Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Procopio



Messaggi : 895
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Sab Dic 13, 2014 6:38 pm

Salve,
senza troppo tediare i gentili lettori voglio qui raccogliere le mie considerazioni sui corsi CLIL: alcuni già conclusi ma senza rilascio dell'attestato, altri ancora "in itenere" ed altri "dispersi".
Non conosco la situazione puntuale, anche perché sono stato un semplice utente che ha avuto la dabbenaggine di credere che il MIUR volesse offrire un corso di Inglese gratuito ai suoi docenti e mi sono con "fervore ed impeto" iscritto, pur sapendo che la frequenza richiedeva 130 ore di corso.
Passi, ho pensato, "Parigi val bene una messa".
Non l'avessi mai fatto! Altro che 130 ore di corso: tra lezioni in aula, esercitazioni on-line e preparazioni all'esame finale (tenutosi a metà ottobre del corrente anno, ma il cui esito ad oggi 13 dicembre 2014 non è ancora noto) sono state spese almeno il triplo delle ore previste!
In compenso è cambiato qualcosa?
Certo ho avuto una nomina d'ufficio per "svolgere moduli didattici con metodologia CLIL" in due classi, il tutto SENZA CHE IO ABBIA MAI ACCETTATO E SENZA ALCUN COMPENSO ECONOMICO A FRONTE DEL LAVORO CHE DOVRO' FARE E DI QUELLO APPENA DESCRITTO!
Viene da dire "Cavete CLIL".
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 7:40 am

condividiamo le tue perplessità

non tanto sul numero delle ore, in quanto penso fosse chiaro che il n. 130 si riferisse alle ore in presenza, ma certo non sono sufficienti 130 ore di corso per avere una buona competenza linguistica

il problema è: che tipi di lavori si stanno portando avanti

su www.dida.orizzontescuola.it stiamo cercando di raccogliere esempi, in modo da condividere il più possibile i lavori

http://www.dida.orizzontescuola.it/news/risorse-clil
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 11:52 am

lallaorizzonte ha scritto:
condividiamo le tue perplessità

non tanto sul numero delle ore, in quanto penso fosse chiaro che il n. 130 si riferisse alle ore in presenza, ma certo non sono sufficienti 130 ore di corso per avere una buona competenza linguistica

il problema è: che tipi di lavori si stanno portando avanti

su www.dida.orizzontescuola.it stiamo cercando di raccogliere esempi, in modo da condividere il più possibile i lavori

http://www.dida.orizzontescuola.it/news/risorse-clil
Il CLIL è una metodologia di insegnamento non è la lingua stessa.
Chi si "specializza in CLIL" la lingua la deve già sapere bene, come chi frequenta il TFA o il PAS o la SISS di A050 deve già sapere che era Leopardi.

Chi non sa ancora la lingua deve invece fare un normalissimo corso, a partire dal proprio livello e possibilmente fino a raggiungere un "livello avanzato".
Se poi alla fine di quel corso avesse anche la voglia di conseguire la certificazione linguistica (B2, C1, C2), tanto meglio, avendo sempre chiaro che essere certificati e conoscere la lingua non sono fatti equivalenti; siamo in Italia, pensiamo a quanti diplomati (dotati di diploma che è un titolo con valore legale) non sappiano una cippa di nulla.

La domanda da porsi è invece più profonda, più fondamentale: sarà vero che insegnando in lingua straniera una materia non linguistica, quella materia viene appresa meglio ? Esistono prove a riguardo ? Esistono studi scientifici, fatti da persone che non appartengano al mondo della scienza dell'educazione che scienza non è ?

Coloro che spingono per il CLIL alle superiori spingono anche per il CLIL alle medie; se i ragazzi delle medie fossero così bravi in lingua straniera da poter seguire una lezione di scienze in inglese, che senso avrebbe insegnargli inglese alle superiori ?
Vi rendete conto di quanto insensate siano le posizioni dei sostenitori del CLIL ?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 12:10 pm

avidodinformazioni ha scritto:

La domanda da porsi è invece più profonda, più fondamentale: sarà vero che insegnando in lingua straniera una materia non linguistica, quella materia viene appresa meglio ?

Credo che il primo obiettivo del CLIL non sia la disciplina, ma la lingua. Nel senso che, se fatto bene, aumenta significativamente le competenze linguistiche, in termini di scioltezza. Da studente, dicevo spesso che se fossi andato in Inghilterra avrei avuto meno difficoltà a parlare di Shakespeare che a ordinare un etto di prosciutto dal salumiere.

Per la disciplina insegnata, invece, l'unico fattore che può essere uno stimolo è la curiosità. Come ho già detto in altre occasioni, l'interesse dei miei alunni, mediamente, sale.
Tornare in alto Andare in basso
miranda



Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 30.08.10

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 12:19 pm

Posso condividere le perplessità di alcuni docenti sul CLIL, soprattutto il fatto che l'inglese bisogna conoscerlo bene, almeno a livello B2. Non condivido il post precedente che parla di impossibilità di CLIL alle medie. Nella mia scuola media si fa un argomento in inglese (circa 8-10 ore) in tutte le terze da parte degli insegnanti curricolari. Ne cito alcuni: l'acqua, i poeti della guerra, alcuni stati geografici, un argomento di arte. Naturalmente le colleghe di lingue aiutano l'insegnante curricolare a preparare le lezioni, soprattutto per quanto riguarda i termini tecnici e la pronuncia. I nostri studenti sono generalmente in grado di conversare in inglese e una metà di loro supera brillantemente l'esame KEt, alcuni anche with merit. Stiamo facendo una sperimentazione di CLIL sui curricoli in verticale (Progetto Nazionale sulle Indicazioni) e alcuni semplici argomenti vengono proposti anche ai bambini dell'Infanzia e Primaria in inglese con grande divertimento da parte loro e soddisfazione da parte dei docenti (non di lingue).
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 12:30 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Coloro che spingono per il CLIL alle superiori spingono anche per il CLIL alle medie; se i ragazzi delle medie fossero così bravi in lingua straniera da poter seguire una lezione di scienze in inglese, che senso avrebbe insegnargli inglese alle superiori ?
Vi rendete conto di quanto insensate siano le posizioni dei sostenitori del CLIL ?

Nella mia scuola abbiamo ogni anno studenti stranieri in mobilità. Quelli dei paesi nordici hanno tutti una fluency in inglese che i nostri alunni non hanno. Sarà perché ne fanno più e meglio dei nostri, anche nei primi anni di scuola?
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4602
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 12:36 pm

Il CLIL di cui parla Miranda, come già detto in un altro topic, è sempre stato fatto dagli insegnanti di lingue, senza metterla giù dura come vuol fare il ministero. Si tratta semplicemente di presentare in lingua un aspetto culturale legato alla lingua stessa. Ho sempre fatto l'impressionismo in francese coi miei alunni di terza media, dopo che lo avevano già studiato in italiano con la docente di arte. È un progetto, un'attività didattica, un learning object, chiamatelo come volete, che ai ragazzi piace e che permette loro di applicare le loro conoscenze linguistiche a temi culturali, artistici, storici, etc.
Il CLIL è semplicemente una metodologia che può essere utilizzata liberamente in classe per affrontare alcune tematiche da parte di insegnanti che hanno una conoscenza linguistica approfondita o da parte di insegnanti che si avvalgono della collaborazione di chi ha conoscenze linguistiche approfondite.
Parlare di CLIL come una materia a sè come fa il ministero è aberrante!
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 895
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 6:36 pm

Valerie ha scritto:
Ho sempre fatto l'impressionismo in francese coi miei alunni di terza media, dopo che lo avevano già studiato in italiano con la docente di arte. È un progetto, un'attività didattica, un learning object, chiamatelo come volete, che ai ragazzi piace e che permette loro di applicare le loro conoscenze linguistiche a temi culturali, artistici, storici, etc.
Il CLIL è semplicemente una metodologia che può essere utilizzata liberamente in classe per affrontare alcune tematiche da parte di insegnanti che hanno una conoscenza linguistica approfondita o da parte di insegnanti che si avvalgono della collaborazione di chi ha conoscenze linguistiche approfondite.
Parlare di CLIL come una materia a sè come fa il ministero è aberrante!
Richiamando un antico "adagio" si potrebbe dire: "rem tene, verba sequentur" ma, aggiungo, a patto di padroneggiare la lingua e le "res".
Tornare in alto Andare in basso
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 8:01 pm

-


Ultima modifica di savona19 il Mer Lug 29, 2015 7:23 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 10:52 pm

sim1979 ha scritto:
con buona pace degli ignavi che hanno paura di dire al MIUR che il clil è una BUFFONATA inutile e indecorosa.

Guarda, io l'ho scritto nel questionario della Buona Scuola (magari non in questi termini, ma si capiva bene): più direttamente di così al miur non posso scriverlo. Non credo che assumeranno un insegnante delle Gae in meno per questo motivo. Piuttosto di prestarmi a fare una cosa che non condivido e che non sono capace di fare, rinuncerò alla continuità didattica sulle classi terminali e pazienza (ammetto di essere favorito dal fatto che italiano e latino in inglese non si possono fare e al massimo mi toglieranno storia, che forse mi toglierebbero lo stesso). Se qualche collega ritiene di saperlo fare bene, ben venga.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Dom Dic 14, 2014 11:56 pm

Vietare le classi terminali a chi non si sente di fare il CLIL è possibile se nella scuola si trova almeno un docente per materia disposto a farlo; non sempre i presidi sono così fortunati.
Comunque se in futuro le commissioni di maturità saranno tutte di interni, chi non farà il CLIL per punizione non potrà fare gli esami di maturità gratis.

Non so se sopravviverei all'onta.
Tornare in alto Andare in basso
steimsav19



Messaggi : 325
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Dic 15, 2014 2:43 pm

-


Ultima modifica di savona19 il Mer Lug 29, 2015 7:23 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Dic 15, 2014 6:19 pm

sim1979 ha scritto:
Qualche giorno fa in Consiglio di Istituto mi sono sentito dire da una rappresentante dei genitori (che fra l'altro è anche lei insegnante) che è compito mio acquisire le competenze linguistiche per fare il clil in quanto i docenti devono essere pronti a inseguire le sfide della modernità: l'inglese, le competenze digitali e così via.
E cosa vuoi che sia !
Quando mio figlio faceva le elementari c'era stato un avvicendamento ripetuto di maestre, ad un certo punto ne arriva una che era incinta e che si capiva che non sarebbe stata l'ultima; molte mamme, indegnamente dotate di ovaie, asserivano che non era giusto che venisse assunta una docente in quelle condizioni.

OK, nel tuo caso c'è l'aggravante che la tizia è insegnante, ma credo che avesse il cervello in cancrena a causa della gravidanza e non del lavoro.
Tornare in alto Andare in basso
mystika



Messaggi : 2539
Data d'iscrizione : 13.10.09
Località : Milano

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Mer Lug 29, 2015 7:10 pm

la cosa che trovo grave e sconcertante - oltre alle perplessità che avete esternato e che condivido - è che non vi sia alcun incentivo economico o sgravio lavorativo (che so, esonero da qualche ora o riunione)

Frequento un corso per mettere a disposizione della scuola le mie competenze, lo frequento nel mio tempo libero, studio e faccio esami nel mio tempo libero, ho dovuto pagare a mie spese la certificazione linguistica richiesta per accedere al corso, farò un lavoro aggiuntivo, che pochi altri hanno il titolo per fare, e non me ne viene nulla?
Posso solo dire che proverò a farlo nel miglior modo possibile, ma se dovessi sperimentare che è un'attività fallimentare e/o una perdita di tempo, rinuncerò a farlo.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Gio Lug 30, 2015 4:35 pm

avidodinformazioni ha scritto:


La domanda da porsi è invece più profonda, più fondamentale: sarà vero che insegnando in lingua straniera una materia non linguistica, quella materia viene appresa meglio ? Esistono prove a riguardo ? Esistono studi scientifici, fatti da persone che non appartengano al mondo della scienza dell'educazione che scienza non è ?


Per quanto mi riguarda la risposta è si. Certo, molto dipende dalla materia. IMHO le discipline che si prestano al CLIL sono quelle meno, per così dire, di concetto, più "descrittive".

L'anno scorso ho fatto il CLIL in una quinta Liceo SA su "Informatica". La cosa è stata fattibile perché la materia, in quinta, è caratterizzata da molti argomenti discorsivi, da raccontare. Se devi spiegare come funziona lo "spanning tree" o la differenza tra "recursive queries" e "iterative queries" nel DNS, o le "sliding windows" in TCP, farlo in italiano o farlo in inglese è "quasi" la stessa cosa. Il materiale in inglese è molto abbondante e qualitativamente migliore di quello disponibile in italiano: basta prendersi il Tanenbaum in lingua originale. Alla fine la classe ha gradito. Non so comunque dire quali ricadute abbia avuto il tutto in termini di miglioramento dell'inglese degli studenti.

Altre materie invece, IMHO, non si prestano al CLIL. Filosofia, Matematica, Fisica, Letteratura... non vedo come possano essere proficuamente fatte in CLIL se non realizzando alcuni, limitati, learning objects (ne ha accennato Valerie poco sopra mi pare).

IMHO cmq la vera domanda dovrebbe essere, perché un docente dovrebbe fare il CLIL. Se non c'è una qualche forma di gratificazione economica perché uno dovrebbe sobbarcarsi l'onere del CLIL (corsi di lingua, corso metodologico, preparazione delle lezioni etc etc...?)

Addirittura, come giustamente evidenzia Avido, potrebbe esserci un penalizzazione per i docenti CLIL: se sei docente CLIL ti "puppi" le quinte e ti fai gli esami da interno ("a gratis") mentre se non sei docente CLIL eviti la grana della maturità o, mal che vada, vai a fare l'esterno (dove almeno vieni remunerato in maniera se non decente almeno sufficiente per pareggiare le spese).
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Gio Lug 30, 2015 4:52 pm

Lenar ha scritto:

Per quanto mi riguarda la risposta è si. Certo, molto dipende dalla materia. IMHO le discipline che si prestano al CLIL sono quelle meno, per così dire, di concetto, più "descrittive".

L'anno scorso ho fatto il CLIL in una quinta Liceo SA su "Informatica". La cosa è stata fattibile ...

Altre materie invece, IMHO, non si prestano al CLIL. Filosofia, Matematica, Fisica, Letteratura... non vedo come possano essere proficuamente fatte in CLIL

Matematica e fisica no? Scherzi? Le materie tecnico-scientifiche sono quelle che si prestano meglio, perché il linguaggio disciplinare è molto simile; non solo, sono anche la scelta più sensata perché è più probabile che all'università gli studenti si ritroveranno con un testo (di matematica, fisica, chimica) in inglese, di cui non esiste l'edizione italiana. Senza contare la quantità enorme di materiale in inglese sulle discipline scientifiche.
Tornare in alto Andare in basso
Marjam3



Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 26.03.13

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 10:13 am

Salve a tutti,
la mia domanda è: ci si può rifiutare, in tempi di superpoteri dei Dirigenti, di insegnare la propria disciplina in CLIL?
IN breve la mia vicenda: entrata in ruolo per concorso nel 2014 sulla ex A050, nell'anno successivo a quello di prova sono stata assegnata d'ufficio, come sede definitiva, in un luogo lontano da casa, benché nella mia Provincia, ma in alta montagna e disagevole.
Ottenuta l'assegnazione provvisoria a 20 m da casa, e presa dal panico in vista delle richieste di trasferimento per l'anno successivo (ho pochi punti, mi daranno un trasferimento? E quello di cattedra (sì, perché durante l'anno di prova ho fatto anche il TFA per l'ex A051, dopo averne fatto uno per la Ao50 contemporaneamente al concorso)?) ho partecipato al corso metodologico CLIL, avendo un vecchio C1 in inglese, quindi ho l'abilitazione relativa. L'ho fatto per avere più punteggio in vista di una mobilità futura.
Morale: ho ottenuto con un colpo di fortuna il trasferimento a 10 km da casa (senza punteggio Clil che non era ancora caricato, non il passaggio di cattedra.
Nel frattempo, dopo l'abilitazione CLIL, mi sono resa conto più che mai che insegnare in CLIL non è nelle mie corde. Insegnare Storia nel triennio, soprattutto all'ultimo anno? Secondo me me è riduttivo. Opinione personale, certo.
Inoltre in questi anni passati dalla certificazione Cambridge C1 (non scade, ma è di tanti anni fa) il mio livello d'inglese è sceso (direi un B2) , se fossi una fan del CLIlL non avrei problemi a lanciarmi per fare un corso C1.
Il fatto è che io sono allergica al CLIL, tanto più perché ho superato un duro percorso metodologico specifico CLIL seguito da relative due settimane in GB. Parlo quindi con cognizione di causa.
Per ora sono in un biennio del tecnico e il problema quest'anno non si pone. Mi hanno chiesto, se grazie al mio vecchio C1 sarei disposta quest'anno a fare un modulo Clil, ho risposto no grazie perché il mio inglese è troppo arrugginito e non è successo nulla. IL Dirigente ha promesso di organizzare corsi gratis per conseguire il B2 e il C1 ma dietro firma di impegnarsi a fare moduli CLIL. Non ho firmato, anche perché quasi a dicembre si sa solo che il corso sarà d un'ora la settimana e non si sa neppure da chi sarà tenuto (insegnante madrelingua?)
Ma l'anno prossimo vorrei- mi avevano promesso- di spostarmi al liceo scienze umane o comunque su un triennio ex A050.
Secondo voi, nel caso mi rifiutassi di fare il CLil ( tutto il mio percorso risulterà dalle graduatorie interne, per ora risulta solo il vecchio C1), cosa potrà succedermi? Ci si può rifiutare?
Penso che, pur insegnando solo da cinque anni (prima facevo altro) sarei una buona insegnante di italiano e geostoria nella ex A050, sarei un'ottima insegnante ex A051 causa passione per materie classiche...ma una pessima insegnante CLIL.
Grazie a chi può aiutarmi.
Tornare in alto Andare in basso
Marjam3



Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 26.03.13

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 4:21 pm

up
Tornare in alto Andare in basso
Daria16



Messaggi : 258
Data d'iscrizione : 29.02.16

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 4:27 pm

Marjam3 ha scritto:
Salve a tutti,
                     la mia domanda è: ci si può rifiutare, in tempi di superpoteri dei Dirigenti, di insegnare la propria disciplina in CLIL?
.....
Secondo voi, nel caso mi rifiutassi di fare il CLil ( tutto il mio percorso risulterà dalle graduatorie interne, per ora risulta solo il vecchio C1), cosa potrà succedermi? Ci si può rifiutare?
Penso che, pur insegnando solo da cinque anni (prima facevo altro) sarei una buona insegnante di italiano e geostoria nella ex A050, sarei un'ottima insegnante ex A051 causa passione per materie classiche...ma una pessima insegnante CLIL.
Grazie a chi può aiutarmi.

secondo me, già il fatto di doversi porre il problema è molto grave. Un insegnante NON dovrebbe assolutamente porsi la domanda. Lo fa se lo ritiene utile, non lo fa se lo ritiene sbagliato. Rientra nella libertà di insegnamento sancito dalla Costituzione.
Doversi porre la domanda "se non lo farò avrò ritorsioni?" è gravissimo, a mio avviso (non è una critica nei confronti di chi pone la domanda, intendiamoci)
Tornare in alto Andare in basso
Marjam3



Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 26.03.13

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 5:31 pm

Grazie Daria, spero che la soluzione sia così semplice e giusta come la prospetti (libertà di insegnamento). Il fatto è che sono di ruolo in una Provincia che ha investito moltissimo sul trilinguismo. Mi sembra che anche nelle linee guida ministeriali ci siano materie insegnabili tutte in CLIL, fra cui storia, geografia...
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1778
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 8:54 pm

Daria16 ha scritto:

Doversi porre la domanda "se non lo farò avrò ritorsioni?" è gravissimo, a mio avviso (non è una critica nei confronti di chi pone la domanda, intendiamoci)
Concordo: doversi porre la domanda è gravissimo.
Ancor più grave è la risposta: il dirigente ha il potere, senza dover dare particolari spiegazioni se non nei fumosi criteri del pof, di RIMANSIONARTI su potenziamento o di NON RINNOVARTI L'INCARICO dopo i 3 anni.
Che poi lo faccia per ritorsione o per il bene della didattica della scuola, è tutto da dimostrare.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 10:10 pm

mac67 ha scritto:
Lenar ha scritto:

Per quanto mi riguarda la risposta è si. Certo, molto dipende dalla materia. IMHO le discipline che si prestano al CLIL sono quelle meno, per così dire, di concetto, più "descrittive".

L'anno scorso ho fatto il CLIL in una quinta Liceo SA su "Informatica". La cosa è stata fattibile ...

Altre materie invece, IMHO, non si prestano al CLIL. Filosofia, Matematica, Fisica, Letteratura... non vedo come possano essere proficuamente fatte in CLIL

Matematica e fisica no? Scherzi? Le materie tecnico-scientifiche sono quelle che si prestano meglio

Quanto alle altre materie, si dice che "non si prestano" SOLO perché si è diffusa la convinzione dogmatica (anche se non è prevista da nessuna legge) che il CLIL debba obbligatoriamente essere fatto solo in inglese, quando invece dovrebbe essere semplicemente un'esperienza di immersione in una lingua diversa dalla propria e uno stimolo a saper attivare il meccanismo di passaggio da una lingua all'altra quando serve.

Se si riuscisse a trovare un po' di gente formata e qualificata anche in altre lingue oltre all'inglese, dove sta scritto che sia inutile o che sia "innaturale" e "forzato" svolgere un modulo di filosofia in tedesco, o di storia dell'arte in francese, almeno nelle classi che quelle lingue le studiano già?

Le fonti tematiche sono infinite e molto coerenti con i contenuti da svolgere...
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 10:28 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
mac67 ha scritto:
Lenar ha scritto:

Per quanto mi riguarda la risposta è si. Certo, molto dipende dalla materia. IMHO le discipline che si prestano al CLIL sono quelle meno, per così dire, di concetto, più "descrittive".

L'anno scorso ho fatto il CLIL in una quinta Liceo SA su "Informatica". La cosa è stata fattibile ...

Altre materie invece, IMHO, non si prestano al CLIL. Filosofia, Matematica, Fisica, Letteratura... non vedo come possano essere proficuamente fatte in CLIL

Matematica e fisica no? Scherzi? Le materie tecnico-scientifiche sono quelle che si prestano meglio

Quanto alle altre materie, si dice che "non si prestano" SOLO perché si è diffusa la convinzione dogmatica (anche se non è prevista da nessuna legge) che il CLIL debba obbligatoriamente essere fatto solo in inglese, quando invece dovrebbe essere semplicemente un'esperienza di immersione in una lingua diversa dalla propria e uno stimolo a saper attivare il meccanismo di passaggio da una lingua all'altra quando serve.

Se si riuscisse a trovare un po' di gente formata e qualificata anche in altre lingue oltre all'inglese, dove sta scritto che sia inutile o che sia "innaturale" e "forzato" svolgere un modulo di filosofia in tedesco, o di storia dell'arte in francese, almeno nelle classi che quelle lingue le studiano già?

Le fonti tematiche sono infinite e molto coerenti con i contenuti da svolgere...

Sicuramente filosofia in tedesco non sarebbe male.

Il punto è che le materie come matematica, fisica, le scienze in generale hanno un linguaggio tecnico molto asciutto, mentre per materie artistico-letterario è necessaria una più vasta gamma di sostantivi e aggettivi.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 10:51 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Se si riuscisse a trovare un po' di gente formata e qualificata anche in altre lingue oltre all'inglese, dove sta scritto che sia inutile o che sia "innaturale" e "forzato" svolgere un modulo di filosofia in tedesco, o di storia dell'arte in francese, almeno nelle classi che quelle lingue le studiano già?
Almeno ? Solo ! E quelle classi le trovi solo al linguistico o all' ITES, quindi non c'è molto da scialare.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito   Lun Nov 14, 2016 10:53 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Daria16 ha scritto:

Doversi porre la domanda "se non lo farò avrò ritorsioni?" è gravissimo, a mio avviso (non è una critica nei confronti di chi pone la domanda, intendiamoci)
Concordo: doversi porre la domanda è gravissimo.
Ancor più grave è la risposta: il dirigente ha il potere, senza dover dare particolari spiegazioni se non nei fumosi criteri del pof, di RIMANSIONARTI su potenziamento o di NON RINNOVARTI L'INCARICO dopo i 3 anni.
Che poi lo faccia per ritorsione o per il bene della didattica della scuola, è tutto da dimostrare.
Per farlo dovrebbe chiedere un docente di altra cdc; più facile a dirsi che a farsi
Tornare in alto Andare in basso
 
CLIL questo sconosciuto ed ingrato compito
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Ebraismo: questo sconosciuto
» Zenzero questo sconosciuto....
» qualcuna di voi ha questo tavolo?
» non so trovare un titolo a questo capitolo della mia vita
» foto del compito messa su fb...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: