Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Didattica della lingua francese.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tsuritama



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Didattica della lingua francese.    Sab Dic 06, 2014 3:29 pm

Approfitto di questo forum per chiedere alle colleghe/i che insegnano francese alla secondaria di I grado se possono darmi un'idea su come sviluppare la seguente traccia:
"Présentez à des élèves du collège (classe et niveau à préciser) quelques problèmes d'homophonie à l'aide d'exemples".
Il tutto deve essere proposto come un testo informativo/esplicativolungo tra le 30 e le 35 righe comprensive di un possibile esercizio da proporre sull'argomento per meglio illustrarlo.
Come qualcuno avrà indovinato è un lavoro assegnato in vista di un esame per il PAS di didattica della lingua francese. Fino ad ora però non sono riuscita a trovare nulla che possa darmi delle indicazioni più precise su come sviluppare questa traccia e il materiale fornito al corso non comprende nulla che possa essere utile in tal senso.
Ringrazio  anticipatamente chi mi risponderà.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Sab Dic 06, 2014 6:38 pm

Io direi qualcosa di semplice, attinente il lessico della lingua quotidiana come mer, mère, maire.
Potresti inventare un testo in cui siano presenti tutti e tre i vocaboli, chiedere ai ragazzi di riconoscerli come omofoni, lavorare sul significato di ognuno riutilizzando il vocabolo in un contesto diverso da quello presentato, inventare una serie di frasi in cui inserire l'uno o l'altro o l'altro.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Sab Dic 06, 2014 7:08 pm

O magari qualcosa di grammatica tipo c'est, s'est, ses.
Metterli tutti nello stesso brano insieme a quelli di cui sopra?
Prova a guardare anche sul sito 'le point du fle'.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Sab Dic 06, 2014 7:17 pm

Ho cercato con google 'les homophones', c'è un sacco di roba!
Per esempio:
http://grammaire.reverso.net/2_1_les_homophones.shtml
Tornare in alto Andare in basso
Tsuritama



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Sab Dic 06, 2014 7:18 pm

Grazie!!! Ora provo a vedere e poi cerco di inventarmi un'introduzione che possa essere adatta per un testo esplicativo, per poi scrivere gli esercizi.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Sab Dic 06, 2014 7:22 pm

Io citerei anche il QCER che, per il livello A1, massimo A2, raggiungibili alla scuola media con le attuali classi pollaio in due ore settimanali, prevedono una competenza ortografica parziale, tant'è che al DELF viene accettata la scrittura 'fonetica'.
Presenterei il lavoro sugli omofoni più come gioco di parole che come pignoleria ortografica.
Poi vedi tu, ovviamente.
Tornare in alto Andare in basso
Tsuritama



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Dom Dic 07, 2014 2:30 pm

In effetti a lezione ci dicono che se l'obiettivo è sapere se hanno capito la differenza tra, ad esempio due omofoni, il resto si può anche correggere ma non valutare non togliendo quindi punti al voto finale. Nel nostro caso, con le striminzite due ore settimanali, testare il raggiungimento di un solo obiettivo appare un lusso che non possiamo permetterci. Personalmente io sono poco elastica in quanto cerco di proporre verifiche la cui facilità garantisca almeno la sufficienza per tutti, se poi i ragazzi si impegnano il bel voto è assicurato.
L'esercizio, a quel che mi è sembrato di capire, deve essere proposto come lo farebbe uno dei libri di testo che usiamo in classe, vale a dire con una semplice spiegazione introduttiva dell'argomento trattato e il relativo esercizio allegato.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Dom Dic 07, 2014 5:30 pm

Che testo usi in classe?
Tornare in alto Andare in basso
Tsuritama



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Dom Dic 07, 2014 5:56 pm

"Nos années collège" in 2a e 3a e "Quelle chance" in 1a, testi ereditati dalle colleghe degli anni passati. Inutile dire che mi piace più il secondo, ma trovo che la parte di fonetica è trattata in maniera molto esaustiva anche nel primo.
Tornare in alto Andare in basso
mad



Messaggi : 1029
Data d'iscrizione : 27.08.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Dom Dic 07, 2014 6:38 pm

Tsuritama ha scritto:
Personalmente io sono poco elastica in quanto cerco di proporre verifiche la cui facilità garantisca almeno la sufficienza per tutti, se poi i ragazzi si impegnano il bel voto è assicurato.L

io propongo verifiche in cui la sufficienza è garantita solamente a chi studia. Oggi, ad esempio, ho corretto verifiche sul passé composé e non sono mancati i 9 e i 10, e neppure i 4, i 3, i 2 e c'è scappato pure un 1.

per aver garantito almeno la sufficienza ai nullafacenti dovrei limitarmi a chiedere nome e cognome, e sbaglierebbero pure lì, dato che non si ricordano neppure cosa è il nom e cosa è il prénom!
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Dom Dic 07, 2014 7:46 pm

mad ha scritto:
Tsuritama ha scritto:
Personalmente io sono poco elastica in quanto cerco di proporre verifiche la cui facilità garantisca almeno la sufficienza per tutti, se poi i ragazzi si impegnano il bel voto è assicurato.L

io propongo verifiche in cui la sufficienza è garantita solamente a chi studia. Oggi, ad esempio, ho corretto verifiche sul passé composé e non sono mancati i 9 e i 10, e neppure i 4, i 3, i 2 e c'è scappato pure un 1.

per aver garantito almeno la sufficienza ai nullafacenti dovrei limitarmi a chiedere nome e cognome, e sbaglierebbero pure lì, dato che non si ricordano neppure cosa è il nom e cosa è il prénom!

idem come sopra!!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Tsuritama



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Dom Dic 07, 2014 10:06 pm

Visto il livello di preparazione dei miei studenti e la loro voglia di studiare, se facessi come te temo che l'ottanta per cento di loro sare insufficiente, ma non solo, sono sicura che il giorno dopo gran parte dei genitori verrebbe a protestare per cotanta crudeltà verso i di loro pargoletti. A onor del vero ho ereditato queste classi dove si è sempre fatto poco per vari motivi, ritenendo la lingua francese una materia senza importanza. Sto cercando di salvare il salvabile anche per arrivare all'esame di terza con un po' più di preparazione, ma sono sicura che loro sono molto più sereni di me presentendo che alla fine arriverà la promozione per tutti o quasi.
Tornare in alto Andare in basso
mad



Messaggi : 1029
Data d'iscrizione : 27.08.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Lun Dic 08, 2014 9:42 am

Tsuritama ha scritto:
Visto il livello di preparazione dei miei studenti e la loro voglia di studiare, se facessi come te temo che l'ottanta per cento di loro sare insufficiente, ma non solo, sono sicura che il giorno dopo gran parte dei genitori verrebbe a protestare per cotanta crudeltà verso i di loro pargoletti. A onor del vero ho ereditato queste classi dove si è sempre fatto poco per vari motivi, ritenendo la lingua francese una materia senza importanza. Sto cercando di salvare il salvabile anche per arrivare all'esame di terza con un po' più di preparazione, ma sono sicura che loro sono molto più sereni di me presentendo che alla fine arriverà la promozione per tutti o quasi.

sarò franca, quindi mi scuso in anticipo se le mie parole ti offendono o altro. la mia è un'opinione, non un giudizio.

secondo me sbagli, allla grande.
durante le ore di lezione cosa fai, ti metti lo smalto alle unghie? non credo proprio. spieghi, fai esercizi di applicazione, di ripasso, controlli i compiti, verifichi se hanno capito o meno, assegni altro lavoro nel caso una regola, una funzione, del lessico non è stato ben assimilato...magari fai anche una lista dettagliata degli argomenti della verifica e l'ora precedente fai il ripasso in preparazione alla verifica stessa... io faccio così. poi somministro una verifica che riassume tutto il lavoro svolto in classe, e non faccio mezza piega se il 10%, il 50% o anche 80% degli alunni prende l'insufficienza, perchè ho dato loro (H e DSA compresi) tutti gli strumenti e il tempo necessario per prepararsi a dovere (fisso la data e comunico loro la famosa lista degli esercizi con almeno due settimane di anticipo).

genitori inviperiti ? mai capitato, perchè sanno che non possono permettersi di farlo.
non bisogna avere paura dei genitori. li si mette alla porta e stop. tu hai lavorato bene? sì. i ragazzi hanno studiato? no.
non capisco il timore (non tuo, generalizzato tra i docenti) delle rimostranze delle famiglie...

a mio avviso il tuo approccio, o per lo meno quello che si evince da quanto hai scritto qui sul forum, non fa diventare il francese una materia importante agli occhi dei tuoi alunni. anzi... la studiano ancor meno, tanto la verifica è facile e il 6 è assicurato...(questo hai scritto in un post precedente)

infine, certo che sono sereni presentendo di essere tutti promossi!!! e chi non lo sarebbe? io e i miei colleghi non vogliamo che presentano la promozione per tutti o quasi. vogliamo inculcare loro il senso del dovere, vogliamo capiscano che la promozione va meritata, che l'esame è una cosa seria, da affrontare con impegno e, soprattutto, che l'ammissione e, successivamente, il superamento dell'esame non sono affatto una cosa scontata.

detto questo, la libertà d'insegnamento è bellissima, quindi procedi come meglio credi per te e per i tuoi studenti.
Tornare in alto Andare in basso
Tsuritama



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Lun Dic 08, 2014 3:04 pm

Guarda che anche io la penso come te ma dato che ho trovato una situazione a dir poco disastrosa, sto cercando di rimediare per gradi alla assoluta mancanza di preparazione e considerazione verso la mia materia. Personalmente sono convinta di non poterlo fare in termini così rigidi perchè ti assicuro che non capirebbero dopo uno o due anni di allegra anarchia (in prima ovviamente questo discorso non vale e non ci sono grandi difficoltà) . Hanno capito che ho un modo di lavorare diverso e che si pretende di più rispetto al passato. Ti faccio un esempio: l'anno scorso l'interrogazione orale consisteva nel leggere un brano di un dialogo (contenuto nel CD a loro disposizione) scelto tra gli ultimi tre spiegati e tradotti in classe. Tutto qui. Erano abituati ad avere brutti voti allo scritto ma questo tipo di interrogazione li salvava dall'insufficienza in pagella. Ora li faccio leggere, tradurre, chiedo loro di inscenare semplici dialoghi sulle situazioni comunicative che abbiamo studiato e chiedo pure le regole di grammatica. Devono dimostrarmi di avere studiato e capito quanto spiegato in classe. Certo, la pronuncia è spesso molto scorretta, li correggo ripetutamente e mi guardano come se fossi un po' fissata su cose di poco conto, ma almeno hanno idea di quello che stanno facendo. Pensa che il mio prossimo obiettivo è sentire un verbo coniugato al presente indicativo con una pronuncia accettabile e non ripetuto così come lo trovano scritto. Per quanto riguarda le verifiche, non è che tutti hanno preso dal 6 in su, ho dato purtroppo parecchi 4, segno che il libro lo avevano aperto in pochi. Detto questo, riconosco che nel passato hanno approfittato di una situazione di incertezza che ha regnato per anni, con insegnanti e supplenti che cambiavano ogni sei mesi senza dar loro una continuità didattica e una valida impostazione nel metodo di studio, ma questa è la sola scusante, se così la si vuol considerare, che possono avere.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Mar Dic 09, 2014 9:12 am

Tsuritama, hai scritto tutto quello che avrei scritto anche io.
Io ho cominciato a vedere i risultati migliori quando ho portato le mie classi dall prima alla terza media, non perché io sia migliore di altri insegnanti, ma perché la continuità paga, non lo si può negare.
Aggiungiamo anche che il numero di alunni per classe e, in allegato, il numero di problemi influisce molto sulla didattica. L'attenzione e il tempo che puoi dedicare a ogni alunno in classi da 10 non puoi certo darlo quando hai 28-29 alunni per classe. Se poi hai nove classi così, la energie psicofisiche si esauriscono velocemente! Per la legge dei grandi numeri poi, oltre a subentrare anche il problema della gestione della classe, aumentano i 'casi' e i 'casini' che, in un contesto del genere, sono ancora più gravosi da seguire.
Infine bisogna considerare il contesto. La nostra scuola si trova in un'area a forte immigrazione, c'è un alto rischio di dispersione scolastica, abbiamo periodicamente alunni provenienti da una comunità per ragazzi allontanati dalla famiglia, insomma... le teorie sono giuste e condivisibili in linea di principio, ma tra il dire e il fare...
Ho avuto classi in cui quasi tutti hanno raggiunto il livello A2, altre in cui a mala pena si è arrivati all'A1. Pace amen.
;-)
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Mar Dic 09, 2014 11:04 pm

io concordo in tutto e per tutto con mad, pur trovandomi nella stessa situazione di Tsuritama

ogni tanto qualche genitore va dalla ds x le troppe insufficienze, lei regolarmente mi fa il suo predicozzo, ma io so di avere lavorato bene e di avere la coscienza tranquilla....
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Mer Dic 10, 2014 6:21 pm

Ma certo Forza, ci mancherebbe! Non devi farti menate inutili! Anzi! Ribellati! Ma poi, come fa un genitore a sapere quante insufficienze dai? Al limite può parlare di suo figlio, mica degli altri!
Tutti siamo d'accordo con quanto dice Mad, ma spesso i nostri principi si scontrano con la dura realtà. Io non riesco a fare tutte le cose allo stesso modo in tutte le classi. Ne ho un paio in cui si va via lisci, capiscono e memorizzano subito, sono veloci, riesco a fare dei mini progetti oltre alle normali lezioni.
Altre invece ci mettono una vita a fare le cose minime, quelle più difficili nemmeno le propongo.
Certo, nelle prime due classi ci saranno un sacco di 10, nelle altre se riesco a mettere 8 a qualche 'illuminato' è già un miracolo. Che ci possiamo fare?
Ora Tsuritama deve salvare il salvabile. Miracoli non ne può fare. Recupererà gli aspetti fondamentali del livello A1. Farà verifiche su obiettivi minimi in modo da mettere 6 a chi li ha raggiunti. Forse non avrà la soddisfazione di mettere dei 10. Pazienza. Si rifarà l'anno prossimo!
;-))

Tornare in alto Andare in basso
Tsuritama



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 16.10.12

MessaggioOggetto: Re: Didattica della lingua francese.    Gio Dic 11, 2014 9:29 pm

Leggo solo stasera le vostre risposte, mi scuso ma sono giorni che tra lavoro, verifiche da correggere e frequenza PAS non mi rimane molto per guardare altro. Proprio stamattina mi ha chiamato la Preside perchè la rappresentante di una terza riporta le lamentele dei genitori su di me che do voti così bassi. Le lamentele non riguardano solo me ma anche la collega di matematica (supplente non si sa fino a quando) e guarda caso siamo le ultime arrivate in quella scuola. Con gli altri insegnanti ci hanno provato, ma è andata male, quindi si vede che ora tocca a noi due. Il caso vuole che proprio oggi abbia fatto un'altra verifica e così l'ho mostrata alla Dirigente ancora fresca di penna. Pensa che ho "osato" chiedere ai miei studenti che scrivessero un numero in lettere (si chiedeva quante persone parlassero nel dialogo della prova di ascolto) , precisando che poichè si trattava di una cifra compresa tra uno e dieci, mi aspettavo che almeno fino a lì sapessero scrivere correttamente tale numero.. Beh, non le ho ancora corrette tutte, ma ti assicuro che scrivere 3 correttamente non è così scontato ( e si parla sempre di terza media). Quindi in una tale situazione l'asticella si abbassa sempre più e a volte è inevitabile farsi prendere dallo sconforto. Grazie Valerie, le tue parole mi sono piaciute molto. Forse il segreto sta nel non vivere queste situazioni come un insuccesso, ma come uno dei tanti aspetti di questo lavoro che ci mette alla prova con situazioni di ogni tipo.
Tornare in alto Andare in basso
 
Didattica della lingua francese.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» Armonia della Perfezione
» non so trovare un titolo a questo capitolo della mia vita

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: