Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
AutoreMessaggio
L'ALTRO POLO



Messaggi : 4205
Data d'iscrizione : 24.01.14

MessaggioOggetto: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Dic 26, 2014 8:16 pm

Promemoria primo messaggio :

Non mi ci sono mai trovato ma, a vostro parere è possibile portare un alunno in consiglio con 4 ma, ai voti, esprimersi favorevolmente alla sua ammissione alla classe successiva?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 5:00 pm

Dec, non so quali possano essere i metodi e i risultati per il latino visto che non sono prof di latino.
Per il francese vorrei fare solo una precisazione: io ho detto che il metodo che uso ha portato ottimi risultati, ma non ho detto che i miei alunni sono migliori rispetto a quelli che hanno studiato con il metodo grammaticale. Dovrei fare un confronto che non posso fare. Posso dirti che hanno ottimi punteggi, che non sono penalizzati rispetto agli altri, che partecipano in gran numero agli esami per le certificazioni quindi sono evidentemente motivati.
Tu mi chiedi se userei un modo con cui si impara di più pur essendo meno contenti. No, Dec, non lo userei. Preferisco che tutti i miei ragazzi raggiungano il livello A1 (previsto dalla normativa) e diversi tra loro il livello A2 (superiore al previsto) essendo contenti, piuttosto che avere alcuni a livello B1 (molto superiore al previsto) ma gli altri con 4 perché odiano il francese.
È una scelta Dec. Non dico che sia quella giusta in assoluto, ma è la mia. È faticosa, certo. Lavorare sulla motivazione quando fuori tutti remano contro come dicevamo più sopra è una sudataccia. Ma mi piace.
Una collega che insegna francese al liceo linguistico della mia zona mi dice che riconosce i miei ex alunni fin dal primo giorno di scuola per l'entusiasmo con cui si rapportano col francese. Ci mettono un attimo a raggiungere il B1. Non so se si capisce cosa voglio dire.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47821
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 6:24 pm

Si capisce, però io non ho detto che si debba puntare all'eccellenza di alcuni a discapito del resto della classe; quando parlavo di imparare di più, mi riferivo all'intera classe o almeno alla media degli studenti. E non riesco a credere che i risultati si raggiungano solo perché c'è la motivazione; evidentemente fai quello, ma riesci anche a dare buone basi su cui poi la collega del linguistico riesce a lavorare per portarli rapidamente al B1. Del resto, se si iscrivessero al liceo linguistico scegliendo di fare francese e non amassero il francese, penso che ci sarebbe qualcosa di strano.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 7:01 pm

Dec ha scritto:
Del resto, se si iscrivessero al liceo linguistico scegliendo di fare francese e non amassero il francese, penso che ci sarebbe qualcosa di strano.
Potrebbero avere le emorroidi ed ambire agli effetti collaterali del parlar francese.

https://www.youtube.com/watch?v=vLb8Qefp8Gc
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 7:44 pm

Dec ha scritto:
Si capisce, però io non ho detto che si debba puntare all'eccellenza di alcuni a discapito del resto della classe;
Purtroppo se volessi raggiungere risultati più alti è quello che dovrei fare. Cosa che alla scuola media non mi sembra nemmeno corretta... Certo, poi bisognerebbe applicare il tuo discorso a contesti diversi, io parlo del mio perché lo conosco.
Dec ha scritto:
quando parlavo di imparare di più, mi riferivo all'intera classe o almeno alla media degli studenti.
Io preferisco pensare a tutti gli studenti, sempre considerando che si tratta di scuola media.
Dec ha scritto:
E non riesco a credere che i risultati si raggiungano solo perché c'è la motivazione; evidentemente fai quello, ma riesci anche a dare buone basi su cui poi la collega del linguistico riesce a lavorare per portarli rapidamente al B1.
La motivazione è la base su cui poi costruire. Senza motivazione non riesco a costruire nulla, se non in casi isolati, cosa che non voglio fare per principio, come ti dicevo qui sopra.
Ti ripeto, prendi tutto il mio discorso calandolo nella realtà della scuola media dove quest'anno, ti faccio un esempio, ho tre prime da 28-29 alunni.
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 7:51 pm

Valerie una domanda: tutti i tuoi studenti sono motivati o riesci a motivarli? non c'è nessuno a cui non importa niente della tua materia?

non hai insufficienze?
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1624
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 8:48 pm

Valerie, è evidente che i tuoi ex alunni che scelgono il liceo linguistico sono interessati allo studio delle lingue e finora hanno ottenuto risultati almeno discreti nelle materie linguistiche, altrimenti sarebbero masochisti. Quindi non fanno testo. Bisognerebbe verificare le competenze in francese di coloro che si iscrivono ad altre scuole superiori, nelle quali il francese non è previsto. Anch'io ho avuto ex studenti ora laureati in lettere. Probabilmente hanno apprezzato il mio insegnamento ed erano motivati ma io sono piu contenta di far apprezzare la letteratura a chi proseguirà con altri studi universitari.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 10:14 pm

Certo Chicca, anche io. Ed è proprio ciò che volevo dire a Dec. ;-)
La collega intendeva dire che i ragazzi provenienti dalla nostra scuola hanno più entusiasmo rispetto a quelli provenienti da altre. Alcuni di questi ultimi, dopo aver fatto francese alle medie, arrivano lì e non ne vogliono più sapere del francese tanto che scelgono un'altra lingua perché sono completamente demotivati.
In tante scuole medie della provincia l'utenza richiede lo spagnolo perché viene percepito come lingua più 'moderna'.
Lavorare sulla motivazione per una materia 'secondaria' come la mia è fondamentale alle medie.
Comunque mi rendo conto che abbiamo abbandonato già da diversi post il topic principale. Scusate, ora sto zitta, giurin giuretto!
;-)
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 11:04 pm

Dec ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
faccio presente che non ho mai parlato di metodo comunicativo in nessuno dei miei post, perchè non avrei nemmeno le competenze che ha Valerie per farlo. E non esiste nemmeno solo quello come alternativa al descrittivo.
Mi preme invece capire dove stia la bontà del metodo descrittivo, perchè un dipartimento unanime scelga di adottarlo, quali risultati, ma RECENTI, abbia o stia producendo, con le lingue vive o morte. Perchè si venera ancora il Tantucci? Siamo sicuri che i nostri schemi mentali non c'entrino nulla, che non ci siano resistenze culturali da parte nostra?
Il metodo comunicativo (o genericamente quelli non descrittivi) è "assurdi" perchè? Detta come la dice chicca mi pare un po' apodittico. A valutare dai risultati si dovrebbe dire il contrario. Il Tantucci ha migliorato le capacità di traduzione dei nostri studenti (ammettendo che l'obiettivo dell'insegnamento del latino sia ancora quello di leggere i classici)? Ci lavorate bene nel senso che si adatta al vostro stile di insegnamento oppure perchè gli studenti vi seguono bene? Facciamo un bilancio?
Di sicuro gli studenti che si iscrivono al liceo, e quelli che non ci si iscrivono perchè pensano di non essere in grado di farlo, hanno in mente che avranno a che fare con il "metodo Tantucci".


E' chiaro che sul Tantucci si scherzava e che sappiamo tutti che non è più proponibile insegnare come si faceva trent'anni fa e non credo francamente che lo faccia più nessuno. Tra l'altro tu parli di metodo descrittivo come qualcosa di vecchio, ma quando facevo l'università una quindicina d'anni fa si diceva che la linguistica descrittiva era il modo migliore per fare grammatica (mi riferisco in questo caso all'italiano) e che il problema era invece la grammatica normativa, alla quale accosterei piuttosto il Tantucci e le grammatiche italiane dei nostri tempi. Quindi forse dovremmo cominciare mettendoci d'accordo sui termini che usiamo se vogliamo fare un discorso serio. Tu rifiuti il metodo descrittivo e dici di non adottare nemmeno un metodo comunicativo (ieri sera ho scritto tardi e probabilmente ho fatto confusione e me ne scuso): qual è allora il metodo che usi e quali risultati hai ottenuto?


Mettiamola così: non mi interessa la pars construens.
Non ho l'ambizione, né tantomeno la capacità e la preparazione, per proporre un metodo ottimale. Non insegno più latino e quando lo facevo, da precaria, non sceglievo io i manuali.
Quello che mi interessa capire è perchè si privilegi ancora un manuale classico come il Tantucci, che, non possiamo negarlo, rappresenta "l'usato sicuro", se siano i risultati a stimolare la scelta.
E dicendo Tantucci non intendo stimolare una discussione settaria sull'insegnamento del latino. Quando l'ho citato l'ho fatto con leggerezza, per dire altro, per spiegare che non è impossibile innovare la didattica per l'insegnamento di una lingua classica.
Ammettendo che dire Tantucci significa dire "metodo tradizionale", ergo solido, autorevole, un monumento nazionale (lo dico senza nessunissima ironia), vorrei capire perchè lo si preferisca, cercando dunque la continuità di metodi (la scheda del Tantucci, me la sono andata a leggere, dice "la garanzia del metodo Tantucci") di fronte alla forte discontinuità dei discenti di oggi rispetto a quelli di ieri
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 11:08 pm

Valerie ha scritto:
In tante scuole medie della provincia l'utenza richiede lo spagnolo perché viene percepito come lingua più 'moderna'.
O forse solo perchè ritenuta più facile; non basta aggiungere una s alla fine delle parole italiane ?
Pierino come si dice "io parlo spagnolo in spagnolo ?"

"Ios parlos spagnolos"

"Pierino .... tres" CVD
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47821
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 11:15 pm

lucetta10 ha scritto:
Mettiamola così: non mi interessa la pars construens.
Ah ok, allora il discorso può anche finire qui:-)
lucetta10 ha scritto:
Non ho l'ambizione, né tantomeno la capacità e la preparazione, per proporre un metodo ottimale. Non insegno più latino e quando lo facevo, da precaria, non sceglievo io i manuali.
Però sceglievi come insegnare e ti sarai chiesta se ottenevi risultati positivi oppure no.
lucetta10 ha scritto:
Quello che mi interessa capire è perchè si privilegi ancora un manuale classico come il Tantucci, che, non possiamo negarlo, rappresenta "l'usato sicuro", se siano i risultati a stimolare la scelta.
E dicendo Tantucci non intendo stimolare una discussione settaria sull'insegnamento del latino. Quando l'ho citato l'ho fatto con leggerezza, per dire altro, per spiegare che non è impossibile innovare la didattica per l'insegnamento di una lingua classica.
Ammettendo che dire Tantucci significa dire "metodo tradizionale", ergo solido, autorevole, un monumento nazionale (lo dico senza nessunissima ironia), vorrei capire perchè lo si preferisca, cercando dunque la continuità di metodi (la scheda del Tantucci, me la sono andata a leggere, dice "la garanzia del metodo Tantucci") di fronte alla forte discontinuità dei discenti di oggi rispetto a quelli di ieri
Su questo non posso aiutarti perché non sapevo nemmeno che il Tantucci fosse ancora in commercio. Ho usato vari libri, fatti bene o meno bene, ma nessuna scuola della mia provincia ha adottato il Tantucci.
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Ven Gen 09, 2015 11:22 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Immagino che 70 sia la tua data di nascita. Per te vanno bene i metodi comunicativi, ma per le chicca98, 99, 2002 no.
Finchè non ci rassegneremo al fatto che i nostri schemi mentali e i nostri stili di apprendimento sono diversi da quelli dei nostri studenti non faremo altro che creare frustrazione, a noi stessi e ai nostri alunni. La grammatica descrittiva è bella ma appartiene a un tempo che fu, oggi è totalmente inefficace, quello che non capisco è perchè ci siamo così affezionati

Scusate un attimo se mi intrometto pur insegnando materie completamente diverse, ma questa storia degli "schemi mentali diversi" e dei "metodi di apprendimento diversi" che non possiamo fare nulla per influenzare e ai quali dobbiamo solo rassegnarci, francamente, non mi ha MAI convinto.

Un conto è dire che ormai "ci conviene" rassegnarci alla diffusione di abitudini sociali diverse, perché in tal modo accontentiamo studenti e famiglie che pretendono il percorso più facile e più comodo possibile, e noi stessi ci facciamo meno fegato amaro... ma ben altro è sostenere che strutturalmente i ragazzi di oggi non siano più in grado di fare certi sforzi e certe riflessioni simili a quelli che facevamo noi e che quindi sia inutile chiederglielo perché proprio non possono.

Semplicemente, non è possibile, né dal punto di vista biologico, né culturale, né banalmente LOGICO, che in 20 o 30 anni siano cambiate radicalmente le caratteristiche neurologiche di base di un'intera specie. Non è materialmente possibile, non c'è verso di sostenere il contrario. E se sono cambiati i metodi di apprendimento in ambito scolastico, beh, allora non ci sono scuse, vuol dire che è stata la scuola stessa a TRASMETTERE ai ragazzini tali cambiamenti, modificando le richieste, modificando i linguaggi e modificando gli schemi, i ruoli e le responsabilità.

Perché qua non si stava parlando affatto di apprendimenti in generale, di abilità di base della vita privata e pubblica che si apprendono in famiglia nei primissimi anni di vita.

Non si stava parlando delle abilità logiche e motorie fondamentali, del modo di camminare, di vestirsi, di lavarsi, di giocare, di usare le posate, di allacciarsi le scarpe.

Si stava parlando di abilità specifiche di lettura, scrittura, calcolo, memorizzazione, riflessione, che si trasmettono solo a scuola e che riguardano "materie di studio" che si fanno solo a scuola, e di cui in generale (salvo qualche caso singolo) non ci si occupa in famiglia, prima che il bambino vada a scuola.

Quindi, come è possibile che quelle modalità siano cambiate indipendentemente dalla scuola, perché è cambiata la società intorno, se i cambiamenti di questa società intorno riguardano tutt'altro?????

L.


E chi dice il contrario? Certo che la scuola ha colpa. Mi fanno anzi ridere quelli che incolpano facebook e le congiunture astrali e che considerano l'essere umano 2.0 tout court scemo, ontologicamente imbecille.
Il tema è: come salvaguardare un buon livello? Da come la vedo io se si continua a insistere con gli stessi metodi, ogni disciplina attaccata a venerare il proprio "Tantucci" (quasi andando a punire i ragazzi delle nostre colpe), prima o poi ci si trova a dover abbassare l'asticella perchè quelli che ci vengono dietro sono sempre meno.
Non mi sento invece di escludere che se si cercasse di innovare il metodo didattico (non per vendere un prodotto o proporre ammicchi a una utenza annoiata), forse si potrebbero ottenere risultati migliori. Lo ripeto e ribadisco, fatti salvi gli obiettivi, anzi, proprio per salvare gli obiettivi
Tornare in alto Andare in basso
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Sab Gen 10, 2015 9:50 pm

ancora a romperci le scatole con la storiella che il latino e il greco sono materie da Matusalemmi o da gobbuti neoLeopardi???? Io da docente di greco e latino non ho mai trovato tanta differenza tra Licei e Iti .... la maggior parte degli alunni di oggi non ha semplicemente né le capacità né la voglia di studiare?! Che poi pensino che la chimica o le scienze siano più semplici delle materie classiche o che servano di più, è una barzelletta come tante chiacchere che questi giorni riempiono i nostri talk show....insegnando quest'anno contemporaneamente a un Liceo e a un ITI trovo ragazzi più motivati nel Tecnico ma che al contempo non hanno basi come i loro colleghi del Liceo sociale che ovviamente hanno scelto la scuola solo perché è un Liceo senza latino, quindi più facile ma sempre latino (scelta sbagliatissima ma che evidentemente è colpa anche degli insegnanti delle Medie che hanno consapevolmente indirizzato male le famiglie, per motivi chiari a tutti....). Se poi pensiamo che oggi all'Università non va praticamente nessuno e che difficilmente i nostri geni diplomati trovano lavoro grazie alle materie studiate, sinceramente resto della mia idea: meglio una scuola selettiva ma che crea persone capaci, che indottrinare questi cervelli (considerando che certe nozioni minime dovrebbero averle acquisite alle elementari!)....ovviamente io esprimo la mia opinione (che poi stranamente è condivisa da tanti colleghi fin quando non si rischia di rimanere con le classi dimezzate e cancellate bocciando mezze classi!!) ma per la beneficenza educativa o morale ci sono i missionari e i volontariati.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1624
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Dom Gen 11, 2015 8:33 am

Tutte le materie presentano delle difficoltà, dal greco alla chimica. Anzi, la chimica è stata pet me molto più difficile di latino e greco messi insieme. In ogni caso, di qualsiasi materia si tratti, non si può sempre pensare di trasformare tutto in un gioco: lo sforzo è inevitabile e con c'è insegnante al mondo che possa eliminartelo. Progredendo nell'apprendimento, allo sforzo si unisce il piacere di sapere, la soddisfazione, non per il voto, ma per la consapevolezza di essere in grado. Forse a questo stadio non tutti possono arrivare? Non importa, mi basta che ci arrivino alcuni. Io lavoro avendo come obiettivo formare delle eccellenze, gli altri faranno quel che potranno. D'altra parte non è mica obbligatorio frequentare un liceo per arenarsi subito dopo. Gli studenti protetti e coccolati finiscono poi ingloriosamente la loro frequenza accademica, spesso dopo pochi mesi. Certo che tanti problemi sarebbero risolti con l'eliminazione del valore legale del titolo di studio. Allora scaldare il banco in attesa del diplomino non avrebbe più senso.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1624
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Dom Gen 11, 2015 8:43 am

Non so se gli insegnanti delle medie indirizzino male gli alunni consapevolmente oppure se le famiglie non tengano conto di tali valutazioni. Ciò che vedo regolarmente è una ipervalutazione nei voti. Ormai gli insegnanti delle superiori lo sanno: chi esce dalle medie con 6 è in realtà gravemente insufficiente, chi esce con 8 si attesta poi sulla sufficienza (a volte scarsa). Accettabili sono i 9 e i 10, che in un liceo avranno la media tra il 7 e l'8 se tutto va bene. Questa sfasatura porta molti genitori a fare il solito ritornello: "ma come è possibile che abbia 5 nei temi? Alle medie prendeva sempre 8!!"
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Dom Gen 11, 2015 11:22 am

chicca70 ha scritto:
Non so se gli insegnanti delle medie indirizzino male gli alunni consapevolmente oppure se le famiglie non tengano conto di tali valutazioni.  Ciò che vedo regolarmente è una ipervalutazione nei voti. Ormai gli insegnanti delle superiori lo sanno: chi esce dalle medie con 6 è in realtà gravemente insufficiente,  chi esce con 8 si attesta poi sulla sufficienza (a volte scarsa). Accettabili sono i 9 e i 10, che in un liceo avranno la media tra il 7 e l'8 se tutto va bene. Questa sfasatura porta molti genitori a fare il solito ritornello: "ma come è possibile che abbia 5 nei temi?  Alle medie prendeva sempre 8!!"
Quei 3 punti in più in ambito didattico hanno un nome: "rinforzo positivo".
Quando la Cina ci invaderà ed imporrà il suo modo di gestire le cose, sarà una delle prime vestigia del passato ad essere spazzata via.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Dom Gen 11, 2015 12:36 pm

chicca70 ha scritto:
Non so se gli insegnanti delle medie indirizzino male gli alunni consapevolmente oppure se le famiglie non tengano conto di tali valutazioni.  Ciò che vedo regolarmente è una ipervalutazione nei voti. Ormai gli insegnanti delle superiori lo sanno: chi esce dalle medie con 6 è in realtà gravemente insufficiente,  chi esce con 8 si attesta poi sulla sufficienza (a volte scarsa). Accettabili sono i 9 e i 10, che in un liceo avranno la media tra il 7 e l'8 se tutto va bene. Questa sfasatura porta molti genitori a fare il solito ritornello: "ma come è possibile che abbia 5 nei temi?  Alle medie prendeva sempre 8!!"
Tutto il mondo è paese Chicca! Anche la scuola superiore ha i suoi "limiti"...chiamiamoli così.
Sono insegnante in ruolo alle suoperiori con 29 anni di servizio e come docente DOP sono stata utilizzata per diversi anni alla scuola media e ho avuto modo così di conoscere direttamente come insegnante questo grado di istruzione. Anche io, come te, prima di queste eperienze dirette, facevo le tue stesse considerazioni e mi ponevo le tue stesse domande, ma sbagliavo, sbagliavo tanto. Per capire dove sta l'errore pongo a te, docente di scuola superiore come me, la stessa tipologia di domanda: "chi,m nella scuola superiore, viene promosso alla classe successiva con 6 è realmente sufficiente? chiu esce dalla scuola superiore con un 60/100 è realmente sufficiente o sarebbe più corretto parlare di un "bel calcio nel sedere"??.............in questo senso ho iniziato il post con la frase "tutto il mondo è paese"!!
Tornare in alto Andare in basso
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Dom Gen 11, 2015 12:49 pm

imparassero i genitori che come i politici anche molti insegnanti non vogliono rotture varie e quindi per non sentirli sbraitare per i loro pargoli anche gli insegnanti hanno imparato a prenderli per il c...o!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Dom Gen 11, 2015 12:51 pm

infatti i calci per levarseli di torno si danno alle elementari, alle medie come alle superiori...il problema che bisognerebbe indirizzare il calcio verso le campagne o verso lavori socialmente utili, con obbligo di permanenza a vita, non a bighellonare dalla mattina alla sera rimbecillendosi più di quanto già lo siano davanti a un pc o ad una slot machine!
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1624
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Dom Gen 11, 2015 1:35 pm

Giovanna, in gran parte hai ragione: non tutti quelli che vengono promossi con 6 sono realmente sufficienti, una parte di loro si, altri no. Ciò che mi sembra differenzi le medie dalle superiori è la ricaduta del "6 calcio nel sedere" dato ad alcuni alunni sui voti degli altri. Cerco di spiegarmi: se do 6 a chi merita 4, 7 a chi merita 5 e così via, il risultato è che tutti i voti risultano sfasati. Questo lo verifico nei voti in uscita dalle medie ma non nelle superiori. Nelle scuole che conosco si tende a dare 4 ai 4, 6 a chi merita 5 oppure 6, mantenendo il voto reale nelle fasce superiori. Il calcio nel sedere esiste ovunque, inutile negarlo, ma non è questo il vero problema, secondo me. Il problema è quando l'ipervalutazione si estende elargendo 8 e 9 che creano poi aspettative che spesso sono destinate a non realizzarsi.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Mar Gen 13, 2015 11:15 pm

Proprio non capisco il problema. Al ginnasio il mio compagno di banco non andava oltre il 3 nei compiti di latino e greco. Mi ricordo un suo compito memorabile: una versione dal titolo "Omero", prima parola "Homerus", l'unica che avesse tradotto correttamente, il resto tutto blu. Come era ovvio venne bocciato subito, cambiò scuola e indirizzo.
Quando eravamo studenti, il passaggio dal ginnasio al liceo era un bagno di sangue, ne desumo che si sbagliava indirizzo molto più di ora, ma la selezione era garantita comunque dagli insegnanti, non si chiedeva la "selezione alla porta" ai "buttafuori" delle scuole medie.
Non sarà che oggi nella "riserva dei panda" non si può più bocciare nessuno pena la perdita di quelle poche cattedre che rimangono e quindi si vorrebbe che dalle scuole medie ci si smazzasse ANCHE la rogna di una selezione scientifica, di alunni con tutte le carte in regola per arrivare al diploma senza intoppi?
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1624
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno   Mar Gen 13, 2015 11:51 pm

Mai chiesto una selezione all'ingresso. Ciò che vorrei è una valutazione che non illuda gli studenti e relativi genitori. Quando studi un'ora al giorno e la tua pagella è piena di 8 e9, pensi di poter continuare con lo stesso impegno, lo stesso metodo etc. Quando scopri che quegli 8 diventano 5 e 6, non capisci come ciò sia potuto accadere e con chi te la prendi? Con gli insegnanti perfidi e malvagi.
Tornare in alto Andare in basso
 
valutazione gravemente insufficiente ma favorevole all'ammissione di un alunno
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
 Argomenti simili
-
» Metà anestesisti favorevole all'eutanasia
» Valutazione e selezione degli ovociti per la fecondazione in vitro
» Valutazione spermiogramma di mio marito
» La valutazione della riserva ovarica
» Il matrimonio nuoce gravemente alla salute

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: