Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» "Le bambine si tappino le orecchie !"
Oggi a 12:53 am Da rita

» Obbligo recupero ore
Oggi a 12:23 am Da iaiataf

» Equiparazione dottorato di ricerca e abilitazione
Ieri a 11:57 pm Da Ciope1981

» Congedo pare tale e malattia
Ieri a 11:55 pm Da Giorgia11

» detrazioni figli a carico
Ieri a 11:33 pm Da CUBA71

» Gestione della rabbia
Ieri a 11:21 pm Da Masaniello

» Urgente congedo
Ieri a 11:07 pm Da Mlc

» Gestione della rabbia
Ieri a 11:02 pm Da alice74

» compiti in classe per DSA chi li prepara?
Ieri a 10:55 pm Da rita

Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 idiozia, malafede o

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 2:19 pm

Riferimento: http://www.corriere.it/scuola/primaria/15_gennaio_29/buona-scuola-economia-b347cf06-a7e2-11e4-b182-cec9e96dbdaf.shtml

>Gli studenti italiani sono in genere poco brillanti nelle materie Stem, cioè scientifiche, matematica in testa.
>Questo non è un problema di orario, ma di preparazione degli insegnanti e di condizioni dell’apprendimento

Chiedo scusa (ai lettori) per il tono, ma mi chiedo sulla base di quale diritto divino e di quale competenza questo spregevole essere, che da anni non fa che scaldare inutili poltrone con il suo nobile e impalmato culo, si permette di fare un'affermazione del tutto gratuita e del tutto generica in merito alla preparazione degli insegnanti di un'area in cui non ha alcuna competenza per esprimere giudizi di merito.

Domani proietterò in classe le affermazioni di questa minus habens ossigenata e chiederò un parere ai soli interlocutori che ritengo affidabili, i soli che ritengo in grado di esprimere un potenziale di onestà intellettuale che surclassa di milioni di parsec quella di questi imbecilli saliti sul piedistallo politico.

Per i moderatori: nel caso si ritenesse inadeguato il mio commento nei confronti della Giannini, reclamo il mio diritto di insegnante di replicare liberamente alle offese gratuite e infondate di un ministro dell'istruzione
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15776
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 2:37 pm

La devi capire, in passato ha detto che lei ritiene importantissima la formazione classica, ergo viene dal liceo classico, dove solo una sparuta minoranza di studenti ci capisce qualcosa di materie scientifiche; ritenendo che i docenti debbano provenire per lo più da quel percorso, ha fatto 2+2, gli è venuto 5 ed ha detto quello che ha detto.

Basterebbe spiegargli che le università scientifiche sono aperte anche ai diplomati del liceo scientifico ed a quelli del tecnico industriale (ad ingegneria il 50 % viene dal tecnico).

Se avesse la mente più aperta comincerei a credere che alcune materie possano anche essere utili.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15776
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 2:39 pm

E comunque bisogna distruggere Cartagine.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 3:00 pm

E comunque, credevo che con la Gelmini si fosse toccato il fondo del barile delle nefandezze, ma a quanto pare lo strato di feccia depositata è più spesso di quanto sembrasse.
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7491
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 3:56 pm

gian...fai un respiro profondo e prometti di non insultarmi (non son la bionda in questione, giuro!).
ma io, orrore orrore, non riesco a darle completamente torto.
poi se vuoi continuare a insultarla per un sacco di altre sparate...fai pure, avrai il mio appoggio a prescindere.
posso parlare solo di medie e solo per esperienza diretta.
i tantissimi ottimi colleghi di matematica che ho incontrato nel corso degli anni...non son comunque riusciti a farmi dimenticare degli altrettanto ottimi, umanamente, colleghi di matematica che però arrancavano...proprio in matematica!.
come in altre materie (compresa la mia, arte) formate in pratica da due discipline ben distinte, anche per matematica  sono forse i criteri stessi che danno accesso all'insegnamento a proporre basi fragili nelle competenze di base.
mi spiego meglio sperando di non offender nessuno, non è questa la mia intenzione...
alle medie si insegna matematica e scienze.
un laureato in ingegneria non può insegnar matematica alle medie perché gli mancano tutte le competenze di scienze.
geologi, chimici (non sto denigrando nessun percorso di laurea ma solo sottolinearne le incredibili diversità) ecc... invece possono insegnarla proprio perché in possesso anche di queste competenze.
ma allora perché mi è personalamente capitato (davvero troppo spesso), di aver colleghi fantastici per quanto riguarda esperimenti vari (la parte di scienze insomma)...ma che prima di affrontare i vari argomenti legati alla sola matematica si dovevan studiare (non solo ripassare) le lezioni da fare il giorno successivo in classe?
in un caso poi...fu lo stesso preside a divider la cattedra in scienze e matematica, la collega, di ruolo, faceva solo scienze, benissimo, in tot classi...il collega precario si occupava di matematica nelle stesse classi..?!
e ribadisco...un po' come in arte e immagine, materia composta da storia dell'arte e disegno...può essere insegnata anche da laureati in architettura, competenti ai massimi livelli per quanto riguarda la prima parte m molto carenti per tutto il lato pratico (il disegno).
poi certo essendo la mia una materia considerata se non di serie b...almeno "accessoria", il problema non vien sottolineato e probabilmente manco notato...mentre è tragicamente più evidente il problema, tutto italiano pare, della matematica troppo spesso maldigerita (ma come viene insegnata opps...cucinata?).
e ribadisco...ottimi docenti di matematica ce ne sono, son certa siano anche in questo forum, li leggo e nei loro ragionamenti vedo il "tocco logico matematico", ma alle medie ci sono intere sezioni connotate negli anni dal docente di matematica...e non sempre in positivo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15776
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 4:10 pm

Si alle medie il problema esiste, A059 comprende troppe cose ed è accessibile da troppe lauree.
Anche nei TFA i protodocenti si lamentano di questa situazione, le prove sono sbilanciate in favore di matematica e chi non ha quella laurea stenta a superarle; chi è laureato in matematica spesso di scienze non sa nulla o quasi.

Da qui a dire che per colpa delle medie poco efficaci nelle materie scientifiche (per italiano i nostri 14enni invece spaccano il culo ai passeri), poi i diplomati finiscono con non essere adeguatamente preparati, ce ne passa.

Noi produciamo tecnici di serie B e C perchè nelle scuole tecniche mandiamo ragazzi di serie B e C.
Tornare in alto Andare in basso
Online
chicca70



Messaggi : 1602
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 4:41 pm

Anch'io ho notato ciò che scrive tellina. Alle medie matematica viene insegnata quasi sempre da laureati in scienze, biologia, geologia etc che di matematica sanno poco. I laureati in matematica insegnano quasi sempre alle superiori, quando ormai l'impostazione ai ragazzi è già stata data.
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 4:55 pm

Ma scusate, i geologi, biologi ecc. ecc. non hanno sostenuto gravosi esami di matematica?
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 5:15 pm

E allora la matematica facciamola insegnare solo ai laureati in matematica! Tanto i laureati in geologia, scienze etc. possono fare altro con il loro titolo di studio, no?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 5:40 pm

chicca70 ha scritto:
Anch'io ho notato ciò che scrive tellina. Alle medie matematica viene insegnata quasi sempre da laureati in scienze,  biologia,  geologia etc che di matematica sanno poco. I laureati in matematica insegnano quasi sempre alle superiori, quando ormai l'impostazione ai ragazzi è già stata data.

La mia professoressa delle scuole medie era laureata in farmacia. Era esemplare per conoscenze, rigore matematico, chiarezza espositiva.

Se il liceale medio di oggi è più scarso di quello di ieri e lo studente universitario di oggi è più scarso di quello di ieri, perché stupirsi se il docente medio di oggi è più scarso di quello di ieri?

Molti docenti sono stati assunti con concorsi riservati o passando dalle elementari o medie alle superiori. Molti saranno anche in gamba, ma sicuro che il processo sia stato gestito e attuato seriamente? Avendo frequentato un corso-concorso riservato, permettetemi di dubitare fortemente. Nel mio corso-concorso valse la regola "todos caballeros" (tranne me e pochi altri che non si fecero raccomandare) e ho visto cose che voi umani ...

Anni fa sono stato in congedo e al ritorno ho scoperto che una supplente che mi sostituiva non sapeva calcolare i limiti. Secondo lei, molti risultati del libro erano sbagliati.

Una volta mi hanno chiesto qualche spiegazione in vista di un esame di matematica di scienze della formazione. Dire che sono perplesso su quello che i futuri maestri devono studiare è un eufemismo.
Tornare in alto Andare in basso
pasqui74



Messaggi : 151
Data d'iscrizione : 27.05.14

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 6:21 pm

Siamo scarsi nelle scienze perche l'accesso alle classi di concorso è stato deciso da qualche incompetente. Come puo un farmacista insegnare chimica al triennio dell ITI ( Iragazzi in IV hanno gia conoscenze superiori) o un biologo o geologo insegnare alle medie matematica con un solo esame di istituzioni di matematica, magari superato con 18 perché la matematica non è mai stata il suo forte, oppure chimica al liceo s. che ha un programma piu esteso della chimica generale che sostengono loro all università. Per questo siamo scarsissimi in scienze. Poi le persone coscienziose che studiano moltissimo per colmare le loro lacune ci sono ma non sono la regola.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 6:30 pm

Sarebbe veramente doveroso informarsi prima di fare simili esternazioni.

Condivido l'incaxxatura di Gian!!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 8:43 pm

Leggo qui interventi che posso anche in parte condividere in alcune argomentazioni (provo a replicare dopo), ma ricondurre un problema la cui origine si individua probabilmente in un concorso di cause complesse, articolate e variegate equivale a quelle classiche sentenze sparate in una discussione al banco del bar dopo un'animata discussione e l'ingurgitamento di qualche gallone di birra: gli studenti non sanno un accidente di niente perché gli insegnanti non sanno un cacchio e non sanno insegnare un cacchio. A mio parere certe corbellerie senza capo né coda si sparano nelle bettole o durante la coda al banco del macellaio o del salumiere. Non escono dalla bocca di un ministro dell'istruzione che dovrebbe avere una conoscenza più articolata della realtà del mondo della scuola e porsi qualche interrogativo in più rispetto ad una deduzione alla carlona sfoderata dai soliti luoghi comuni. Spero di essermi spiegato.

Venendo in merito agli interventi qua sopra, concordo sul fatto che le competenze attribuite alle varie classi di concorso lasciano spesso a desiderare, tuttavia condivido solo in parte queste considerazioni e che, comunque, non sono sufficienti a dare una motivazione solida ad un problema più complesso.

Se la ratio di alcune argomentazioni dovesse essere assunta a rigore, dovremmo istituire la ripartizione delle discipline per classi di concorso anche nella primaria. Perché un maestro alle elementari, non avendo una laurea in matematica, non sarebbe preparato per insegnare a far di conto. Perché il concetto deve valere per la media inferiore e non per la primaria? Concordo pienamente sul fatto che includere nel calderone dell'A059 la matematica e le scienze naturali sia privo di qualsiasi logica, ma non concordo sul fatto che insegnare i fondamenti della matematica sia necessariamente una prerogativa esclusiva di un laureato in matematica. Se poi, ad insegnare matematica nella media inferiore finisce un laureato in matematica, tanto meglio. E tanto meglio ancora se si tratta di un bravo insegnante, qualità che nessuna laurea ti conferisce.

Per spiegarmi ricorro ad un esempio banale. Immagino che un qualsiasi laureato in fisica, anche con il minimo dei voti, conosca il concetto di velocità istantanea e la sua espressione analitica, tuttavia se non ha una competenza didattica dubito che abbia le capacità per far apprendere il concetto a ragazzini di una prima superiore, che si ritrovano a studiare la fisica mentre stanno iniziando il loro percorso formativo nell'algebra e non hanno alcuna base propedeutica nell'ambito della trigonometria e dell'analisi matematica. Per studiare fisica all'università si usa (o si usava, non sono aggiornato ) l'Haliday-Resnick, per insegnare fisica nel biennio delle superiori ci si deve dimenticare l'approccio analitico alla disciplina perché altrimenti anche un premio Nobel per la fisica finisce per farla odiare e ottenere ragazzi incapaci in fisica.

Proviamo ad estendere il concetto a tutte le discipline e ad analizzarlo da un altro punto di vista: per insegnare una qualsiasi disciplina in un ordine di studi inferiore non serve una preparazione accademica sulla disciplina specifica, serve semmai la padronanza concettuale della disciplina e la capacità di trasmetterne didatticamente i concetti, soprattutto a discenti che sono in piena età evolutiva, sia nel possesso delle competenze sia nel possesso delle capacità di apprendimento.

Con questo non voglio certo intendere che un biologo conosca la matematica meglio di un matematico e che sappia insegnarla meglio di un matematico. Tuttavia, in passato, alle scuole medie si accedeva conoscendo le tabelline e la differenza tra un rettangolo e un romboide, sapendo risolvere una divisione tra numeri interi o calcolare il guadagno del fruttivendolo che compra 10 kili di patate a 50 lire al kilo e li rivende a 100 lire al kilo. E alle elementari non insegnavano certo (e presumo non insegnino ancora) matematici, ingegneri ed economisti. Quindi? i ragazzi escono dalle medie senza queste competenze perché non le hanno gli insegnanti? Possibile che non ci passi per la testa che il problema ha radici un po' più complesse del binomio laurea - classe di concorso o, più in generale, della preparazione dell'insegnante?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15776
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 8:56 pm

Forse è passata in sordina la battuta "per italiano i nostri 14enni invece spaccano il culo ai passeri".

Se fosse vero che abbiamo pessimi insegnanti di materie tecnico scientifiche mentre ne abbiamo di ottimi in quelle letterarie, allora i nostri ragazzi dovrebbero sapere leggere e scrivere in uscita dalla terza media.
Io mi sono sempre rifiutato di correggere l'italiano delle mie verifiche scritte di elettronica; già era difficile mettere 6 senza farlo ..... e parlo di quarte e quinte.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15776
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 8:58 pm

Alla mia prima maturità da insegnante mi ricordo quello che disse la commissaria d'italiano: "dei 4 migliori temi, 3 sono di stranieri".
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 9:01 pm

gian ha scritto:
Leggo qui interventi che posso anche in parte condividere in alcune argomentazioni (provo a replicare dopo), ma ricondurre un problema la cui origine si individua probabilmente in un concorso di cause complesse, articolate e variegate equivale a quelle classiche sentenze sparate in una discussione al banco del bar dopo un'animata discussione e l'ingurgitamento di qualche gallone di birra: gli studenti non sanno un accidente di niente perché gli insegnanti non sanno un cacchio e non sanno insegnare un cacchio. A mio parere certe corbellerie senza capo né coda si sparano nelle bettole o durante la coda al banco del macellaio o del salumiere. Non escono dalla bocca di un ministro dell'istruzione che dovrebbe avere una conoscenza più articolata della realtà del mondo della scuola e porsi qualche interrogativo in più rispetto ad una deduzione alla carlona sfoderata dai soliti luoghi comuni. Spero di essermi spiegato.


D'accordo su questo, naturalmente. Buttare lì la frase è a dir poco incauto. Potrebbe avere un senso, restando opinabile, come conclusione logica di un discorso. Non escluderei neppure che la sintesi del concetto è opera di chi ha scritto l'articolo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 9:31 pm

mac67 ha scritto:
Non escluderei neppure che la sintesi del concetto è opera di chi ha scritto l'articolo.

È esattamente quello che ho pensato anch'io, ma al posto dell'intervistato mi sarei come minimo adoperato per smentire il senso che ha lasciato trasparire l'intervistatore. In assenza di puntualizzazione sul merito si presume che l'intervistato approvi la sintesi del contenuto.
Non trovi?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 10:44 pm

gian ha scritto:
mac67 ha scritto:
Non escluderei neppure che la sintesi del concetto è opera di chi ha scritto l'articolo.

È esattamente quello che ho pensato anch'io, ma al posto dell'intervistato mi sarei come minimo adoperato per smentire il senso che ha lasciato trasparire l'intervistatore. In assenza di puntualizzazione sul merito si presume che l'intervistato approvi la sintesi del contenuto.
Non trovi?

Non hai torto, ma credo che la Giannini abbia altro per la testa per ora.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 11:45 pm

ufo polemico ha scritto:
Ma scusate, i geologi, biologi ecc. ecc. non hanno sostenuto gravosi esami di matematica?

I geologi non so. I biologi potrebbero non aver sostenuto neppure un esame di matematica... dipende dalle università. Io ne conosco un paio che non hanno fatto neppure un esame di matematica.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Ven Gen 30, 2015 11:46 pm

mac67 ha scritto:
gian ha scritto:
mac67 ha scritto:
Non escluderei neppure che la sintesi del concetto è opera di chi ha scritto l'articolo.

È esattamente quello che ho pensato anch'io, ma al posto dell'intervistato mi sarei come minimo adoperato per smentire il senso che ha lasciato trasparire l'intervistatore. In assenza di puntualizzazione sul merito si presume che l'intervistato approvi la sintesi del contenuto.
Non trovi?

Non hai torto, ma credo che la Giannini abbia altro per la testa per ora.

Se vuoi dire che i neuroni l'hanno abbandonata in massa a causa di un'invasione degli ultratopi, non raccolgo la provocazione.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Sab Gen 31, 2015 12:31 am

Intervista alla Giannini sul Corriere ha scritto:

L’Inghilterra ha introdotto due ore obbligatorie di programmazione alla settimana. E da noi?
«Ci rendiamo conto che non basta dare Ipad, computer o lim, né giocare con gli strumenti informatici. Ma non ci saranno ore di coding come disciplina.

Solo a me sfugge qualcosa nella logica di questa donna?

Intervista alla Giannini sul Corriere ha scritto:

E alle superiori cosa cambierà?
«Arte sarà estesa con un’ora aggiuntiva in tutti e cinque gli anni dei licei, si sta studiando come inserirla nei tecnici e professionali, magari in modo facoltativo. Inseriremo anche un’ora di economia in terza e quarta superiore»

Semplicemente "agghiacciante". Questa pensa di insegnare l'economia con un'ora alla settimana e di introdurre "storia dell'arte" all'IPSIA... La programmazione alle medie "no" ma "storia dell'arte" all'IPSIA "si"... bho. Davvero, non ho parole. Mi limito a ribadire: "agghiacciante".
Tornare in alto Andare in basso
francesco3



Messaggi : 73
Data d'iscrizione : 12.08.12
Località : Piemonte

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Sab Gen 31, 2015 11:41 am

Stiamo scherzando? La scarsa preparazione sarebbe dovuta al fatto che molti insegnanti di A059 non sono laureati in matematica o al fatto che molti di A060 nei licei non sono chimici?
Secondo me un qualunque laureato in biologia,chimica,scienze agrarie,scienze naturali,ecc. dovrebbe essere in grado di insegnare matematica alle medie inferiori.
Da ex insegnante di chimica posso dire che qualunque biologo ,agrario,geologo,naturalista,ecc. è in grado(o dovrebbe ) di insegnare la chimica di un liceo tradizionale o di una seconda classe di un istituto commerciale tradizionale .E' da discutere semmai se non è il caso di cambiare il programma di chimica dei licei e quindi differenziare l'insegnamento di chimica da quello della biologia e di scienze della terra,almeno per ciò che riguarda il liceo scientifico.
Tornare in alto Andare in basso
catiusciagr



Messaggi : 1398
Data d'iscrizione : 21.10.12

MessaggioOggetto: Re: idiozia, malafede o    Sab Gen 31, 2015 8:46 pm

qualcuno ha detto:

Questo non è un problema di orario, ma di preparazione degli insegnanti e di condizioni dell’apprendimento


risposta breve: VERGOGNA!!!!
Tornare in alto Andare in basso
 
idiozia, malafede o
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Disonesta' intellettuale e malafede dei veri "credenti"
» L'atto di fede, che idiozia.
» Le quote rosa sono una idiozia!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: