Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Ven Nov 28, 2014 8:22 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/news/clil-miur-ha-soldi-formare-solo-2700-docenti

Ma assumere il coraggio di prendere atto che non si può cavare vino dalle rape no? Solo gli idioti si intestardiscono a cercare di riempire un vascone usando un colapasta.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 12:44 am

russele ha scritto:
Da docente di lingua inglese non condivido il concetto di clil così come imposto dal miur. Temo che questi corsi di certificazione si rivelino poi il disastro che hanno prodotto alla primaria.

Originariamente per il clil era richiesta una competenza di livello C1. Sostanzialmente veniva chiesto il CAE... non proprio fuffa anche se, oggettivamente, non sufficiente per poter dire che uno "sa" l'inglese. In ogni caso una cosa certamente non comparabile con la formazione un po' così richiesta agli insegnanti della primaria. In seguito il livello è stato però abbassato, progressivamente fino a B1. Però dovrebbe trattarsi di una situazione transitoria. A regime dovrebbe essere comunque richiesto il C1
Tornare in alto Andare in basso
russele



Messaggi : 495
Data d'iscrizione : 06.03.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 9:26 am

Ammetto di insegnare alle medie e quindi non sono cosí addentro alla vicenda clil. C1 è un'altra storia ma allora mi chiedo dove si troveranno tutti questi docenti. Non ne basterá ovviamente uno per scuola ma almeno uno per corso. Sará prerogativa dei "giovani" perché giá gente di 45/50 anni come me è probabile che al liceo abbia studiato il francese o il tedesco e non solo l"inglese. Se ricordate c'erano più possibilitá una volta. Come arrivi al C1 con un corso di formazione?. Io ci sono arrivata intorno al secondo anno di universit ma avevo alle spalle scuola, gite studio, Erasmus... Ma facevo solo quello. Noi lavoriamo! A tempo perso si arriva per forza di cose poco lontano.
Per tanti motivi questo del clil è effettivamente un matrimonio con i fichi secchi. Per non parlare dell"alto concetto che il MIUR ha delle lingue straniere. Ma questo è un altro topic.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 9:34 am

avidodinformazioni ha scritto:

Cattiveria gratuita: il latino è sempre lo stesso da 1500 anni a questa parte vero ?

Quello che facciamo studiare a scuola sì. Che poi è esistito per meno di un secolo, se non sbaglio.

Invece il latino si evolve pure lui, al Vaticano inventano sempre nuovi vocaboli per stare al passo con le novità, visto che ogni tanto il Papa scrive un'enciclica.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 9:44 am

russele ha scritto:
Ammetto di insegnare alle medie e quindi non sono cosí addentro alla vicenda clil. C1 è un'altra storia ma allora mi chiedo dove si troveranno tutti questi docenti...

Infatti ce ne sono relativamente pochi. Cmq dipende dal contesto. IMHO nei licei trovare personale qualificato con un C1 riconosciuto da un ente internazionale tipo Cambridge, non dovrebbe essere difficile. Infatti molti hanno già le competenze linguistiche richieste e devono solo certificarsi. Per gli ITIS il discorso è diverso, IMHO. Cmq dipende molto dal contesto.

Cmq non escludo che qualcuno al MIUR vagheggi l'idea di aggirare il problema di dover formare il personale obbligando i neo-assunti a formarsi da soli (vedi, a tal proposito, questo link)
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25642
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 10:09 am

Lenar ha scritto:
russele ha scritto:
Da docente di lingua inglese non condivido il concetto di clil così come imposto dal miur. Temo che questi corsi di certificazione si rivelino poi il disastro che hanno prodotto alla primaria.

Originariamente per il clil era richiesta una competenza di livello C1. Sostanzialmente veniva chiesto il CAE... non proprio fuffa anche se, oggettivamente, non sufficiente per poter dire che uno "sa" l'inglese. In ogni caso una cosa certamente non comparabile con la formazione un po' così richiesta agli insegnanti della primaria. In seguito il livello è stato però abbassato, progressivamente fino a B1. Però dovrebbe trattarsi di una situazione transitoria. A regime dovrebbe essere comunque richiesto il C1



Forse non hai grande familiarità con le richieste di un livello C1. Tiene presente che, dopo, c'è solo il CPE-C2 che richiede all'esaminato una competenza linguistica pari a quella di un madrelingua con formazione universitaria.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 10:11 am

Lenar ha scritto:
russele ha scritto:
Ammetto di insegnare alle medie e quindi non sono cosí addentro alla vicenda clil. C1 è un'altra storia ma allora mi chiedo dove si troveranno tutti questi docenti...

Infatti ce ne sono relativamente pochi. Cmq dipende dal contesto. IMHO nei licei trovare personale qualificato con un C1 riconosciuto da un ente internazionale tipo Cambridge, non dovrebbe essere difficile.

La mia sensazione è diametralmente opposta: di docenti certificati ce ne sono pochissimi, in possesso di competenze non certificate qualcuno in più, ma sempre sparuta minoranza. Lo dico sulla base 1) della mia scuola 2) su notizie provenienti da scuole del circondario. Magari altrove la situazione è diversa, ma non mi aspetto differisca di molto.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 10:14 am

Lenar ha scritto:

Originariamente per il clil era richiesta una competenza di livello C1. Sostanzialmente veniva chiesto il CAE... non proprio fuffa anche se, oggettivamente, non sufficiente per poter dire che uno "sa" l'inglese.

Dipende che cosa intendi con "sa". Certo non come il docente di lingue. Ma non deve "saperlo" in quel modo. Deve "sapere" la lingua quanto basta per usarla per insegnare.
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25642
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 10:16 am

Valerie ha scritto:
Ma è meraviglioso Gian!


Certo, tenendo sempre presente che poi esiste una forma standard di italiano (con i transitivi e gli intransitivi al posto giusto) che tutti saremmo invitati ad usare soprattutto a scuola.
Tu accetteresti un testo misto tra bretone e francese o con qualche "idioletto marittimo" tipico del porto di Marsiglia?
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25642
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 10:17 am

mac67 ha scritto:
Lenar ha scritto:
russele ha scritto:
Ammetto di insegnare alle medie e quindi non sono cosí addentro alla vicenda clil. C1 è un'altra storia ma allora mi chiedo dove si troveranno tutti questi docenti...

Infatti ce ne sono relativamente pochi. Cmq dipende dal contesto. IMHO nei licei trovare personale qualificato con un C1 riconosciuto da un ente internazionale tipo Cambridge, non dovrebbe essere difficile.

La mia sensazione è diametralmente opposta: di docenti certificati ce ne sono pochissimi, in possesso di competenze non certificate qualcuno in più, ma sempre sparuta minoranza. Lo dico sulla base 1) della mia scuola 2) su notizie provenienti da scuole del circondario. Magari altrove la situazione è diversa, ma non mi aspetto differisca di molto.


Ad oggi, dopo mesi di "indagini" fra scuole, non sono ancora riuscito a trovare un docente certificato C1. Pochissimi di livello B2. Tantissimi senza nulla (cioè senza inglese).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 11:15 am

Lenar ha scritto:
Cmq non escludo che qualcuno al MIUR vagheggi l'idea di aggirare il problema di dover formare il personale obbligando i neo-assunti a formarsi da soli (vedi, a tal proposito, questo link)
vagheggiamenti
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 12:12 pm

Valerie ha scritto:
Ma è meraviglioso Gian!
Intendevo dire il vostro modo di parlare, con struttura sarda e lessico italiano. Mi intriga un casino scoprire come funzionano i vari modi di parlare.
È meraviglioso per me averlo scoperto.
Sull'uso di queste 'lingue' a scuola non mi pronuncio.
Scusate l'off topic e la poca chiarezza (anche se Gugu aveva capito a cosa mi riferivo).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 12:33 pm

Valerie ha scritto:
Valerie ha scritto:
Ma è meraviglioso Gian!
Intendevo dire il vostro modo di parlare, con struttura sarda e lessico italiano. Mi intriga un casino scoprire come funzionano i vari modi di parlare.
È meraviglioso per me averlo scoperto.
Sull'uso di queste 'lingue' a scuola non mi pronuncio.
Scusate l'off topic e la poca chiarezza (anche se Gugu aveva capito a cosa mi riferivo).
Ed io no ?

Sono geloso !
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 12:50 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Valerie ha scritto:
Valerie ha scritto:
Ma è meraviglioso Gian!
Intendevo dire il vostro modo di parlare, con struttura sarda e lessico italiano. Mi intriga un casino scoprire come funzionano i vari modi di parlare.
È meraviglioso per me averlo scoperto.
Sull'uso di queste 'lingue' a scuola non mi pronuncio.
Scusate l'off topic e la poca chiarezza (anche se Gugu aveva capito a cosa mi riferivo).
Ed io no ?
Sono geloso !
Oooh signuuuuur!!! Mi ero persa tutta la pagina di post e avevo letto solo questi ultimi... Ah l'età!!! Ecco perché non porto tacchi e minigonna!!
;-)
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 12:57 pm

Comunque sull'immediatezza della lingua locale rispetto all'italiano standard... Ogni tanto in classe mi scappa qualche intervento in brianzolo, sai com'è, insegnando francese... Noto con segreto piacere che per alcuni alunni è ancora 'illuminante'...
Basta, non dico più nulla fuori argomento. Ma se vi va di aprire un'altro topic....
;-)
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 1:54 pm

gugu ha scritto:
Lenar ha scritto:
russele ha scritto:
Da docente di lingua inglese non condivido il concetto di clil così come imposto dal miur. Temo che questi corsi di certificazione si rivelino poi il disastro che hanno prodotto alla primaria.

Originariamente per il clil era richiesta una competenza di livello C1. Sostanzialmente veniva chiesto il CAE... non proprio fuffa anche se, oggettivamente, non sufficiente per poter dire che uno "sa" l'inglese. In ogni caso una cosa certamente non comparabile con la formazione un po' così richiesta agli insegnanti della primaria. In seguito il livello è stato però abbassato, progressivamente fino a B1. Però dovrebbe trattarsi di una situazione transitoria. A regime dovrebbe essere comunque richiesto il C1



Forse non hai grande familiarità con le richieste di un livello C1. Tiene presente che, dopo, c'è solo il CPE-C2 che richiede all'esaminato una competenza linguistica pari a quella di un madrelingua con formazione universitaria.

Per la verità ho superato il CAE con 78/100. Tuttavia mi guardo bene dall'affermare di sapere l'inglese. Comprendo bene il parlato, lo so leggere fluentemente, so scrivere decentemente ma sullo "speaking" ho ancora più di un problema.
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25642
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 1:57 pm

Lenar ha scritto:
gugu ha scritto:
Lenar ha scritto:
russele ha scritto:
Da docente di lingua inglese non condivido il concetto di clil così come imposto dal miur. Temo che questi corsi di certificazione si rivelino poi il disastro che hanno prodotto alla primaria.

Originariamente per il clil era richiesta una competenza di livello C1. Sostanzialmente veniva chiesto il CAE... non proprio fuffa anche se, oggettivamente, non sufficiente per poter dire che uno "sa" l'inglese. In ogni caso una cosa certamente non comparabile con la formazione un po' così richiesta agli insegnanti della primaria. In seguito il livello è stato però abbassato, progressivamente fino a B1. Però dovrebbe trattarsi di una situazione transitoria. A regime dovrebbe essere comunque richiesto il C1



Forse non hai grande familiarità con le richieste di un livello C1. Tiene presente che, dopo, c'è solo il CPE-C2 che richiede all'esaminato una competenza linguistica pari a quella di un madrelingua con formazione universitaria.

Per la verità ho superato il CAE con 78/100. Tuttavia mi guardo bene dall'affermare di sapere l'inglese. Comprendo bene il parlato, lo so leggere fluentemente, so scrivere decentemente ma sullo "speaking" ho ancora più di un problema.



Ecco prova a pensare a quale sia la situazione reale del corpo docente. La richiesta di un C1 non potrà essere avanzata per anni (i docenti che hanno un B2 certificato sono in genere quelli giovanissimi che hanno dato obbligatoriamente il FCE all'università).
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 2:08 pm

gugu ha scritto:
Lenar ha scritto:
gugu ha scritto:
Lenar ha scritto:
russele ha scritto:
Da docente di lingua inglese non condivido il concetto di clil così come imposto dal miur. Temo che questi corsi di certificazione si rivelino poi il disastro che hanno prodotto alla primaria.

Originariamente per il clil era richiesta una competenza di livello C1. Sostanzialmente veniva chiesto il CAE... non proprio fuffa anche se, oggettivamente, non sufficiente per poter dire che uno "sa" l'inglese. In ogni caso una cosa certamente non comparabile con la formazione un po' così richiesta agli insegnanti della primaria. In seguito il livello è stato però abbassato, progressivamente fino a B1. Però dovrebbe trattarsi di una situazione transitoria. A regime dovrebbe essere comunque richiesto il C1



Forse non hai grande familiarità con le richieste di un livello C1. Tiene presente che, dopo, c'è solo il CPE-C2 che richiede all'esaminato una competenza linguistica pari a quella di un madrelingua con formazione universitaria.

Per la verità ho superato il CAE con 78/100. Tuttavia mi guardo bene dall'affermare di sapere l'inglese. Comprendo bene il parlato, lo so leggere fluentemente, so scrivere decentemente ma sullo "speaking" ho ancora più di un problema.

Ecco prova a pensare a quale sia la situazione reale del corpo docente. La richiesta di un C1 non potrà essere avanzata per anni (i docenti che hanno un B2 certificato sono in genere quelli giovanissimi che hanno dato obbligatoriamente il FCE all'università).

Contrariamente al mio solito, in questo frangente mi sento abbastanza ottimista. In particolare credo che la maggior parte dei giovani abbiano già una competenza linguistica che se non è C1 poco ci manca. Di certo hanno almeno il B2, perché, come hai sottolineato tu, molte università lo richiedono. Per altro, almeno sulla base della mia personale esperienza (esame al British Council di Milano), non è che stiamo parlando di un livello di inglese stratosferico. Uno che riesce a seguire, tanto per dirne una, una puntata di un telefilm o un dibattito presidenziale in lingua originale per me lo passa senza grossi patemi d'animo.




Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25642
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 2:15 pm

Penso che l'anno prossimo potrà essere la cartina di tornasole. Molti degli ultimi sissini che entreranno in ruolo sono quelli del B2; usando quelli si potranno già fare grossi passi avanti rispetto a quest'anno. Da noi non c'è nessun docente minimamente certificato, per cui seguendo i dettami della circolare si lavorerà in team (curricolare+docente lingua) per combinare qualcosa. E speriamo bene.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 2:40 pm

gugu ha scritto:
Ecco prova a pensare a quale sia la situazione reale del corpo docente. La richiesta di un C1 non potrà essere avanzata per anni (i docenti che hanno un B2 certificato sono in genere quelli giovanissimi che hanno dato obbligatoriamente il FCE all'università).
Non solo, il B2 è alla portata di chiunque a tempo perso decida di studiare la lingua; per C1 e C2 bisogna affrontare lo studio in maniera "professionale", a cominciare da qualche soggiorno all'estero; vogliamo ricordarlo che i docenti sono intrinsecamente dei morti di fame ? Con 1300 € al mese è già tanto se faccio un soggiorno a Pinerolo (per me che sono di Torino).
Tornare in alto Andare in basso
Online
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 2:45 pm

avidodinformazioni ha scritto:
gugu ha scritto:
Ecco prova a pensare a quale sia la situazione reale del corpo docente. La richiesta di un C1 non potrà essere avanzata per anni (i docenti che hanno un B2 certificato sono in genere quelli giovanissimi che hanno dato obbligatoriamente il FCE all'università).
Non solo, il B2 è alla portata di chiunque a tempo perso decida di studiare la lingua; per C1 e C2 bisogna affrontare lo studio in maniera "professionale", a cominciare da qualche soggiorno all'estero; vogliamo ricordarlo che i docenti sono intrinsecamente dei morti di fame ? Con 1300 € al mese è già tanto se faccio un soggiorno a Pinerolo (per me che sono di Torino).

Quoto avido: se ci vogliono, ci paghino almeno un paio di settimane di vacanza in UK o USA : )


Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 4:46 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Non solo, il B2 è alla portata di chiunque a tempo perso decida di studiare la lingua; per C1 e C2 bisogna affrontare lo studio in maniera "professionale", a cominciare da qualche soggiorno all'estero; vogliamo ricordarlo che i docenti sono intrinsecamente dei morti di fame ? Con 1300 € al mese è già tanto se faccio un soggiorno a Pinerolo (per me che sono di Torino).

Questa poi è una di quelle cose che cerco sempre di non pensarci altrimenti mi vengono le bolle. Ci chiedono di

1) essere laureati
2) sapere spiegare
3) avere competenze didattico-metodologiche
4) essere group leader (scusate il termine, ma in italiano dovrei fare un lungo giro di parole)
5) essere psicologi
6) conoscere e usare tutti i mezzi tecnologici del caso, imparando da soli
7) fare lezione in una lingua straniera
andare in missione (leggi: accompagnare per viaggi, visite ecc.) 24 ore su 24 senza vedere alcun ricompenso
9) orientare, tenere contatti con il territorio, ecc.

ci manca solo una fetta di qlo e siamo al completo. Che tutta questa roba, in un mercato del lavoro normale, corrisponda a uno stipendio molto superiore a quello che ci danno e "ancora più molto superiore" a quello che ci vorrebbero dare non gli passa nemmeno per l'anticamera dell'anticamera del cervello.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 5:20 pm

Sempre che, dopo aver superato e attraversato le varie anticamere, il cervello riescano a trovarlo!!
Ci sarà?? :-)
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 5:26 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:

Non solo, il B2 è alla portata di chiunque a tempo perso decida di studiare la lingua; per C1 e C2 bisogna affrontare lo studio in maniera "professionale", a cominciare da qualche soggiorno all'estero; vogliamo ricordarlo che i docenti sono intrinsecamente dei morti di fame ? Con 1300 € al mese è già tanto se faccio un soggiorno a Pinerolo (per me che sono di Torino).

Questa poi è una di quelle cose che cerco sempre di non pensarci altrimenti mi vengono le bolle. Ci chiedono di

1) essere laureati
2) sapere spiegare
3) avere competenze didattico-metodologiche
4) essere group leader (scusate il termine, ma in italiano dovrei fare un lungo giro di parole)
5) essere psicologi
6) conoscere e usare tutti i mezzi tecnologici del caso, imparando da soli
7) fare lezione in una lingua straniera
andare in missione (leggi: accompagnare per viaggi, visite ecc.) 24 ore su 24 senza vedere alcun ricompenso
9) orientare, tenere contatti con il territorio, ecc.

ci manca solo una fetta di qlo e siamo al completo. Che tutta questa roba, in un mercato del lavoro normale, corrisponda a uno stipendio molto superiore a quello che ci danno e "ancora più molto superiore" a quello che ci vorrebbero dare non gli passa nemmeno per l'anticamera dell'anticamera del cervello.

Che poi lo stipendio che ci vorrebbero dare sarebbe pure inferiore a quello che attualmente ci danno (vedi, a tal proposito, i calcoli della Gilda riportati qui).

Il perchè di tutto ciò credo vada ricercato nella solita regola del mercato: nonostante quanto da te sopra riportato sia sacrosanto, c'è comunque, fuori dal provveditorato, la fila di gente che è pronta a farlo per 1300/1200 euri mensili. Addirittura, in un altro post, c'era un tizio che diceva che, se proprio proprio l'assunzione di 250.000 persone oltre l'organico attuale dovesse destabilizzare i conti del MIUR, si potrebbe sepre ricorrere ad una riduzione stipendiale per riportarli in equilibrio.

Di fronte al paradosso precedente, per altro, l'uomo della strada si da risposte deleterie ai fini del nostro prestigio: "Essi" afferma l'UDS "si adattano ad uno stipendio così miserrimo a fronte di richieste talmente esorbitanti perché:

a) Lavorano solo 18 ore alla settimana
b) In realtà vanno in classe a leggere il giornale
c) Hanno tre mesi di ferie l'anno
d) Fanno tutti il doppio lavoro"

etc etc... sbrodolando i vari luoghi comuni che tutti ben conosciamo.

... A volte mi viene da pensare che avesse ragione la Gelmins: meglio meno materie ed ore di lezione per i ragazzi e meno insegnanti ma con stipendi decenti e con un prestigio diverso. Poi, con tanto impegno, mi ricordo che la Gelmins, a prescindere, non può avere ragione.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 6:00 pm

Lenar ha scritto:
A volte mi viene da pensare che avesse ragione la Gelmins: meglio meno materie ed ore di lezione per i ragazzi e meno insegnanti ma con stipendi decenti e con un prestigio diverso. Poi, con tanto impegno, mi ricordo che la Gelmins, a prescindere, non può avere ragione.

Ah, perché la riforma della Gelmini ha introdotto stipendi migliori o prestigio rinnovato per gli insegnanti?

Ma quando mai?

Faccio presente che la riforma della Gelmini è quella che è effettivamente in vigore ADESSO.

Non è che sia stata impedita, sabotata o interrotta... ma è esattamente quella che regolamenta la scuola di oggi, e alla quale siamo obbligati a far riferimento nel nostro lavoro quotidiano di oggi.

Ti risulta che, a causa delle innovazioni introdotte dalla Gelmini, adesso abbiamo stipendi migliori o considerazione sociale migliore rispetto a cinque o dieci anni prima?

A me no.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi   Dom Nov 30, 2014 6:06 pm

[quote="paniscus_2.0"]
Ti risulta che, a causa delle innovazioni introdotte dalla Gelmini, adesso abbiamo stipendi migliori o considerazione sociale migliore rispetto a cinque o dieci anni prima? /quote]

Io vedo un miglioramento generale della qualità per la società. Prima doveva disporre di zerbini in plastica, di quelli pagati due euro al supermercato. Ora dispone di zerbini in pelle umana.
Ecchecavolo, vuoi mettere?
Tornare in alto Andare in basso
 
Siamo alle solite: nozze con i fichi secchi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» vabbe visto che siamo in vena di anneddoti ... e manie .. vi racconto quelle di Mau
» LASCIARSI ANDARE ALLE EMOZIONI
» Non siamo tutti uguali
» ho fatto ovitrelle alle 21 e...
» Saluti alle zie da Gimmy Timmy e Tommy

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: