Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

scuole chiuse e lavoro aperto Contatti
Ultimi argomenti commentati
Link sponsorizzati

 

 scuole chiuse e lavoro aperto

Andare in basso 
AutoreMessaggio
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 5:56 am

Che la scuola fosse importante una gran parte degli italiani, comprese le persone colte e illuminate, lo hanno capito solo da poche settimane, da quando causa virus gli è stato tolto il babysitting e, almeno per elementari e medie, è stato chiesto ai genitori di fare una piccola parte del lavoro che prima svolgevano gli insegnanti.

Dal quattro maggio però ci si ritroverà nella situazione di avere le scuole ancora chiuse, per l'impossibilità in questo momento di garantire degli standard minimi di sicurezza, mentre molti lavori ripartiranno. Malgrado le rassicurazioni e gli aiuti promessi dal presidente del consiglio, molti genitori, soprattutto mamme, stanno insorgendo: e ora noi come facciamo?Le scuole vengono paragonate al proprio ufficio, che si è organizzato in pochi giorni per garantire la sicurezza; oppure semplicemente ci si lamenta di dover stare a casa con i figli, anche se non si lavora.

Mi pare che ci si stia dimenticando di alcune questioni principali.

La prima è che la scuola è il veicolo di contagio perfetto, con centinaia di persone stipate in spazi ridotti e con una propensione congenita alla socializzazione e alla condivisione di spazi, materiali, esperienze di gioco e di lavoro. Quando si riuscirà a fare una storia del contagio da covid19 si vedrà quanto spesso il virus è passato da bambini per lo più asintomatici e del tutto inconsapevoli a genitori e nonni; del resto persino qui a Roma si sono registrate febbri anomale prima del 5 marzo, tra alunni, magari andati in settimana bianca, e docenti.

Il secondo aspetto che ci si dimentica è che per organizzare una gestione degli spazi e dei tempi efficaci come quella di un ufficio serve il tempo per studiare dei protocolli, acquistare il materiale necessario, predisporre gli ambienti, disporre le procedure organizzative e lavorative... il tutto non per un ufficio di qualche decina di persone, ma per quasi 60.000 istituti dove si ritrovano 8 milioni di persone, di cui quasi un milione di lavoratori, sottoposte a precise prescrizioni contrattuali, normative e costituzionali.

In terzo luogo vedo diffusa una impostazione culturale che vede nella scuola non tanto un servizio educativo costituzionalmente previsto, ma una enorme agenzia di baby-sitting che permette ai genitori, soprattutto alle mamme (chissà perché) di andare a lavoro. Il virus ci impone di cambiare radicalmente i punti di vista. Se si stabilisce un legame tra scuola e lavoro e si chiede alla scuola di cambiare, cosa che si è già attrezzata a fare con una risposta straordinaria attraverso la didattica a distanza e con le misure che verranno prese a settembre, si deve chiedere anche al lavoro di cambiare. Se prima il paradigma culturale era il lavoro in presenza, oggi deve diventare il lavoro da casa. I cambiamenti e i sacrifici in questa situazione non possono risparmiare nessuno, ognuno deve fare la sua parte.
Torna in alto Andare in basso
Online
Bugs Bunny

Bugs Bunny

Messaggi : 66
Data d'iscrizione : 17.04.20

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 6:40 am

[quote="herman il lattoniere"]Che la scuola fosse importante una gran parte degli italiani, comprese le persone colte e illuminate, lo hanno capito solo da poche settimane, da quando causa virus gli è stato tolto il babysitting e, almeno per elementari e medie, è stato chiesto ai genitori di fare una piccola parte del lavoro che prima svolgevano gli insegnanti.

Dal quattro maggio però ci si ritroverà nella situazione di avere le scuole ancora chiuse, per l'impossibilità in questo momento di garantire degli standard minimi di sicurezza, mentre molti lavori ripartiranno. Malgrado le rassicurazioni e gli aiuti promessi dal presidente del consiglio, molti genitori, soprattutto mamme, stanno insorgendo: e ora noi come facciamo?Le scuole vengono paragonate al proprio ufficio, che si è organizzato in pochi giorni per garantire la sicurezza; oppure semplicemente ci si lamenta di dover stare a casa con i figli, anche se non si lavora.  

Mi pare che ci si stia dimenticando di alcune questioni principali.

La prima è che la scuola è il veicolo di contagio perfetto, con centinaia di persone stipate in spazi ridotti e con una propensione congenita alla socializzazione e alla condivisione di spazi, materiali, esperienze di gioco e di lavoro. Quando si riuscirà a fare una storia del contagio da covid19 si vedrà quanto spesso il virus è passato da bambini per lo più asintomatici e del tutto inconsapevoli a genitori e nonni; del resto persino qui a Roma si sono registrate febbri anomale prima del 5 marzo, tra alunni, magari andati in settimana bianca, e docenti.

Il secondo aspetto che ci si dimentica è che per organizzare una gestione degli spazi e dei tempi efficaci come quella di un ufficio serve il tempo per studiare dei protocolli, acquistare il materiale necessario, predisporre gli ambienti, disporre le procedure organizzative e lavorative... il tutto non per un ufficio di qualche decina di persone, ma per quasi 60.000 istituti dove si ritrovano 8 milioni di persone, di cui quasi un milione di lavoratori, sottoposte a precise prescrizioni contrattuali, normative e costituzionali.

In terzo luogo vedo diffusa una impostazione culturale che vede nella scuola non tanto un servizio educativo costituzionalmente previsto, ma una enorme agenzia di baby-sitting che permette ai genitori, soprattutto alle mamme (chissà perché) di andare a lavoro. Il virus ci impone di cambiare radicalmente i punti di vista. Se si stabilisce un legame tra scuola e lavoro e si chiede alla scuola di cambiare, cosa che si è già attrezzata a fare con una risposta straordinaria attraverso la didattica a distanza e con le misure che verranno prese a settembre, si deve chiedere anche al lavoro di cambiare. Se prima il paradigma culturale era il lavoro in presenza, oggi deve diventare il lavoro da casa. I cambiamenti e i sacrifici in questa situazione non possono risparmiare nessuno, ognuno deve fare la sua parte.[/quote]
piccola nota, dettata per esperienza sia mia che di chi segue il forum, senza risentirti e senza offenderti, ma quando scrivete post lunghi come i promessi sposi, la maggior parte degli utenti desiste e non legge sino in fondo, si ferma alla quinta riga, pertanto, cercate di essere molto sintetici ed arrivate al dunque, altrimenti bi vostri quesiti non verranno ascoltati, grazie
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8714
Data d'iscrizione : 17.01.12

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 8:04 am

Aggiungerei a quello che scrive Herman, che sottoscrivo in toto, che una ragione degna per far polemica da parte dell'utenza (usiamo questo termine ampio) ci sarebbero eccome, se si avesse realmente a cuore la situazione della scuola pubblica.
In più di vent'anni di vessazione e malagestione, la scuola è diventata un luogo dove sono impensabili ora misure alternative alla chiusura, altro che paragoni con gli uffici!
Spazi non fruibili se non con congestione e senza sicurezza, dove si stava stretti e a disagio anche prima, dove le classi (penso in particolare quelle con i bambini) si contagiavano l'influenza, i pidocchi e la meningite anche prima per mancanza di areazione e eccessiva prossimità.
Nella classe di mia figlia, arrivata in quinta, con i bambini cresciuti, le maestre hanno chiesto di non portare a scuola gli zaini e lasciare i libri a scuola a inizio settimana perché i bambini, cresciuti, non avevano spazio per camminare tra i banchi; il giorno di tecnologia nelle mie aule sembra di stare a Ellis Island nel 1920.
In altri paesi, che sappiamo da sempre hanno strutture scolastiche più "confortevoli", la scuola riapre: possibile che l'alloggiamento non pesi? Preferiamo pensare che gli italiani vogliano più bene ai bambini degli scandinavi?
Ricordiamoci che anche gli ospedali hanno avuto problemi a gestire la mole dei contagi per mancanza di strutture e personale, per analoghi tagli e malversazioni.
Cosa si è fatto? Si sono allestite strutture e si è assunto personale. Un volta che, ci auguriamo, sia passata l'emergenza sanitaria, la stessa cosa si dovrebbe fare con la scuola.
Ma questo richiederebbe la condivisione dell'urgenza di mettere in campo ogni sforzo per riaprire in sicurezza.
Mi pare invece che si stia diffondendo l'adagio secondo il quale la riapertura delle scuole sarebbe l' "ultimo dei nostri problemi", e quindi ci rassegniamo tutti ad aspettare di tornare nelle nostre scuole, quelle già fatiscenti e inadatte da cui siamo uscite a marzo, senza pensare che sarebbe invece indispensabile un ripensamento degli spazi e l'assunzione di più personale, l'unica reale messa in sicurezza.
Se quello allo studio è un diritto va tutelato seriamente e l'urgenza dell'istruzione va affrontata nella fase2 con la serietà e gli investimenti con cui i è tutelato il diritto alla salute nella fase1.
Ma sono certa che anche stavolta la scuola verrà messa in coda e il futuro dei nostri giovani ancora una volta subordinato a qualunque altra voce di spesa


Ultima modifica di lucetta10 il Lun Apr 27, 2020 8:48 am, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 8:18 am

bugs bunny, cercherò di essere estremamente sintetico, come mi chiedi: se non ti va di leggere un testo di più di 5 righe allora non farlo e, se possibile, non citarlo.
Torna in alto Andare in basso
Online
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 11:41 am

Lucetta tu hai ragione sul fatto che le nostre scuole, purtroppo, non siano quelle finlandesi o tedesche, per cui alla luce degli ultimi eventi bisognerebbe fare una riflessione sulle politiche da adottare e, nel medio periodo, rivedere totalmente le risorse destinate alla scuola, aggiornare in parte le sue prassi operative ed amministrative e fare un discorso serio sull'edilizia e l'arredo scolastico. Però nel brevissimo periodo, perché settembre è domani, bisogna mettere in sicurezza le aule indecenti che abbiamo, i corridoi, assumere personale docente, rivedere fortemente la dotazione informatica.
Torna in alto Andare in basso
Online
@melia

@melia

Messaggi : 3468
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 61
Località : Padova

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 12:13 pm

Mi fai tornare in mente un'intervista all'allora ministra Gelmini che diceva
"Il 98% di quanto stanziamo per la scuola va in stipendi per il personale", che sembrava dire:
"Questi mangia pane a tradimento si prendono tutti i soldi stanziati", mentre io ho recepito come "Abbiamo tagliato tutto il possibile e anche l'impossibile, per legge non potevamo tagliare gli stipendi, ma non stanziamo una lira per nessun'altra cosa".
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8714
Data d'iscrizione : 17.01.12

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 12:14 pm

Io invece credo che la riflessione debba accompagnare la messa in sicurezza e le procedure di riapertura o non se ne farà niente nemmeno a lungo termine. Il rapporto docenti/alunni va rivisto immediatamente, il ripensamento degli spazi prima di subito. Invece si sente parlare solo di doppi turni, una soluzione che non richiede sforzi organizzativi di 5 mesi!
Ribadisco: si faccia quanto è stato fatto per gli ospedali. Tutto quello che non ha funzionato va rifatto diversamente, come le rsa e le scuole che non hanno garantito altro che la chiusura, la dad non la considero neanche visto che ce la siamo inventata noi con i nostri mezzi e le nostre capacità professionali... E meno male Amelia che quel 98% è stato speso perché altrimenti sarebbe stato lo sbraco totale
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 12:26 pm

Lucetta attualmente abbiamo aule al di sotto dei 40mq che garantiscono circa 1,5mq ad alunno (se dice bene). Tu proponi che in cinque mesi dovremmo trovare aule da circa 80/90mq, o pensi semplicemente a raddoppiare i docenti?
Torna in alto Andare in basso
Online
Αρης

Αρης

Messaggi : 2924
Data d'iscrizione : 26.07.12

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 12:31 pm

Dai tranquilli che fino a settembre ci pagano per stare in casa sul divano e fare la dad magnifica e progressiva....però ricordiamocela anche a gennaio quando torneranno i pargoli dalle settimane bianchecon un raffreddore...anzi facciamo dad per sempre...mmmmm...dite che alla fine è noiosa? No è che alla fine ci taglierebbero lo stipendio, i ragazzi ci farebbero video stile Bassano a gogò e gli italiani ci manderebbero in cxxo!
Ma è la mia umile e pacata opinione...non sono nè il Guru del Governo nè i suoi accoliti!
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8714
Data d'iscrizione : 17.01.12

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 12:32 pm

Tutte e due le cose. Non avevamo neanche terapie intensive posti letto e infermieri a sufficienza, ma si sono fatte in poche settimane... Purché si condivida il fatto che l'obiettivo è prioritario, cosa che non mi pare di vedere. Molti anche tra i colleghi penseranno che si tratta di pretese assurde e sproporzionate. E la scuola muore di corsa al ribasso ogni volta perché prima viene sempre qualcos'altro.
Se si dovrà scegliere se finanziare l'allargamento degli impianti industriali o delle scuole, a chi si darà la precedenza? Chi farà i doppi turni? la scuola è già abituata a essere la cenerentola, la risposta verrà da sé.
E se ci dovesse essere il contagio di ritorno in autunno basterà chiudere di nuovo
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8714
Data d'iscrizione : 17.01.12

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 12:48 pm

Un'altra cosa che andrebbe fatta subito e non domani è la ridiscussione dei fondi europei per la scuola. I pon sono stati elargiti per anni alle regioni del sud per colmare il divario digitale e ora scopriamo che proprio al sud ci sono intere aree che non hanno potuto attivare alcuna forma di didattica digitale!
Torna in alto Andare in basso
eragon



Messaggi : 1025
Data d'iscrizione : 23.08.10

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 1:07 pm

La spiegazione è semplice.
L'Italia è caratterizzata da "magagne" oramai istituzionalizzate che il legislatore, o i controllori, fanno finta di non vedere perchè in tempi normali comunque il carrozzone va avanti.
Esempio, lavoro nero a manetta e miseria a manetta ma in tempi di pace si sopravvive, adesso che la situazione ha esacerbato tutto, scoprono che i lavoratori in nero sono praticamente restati senza nessun tipo di ammortizzatore, ed i morti di fame che prima venivano aiutati da familiari, amici, adesso sono morti di fame senza aiuti...da qui panico e soluzioni emergenziali.
PER LA SCUOLA è la stessa cosa, classi pollaio, strutture fatiscenti, classe docente tra le più vecchie d'Europa, mancanza di dotazioni e infrastrutture tecnologiche ma in tempi normali il carrozzone andava avanti, ora davanti all'emergenza tutti i nodi vengono al pettine e saranno "cavoli" loro districarli!
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 1:22 pm

Lucetta scusa se te lo dico ma questa tua posizione per me è abbastanza assurda e rientra nell'ambito dello sport nazionale di questi giorni, in cui ognuno si sta disegnando una fase due o tre su misura, chiedendo soldi e provvedimenti in base all'estro personale del momento.
Mentre si può tirare su un ospedale da campo in qualche settimana e raddoppiare i posti letto in terapia impensiva da 5000 a 10000, è impensabile passare dalle (vado a occhio) 300.000 aule e 5 milioni di docenti a 600.000 aule e 10 milioni di docenti. E sappiamo bene che di quelle 300.000 aule la metà sono mal messe.
Per me l'unica misura attuabile nel brevissimo periodo (e settembre è dietro l'angolo) è organizzare una didattica mista in presenza e a distanza per la quale una parte di alunni segue nell'aula fisica e un'altra parte segue da casa, ovviamente alternando gli alunni. E già questo richiede uno sforzo amministrativo e logistico immane, pensa solo al dover comprare decine di PC per ogni scuola, disinfettanti, ingaggiare ditte specializzate nella sanificazione e così via.
Per quanto riguarda i PON stai ragionando un tanto al chilo: la maggior parte di questi finanziamenti, al sud, è stata spesa per comprare lavagne elettroniche - assolutamente inutili in questa situazione - o PC che sono bloccati in qualche laboratorio, finchè è stato possibile farlo; adesso la politica dei PON è cambiata e finanzia non più hardware, ma corsi supplementari che in gran parte risultano superflui.
Se l'obiettivo invece fosse quello giustissimo di chiedere degli edifici scolastici al livello di quelli tedeschi, olandesi, scandinavi allora occorre sapere che un traguardo del genere non si raggiunge in un paio di mesi sotto coronavirus, ma in decine di anni di lavoro di miglioramento costante che non si potrebbe ridurre a mettere più soldi nella scuola, ma anche a cambiare la mentalità di chi nella scuola ci vive e ci lavora.
Torna in alto Andare in basso
Online
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 1:26 pm

Concordo anche con eragon sul fatto che la pandemia ha fatto scoppiare molti bubboni già gonfi, come nel caso del lavoro nero.
Si inizi a rifinanziare la scuola, il miglioramento dei suoi edifici, l'arrivo di nuovo personale qualificato (evitando le sanatorie che vengono presentate come l'unica soluzione), la dotazione tecnologica, il rinnovo della classe docente anche rendendo questo lavoro più appetibile e piano piano riusciremo a risalire la china.
Non è che, come ci vuol far credere qualcuno, siccome c'è la pandemia i soldi ognuno li tira fuori dal cilindro.
Torna in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 6736
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 1:36 pm

[quote="herman il lattoniere"]bugs bunny, cercherò di essere estremamente sintetico, come mi chiedi: se non ti va di leggere un testo di più di 5 righe allora non farlo e, se possibile, non citarlo.[/quote]

Confesso che anch'io salto quando trovo un muro di parole. Si vuole semplicemente fare presente che
se si struttura meglio il testo, suddividendolo in più "a capo", la lettura diventa più agevole.

In fondo, scriviamo per essere letti, no?
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8714
Data d'iscrizione : 17.01.12

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 1:45 pm

Non sta certo a noi valutare la fattibilità del progetto ma quello che mi interessa è verificare il dato tendenziale che è sempre quello a mettere toppe.
Senza che nessuno ce lo dica dobbiamo mostrare di aver ben introiettato la subternita' e fare attenzione a non scafare con le richieste.
La tendenza, di nuovo, è quella che ora non si può, che occorre comprare altri inutili PC piuttosto che recuperare edifici in larga parte ancora in piedi e abbandonati (vi ricordo che siamo in contrazione demografia e esistono moltissimi piccoli centri dove le scuole sono state chiuse e gli edifici abbandonati in favore di piccoli sottoscala dove stipare i reduci) o spendere per indirizzare un cambiamento piuttosto che sprecare per tamponare la situazione e poter poi dire ma come? Abbiamo speso tutto per i commodor 64 della sala informatica! Non vorrete i banchi singoli! Per quelli non ci sono i soldi e l'Europa ci finanzia solo i software perché così sta scritto nelle tavole della legge.
Non capisco quale momento potrà essere migliore di questo per ripensare tutto, e invece faremo la solita cosa all'italiana: spendere tutto per i nostri personali container da terremotati che poi diventeranno le nostre case e a cui ci affezioneremo.
Un po come quando Berlusconi decise che era meglio costruire le casette invece di rimettere in piedi L'Aquila.. E sappiamo come è finita
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 3745
Data d'iscrizione : 31.10.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 1:50 pm

[quote="Bugs Bunny"]
piccola nota, dettata per esperienza sia mia che di chi segue il forum, senza risentirti e senza offenderti, ma quando scrivete post lunghi come i promessi sposi, la maggior parte degli utenti desiste e non legge sino in fondo, si ferma alla quinta riga, pertanto, cercate di essere molto sintetici ed arrivate al dunque, altrimenti bi vostri quesiti non verranno ascoltati, grazie[/quote]

Chi si preoccupa di questo dovrebbe essere il primo a sapere che è molto scorretto riportare integralmente parecchie decine di righe altrui per aggiungerne solo un paio, o per rispondere solo a un signolo punto.

Davvero c'è qualcuno che non sa come tagliare le righe da un messaggio di solo testo, e poi se la prende con gli altri?
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 2:13 pm

qui non si tratta, Lucetta, di aver introiettato la subalternità.

Si tratta di capire che gli obiettivi non sono raggiungibili dall'oggi al domani, dopo aver fatto pippa per anni, che né gli investitori né l'Europa ci regaleranno i soldi, che chi ti promette la luna non ha presente né la situazione delle ultime settimane, né quella degli anni precedenti.

Vogliamo una scuola che copi le strutture tedesche, magari conservando la cultura scolastica italiana? A me va benissimo. Ma non arriva domani, nemmeno iniziando a raddoppiare da subito i finanziamenti, per giunta con il coronavirus in giro.

Ma mentre noi chiediamo che il governo raddoppi i finanziamenti per la scuola c'è la fila a bussare soldi, come ci dimostra lo spettacolo anche un po' squallido di questi giorni, agitato da alcune forze politiche: per le imprese in crisi, per i ristoratori, per l'edilizia religiosa, per le case popolare, per gli immigrati, per i parrucchieri, per le famiglie, per i librai, per lo sport, per le squadre di calcio in difficoltà, per i cassintegrati, per i disabili, per gli ospedali, per le casalinghe, per le biblioteche, per gli attori del cinema e del teatro, per le gelaterie, per i circhi, per i tabaccai e per le prostitute...

Qui ogni categoria, anzi forse è meglio dire ogni individuo, si sta costruendo la sua narrazione personale dell'epidemia, coltivando illusioni di un dopo basato su immani elargizioni pubbliche che finalmente rimetteranno al centro... lui stesso. Tutto il contrario di quello che successe nel secondo dopoguerra, periodo nel quale ognuno era pronto a rimboccarsi le maniche in proprio e a scommettere sul futuro, senza aspettare che arrivasse Stato-Pantalone a pagare. C'era un "noi" allora, oggi totalmente scomparso.

ah scusate ho superato di nuovo le cinque righe. Devo imparare a esprimersi come certi politici.
Torna in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 8714
Data d'iscrizione : 17.01.12

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 4:32 pm

[quote="herman il lattoniere"]qui non si tratta, Lucetta, di aver introiettato la subalternità.

Si tratta di capire che gli obiettivi non sono raggiungibili dall'oggi al domani, dopo aver fatto pippa per anni, che né gli investitori né l'Europa ci regaleranno i soldi, che chi ti promette la luna non ha presente né la situazione delle ultime settimane, né quella degli anni precedenti.

[/quote]

Non ci capiamo.
Qui non si tratta di luna, ma di capire come si intendono investire ANCHE i quattro soldi che ci daranno da subito.
Per quanto mi riguarda, si tratta di capire che se oggi sperpereremo, di nuovo, per la millantesima volta, con le toppe, domani non avremo null'altro proprio perché le mani tese sono tante e ci terremo le toppe.

Se ora non si inverte e si comincia a guardare oltre le toppe, a costruire e immaginare un progetto a lungo termine, restaurando i nostri 4 stracci macilenti, ci terremo quelli per i prossimi 50 anni, quando i soldi saranno ancora meno e avremo speso anche quelli.
Qualunque intervento tampone fatto oggi saranno soldi buttati (con corredo di malaffare e sprechi), che non ci faranno né riaprire in sicurezza né progettare qualcosa di alternativo. E alle scuole tedesche non arriveremo Mai.

Proprio perché ognuno avanza pretese Pantalone dovrebbe capire quanto vale la scuola e quanto la prostitute. Con chiarezza è ora di dire dove sta messa la scuola tra le priorità. Fino a ieri ci dicevamo il centro del mondo... Bene... Un minimo di coerenza sarebbe simpatica.
Purtroppo chi bussa invece un progetto ce l'ha e si crede più importante, come tutti, della scuola.

Se nel dopoguerra avessi chiesto quanto valeva l'istruzione (ma perfino se lo avessi chiesto durante il fascismo!) nessuno avrebbe avuto dubbi a costruire e assumere, e nessuno avrebbe considerato una istituzione dello stato al pari di una "categoria" di questuante, ora anche gli insegnanti piagnucolano un "prima i tabaccai" sta qui la differenza, nella dignità
Torna in alto Andare in basso
Montgomery



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 19.04.20

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyLun Apr 27, 2020 5:42 pm

La dignità è stata sotterrata dalla paura, insieme ad un bell elenco di diritti costituzionali. La dignità di chiedere la riapertura o l immediata messa in sicurezza delle scuole presuppone la volontà "io a scuola a insegnare ci tornerei". E invece qua sul forum si legge della paura di uscire di casa per il virus, degli studenti "untori" e dell attesa del vaccino e di padre pio. Ai collegi docenti ormai non si parla più di misure PROVVISORIE ma ormai si da per scontata la dad anche per settembre
Quindi, dal basso del nostro donabbondismo, ben venga che categorie meno fifone ed opportuniste della nostra chiedono ed ottengano la riapertura. Noi rimaniamo nella tana
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 834
Data d'iscrizione : 15.11.17

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyMar Apr 28, 2020 5:00 am

Le eroiche categorie produttive non più Dio Patria Famiglia ma Denaro Lavoro Famiglia! E' proprio "grazie" a questo genere di eroismo che non è partita la zona rossa della val seriana, altro che mala sanità.

Tornando all'argomento io credo che ci saranno a malapena i soldi e le energie, se ci saranno, per permettere una parziale riapertura delle scuole a settembre. Quindi direi che per ora ci possiamo dimenticare la cancellazione dell'autonomia di berlinguer, dell'aziendalizzazione della scuola, dei tagli della Gelmini, dell'ottica individuale della Moratti, di quel che resta della buona scuola di Renzi, delle tremila scartoffie (virtuali) inutili che dobbiamo riempire. Vogliamo eliminare le incrostazioni degli ultimi venticinque anni? Allora dobbiamo combattere uniti, non sarà certo il virus a darci una mano... ma l'unità a scuola è una parola grossa, i sindacati continuano ad andare ognuno per conto proprio, chi con il precario, chi col docente di ruolo, alcuni che si sono specializzati nei fannulloni che in queste settimane di DAD si sono letteralmente imboscati.

Misure concrete da attuare, versante scuola: le aule progettate per contenere, spesso a fatica, una classe mediamente di 24 persone con un paio di docenti dovranno essere attrezzate per ospitarne la metà o un terzo, come da schema che allego

[img]https://i.ibb.co/qmXrnhd/aule-sicure.jpg[/img]

Una parte degli alunni, a rotazione, seguirà in presenza, un'altra a distanza. Per riuscirci ogni aula dovrà essere dotata di un PC connesso in rete e una videocamera, possibilmente anche una LIM. Ogni scuola dovrà procurarsi il materiale e ingaggiare in maniera stabile un tecnico che si occupi dell'installazione e di supportare gli insegnanti nel funzionamento. Andrà assunto anche del personale docente in più (possibilmente tramite concorso e non tramite sanatoria).
La ricreazione dovrà essere svolta al banco, andando al bagno uno alla volta. Ci dovrà essere almeno un dispenser di gel idroalcolico per classe, in ogni bagno e nei corridoi. Le scuole andranno sanificate a intervalli regolari, o dotate di dispositivi di sanificazione a ultravioletti.

Versante famiglie:
il lavoro a distanza deve essere incentivato il più possibile, la presenza fisica in ufficio ridotta allo stretto indispensabile. Dove non è possibile lo smart working (commercio e ristorazione, fabbriche, agricoltura, riunioni importanti ecc.) andrebbero trovate soluzioni alternative per l'affido dei figli, con costi a carico dello stato: baby sitter, tagesmutter, strutture innovative tutte da studiare che garantiscano al contempo sorveglianza, assistenza ai minori e distanza sociale. Va studiata una totale rimodulazione e flessibilità degli orari per evitare non solo i picchi di traffico, ma anche l'abbandono dei minori.

Nei mesi in cui tutto ciò avvenisse sarebbe necessario da parte del ministero fare un'indagine approfondita sullo stato della scuola e delle scuole italiane, visitando uno per uno i 60.000 istituti e i loro plessi, attivando al contempo un serio processo partecipativo che ascolti le famiglie e i docenti (non quella barzelletta che Renzi mise in piedi per legittimare la Buona Scuola). Perché su questo do ragione a Lucetta: quando si sarà trovato il vaccino e tutto questo sarà finito non potremo far finta di niente e ricominciare come prima in scuole insicure e scarsamente dotate, con indicazioni nazionali obsolete, con modalità didattiche di 50/60 anni fa e con tentativi sempre più smaccati di comprimere la libertà di insegnamento. Io spero vivamente che l'anno 2021-22 segni una svolta, anche se per rimediare al sottofinanziamento della scuola e per cancellare quella cultura aziendalistica e impiegatizia che se ne è impossessata ci vorranno almeno dieci anni.
Torna in alto Andare in basso
Online
Montgomery



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 19.04.20

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyMar Apr 28, 2020 10:22 am

Commovente e stucchevole.
"Le metodologie didattiche di 50-60 anni fa dovranno sparire dopo il virus"
La correlazione tra le due cose ovviamente esiste nella testa di chi ha scritto questo emozionante post. E "basta al riscaldamento globale" l hai dimenticato?
Torna in alto Andare in basso
Bugs Bunny

Bugs Bunny

Messaggi : 66
Data d'iscrizione : 17.04.20

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyMar Apr 28, 2020 10:36 am

e già.....


Ultima modifica di Bugs Bunny il Mar Apr 28, 2020 10:48 am, modificato 2 volte
Torna in alto Andare in basso
Montgomery



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 19.04.20

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyMar Apr 28, 2020 10:38 am

Utenti bannati per molto meno. Vedremo se chi parla di baby sitter prostitute in un forum di i insegnanti verrà sanzionato
Torna in alto Andare in basso
Bugs Bunny

Bugs Bunny

Messaggi : 66
Data d'iscrizione : 17.04.20

scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto EmptyMar Apr 28, 2020 10:51 am

[quote="herman il lattoniere"]bugs bunny, cercherò di essere estremamente sintetico, come mi chiedi: se non ti va di leggere un testo di più di 5 righe allora non farlo e, se possibile, non citarlo.[/quote]
a parte che faccio quello che voglio, leggo, cito, se l' argomento mi interessa arrivo sino in fondo, se è un pippotto, no, vado altre, e spesso sono dei grandi pippotti, e ripeto, se voglio cito...chiaro? ma pensa te, evviva la libertà...cantava jovanotti...
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




scuole chiuse e lavoro aperto Empty
MessaggioTitolo: Re: scuole chiuse e lavoro aperto   scuole chiuse e lavoro aperto Empty

Torna in alto Andare in basso
 
scuole chiuse e lavoro aperto
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: