lezione curricolari, figuriamoci se ce ne sono altri per i doposcuola. Al massimo ci sarà la solita buffonata sottopagata, con i risultati (pessimi) che si possono immaginare... di baby-sitting camuffato da istruzione.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 7:34 pm

isula. ha scritto:
Gli insegnanti del doposcuola non sono affatto svalutati rispetto a quelli della mattina in quanto le competenze didattiche sono identiche. Anzi. Lavorando in sinergia con quelli di mattina sui compiti e sulle lezioni da imparare darebbero una accellerata al processo di apprendimento di tutti i ragazzi che hanno difficoltà.
Rasoio bilama docet: la prima lama solleva il pelo e la seconda lo rade alla base; due lavori diversi ma servono due lame uguali.

Oggi vanno per la maggiore i rasoi trilama ....... quindi ho vinto io.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 7:35 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Per fare le cose bene, il "doposcuola" dovrebbe essere appunto affidati a insegnanti, PAGATI quanto i colleghi diurni!
Ma se nella scuola pubblica di oggi non ci sono i soldi nemmeno per pagare le ore di lezione curricolari, figuriamoci se ce ne sono altri per i doposcuola. Al massimo ci sarà la solita buffonata sottopagata, con i risultati (pessimi) che si possono immaginare... di baby-sitting camuffato da istruzione.
E lasciaci sognare !
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 8:06 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Paolo Santaniello ha scritto:
Per fare le cose bene, il "doposcuola" dovrebbe essere appunto affidati a insegnanti, PAGATI quanto i colleghi diurni!
Ma se nella scuola pubblica di oggi non ci sono i soldi nemmeno per pagare le ore di lezione curricolari, figuriamoci se ce ne sono altri per i doposcuola. Al massimo ci sarà la solita buffonata sottopagata, con i risultati (pessimi) che si possono immaginare... di baby-sitting camuffato da istruzione.
E lasciaci sognare !

Forse è sfuggito quello che ho scritto a cappello di questo topic, ossia a proposito dei colleghi che saranno immessi a partire dal 2015. Dovevo aggiungere che tali colleghi saranno in numero esorbitante: si parla in finanziaria di circa 150 mila immessi in ruolo. Ora addirittura si parla di Corte europea che ha sdoganato l'immissione in ruolo di 250 mila insegnanti. Si parla anche di organico funzionale al posto di quello di fatto e di diritto.

Ora tutta questa enormità di insegnanti che verrà pagata, in qualche posto verrà collocata, o no? Sostegno, doposcuola, laboratori, supplenze altri colleghi di ruolo.

Per cui pensare che dall'anno prossimo sarà possibile anche organizzare, con questo surplus di colleghi, anche i doposcuola da settembre fino a fine lezioni non credo affatto che sia irrealistica.
Anzi.

Per cui in che modo, secondo voi, potrebbe essere organizzato in modo ottimale il doposcuola?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Doposcuola come necessità didattica   Mer Nov 26, 2014 8:31 pm

Il numero è esorbitante per infanzia e primaria; per la secondaria è solo un po' gonfiatino.

Se insegni alla secondaria non aspettarti rivoluzioni.
Tornare in alto Andare in basso
 
Doposcuola come necessità didattica
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il caso e la necessità - Jacques Monod
» assegnazione provvisoria per continuità didattica
» Necessità del "formalismo etico"
» Corso Americanails Accademy
» Uomini, donne e statistiche...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: