enti di formazione che "sottraggono" alle scuole alunni ceritificati Contatti27
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



enti di formazione che "sottraggono" alle scuole alunni ceritificati

Andare in basso

enti di formazione che "sottraggono" alle scuole alunni ceritificati Empty enti di formazione che "sottraggono" alle scuole alunni ceritificati

Messaggio Da enricat Ven Dic 18, 2015 3:07 pm

Noto ultimamente questa tendenza degli enti di formazione a venire sempre più presto a proporre agli alunni certificati progetti di alternanza se non veri e propri inserimenti in contesti lavorativi protetti appena finito l'obbligo scolastico.

ieri al glh neuropsichiata e assistente sociale hanno proposto per una ragazzina di 15 anni in prima superiore un allontanamento dalla scuola (appena raggiunto obbligo) per iniziare un "progetto di vita" all'interno di un contesto lavorativo protetto riservato a persone con disabilità
Si tratta di una ragazzina tranquillissima, con un ritardo medio, scarsa autonomia. Questa ragazzina avrebbe grande bisogno di socializzare, di stare con i propri compagni. Perchè proporre una cosa del genere?
"Che senso avrebbe per lei stare a scuola" hanno detto questo!
E' giusto privarla di questa esperienza? Ci guadagnano qualcosa gli enti di formazione per ogni alunno che accalapiano? Perchè non ci sarebbe alcuna raigone sensata per accellerare l'uscita dalla scuola di questa ragazza

enricat

Messaggi : 2079
Data d'iscrizione : 27.11.10

Torna in alto Andare in basso

enti di formazione che "sottraggono" alle scuole alunni ceritificati Empty Re: enti di formazione che "sottraggono" alle scuole alunni ceritificati

Messaggio Da precario.acciaio Gio Dic 24, 2015 9:52 pm

Il problema iniziò a profilarsi già tre anni fa; in un primo tempo nella mia scuola (un grande professionale) venne data assicurazione che nei regionali (perchè sono certo che stai parlando di questo o di centri equivalenti) non sarebbero potuti iscriversi i ragazzi certificati, e invece avvenne quasi subito la caduta del NIET.

Voglio riassumere i dati a mia disposizione così mi confermi che stiamo parlando della stessa cosa:

1) Primo anno regolare in comune con il resto della classe. Anche chi viene bocciato ha comunque la possibilità di terminare il percorso nel centro regionale.
2) Biennio nel centro professionale regionale, senza sostegno ma con l'obiettivo del lavoro (che peraltro sarebbe obiettivo anche della scuola per i differenziati).

Ci sono però alcune cose che non mi tornano:
1) Il percorso formativo obbligatorio per gli H non è 16, ma 18...
2) L'insegnante di sostegno non può esserci nel Centro di formazione regionale, ma ci sarà una figura analoga? E come la mettiamo con la 104?

Aggiornami se vuoi, la questione è affascinante.

precario.acciaio

Messaggi : 1561
Data d'iscrizione : 29.08.15

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.