Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Educazione: obsolescenza e sviluppi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15774
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Dom Dic 28, 2014 10:45 am

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/news/tema-italiano-diseducativo-aboliamo-oppure-no

"abolire il tema in classe, perché è diventato un esercizio diseducativo"

Da un lato fa piacere che una volta tanto i giudizi sulla didattica non vengano da una dietologa, da uno psicologo, da un politico, da un idraulico o da una prostituta; dall'altro un po' mi spiace che chi si occupa di istruzione ed educazione abbia una visione così relativistica dell'educazione.

Una volta il tema era educativo ed ora no ? Cos'è cambiato ?
Avesse scritto "il tema è sempre stato diseducativo, lo abbiamo sempre fatto e guarda che razza di stronzi siamo diventati" avrei potuto accettarlo, ma in buona sostanza ha detto "una volta andava bene (sottintendendo che siamo delle splendide persone anche grazie a quello) ma ora le cose sono cambiate".

PERCHE' ?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
chicca70



Messaggi : 1602
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Lun Dic 29, 2014 5:32 pm

A conoscenze. Errore di battitura che non riesco a correggere.
Tornare in alto Andare in basso
Dubia



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 30.08.12

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Lun Dic 29, 2014 11:25 pm

A me pare, però, che Dell'Oro non accusasse il "tema" in sé, bensì la scarsa attenzione allo sviluppo delle competenze di scrittura. Queste competenze non si sviluppano mediante l'assegnazione di "temi" che vengono utilizzati come strumenti di valutazione, senza impostare un percorso di apprendimento mirato. Il semplice esercizio su traccia, non è inutile per chi possiede già una buona padronanza della lingua scritta e funzionava sicuramente nel passato. Oggi, invece, è necessario dedicare più tempo all'insegnamento della lingua scritta. La secondaria di primo grado rappresenta, secondo un'espressione abusata, "l'anello debole della catena". A malincuore devo condividere questo giudizio, perché l'obbligo scolastico è stato innalzato, ma la secondaria di primo grado non è stata ripensata in funzione di questa novità, nonostante i buoni propositi delle varie "Indicazioni nazionali".
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Lun Dic 29, 2014 11:47 pm

Io, Dubia, ho un'esperienza completamente diversa. Né alle elementari né alle medie mi è stata insegnata la competenza di produzione scritta.
All elementari per la produzione scritta venivano proposti solo pensierini 'a casaccio', voglio dire liberi. Alle medie la prof di italiano era assessore in comune, arrivava in classe 5 minuti prima della fine della lezione, giusto in tempo per assegnare un compito senza aver mai spiegato in cosa consistesse, per esempio un 'commento' a un brano preso a caso dall'antologia: ma che cavolo era un commento? O un'analisi?
Poi, una volta ogni due mesi, arrivava il fatidico 'tema in classe': testo a caso su titolo a caso. Un'orrida forma di coercizione e basta. A cosa serviva? Testare qualcosa che non era stato insegnato? In pratica andavano bene solo quelli naturalmente dotati e che vivevano in ambienti culturalmente stimolanti.
Ora invece i miei figli cominciano alle elementari con l'imparare a impostare e costruire un testo: si parte dalle descrizioni, di cose, persone e luoghi, poi si passa al resoconto di esperienze, alla favola, alla fiaba, al racconto, al testo regolativo. Si leggono e analizzano i testi e poi pian piano si cerca di crearne di simili, fino a diventare autonomi. Alle medie stanno riprendendo i vari tipi di testo in modo più approfondito. Per loro fare un tema in classe è il gradino finale di tutto un lavoro. Così sì che ha senso. E che è utile.
Per me quindi le cose non sono peggiorate, ma migliorate. Esperienza mia, certo. Infatti ho detto 'per me'.
Tornare in alto Andare in basso
Dubia



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 30.08.12

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mar Dic 30, 2014 12:34 am

Il dubbio che ho, Valerie, è quanto siano effettivamente diffuse queste "buone pratiche". La scuola in Italia è molto eterogenea (nord/sud/centro, grandi/piccoli centri, estrazione sociale delle famiglie etc.)
Ho la sensazione - ma qui occorrerebbero dati certi - che in molti contesti si applichi ancora il metodo che hai sperimentato tu (e anch'io!), con l'aggravante che oggi gli studenti che proseguono gli studi senza avere acquisito gli strumenti necessari sono molti di più. Una verifica a livello locale potrebbe consistere nel dialogare con le secondarie di secondo grado per appurare il rendimento dei singoli studenti del primo grado. Questo è quanto si magnificava rispetto alla "Scuola in chiaro": seguire gli studenti nel loro percorso di apprendimento. Ma è rimasta lettera morta, come è rimasta lettera morta l'idea di verificare il progresso dalla prima alla terza media mediante le prove Invalsi (abolita, mi pare per ovvi motivi di costi, la prova in prima!). Soldi buttati. Ma sto divagando. Resta il problema dei livelli di apprendimento: gli insegnanti chiamano in causa le famiglie, le famiglie chiamano in causa gli insegnanti, i mass media accusano scuola e famiglia. Occorrerebbe aprire un altro thread.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15774
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mar Dic 30, 2014 10:12 am

Dubia ha scritto:
La secondaria di primo grado rappresenta, secondo un'espressione abusata, "l'anello debole della catena". A malincuore devo condividere questo giudizio, perché l'obbligo scolastico è stato innalzato, ma la secondaria di primo grado non è stata ripensata in funzione di questa novità, nonostante i buoni propositi delle varie "Indicazioni nazionali".
Le medie sono l'anello debole perchè i bambini cresciutelli cominciano a dare problemi proprio in quel periodo e i docenti non hanno strumenti per fronteggiarli.
Tornare in alto Andare in basso
angie



Messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 01.10.09

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mar Dic 30, 2014 10:39 am

Dubia ha scritto:
A me pare, però, che Dell'Oro non accusasse il "tema" in sé, bensì la scarsa attenzione allo sviluppo delle competenze di scrittura. Queste competenze non si sviluppano mediante l'assegnazione di "temi" che vengono utilizzati come strumenti di valutazione, senza impostare un percorso di apprendimento mirato. Il semplice esercizio su traccia, non è inutile per chi possiede già una buona padronanza della lingua scritta e funzionava sicuramente nel passato. Oggi, invece, è necessario dedicare più tempo all'insegnamento della lingua scritta. La secondaria di primo grado rappresenta, secondo un'espressione abusata, "l'anello debole della catena". A malincuore devo condividere questo giudizio, perché l'obbligo scolastico è stato innalzato, ma la secondaria di primo grado non è stata ripensata in funzione di questa novità, nonostante i buoni propositi delle varie "Indicazioni nazionali".


Nella scuola sec. di II e parlo degli ultimi anni, sono pochi quelli che sanno scrivere, ma anche riflettere, esprimere in modo compiuto giudizi critici, per cui credo che il tema serva...serva proprio.
Molti giovani sono disinteressati a ciò che gli accade attorno ed è necessario, anche attraverso un testo di questo tipo, fargli prendere coscienza ed educarli a tematiche che altrimenti non li sfiorerebbero neanche.
Il pc è utile, ma li ha resi anche aridi, sintetici, superficiali nei pensieri oltre che aver nuociuto pure all' ortografia(ciò avviene in ogni grado scolast.).
Bisogna anche leggere di più, incentivarla la lettura, non favorire menti statiche, che stanno ore e ore davanti ad un monitor.
C'è l'informatica? Ok......piace ancher a me e la utilizzo a scuola e non, ma gli strumenti del passato non vanno trascurati, tema in primis!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15774
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mar Dic 30, 2014 12:12 pm

angie ha scritto:
Il pc è utile, ma li ha resi anche aridi, sintetici, superficiali nei pensieri oltre che aver nuociuto pure all' ortografia
Magari fossero sintetici, saprebbero esprimere tutto quello che c'è da esprimere in poche sagge parole.

Purtroppo sono stringati.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1602
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mar Dic 30, 2014 1:06 pm

Quando ringrazierei se i compiti fossero sintetici! Invece o sono inutilmente verbosi oppure manca l'essenziale, il che non è sintesi ma carenza di contenuti.
Tornare in alto Andare in basso
Dubia



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 30.08.12

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mar Dic 30, 2014 11:22 pm

angie ha scritto:
Nella scuola sec. di II e parlo degli ultimi anni, sono pochi quelli che sanno scrivere, ma anche riflettere, esprimere in modo compiuto giudizi critici, per cui credo che il tema serva...serva proprio.
Molti giovani sono disinteressati a ciò che gli accade attorno ed è necessario, anche attraverso un testo di questo tipo, fargli prendere coscienza ed educarli a tematiche che altrimenti non li sfiorerebbero neanche.
Il pc è utile, ma li ha resi anche aridi, sintetici, superficiali nei pensieri oltre che aver nuociuto pure all' ortografia(ciò avviene in ogni grado scolast.).
Bisogna anche leggere di più, incentivarla la lettura, non favorire menti statiche, che stanno ore e ore davanti ad un monitor.
C'è l'informatica? Ok......piace ancher a me e la utilizzo a scuola e non, ma gli strumenti del passato non vanno trascurati, tema in primis!

Immagino che il tema classico, quello che abbiamo svolto per anni quando eravamo adolescenti, oggi verrebbe classificato come testo "riflessivo". Io non dico che sia inutile, sostengo soltanto che gli studenti debbano essere educati a scrivere diversi tipi di testo, anche e soprattutto testi riflessivi. La didattica, tuttavia, si scontra con l'attualità: basta assegnare un qualsiasi tema per casa per ritrovarsi sommersi di brutte copie scaricate dal web (qui entra in gioco il pessimo uso delle nuove tecnologie da parte degli studenti). Devono scrivere a scuola e si deve almeno provare a insegnare il valore dell'originalità. Occorre, secondo me, prima spezzettare il compito, assegnare testi brevi, ma che richiedono una risposta personale; lavorare su diversi piani: la lettura, come dice Angie, ma anche il dibattito guidato (un'idea genera un'altra, abituare a pensare); l'analisi dei livelli di coesione e di coerenza dei testi; la proprietà lessicale. Si tratta di esercizi distinti, che devono poi confluire nella produzione scritta, per verificare l'acquisizione di una effettiva competenza.
Condivido con Angie la condanna dei danni prodotti dallo strapotere delle nuove tecnologie, tuttavia credo che si possa trovare un compromesso e piegarne l'uso ai propri scopi. In particolare occorre riflettere su come usare le nuove tecnologie per migliorare la produzione scritta (si possono proporre una serie infinita di esercizi, disponendo delle adeguate tecnologie, per sviluppare in particolare il lessico e la coesione). Inoltre si potrebbe lavorare sull'abitudine alla copia da internet per sviluppare le capacità di analisi e di riflessione (dovrei ritrovare un articolo di Umberto Eco di qualche anno fa su questo argomento).
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mer Dic 31, 2014 2:55 pm

Imparare a scrivere significa imparare a trasmettere le proprie idee.
In un futuro ove pochi sanno scrivere, e tutti gli altri copiano, pochi avranno le proprie idee, tutti gli altri potranno solo aderire alle idee, facendo finta che siano proprie.
Uno se ne accorge quando vede che un messaggio, per quanto idiota possa essere, se se ne viene bombardati con sufficiente insistenza, viene assimilato e fatto proprio dalle masse, sopratutto giovani; senza nessun contributo critico però!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15774
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mer Dic 31, 2014 3:00 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Imparare a scrivere significa imparare a trasmettere le proprie idee.
In un futuro ove pochi sanno scrivere, e tutti gli altri copiano, pochi avranno le proprie idee, tutti gli altri potranno solo aderire alle idee, facendo finta che siano proprie.
Uno se ne accorge quando vede che un messaggio, per quanto idiota possa essere, se se ne viene bombardati con sufficiente insistenza, viene assimilato e fatto proprio dalle masse, sopratutto giovani; senza nessun contributo critico però!
Il futuro è già arrivato !
Il "mi piace" di facebook cos'altro è se non quello che hai descritto ?
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mer Dic 31, 2014 4:08 pm

Giusto! A che serve imparare a fare il tema quando basta cliccare "mi piace" sotto il tema di qualcun altro? Basta scegliere quello che mi piace di più!
Infatti anche le terze prove e le prove invalsi ormai si fanno così: "a quiz", bisogna solo mettere la spunta (o il "mipiace" se preferite) accanto alla risposta che sembra più convincente


Ultima modifica di Paolo Santaniello il Mer Dic 31, 2014 4:32 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mer Dic 31, 2014 4:16 pm

@Dubia
Clicco su 'mi piace'
;-)


Ultima modifica di Valerie il Mer Dic 31, 2014 4:44 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Educazione: obsolescenza e sviluppi   Mer Dic 31, 2014 4:35 pm

tutta 'sta fatica per renderli passivi...
Tornare in alto Andare in basso
 
Educazione: obsolescenza e sviluppi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
 Argomenti simili
-
» Relatività dell'educazione...
» Educazione e cortesia queste sconosciute
» sull'educazione dei figli...
» Giannini: Eliminata educazione fisica dal 2015
» [articolo] Lezione di sesso troppo esplicita

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: