IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  IscrivitiIscriviti  AccediAccedi  

Link sponsorizzati
>
Ultimi argomenti
» TFA: come vi preparate per geografia, classi A043/A050?
Oggi a 12:56 pm Da Adelchi

» TFA uni eCampus
Oggi a 12:56 pm Da munzer

» ma il riallineamento?
Oggi a 12:55 pm Da stefylu77

» reset password noipa aiutooooooo
Oggi a 12:53 pm Da robertina13

» Novità da Milano?
Oggi a 12:53 pm Da Davide

» PRIVACY ASSENZE DOCENTI
Oggi a 12:53 pm Da Atene

» modificare il d3
Oggi a 12:52 pm Da federe

» urgente - completamento cattedra
Oggi a 12:51 pm Da rob77

» riduzione ore per allattamento preside non chiama supplente che fare?
Oggi a 12:50 pm Da Atene

Link sponsorizzati
I postatori più attivi del mese
nesema
 
Dec
 
gian
 
fradacla
 
avidodinformazioni
 
giovanna onnis
 
Ire
 
lallaorizzonte
 
Atene
 
Davide
 
Condividere | 
 

 ricorsi e vizi di forma.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
cheope



Messaggi: 216
Data d'iscrizione: 30.08.10
Età: 41
Località: rieti

MessaggioOggetto: ricorsi e vizi di forma.   Gio Mag 26, 2011 3:39 pm

Salve a tutti. Gli scrutinii di fine anno si avvicinano, ed io, coordinatore di una classe di liceo, probabilmente, come negli anni passati sarò delegato a presiederli. In suddetta classe forse alcuni alunni non riusciranno ad essere promossi e ciò mi preoccupa poiché alcuni genitori sono stati un po' polemici in varie occasioni con gli insegnanti e perché noto che negli ultimi anni in varie scuole capitano ricorsi avverso le bocciature. So che se 'tutte le carte sono in regola' il cdc non dovrebbe correre pericoli, ma mi chiedo, esiste un 'manuale' che spieghi da un punto di vista legale quali sono i vizi di forma a cui un avvocato può appellarsi? Il mio registro è abbastanza ordinato, c'è qualche cancellatura che a fine anno farò timbrare e siglare dal DS. Le verifiche scritte sono firmate da me, il voto è dettagliato secondo le apposite griglie di valutazione che sono allegate in ogni fascetta di compiti. Le verifiche scritte valide per l'orale, approvate nel pof in numero non superiore alle prove orali, sono regolarmente registrate. Che altro?
E' vero inoltre che il ricorso può essere indirizzato direttamente al docente che ha messo le insufficienze che hanno determinato la bocciatura ed avere anche risvolti economici? In quali casi un docente è tenuto a pagare di tasca propria eventuali ricorsi persi dalla scuola? Secondo me è raro e ci deve essere qualche mancanza grave da parte del docente in questione.
Grazie in anticipo a tutti.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi: 6124
Data d'iscrizione: 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Gio Mag 26, 2011 4:18 pm

cheope ha scritto:
Salve a tutti. Gli scrutinii di fine anno si avvicinano, ed io, coordinatore di una classe di liceo, probabilmente, come negli anni passati sarò delegato a presiederli. In suddetta classe forse alcuni alunni non riusciranno ad essere promossi e ciò mi preoccupa poiché alcuni genitori sono stati un po' polemici in varie occasioni con gli insegnanti e perché noto che negli ultimi anni in varie scuole capitano ricorsi avverso le bocciature. So che se 'tutte le carte sono in regola' il cdc non dovrebbe correre pericoli, ma mi chiedo, esiste un 'manuale' che spieghi da un punto di vista legale quali sono i vizi di forma a cui un avvocato può appellarsi? Il mio registro è abbastanza ordinato, c'è qualche cancellatura che a fine anno farò timbrare e siglare dal DS. Le verifiche scritte sono firmate da me, il voto è dettagliato secondo le apposite griglie di valutazione che sono allegate in ogni fascetta di compiti. Le verifiche scritte valide per l'orale, approvate nel pof in numero non superiore alle prove orali, sono regolarmente registrate. Che altro?
E' vero inoltre che il ricorso può essere indirizzato direttamente al docente che ha messo le insufficienze che hanno determinato la bocciatura ed avere anche risvolti economici? In quali casi un docente è tenuto a pagare di tasca propria eventuali ricorsi persi dalla scuola? Secondo me è raro e ci deve essere qualche mancanza grave da parte del docente in questione.
Grazie in anticipo a tutti.

Puoi dare un'occhiata qui.

http://www.orizzontescuola.it/node/16010

Per quanto riguarda il ricorso questo non è indirizzato ad un singolo docente ma alla scuola, e ne risponde il Dirigente. Il ricorso viene atuato "contro" il Consiglio di classe, questo perché la decisione della non ammissione è collegiale. Infatti il docente "propone" il voto, ma la competenza di ratificarlo o modificarlo non è singola ma dell'intero Consiglio di classe.

I ricorsi si vincono sui vizi formali.

Nella guida c'è qualche suggerimento su come evitarli.
Tornare in alto Andare in basso
avanna



Messaggi: 89
Data d'iscrizione: 17.02.11

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Ven Mag 27, 2011 4:51 pm

Paolo1974 ha scritto:
cheope ha scritto:
Salve a tutti. Gli scrutinii di fine anno si avvicinano, ed io, coordinatore di una classe di liceo, probabilmente, come negli anni passati sarò delegato a presiederli. In suddetta classe forse alcuni alunni non riusciranno ad essere promossi e ciò mi preoccupa poiché alcuni genitori sono stati un po' polemici in varie occasioni con gli insegnanti e perché noto che negli ultimi anni in varie scuole capitano ricorsi avverso le bocciature. So che se 'tutte le carte sono in regola' il cdc non dovrebbe correre pericoli, ma mi chiedo, esiste un 'manuale' che spieghi da un punto di vista legale quali sono i vizi di forma a cui un avvocato può appellarsi? Il mio registro è abbastanza ordinato, c'è qualche cancellatura che a fine anno farò timbrare e siglare dal DS. Le verifiche scritte sono firmate da me, il voto è dettagliato secondo le apposite griglie di valutazione che sono allegate in ogni fascetta di compiti. Le verifiche scritte valide per l'orale, approvate nel pof in numero non superiore alle prove orali, sono regolarmente registrate. Che altro?
E' vero inoltre che il ricorso può essere indirizzato direttamente al docente che ha messo le insufficienze che hanno determinato la bocciatura ed avere anche risvolti economici? In quali casi un docente è tenuto a pagare di tasca propria eventuali ricorsi persi dalla scuola? Secondo me è raro e ci deve essere qualche mancanza grave da parte del docente in questione.
Grazie in anticipo a tutti.

Puoi dare un'occhiata qui.

http://www.orizzontescuola.it/node/16010

Per quanto riguarda il ricorso questo non è indirizzato ad un singolo docente ma alla scuola, e ne risponde il Dirigente. Il ricorso viene atuato "contro" il Consiglio di classe, questo perché la decisione della non ammissione è collegiale. Infatti il docente "propone" il voto, ma la competenza di ratificarlo o modificarlo non è singola ma dell'intero Consiglio di classe.

I ricorsi si vincono sui vizi formali.

Nella guida c'è qualche suggerimento su come evitarli.



anche a me interesserebbe sapere cosa succede non prima ma dopo che è stato vinto un ricorso. A livello pratico ed economico ... grazie mille
Tornare in alto Andare in basso
cheope



Messaggi: 216
Data d'iscrizione: 30.08.10
Età: 41
Località: rieti

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Dom Mag 29, 2011 9:44 am

Grazie Paolo74, ho letto con attenzione la guida e la terrò presente.
Il fatto è che delle volte si viene a conoscenza di casi che sembrano davvero paradossali, come colleghi condannati a risarcire di tasca propria le famiglie degli alunni. forse bisognerebbe leggere le sentenze, non solo dei ricorsi al tar, che prevedono solo che in caso di errore formale si ripeta lo scrutinio, ma anche delle denunce ai danni della scuola o dei docenti. Alcune vicende che sento però sembrano più delle leggende metropolitane che delle storie vere...
Tornare in alto Andare in basso
Valeria2



Messaggi: 838
Data d'iscrizione: 27.10.10

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Lun Mag 30, 2011 4:05 pm

Posso fare una domanda? Diciamo di avere un alunno X (scuola media) che nel primo quadrimestre ottiene nelle verifiche scritte (per la precisione 3 + test d'ingresso) delle valutazione gravemente insufficienti ed anche se interrogato oralmente, non da risultati diversi, dichiarando addirittura di essere impreparato. Il secondo quadrimestre presenta voti che oscillano dal 4 al 6, nelle verifiche scritte (anche in questo caso 3), più una verifica finale di recupero degli ultimi argomenti svolti nelle ultime settimane, in cui l'alunno raggiunge la sufficienza, e all'orale, nonostante un'interrogazione programmata insufficiente e altre interrogazioni in cui si dichiara sempre impreparato, non raggiunge il 6.

In questo caso, si può dire che io abbia fatto il mio dovere o secondo voi, ad ogni verifica andata male avrei dovuto far fare una verifica di recupero? Io in classe ripeto sempre gli argomenti svolti, correggiamo gli esercizi e quindi il recupero si fa in continuazione. Ma bisogna che sia comprovato da qualcosa di scritto?

E poi ancora, ma in cosa consiste un ricorso? In pratica cosa succede?
Tornare in alto Andare in basso
cheope



Messaggi: 216
Data d'iscrizione: 30.08.10
Età: 41
Località: rieti

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Lun Mag 30, 2011 7:18 pm

Il ricorso può avvenire al tar avverso il risultato dello scrutinio finale. I genitori possono in prima istanza chiedere per iscritto al DS copia degli atti riguardanti l'alunno, fotocopia delle verifiche scritte, della striscia dei registri di classe con i suoi voti, griglie di valutazione, relazioni, verbale dei consigli di classe e degli scrutinii ecc.(tutti i dati relativi agli altri alunni vengono accuratamente coperti dalla segreteria). Poi li visiona un avvocato, e, se ritiene che sussistano gli estremi, avvia il ricorso, che è avverso lo scrutinio e la delibera del Consiglio di Classe: attenzione, ogni decisione, anche il singolo debito formativo, viene deciso e ratificato all'unanimità o a maggioranza dal CdC, pertanto il ricorso non è nominale verso un insegnante in particolare ma verso tutto il consiglio. Se il ricorso viene vinto si rifà lo scrutinio e in genere il pargolo viene promosso. Per invalidare uno scrutinio bastano errori formali, come l'assenza di membri del consiglio non rimpiazzati con regolare delega, cancellature non correttamente barrate e controfirmate sul registro di classe, verifiche fatte non in coerenza con quanto stabilito nel pof ecc. Per queste cose è molto utile la guida di Paolo74.
Da quello che ho capito altra cosa sono le denunce formali contro un singolo docente, che possono andare sul penale per motivi come la culpa in vigilando. Il mio dubbio è proprio relativo a ciò, quali sono i casi per cui un docente, e non tutto il consiglio di classe, può essere oggetto di una protesta, un ricorso, una denuncia e per quali motivi. Mi chiedo questo a seguito di una vicenda poco chiara che mi è stata raccontata ma che secondo me non è verosimile.
Tornare in alto Andare in basso
Valeria2



Messaggi: 838
Data d'iscrizione: 27.10.10

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Lun Mag 30, 2011 7:27 pm

Allora perchè sento spesso dire: potete dimostrare di aver fatto recuperare le insufficienze?
Questa parte non capisco, è come se io debba far fare ogni volta ad ogni alunno qualcosa appena prendono un'insufficienza. Arriverei alla fine dell'anno a fare 50.000 verifiche!
Tornare in alto Andare in basso
dimberaidiel



Messaggi: 614
Data d'iscrizione: 22.02.11

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Mer Giu 01, 2011 6:36 am

A me i vari presidi hanno sepre detto che sul registro personale e su quello di classe devono figurare delle attività di recupero di qualche tipo. Io, ad esempio, verso la fine di ogni quadrimestre divido la classe in tre gruppi per un paio di lezioni: due gruppi lavorano autonomamente su approfondimenti e il terzo gruppo lavora con me per un po' di recupero...meglio che niente!!!

Per quanto riguarda i vizi di forma se ne inventano di tutti i colori. La cosa più importante è che i registri siano immacolati - niente segni o cose lasciati a matita, scarabocchi o voti riportati senza indicatori o spiegazione di qualche tipo. Riportare sempre sul registro personale sia le note disciplinari che le comunicazioni alle famiglie. E' importante, infatti, che non ci siano solo le classiche "lettere" del consiglio alla famiglia ma anche comunicazioni scritte da parte dei singoli docenti per avvertire in corso d'anno della eventuale insufficienza grave in questa o quella disciplina.

Anni fa ci avevano fatto ricorso per una bocciatura ma quando l'avvocato ha esaminato le carte e i registri ha suggerito alla famiglia di ritirarlo. E così è stato.
Tornare in alto Andare in basso
avanna



Messaggi: 89
Data d'iscrizione: 17.02.11

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Ven Giu 10, 2011 9:09 pm

continuo su questo topic visto che qui si parla di ricorsi. una curiosità ... ma se un cdc è composto da alcuni insegnanti con contratti a t.d., in caso di vittoria di un ricorso si riuniscono a rifare lo scrutinio solo gli insegnanti di ruolo? perchè se non ho capito male la vittoria di un ricorso implica il rifacimento dello scrutinio ...
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi: 4918
Data d'iscrizione: 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Ven Giu 10, 2011 10:10 pm

avanna ha scritto:
continuo su questo topic visto che qui si parla di ricorsi. una curiosità ... ma se un cdc è composto da alcuni insegnanti con contratti a t.d., in caso di vittoria di un ricorso si riuniscono a rifare lo scrutinio solo gli insegnanti di ruolo? perchè se non ho capito male la vittoria di un ricorso implica il rifacimento dello scrutinio ...
ottima domanda!!!
Tornare in alto Andare in basso
dimberaidiel



Messaggi: 614
Data d'iscrizione: 22.02.11

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Sab Giu 11, 2011 7:50 am

a me all'epoca avevano detto che in caso di vittoria ci avrebbero convocati di nuovo tutti, anche i docenti a t.d.
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi: 4918
Data d'iscrizione: 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Sab Giu 11, 2011 11:55 am

dimberaidiel ha scritto:
a me all'epoca avevano detto che in caso di vittoria ci avrebbero convocati di nuovo tutti, anche i docenti a t.d.
devono farti il contratto?
Tornare in alto Andare in basso
avanna



Messaggi: 89
Data d'iscrizione: 17.02.11

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Sab Giu 11, 2011 1:03 pm

forza ha scritto:
avanna ha scritto:
continuo su questo topic visto che qui si parla di ricorsi. una curiosità ... ma se un cdc è composto da alcuni insegnanti con contratti a t.d., in caso di vittoria di un ricorso si riuniscono a rifare lo scrutinio solo gli insegnanti di ruolo? perchè se non ho capito male la vittoria di un ricorso implica il rifacimento dello scrutinio ...
ottima domanda!!!

ma sai cos'è? sento parlare di paura di ricorsi a destra e sinistra ma finora non ho conosciuto nessuno che abbia "subito" un ricorso ... e allora sono curiosa.

questa domanda (ho tempo da perdere in questo periodo:) !) mi è sorta facendo questo pensiero... metti caso che io decida di cambiare lavoro e non insegnare più ... se faccio parte di un c.d.c "perdente" chi mi vede più ad agosto??? sarei davvero interessata a sapere come funziona ...

inoltre ripropongo un'altro quesito postato precedentemente: ma in caso di perdita di un ricorso ci sono soldi da pagare? chi li paga? e perchè sento colleghi che pensano di doverli rimettere di tasca propria??

Tornare in alto Andare in basso
Valeria2



Messaggi: 838
Data d'iscrizione: 27.10.10

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Gio Giu 21, 2012 6:01 pm

Posso fare una domanda? Spesso si dice che i ricorsi vengono vinti solo per vizi di forma e a dirla tutta mi sembra strano che ci siano consigli di classe che facciano scrutini prima della chiusura della scuola o che ci siano assenti non sostituiti. Abbiamo detto che le cancellature sul proprio registro, se barrate e firmate, non costituiscono vizio di forma.
Ma allora quali sono sono questi benedetti vizi di forma?
E poi, se capitasse che un collega inavvertitamente abbia commesso un benedetto vizio di forma, si rifà lo scrutinio. Ma al collega in questione cosa succede?
A volte questo argomento mi sembra così inconsistente, come se non ci fosse qualcosa di specifico che permetta di capire a fondo cosa accada durante un ricorso. Cosa che può capitare a chiunque nella vita.
Tornare in alto Andare in basso
bgiordy



Messaggi: 181
Data d'iscrizione: 17.02.12

MessaggioOggetto: Re: ricorsi e vizi di forma.   Gio Giu 21, 2012 7:23 pm

I vizi di forma, e anche di sostanza, possono essere frequentissimi. Proprio oggi ho visto che un consiglio ha dato a due studenti con la stessa media e gli stessi crediti formativi, ad uno il minimo e all'altro il massimo della banda. Legittimo se motivato, ma se non sono esplicitati i criteri ...
E di esempi ne potrei fare a centinaia. Se il dirigente è competente sulla normativa e sa gestire bene le fasi dello scrutinio, anche se i ricorsi sono frequenti quasi mai la scuola perde. Se si leggono le sentenze, in questi ultimi cinque anni i giudici hanno guardato più alla sostanza, per nostra fortuna.
Basta leggere anche alcuni post di questo forum per vedere potenziali vizi formali.

Ciao
Tornare in alto Andare in basso
 

ricorsi e vizi di forma.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 su5Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Permesso del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: -