Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Dottorato di ricerca: cui prodest? Contatti
Ultimi argomenti commentati
Link sponsorizzati

 

 Dottorato di ricerca: cui prodest?

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Procopio



Messaggi : 1852
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 9:47 am

Leggete e fatevi una vostra opinione sulle questioni giustamente sollevate da chi segue l'ardua e poco (se non per nulla) remunerativa strada del dottorato di ricerca, attualmente il massimo grado di istruzione possibile in Italia: https://www.orizzontescuola.it/concorso-straordinario-dottori-di-ricerca-discriminazioni-e-contraddizioni-nel-bando/
Torna in alto Andare in basso
Clavicembalo



Messaggi : 479
Data d'iscrizione : 28.04.20

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 10:27 am

Ma come, un dottore di ricerca dovrebbe abbassarsi ad ammaestrare pargoli in una scuola fatiscente? Proprio loro, i supercervelli, non sono più in fuga? Quale senso del martirio dovrebbe spingerli a rimanere in Italia a prendersi le penne in faccia dagli studenti quando carriere mirabolanti attendono all' estero? Continuate pure la fuga, la scuola italiana non ha bisogno di chi cerca senza trovare, ne deve ammettere privilegi sulla base di pezzi di carta universitari
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8720
Data d'iscrizione : 17.01.12

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 1:50 pm

[quote="Clavicembalo"]la scuola italiana non ha bisogno di chi cerca senza trovare, ne deve ammettere privilegi sulla base di pezzi di carta universitari[/quote]

...veramente ci teniamo quelli che non hanno mai superato un concorso, senza specializzazione o col diploma, magari qualcuno con un titolo superiore non farebbe male.
Prima di parlare a nome della "scuola italiana" guarderei ad averne le credenziali almeno minime
Torna in alto Andare in basso
Clavicembalo



Messaggi : 479
Data d'iscrizione : 28.04.20

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 2:00 pm

"Il titolo sommo dell istruzione, riconosciuto a livello internazionale "..e allora, non appena si potrà, si aprano le porte del mondo a queste eccellenze, volate lontano verso chi vi può valorizzare. E poi dai, siete ad un livello di insegnamento universitario, ma perché vi abbassate a voler insegnare in un professionale malfamato? Non lo si dica neppure..non meritate di abbassarvi a ruoli così umili..dispiegate quindi le vostre ali verso nuovi lidi prestigiosi
Torna in alto Andare in basso
serpina



Messaggi : 890
Data d'iscrizione : 21.02.13

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 2:07 pm

La contraddittorietà normativa che permette ad un dottore di ricerca di far parte delle commissioni che esaminano gli insegnanti è oggettiva, ma la notazione avanzata nel documento mi sembra un bizantinismo che non tiene conto della sostanza delle cose. La presenza dei dottori nelle commissioni è un retaggio di esami basati sulla competenza disciplinare, roba vecchia, e non tiene conto dell'importanza che ha assunto l'aspetto pedagogico. Dopo aver rilevato la contraddizione mi pare che la soluzione più sensata
sarebbe quella di escludere i dottori dalle commissioni e non certo quella si abilitarli di default alla professione insegnante. Più in generale non capisco su quale argomentazione poggi l'idea che oggi il possesso di un dottorato (speso generalmente nella coltivazione di microscopici giardini bonsai, almeno nelle discipline umanistiche: il carteggio di Agnoletto da Biella, la Val Badia per un futuro nel rispetto del passato, l'evoluzione nell'uso della bestemmia nella bassa padana dal Quattrocento a oggi ) debba rendere idonei alla docenza. Mi sembra piuttosto ragionevole che al titolo venga riconosciuto un punteggio in sede di concorso, come avviene già.
Torna in alto Andare in basso
Clavicembalo



Messaggi : 479
Data d'iscrizione : 28.04.20

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 2:33 pm

Evidentemente questo SOS giunge da una categoria che, non trovando sostanzialmente un ruolo sociale ne qualcuno disposto ad assumerli, tentano disperatamente la carta dell insegnamento, sbraitando pure di superpreparazioni presunte pur di imboccare la scorciatoia.
Torna in alto Andare in basso
Ciope1981



Messaggi : 1427
Data d'iscrizione : 13.02.14

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 2:38 pm

[quote="serpina"]La contraddittorietà normativa che permette ad un dottore di ricerca di far parte delle commissioni che esaminano gli insegnanti è oggettiva, ma la notazione avanzata nel documento mi sembra un bizantinismo che non tiene conto della sostanza delle cose. La presenza dei dottori nelle commissioni è un retaggio di esami basati sulla competenza disciplinare, roba vecchia, e non tiene conto dell'importanza che ha assunto l'aspetto pedagogico. Dopo aver rilevato la contraddizione mi pare che la soluzione più sensata
sarebbe quella di escludere i dottori dalle commissioni e non certo quella si abilitarli di default alla professione insegnante. Più in generale non capisco su quale argomentazione poggi l'idea che oggi il possesso di un dottorato (speso generalmente nella coltivazione di microscopici giardini bonsai, almeno nelle discipline umanistiche: il carteggio di Agnoletto da Biella, la Val Badia per un futuro nel rispetto del passato, l'evoluzione nell'uso della bestemmia nella bassa padana dal Quattrocento a oggi ) debba rendere idonei alla docenza. Mi sembra piuttosto ragionevole che al titolo venga riconosciuto un punteggio in sede di concorso, come avviene già.[/quote]
Io personalmente al dottore che ha studiato l'evoluzione nell'uso della bestemmia nella bassa padana dal Quattrocento a oggi l'abilitazione la darei per merito.
Torna in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1852
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 2:51 pm

Concordo con quanto affermato da lucetta 10: solo chi ha speso tanto tempo e tanti soldi per il conseguimento di una laurea (vecchio ordinamento o magistrale) può comprendere, ma anche chi ha conseguito o sta conseguendo il titolo di PHD. Delle due l’una: o la ricerca ed il dottorato di ricerca ha un senso ed una ricaduta sul sistema Italia o è inutile illudere questi poveri ragazzi.
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 3:21 pm

Il dottorato di ricerca ti da solo un punteggio aggiuntivo in graduatoria. Penso che sia giusto così. Anche perchè nel percorso nessuno certifica le tue competenze all'insegnamento nelle scuole. Se valesse il corollario secondo cui possedere un titolo o incarico universitario (dottori, ricercatori, contrattisti) equivalga ad un'abilitazione passpartout all'insegnamento, il ragionamento dovrebbe valere ancor di più per il ricercatore abilitato per concorso nel settore disciplinare X o per il docente universitario di ruolo, ma non è così, sono abilitati all'insegnamento universitario ma non nelle scuole. Non trovo nemmeno contradditorio la possibilità per queste figure a presiedere una commissione di concorso scolastico anche se non abilitati in quel ordine di insegnamento.
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 3:26 pm

[quote="serpina"]... Più in generale non capisco su quale argomentazione poggi l'idea che oggi il possesso di un dottorato (speso generalmente ...[/quote]
...[/quote]
Quel generalmente mi sfugge. Ridurre la ricerca accademica, letteraria o no, a queste considerazioni, mi pare macchiettistico.
Anche in ambito scientifico e tra universitari esiste questa forma di denigrazione. Mi ricordo anni fa chi criticava i finanziamenti alle ricerche sui muli dell'Amiata. Ma potrei aggiungere alle tartarughe marine etc.
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 3:29 pm

[quote="Procopio"]... ma anche chi ha conseguito o sta conseguendo il titolo di PHD. Delle due l’una: o la ricerca ed il dottorato di ricerca ha un senso ed una ricaduta sul sistema Italia o è inutile illudere questi poveri ragazzi.[/quote]
C'è da dire che chi sceglie il PhD fa una scelta consapevole dei limiti del percorso. Molti si aprono altre strade, ma molti altri affrontano il mare aperto salvo poi scoprire di non poter più andare avanti.
Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
arrubiu

Messaggi : 24860
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 4:23 pm

La scuola, come altri lavori, è piena di persone che tentano una strada e poi non va bene.
E non c'è niente di male in tutto questo.
Torna in alto Andare in basso
Clavicembalo



Messaggi : 479
Data d'iscrizione : 28.04.20

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 4:54 pm

..i muli del monte Amiata mi mancava...in effetti questi se non vanno a insegnare chi se li assume? Le università, attivando corsi di laurea al limite del patetico, anzi talvolta ben oltre il limite, devono prendere atto che i loro "laureati" se li devono poi mantenere e coccolare tenendoseli sulle croste come ricercatori. Com era la tesi di quella studentessa siciliana ? "L origine del termine SUCA"
Bene...e adesso sia l universita a dare un futuro lavorativo o uno stipendio a questi laureati nel nulla. Altrimenti se vogliono insegnare facciano la trafila
Torna in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1852
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 6:21 pm

[quote="Clavicembalo"]..i muli del monte Amiata mi mancava...in effetti questi se non vanno a insegnare chi se li assume? Le università,  attivando corsi di laurea al limite del patetico, anzi talvolta ben oltre il limite, devono prendere atto che i loro "laureati" se li devono poi mantenere e coccolare tenendoseli sulle croste come ricercatori. Com era la tesi di quella studentessa siciliana ? "L origine del termine SUCA"
Bene...e adesso sia l universita a dare un futuro lavorativo o uno stipendio a questi laureati nel nulla.  Altrimenti se vogliono insegnare facciano la trafila [/quote]

Dunque, l'articolo che ho postato è un articolo che dimostra come la ricerca del lavoro e del posto fisso, stigmatizzato dal film "Quo vado?" di Checco Azzalone, sia un denominatore comune a molti se non a tutti. Quello che non trovo sia giusto è che questi ragazzi, che accedono ai pochissimi posti messi a disposizione in tutta Itala, con un regolare concorso per titoli ed esami non vedano riconosciuto il loro impegno ed i traguardi davvero alti che raggiungono attraverso il dottorato di ricerca, così vanno a cercare all'estero chi apprezza ciò che noi gettiamo dalla finestra.
Ne è stata la prova provata il fatto che la ricercatrice che per prima in Italia ha lavorato sul Covid-19, solo dopo questa ennesima fatica ha trovato la stabilizzazione.
Ed allora mi chiedo: quanti altri dovranno seguire la sua stessa sorte?
Come si fa a pensare che la ricerca e la scuola, che la sottende, non sia un investimento ma solo una spesa?
E da qui il discorso si allarga, eccome se si allarga IMHO.
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8720
Data d'iscrizione : 17.01.12

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 6:47 pm

E' molto curioso questo paese!

I docenti si scagliano contro la fuffa e rivendicano un ruolo maggiore e degno per le conoscenze disciplinari, poi però chiedono sanatorie e procedure di arruolamento agevolato per laureati con qualunque voto di laurea, senza abilitazione né titoli.

Si sgolano a chiedere che la maestra Maria venga immessa in ruolo col diploma e il professor Rossi con 180 giorni di servizio, ma non sia mai che un giovane ricercatore che ha superato una selezione universitaria e condotto un percorso di studi che all'estero valutano oro (e che va a blasonare università e aziende estere a spese dei contribuenti italiani che ne hanno finanziato la formazione), si avvicini al banco dell'alunno Carletto senza saperne di fuffa o aver prima calcato (non importa come, tanto nessuno valuta il precario) le scene!

Troppo qualificato! Diamogli qualche punticino in graduatoria, ma meno di quelli che diamo per un figlio e  più o meno gli stessi che diamo a due master online finti!

Meglio prendersi il prof precario che magari non ha superato gli ultimi due concorsi ma è ormai intriso di umori di aula scolastica! Quello ha acquisito un diritto alla stabilizzazione!

Io sono dottore di ricerca e insegnante di ruolo con abilitazioni e assunzione senza sanatoria e vi assicuro che dire che il dottorato non serve a nulla in classe è una idiozia che squalifica prima di tutto la scuola, che viene fatta passare come quella professione dove è meglio prendere i ragazzini con le mav che non un PHD mentre mi parrebbe importante attrarre le persone più formate, ma il valore dei titoli culturali è stato in questi anni continuamente eroso e ogni tre per due esce fuori quello che propone l'abolizione del valore legale dei titoli.

Lascio a chi lo ha sollevato l'argomento secondo il quale un dottore di ricerca sarebbe un disoccupato riciclato nella scuola. Le ragioni profonde di ciascuno sono insondabili, e anche fosse, la scuola è già piena di persone uscite, chissà come e perchè da professioni ben più remunerative dell'insegnamento
Torna in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 6737
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 7:50 pm

[quote="arrubiu"]La scuola, come altri lavori, è piena di persone che tentano una strada e poi non va bene.
E non c'è niente di male in tutto questo.[/quote]

Scherzi? Qua sono tutti nati con la matita rossa e blu per le correzioni in mano :-)
Torna in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1852
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 8:06 pm

[quote="lucetta10"]E' molto curioso questo paese!

I docenti si scagliano contro la fuffa e rivendicano un ruolo maggiore e degno per le conoscenze disciplinari, poi però chiedono sanatorie e procedure di arruolamento agevolato per laureati con qualunque voto di laurea, senza abilitazione né titoli.

Si sgolano a chiedere che la maestra Maria venga immessa in ruolo col diploma e il professor Rossi con 180 giorni di servizio, ma non sia mai che un giovane ricercatore che ha superato una selezione universitaria e condotto un percorso di studi che all'estero valutano oro (e che va a blasonare università e aziende estere a spese dei contribuenti italiani che ne hanno finanziato la formazione), si avvicini al banco dell'alunno Carletto senza saperne di fuffa o aver prima calcato (non importa come, tanto nessuno valuta il precario) le scene!

Troppo qualificato! Diamogli qualche punticino in graduatoria, ma meno di quelli che diamo per un figlio e  più o meno gli stessi che diamo a due master online finti!

Meglio prendersi il prof precario che magari non ha superato gli ultimi due concorsi ma è ormai intriso di umori di aula scolastica! Quello ha acquisito un diritto alla stabilizzazione!

Io sono dottore di ricerca e insegnante di ruolo con abilitazioni e assunzione senza sanatoria e vi assicuro che dire che il dottorato non serve a nulla in classe è una idiozia che squalifica prima di tutto la scuola, che viene fatta passare come quella professione dove è meglio prendere i ragazzini con le mav che non un PHD mentre mi parrebbe importante attrarre le persone più formate, ma il valore dei titoli culturali è stato in questi anni continuamente eroso e ogni tre per due esce fuori quello che propone l'abolizione del valore legale dei titoli.

Lascio a chi lo ha sollevato l'argomento secondo il quale un dottore di ricerca sarebbe un disoccupato riciclato nella scuola. Le ragioni profonde di ciascuno sono insondabili, e anche fosse, la scuola è già piena di persone uscite, chissà come e perchè da professioni ben più remunerative dell'insegnamento[/quote]

Parole sagge che denotano una profonda cultura: complimenti vivissimi, io la penso esattamente nello stesso identico modo!
Torna in alto Andare in basso
Clavicembalo



Messaggi : 479
Data d'iscrizione : 28.04.20

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 8:25 pm

Ah la famosa ricercatrice che per prima (falso) ha isolato il coronavirus ..davvero una ricerca a risolutiva, dato che dopo 2 mesi nessuno conosce ne cure ne vaccini..si è proprio meritata la stabilizzazione .inoltre Procopio ci parla della di lei "ennesima fatica"..quali sarebbero le altre precedenti?
Chiedo all esimia lucetta: e come mai allora, dato che il "titolo di ricercatore" all estero vale oro e le aziende farebbero carte false per il ricercatore dei muli dell Amiata, chi lo possiede non si fa assumere da queste aziende? Perche non fugge all estero dove lo accolgono con il tappeto rosso invece di chiedere un posticino come professoretto in una umile scuola italica?
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 9:12 pm

[quote="Clavicembalo"]Ah la famosa ricercatrice che per prima (falso) ha isolato il coronavirus ..davvero una ricerca a risolutiva,  dato che dopo 2 mesi nessuno conosce ne cure ne vaccini..si è proprio meritata la stabilizzazione ....[/quote]
Quella ricerca non risolutiva si chiama ricerca di base. Non ha ricadute immediate ma fa da apripista per quello che viene dopo. Se non isoli il virus, non sai come è fatta la struttura, non puoi progettare farmaci capire i meccanismi d'azione etc. La ricerca industriale vive anche di ricerca di base, senza brevetto, un po' un gigante sulle spalle del nano.
Tutto quello che insegni a scuola, dalla fisica elementare ai linguaggi di programmazione deriva in gran parte da ricerca di base, accademica o addirittura personale (per il gusto di).
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 9:20 pm

[quote="arrubiu"]La scuola, come altri lavori, è piena di persone che tentano una strada e poi non va bene.
E non c'è niente di male in tutto questo.[/quote]
Questo non può che arricchire la scuola. Tenendo però conto che tutti devono entrare dalla porta principale del concorso. Non si può dire "ho fatto il programmatore all'IBM" ergo mi spetta l'abilitazione A41 o un chiamata diretta a scuola per merito.
Per i PhD l'unica cosa che si può fare è valorizzarne al massimo il titolo nei concorsi pubblici, nella progressione di carriera etc.
Torna in alto Andare in basso
Clavicembalo



Messaggi : 479
Data d'iscrizione : 28.04.20

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 9:39 pm

In un forum di docenti, possiamo per lo meno accertare le cose che pubblichiamo? È FALSO che le ricercatrici dello Spallanzani siano state le prime a isolare il genoma del virus
"C
ome ricorda Nature in un articolo del 31 gennaio, i primi a isolare il virus sono stati «un team dell’Istituto di virologia di Wuhan guidato dal virologo Zheng-Li Shi [il quale] ha isolato il virus da una donna di 49 anni, che ha sviluppato i sintomi il 23 dicembre 2019 prima di ammalarsi gravemente»
.il genoma è stato quindi pubblicato su un database internazionale..
Come diceva una ministra? Bisogna dare la caccia alle fake news.
A onor del vero, occorre anche ricordare che a metà marzo una delle ricercatrici italiane ha elargito anche consigli essenziali alla popolazine:" chi ha sintomi, non esca di casa".
Davvero, non si tratta di fare provocazioni, ma certe affermazioni pompose e clamorose andrebbero verificate
Torna in alto Andare in basso
milla 2



Messaggi : 3743
Data d'iscrizione : 27.09.15

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMar Mag 05, 2020 11:19 pm

Nel concorso del 2018 il dottorato di ricerca veniva valutato 15 punti
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMer Mag 06, 2020 12:11 am

[quote="milla 2"]Nel concorso del 2018 il dottorato di ricerca veniva valutato 15 punti[/quote]
Mi riferivo a questo, la valutazione è già notevole. Tra l'altro anche le pubblicazioni scientifiche attribuivano punteggio. Nei nuovi bandi non ho visto come è regolata la questione.
Torna in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1852
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMer Mag 06, 2020 12:14 am

[quote="Clavicembalo"]In un forum di docenti, possiamo per lo meno accertare le cose che pubblichiamo? È FALSO che le ricercatrici dello Spallanzani siano state le prime a isolare il genoma del virus
"C
ome ricorda Nature in un articolo del 31 gennaio, i primi a isolare il virus sono stati «un team dell’Istituto di virologia di Wuhan guidato dal virologo Zheng-Li Shi [il quale] ha isolato il virus da una donna di 49 anni, che ha sviluppato i sintomi il 23 dicembre 2019 prima di ammalarsi gravemente»
.il genoma è stato quindi pubblicato su un database internazionale..
Come diceva una ministra? Bisogna dare la caccia alle fake news.
A onor del vero, occorre anche ricordare che a metà marzo una delle ricercatrici italiane ha elargito anche consigli essenziali alla popolazine:" chi ha sintomi, non esca di casa".
Davvero, non si tratta di fare provocazioni, ma certe affermazioni pompose e clamorose andrebbero verificate[/quote]

Non c'è peggor sordo di chi non vuole sentire: le notizie le leggo anch'io, ma quella ricercatrice italiana dello Spallanzani ha isolato il virus per prima in Italia, non nel mondo ed è per questo che il suo COCOCO (assolutamente privo di avanzamento di carriera o stipendiale) è stato trasformato e la ricercatrice stabilizzata.
Non dimentichiamo che la ricerca è quella che fa progredire una intera nazione e non è certo lanciandole addosso dei sassi che la aiutiamo a crescere.
Io sono fermamente convinto che la ricerca ed i ricercatori debbano essere sostenuti con tutti i mezzi perché non si tratta di una spesa ma di un investimento che produrrà a volte 10, a volte 100 e a volte 1000; anche perché non è certo la docenza in una scuola la loro massima aspirazione (e probabilmente nemmeno quella di molti di noi): si stanno impegnando per tutti noi e per questo meritano un ringraziamento ed un sostegno IMHO.
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? EmptyMer Mag 06, 2020 12:18 am

[quote="Clavicembalo"]In un forum di docenti, possiamo per lo meno accertare le cose che pubblichiamo? È FALSO che le ricercatrici dello Spallanzani siano state le prime a isolare il genoma del virus
...[/quote]
Cosa cambia al senso del discorso? Se la ricercatrice italiana non è stata la prima in assoluto? Merito ad un'altra ricercatrice/ricercatore. Si discute del valore della ricerca.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty
MessaggioTitolo: Re: Dottorato di ricerca: cui prodest?   Dottorato di ricerca: cui prodest? Empty

Torna in alto Andare in basso
 
Dottorato di ricerca: cui prodest?
Torna in alto 
Pagina 1 di 3Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: