Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 chi presente ai colloqui?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
apm



Messaggi : 230
Data d'iscrizione : 27.02.12

MessaggioOggetto: chi presente ai colloqui?   Mar Dic 16, 2014 10:02 pm

Promemoria primo messaggio :

Chiedo: ai colloqui chi può presentarsi?
mi son sempre capitati madre, padre, fratelli, conviventi, compagni dei genitori... Ma possono essere presenti i fidanzati degli alunni minorenni anche se in presenza dei "suoceri"?

Possono assistere al colloquio? grazie
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 9:17 am

Il nuovo consorte senza chi ha la responsabilità genitoriale assolutamente no.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Hoffnung2



Messaggi : 1236
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 10:01 am

Posso chiedere ai figli (minorenni) di non entrare? O è un diritto del genitore? Secondo me è deleterio che i figli assistano, in ogni caso.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 10:02 am

puoi chiedere al genitore di parlargli da solo ma se il genitore insiste ha diritto a far entrare il figliolo. Decide lui davanti alla legge cosa è bene e cosa è male per suo figlio fino a quando ne ha la responsabilità. Quando gli viene tolta lo decide il giudice. In nessun caso puoi deciderlo tu.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6109
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 10:19 am

Ire ha scritto:
puoi chiedere al genitore di parlargli da solo ma se il genitore insiste ha diritto a far entrare il figliolo.  Decide lui davanti alla legge cosa è bene e cosa è male per suo figlio fino a quando ne ha la responsabilità.

E ridagli con questa storia. Il colloquio non è una questione privata esclusivamente del genitore, è gestito anche dall'insegnante, ed è un atto formale che si tiene anche sotto la responsabiloità della scuola.

Per cui, non trovo corretto dire che il genitore è l'unico che ha il diritto assoluto e inamovibile di decidere da solo come debba essere tenuto il colloquio... perché appunto il colloquio non lo fa da solo, ma lo fa con l'insegnante, che non è un distributore automatico di informazioni asettiche, ma è una persona, ed è un professionista nell'esercizio delle sue funzioni, e ha il diritto di esercitare una certa autonomia nel suo lavoro.

Perché mai le modalità debbano essere decise SOLO dal genitore, mentre l'insegnante (che è attivamente e professionalmente parte in causa) non debba avere nessuna voce in capitolo e debba solo obbedire ciecamente alle decisioni del genitore, non si capisce proprio.


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Ven Apr 01, 2016 10:21 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Hoffnung2



Messaggi : 1236
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 10:21 am

Ire, secondo te questa cosa non limita il docente? L'altra volta mi è capitato e non mi sono sentita libera di dire tutto COME avrei voluto. Gli alunni sapevano già voti e considerazioni sul loro andamento, ma parlare al genitore è qualcosa di diverso, rientrano considerazioni psicologiche, strategie ecc. Siamo sicuri che se il ragazzo/a le ascoltasse questo sarebbe il SUO bene?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 10:59 am

Una cosa, Hoffnung, è il diritto. Altra cosa è l'opportunità, la convenienza, il buon senso.

Secondo diritto non hai alcuna possibilità di impedire ad un genitore di far presenziare il proprio figlio al colloquio. Non vorrei scomodare di nuovo la convenzione Onu ratificata in Italia nel 1991 ma devo.

Secondo diritto non puoi impedirlo.

Poi è chiaro che in alcune situazioni può essere necessario stabilire strategie che vanno accordate insieme al genitore senza che il ragazzo sappia proprio tutto tutto, perchè magari ancora non riesce a vedere qualcosa che un adulto vede già-

Ma puoi solo sperare che il genitore sia in accordo con te e ritenga utile un confronto riservato.

(in linea di massima poi sono comunque contraria a fare le cose alle spalle dei ragazzi che ritengo in grado di comprendere tutto se l'adulto è capace di usare un linguaggio adeguato)

Tieni anche presente che è abbastanza rischioso per la credibilità sia del docente che del genitore fare qualcosa "alle spalle" (a fin di bene, si intende) del ragazzo. Se non ci si accorda perfettamente su quello che si farà e si dirà successivamente al colloquio e il ragazzo riesce a cogliere una incongruenza tutto il lavoro educativo fatto va a rotoli perchè non avrà più fiducia nell'adulto. Se vi fate cogliere a mentire è finita.




Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 11:04 am

@Paniscus, chi è da tutelare, la persona di cui si parla è il ragazzo.

Cosa c'entra se il colloquio si svolge con il docente?

Il docente può dire la sua in una cosa che riguarda lui stesso, non la situazione del ragazzo

Se avesse da confidare al genitore qualcosa che lo riguarda, una confidenza del tipo: guardi, sono molto in difficoltà perchè i colleghi mi osteggiano e io sono in procinto di divorziare e piango sempre o sto per fare questa cosa..... allora potrebbe anche chiedere che il ragazzo si allontani perchè deve dire una cosa sua. Ma il colloquio forse non è l'occasione migliore per fare questo tipo di confidenze

per quanto riguarda tutto quello che interessa il ragazzo.... nessuno può impedirgli di essere al corrente di quello che succede
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6109
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 11:05 am

La convenzione ONU si occupa esplicitamente di colloqui scolastici?

Il mio dubbio non è se sia opportuno o meno, o su quanto sarebbe bello se le persone civili riuscissero a mettersi d'accordo tra di loro, il mio dubbio è: "è vero o no che in Italia esistono estremi di legge che affermano che il genitore è l'unico che ha il diritto di decidere come debba tenersi un colloquio scolastico, e che l'insegnante non debba avere nessuna voce in capitolo sull'argomento, ma debba limitarsi a obbedire senza fiatare alle richieste del genitore?"

Perché è questo che tu stai sostenendo, quindi ti pregherei di documentare questo, e non i principi generali delle convenzioni ONU.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Hoffnung2



Messaggi : 1236
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 11:14 am

Ire ha scritto:
Una cosa, Hoffnung, è il diritto. Altra cosa è l'opportunità, la convenienza, il buon senso.

Secondo diritto non hai alcuna possibilità di impedire ad un genitore di far presenziare il proprio figlio al colloquio. Non vorrei scomodare di nuovo la convenzione Onu ratificata in Italia nel 1991 ma devo.

Secondo diritto non puoi impedirlo.

Poi è chiaro che in alcune situazioni può essere necessario stabilire strategie che vanno accordate insieme al genitore senza che il ragazzo sappia proprio tutto tutto, perchè magari ancora non riesce a vedere qualcosa che un adulto vede già-

Ma puoi solo sperare che il genitore sia in accordo con te e ritenga utile un confronto riservato.

(in linea di massima poi sono comunque contraria a fare le cose alle spalle dei ragazzi che ritengo in grado di comprendere tutto se l'adulto è capace di usare un linguaggio adeguato)

Tieni anche presente che è abbastanza rischioso per la credibilità sia del docente che del genitore fare qualcosa "alle spalle" (a fin di bene, si intende) del ragazzo. Se non ci si accorda perfettamente su quello che si farà e si dirà successivamente al colloquio e il ragazzo riesce a cogliere una incongruenza tutto il lavoro educativo fatto va a rotoli perchè non avrà più fiducia nell'adulto. Se vi fate cogliere a mentire è finita.




Nessuno parla di mentire, assolutamente.
Comunque capita spesso che i genitori si confidino. E i tempi di colloquio si duplicano, triplicano...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 11:15 am

Magari potresti documentarti tu.  Comunque la scuola è pubblica amministrazione quindi:



Art. 12

Gli Stati parti garantiscono al fanciullo capace di discernimento il diritto di esprimere liberamente la sua opinione su ogni questione che lo interessa, le opinioni del fanciullo essendo debitamente prese in considerazione tenendo conto della sua età e del suo grado di maturità.
A tal fine, si darà in particolare al fanciullo la possibilità di essere ascoltato in ogni procedura giudiziaria o amministrativa che lo concerne, sia direttamente, sia tramite un rappresentante o un organo appropriato, in maniera compatibile con le regole di procedura della legislazione nazionale.

Attualmente l'età in cui in Italia il parere del fanciullo è considerato vincolante per i provvedimenti che lo interessano è ai 12 anni.


Ultima modifica di Ire il Ven Apr 01, 2016 11:19 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 11:18 am

Hoffnung2 ha scritto:
Ire ha scritto:
Una cosa, Hoffnung, è il diritto.  Altra cosa è l'opportunità, la convenienza, il buon senso.

Secondo diritto non hai alcuna possibilità di impedire ad un genitore di far presenziare il proprio figlio al colloquio.  Non vorrei scomodare di nuovo la convenzione Onu ratificata in Italia nel 1991 ma devo.

Secondo diritto non puoi impedirlo.

Poi è chiaro che in alcune situazioni può essere necessario stabilire strategie che vanno accordate insieme al genitore senza che il ragazzo sappia proprio tutto tutto, perchè magari ancora non riesce a vedere qualcosa che un adulto vede già-

Ma puoi solo sperare che il genitore sia in accordo con te e ritenga utile un confronto riservato.

(in linea di massima poi sono comunque contraria a fare le cose alle spalle dei ragazzi che ritengo in grado di comprendere tutto se l'adulto è capace di usare un linguaggio adeguato)

Tieni anche presente che è abbastanza rischioso per la credibilità sia del docente che del genitore fare qualcosa "alle spalle"  (a fin di bene, si intende) del ragazzo.  Se non ci si accorda perfettamente su quello che si farà e si dirà successivamente al colloquio e il ragazzo riesce a cogliere una incongruenza tutto il lavoro educativo fatto va a rotoli perchè non avrà più fiducia nell'adulto.  Se vi fate cogliere a mentire è finita.  




Nessuno parla di mentire, assolutamente.
Comunque capita spesso che i genitori si confidino. E i tempi di colloquio si duplicano, triplicano...

Questo lo so, e hai ragione, scusami, sono andata con il pensiero ad una situazione particolare che tu non potevi indovinare, dovevo spiegarmi meglio:

mentire in questo senso:

il genitore dice al docente una cosa o il docente dice al genitore una cosa che entrambi vorrebbero fosse tenuta riservata ma non se lo comunicano o non si mettono d'accordo su come trasmetterla al ragazzo.

Arrivati a casa dal figlio nel riportare cosa è stato detto si trasmette quello che si pensa sia trasmissibile poi a scuola il docente in buona fede dice qualcosa di diverso che fa capire che non sia proprio ciò che è successo..........

Mi spiego?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 12:09 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
La convenzione ONU si occupa esplicitamente di colloqui scolastici?

Il mio dubbio non è se sia opportuno o meno, o su quanto sarebbe bello se le persone civili riuscissero a mettersi d'accordo tra di loro, il mio dubbio è: "è vero o no che in Italia esistono estremi di legge che affermano che il genitore è l'unico che ha il diritto di decidere come debba tenersi un colloquio scolastico, e che l'insegnante non debba avere nessuna voce in capitolo sull'argomento, ma debba limitarsi a obbedire senza fiatare alle richieste del genitore?"

Perché è questo che tu stai sostenendo, quindi ti pregherei di documentare questo, e non i principi generali delle convenzioni ONU.

Rido anche un po' su questa affermazione.

Mi vengono in mente tutte le decine di post che ciclicamente vengono pubblicati su os nei quali si denuncia l'arroganza e il mancato rispetto delle leggi da parte dei ds nei confronti dei docenti, lavoratori tutelati da precise norme.
Lo fanno perchè loro sono I DIRIGENTI e quello che dicono loro è legge (ci provano e ci riescono con chiunque non conosca il proprio diritto)

Te sei precisa: il docente, secondo te, avrebbe possibilità di decidere in contrasto al parere di un genitore titolare di responsabilità genitoriale, in contrasto alle leggi sui diritti dei minori, come può avvenire un colloquio professionale incentrato su argomenti rilevanti per genitore e minore.

Puoi sempre provarci a dire che il genitore non ha diritto e che non ne ha il ragazzo e che visto che tu non vuoi decidi tu chi partecipa. Può capitarti anche che ci sia qualcuno che tira fuori tre euro e manda il bambino a prendere il gelato scusandosi con te se aveva ritenuto che fosse possibile la sua presenza. Ma può anche capitarti qualcuno che prende il telefono e chiama il 112 se si incavola un po' per la tua arroganza, o che dice: professoressa siamo a posto così ci vediamo domani dal dirigente. O che ti manda a quel paese.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6109
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 12:48 pm

Ire ha scritto:

A tal fine, si darà in particolare al fanciullo la possibilità di essere ascoltato in ogni procedura giudiziaria o amministrativa che lo concerne,

Appunto, essere "ascoltato". Non necessariamente "essere presente".

Altrimenti il ragazzo dovrebbe essere presente alle sedute del consiglio di classe in cui si decidono i suoi voti, il che non solo non è previsto, ma è proprio vietato (ed è vietato anche ai genitori, mica solo al ragazzo).
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 12:55 pm

ho già detto: puoi sempre provare ad imporre il tuo punto di vista.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Paolo Santaniello



Messaggi : 1771
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 2:43 pm

Come faccio a sapere se un genitore è separato, è effettivamente il genitore e non lo zio, etc?
Non posso chiedere documenti a tutti, quando sono centinaia in un pomeriggio, e magari li vedo per la prima volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 3:10 pm

Aridaje co' sta storia della convenzione ONU!
La scuola non rientra nei casi segnalati dalla dichiarazione del fanciullo, che ben prima garantisce l'istruzione del minore tramite la scuola. La scuola nasce a tutela del fanciullo e la difesa riguarda invece i rapporti con l'autorità. Sono argomenti speciosi ma molto in voga tra avvocati specializzati in ricorsi contro la scuola (prima o poi ci sarà una cattedra alla facoltà di giurisprudenza).

Citare una norma non garantisce in nessun modo che quella norma si applichi nel caso in specie, tanto è vero che nessuno rivendica la presenza del minore agli scrutini, quelli sì ufficiali ben più di un colloquio pomeridiano per comunicare alla famiglia l'andamento scolastico.

Se il genitore ritiene necessaria la presenza del ragazzino al colloquio laddove l'insegnante è convinto che sia più opportuno non partecipi, l'unico risultato sarà che il colloquio verterà su altri argomenti e la questione non verrà affrontata


Ultima modifica di lucetta10 il Ven Apr 01, 2016 3:14 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 3:11 pm

Credo che sia abbastanza raro il caso in cui si presenti a scuola qualcuno che voglia avere informazioni su un ragazzo senza essere autorizzato da uno o da entrambi i genitori e senza che tu abbia modo di venirne a conoscenza.

(yunola sa che probabilmente una mamma vuole mandare il nuovo marito e che questi non ha alcun dirittto, quindi non gli parlerà)

Se però dovesse succedere e se l'interessato protestasse, potresti trovarti nei guai. Sei un pubblico ufficiale e la scuola ha chiesto anche i dati dei genitori nel momento dell'iscrizione del minore.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 3:38 pm

lucetta10 ha scritto:
Aridaje co' sta storia della convenzione ONU!
La scuola non rientra nei casi segnalati dalla dichiarazione del fanciullo, che ben prima garantisce l'istruzione del minore tramite la scuola. La scuola nasce a tutela del fanciullo e la difesa riguarda invece i rapporti con l'autorità. Sono argomenti speciosi ma molto in voga tra avvocati specializzati in ricorsi contro la scuola (prima o poi ci sarà una cattedra alla facoltà di giurisprudenza).

Citare una norma non garantisce in nessun modo che quella norma si applichi nel caso in specie, tanto è vero che nessuno rivendica la presenza del minore agli scrutini, quelli sì ufficiali ben più di un colloquio pomeridiano per comunicare alla famiglia l'andamento scolastico.

Se il genitore ritiene necessaria la presenza del ragazzino al colloquio laddove l'insegnante è convinto che sia più opportuno non partecipi, l'unico risultato sarà che il colloquio verterà su altri argomenti e la questione non verrà affrontata

Non vedo come tu possa affermare che la scuola non rientri nei casi segnalati quanto nella convenzione e nei documenti di ratifica si parla espressamente di provvedimenti giudiziari ed amministrativi. Il minore ha diritto di essere informato e ascoltato. E non può essere ascoltato se non è presente.

E questa è la parte del discorso che riguarda il diritto del minore.

C'è poi la parte che riguarda la volonta del genitore di far presenziare il figliolo che secondo diritto non può essere contrastata perchè sua è la responsabilità genitoriale e sua la capacità di decidere secondo diritto cosa sia bene o male per il figlio (sua o del giudice)

Se durante un colloquio il genitore desidera la presenza del figlio e il docente spiega le ragioni per cui non la ritiene opportuna riuscendo a accordarsi per un colloquio riservato, bene. In caso contrario l'unica possibilità che ha il docente è quella di dire quello che deve dire comunque. (o di tacere ma se mancasse di comunicare cose importanti e questa mancanza venisse rilevata poi si aprirebbe un discorso contenzioso diverso).

la responsabilità sulle conseguenze della presenza del figlio al colloquio è a carico del genitore-
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4686
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 4:19 pm

Ire ha scritto:
Magari potresti documentarti tu.  Comunque la scuola è pubblica amministrazione quindi:



Art. 12

Gli Stati parti garantiscono al fanciullo capace di discernimento il diritto di esprimere liberamente la sua opinione su ogni questione che lo interessa, le opinioni del fanciullo essendo debitamente prese in considerazione tenendo conto della sua età e del suo grado di maturità.
A tal fine, si darà in particolare al fanciullo la possibilità di essere ascoltato in ogni procedura giudiziaria o amministrativa che lo concerne, sia direttamente, sia tramite un rappresentante o un organo appropriato, in maniera compatibile con le regole di procedura della legislazione nazionale.

Attualmente l'età in cui in Italia il parere del fanciullo è considerato vincolante per i provvedimenti che lo interessano è ai 12 anni.

Noto che non si parla di presenza strettamente personale, ma anche per interposta persona. E il genitore, nel caso in discussione, è chiaramente il rappresentante.

Dopo di che, la situazione è semplice: ci sono cose che un docente ritiene importante dire al genitore e non all'alunno, ma non sono mai di natura strettamente scolastica (nel senso, non riguardano mai il suo profitto). Se il genitore acconsente, bene, se no, pace, peggio per lui/lei.

EDIT: il ricevimento genitori non è nemmeno un procedimento amministrativo. Le tue competenze legali sono traballanti, come ti abbiamo fatto notare più volte.


Ultima modifica di mac67 il Ven Apr 01, 2016 4:25 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Romado72



Messaggi : 3516
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 4:24 pm

Comunque, per la cronaca, il colloquio non è nè un procedimento giudiziario nè amministrativo, e il suo parere, anche se ha 12 anni o più, non è vincolante per i "provvedimenti" che lo interessano (che a scuola sono i voti di profitto e di cobdotta".
Questa convenzione, in questo contesto, non c'azzecca na beata mazza
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 4:44 pm

Senza alcun dubbio le mie competenze legali sono traballanti, ma mi sembra di essere in buona, anzi ottima compagnia, Mac.

Direi anzi che spesso sono superata e doppiata da molti.

A parte questo: mandate via un ragazzo che si presenti al colloquio con il genitore se il genitore stesso desidera la sua presenza e state a vedere che succede.

Nella maggior parte dei casi nulla. Nella maggior parte dei casi

Sostenete pure che i diritti sanciti dalla convenzione o meglio con la legge del 91 che la recepisce e ratifica non siano applicabili a scuola e state a vedere che succede

Nella maggior parte dei casi nulla. Nella maggior parte dei casi
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4686
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 4:47 pm

Ire ha scritto:
Senza alcun dubbio le mie competenze legali sono traballanti, ma mi sembra di essere in buona, anzi ottima compagnia, Mac.

Direi anzi che spesso sono superata e doppiata da molti.

A parte questo:  mandate via un ragazzo che si presenti al colloquio con il genitore se il genitore stesso desidera la sua presenza e state a vedere che succede.

Finora non mi è mai capitato, ma se dovesse, aspetterò a piè fermo i caschi blu.
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 5:17 pm

Ire ha scritto:
Senza alcun dubbio le mie competenze legali sono traballanti, ma mi sembra di essere in buona, anzi ottima compagnia, Mac.

Direi anzi che spesso sono superata e doppiata da molti.

A parte questo:  mandate via un ragazzo che si presenti al colloquio con il genitore se il genitore stesso desidera la sua presenza e state a vedere che succede.

Nella maggior parte dei casi nulla.  Nella maggior parte dei casi

Sostenete pure che i diritti sanciti dalla convenzione o meglio con la legge del 91 che la recepisce e ratifica non siano applicabili a scuola e state a vedere che succede

Nella maggior parte dei casi nulla. Nella maggior parte dei casi


La ratifica non fa nessun riferimento alla scuola e nessun atto legittima questa, che rimane una interpretazione.

Quanto al ragazzo, nessuno lo manderà via, ma certo nessuno potrà estorcere all'insegnante quello che avrebbe riferito al solo genitore nell'interesse del minore, interesse che evidentemente si intendeva promosso solo tramite un colloquio privato tra figure responsabili dell'educazione del minore e non in presenza del minore stesso.
Il tutto si risolverà beatamente nell'ennesima neutralizzazione delle traballanti (quelle si) possibilità della scuola di incidere sull'educazione e la formazione dei giovani: per la serie l'intervento è riuscito ma il paziente è morto.
Appelliamoci a quel punto al tribunale dell'Aja per i crimini perpetrati dalla scuola pubblica obbligatoria e gratuita nei confronti del discente, immagino che anche lì si parli di scuola come autorità amministrativa e giudiziaria: d'altra parte le sentenze le emettiamo.

Vedo che continui a eludere la questione scrutini: perché mai non ribadire la cristallina applicazione dell'art. 12 durate gli scrutini? Il colloquio è atto amministrativo e la bocciatura no?
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 6:52 pm

Ire ha scritto:
Credo che sia abbastanza raro il caso in cui si presenti a scuola qualcuno che voglia avere informazioni su un ragazzo senza essere autorizzato da uno o da entrambi i genitori e senza che tu abbia modo di venirne a conoscenza.

Colloquio settimanale, viene un signore che si identifica come il padre di Lillo, gli spiego l'andamento del ragazzo.
Settimana successiva. Colloquio settimanale, viene un altro signore che si identifica come il padre di Lillo, ma non è lo stesso della settimana precedente. Gli faccio notare che ho già parlato con il padre di Lillo e che non era lui. Il signore molto gentilmente mi comunica di essere lui il padre di Lillo e che quello con cui ho parlato la settimana precedente era il convivente della madre. La conversazione continua poi in modo del tutto civile, alla fine lui si scusa dicendo che la sua ex aveva probabilmente prenotato il colloquio, ma avendo avuto problemi di lavoro, non aveva potuto essere presente di persona.
È stata una fortuna che i rapporti tra i due ex coniugi fossero molto civili, in caso contrario ci avrebbero potuto essere delle conseguenze.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: chi presente ai colloqui?   Ven Apr 01, 2016 7:04 pm

In effetti nel caso che presenti il convivente era autorizzato dalla madre.

Però questa persona ti ha ingannata dicendoti di essere il padre del ragazzo. Non è mica stato tanto bravo : - (
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
chi presente ai colloqui?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» eccomi presente
» colloqui individuali con i genitori
» Posso avere un figlio con questo referto?
» Creare un Contatore Click
» Leggi curiose

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: