Eccone un altro - Pagina 2 Contatti27
Ultimi argomenti commentati
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Eccone un altro

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Eccone un altro

Messaggio Da Procopio Mar Giu 16, 2020 10:10 am

Promemoria primo messaggio :

Qui l'articolo di Orizzontescuola:https://www.orizzontescuola.it/delrio-pd-riaprirei-le-scuole-a-luglio-con-turni/
E qui quello che è accaduto all'estero con la riapertura delle scuole (in Israele):https://www.tecnicadellascuola.it/riapertura-scuole-in-israele-e-flop-quasi-25mila-tra-docenti-e-studenti-in-quarantena?fbclid=IwAR3O7IJe6nvYS3Pdr8r5r8NRjOM2NbMHCQeglf5g-tNGLSdGEqcG6GEGTis


Ultima modifica di Procopio il Mar Giu 16, 2020 10:24 am, modificato 1 volta

Procopio

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

Torna in alto Andare in basso


Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da mattopris Mar Giu 16, 2020 8:15 pm

Posto che certe volte fatico a comprendere alcuni tuoi riferimenti, nemmeno tu rispondi a me. Implicitamente confermi che una situazione di questo tipo, a tuo avviso, comporta che il percorso scolastico risulti "platealmente differenziato", e già su questo non ti seguo.
Mi dici infatti che non si sa quanto durerà questa situazione...ma come? Ma non siamo in attesa del "Vaccino"? Ma non è a due passi? Ma non ci è stato detto che entro un anno dallo scoppio della pandemia sarebbe stato disponibile? E ora dobbiamo pure spingerci a pensare che questo incubo duri a tempo indeterminato? Poniamo comunque che tutto il prossimo a.s. vada così: resterebbe comunque 1 anno su 13.

E comunque, alla domanda se manterresti inutilizzate delle aule in una scuola solo perché in altri istituti tali spazi non ci sono, non mi hai ancora risposto in modo netto. Immagino la risposta sia un "sì", ma pur essendo come te contro l'autonomia differenziata (e sostenerlo qui in Veneto è difficile...!), fatico davvero a comprenderne la ratio. Mi sembra un po' la diatriba tra socialisti massimalisti e riformisti...io di natura sarei un massimalista, ma sempre più spesso mi rendo conto che occorre accettare dei compromessi per portare a casa qualcosa.

mattopris

Messaggi : 1170
Data d'iscrizione : 12.11.19
Età : 32
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da franco71 Mar Giu 16, 2020 9:08 pm

[quote="Clavicembalo"]. ..
.....e nulla accade, nessuna seconda ondata, nulla se nada...cosa significa? Cosi a occhio...[/quote]
Se è per questo, per te non c'è stata nemmeno la prima ondata.

franco71

Messaggi : 6386
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da franco71 Mar Giu 16, 2020 9:20 pm

Tornando in tema. Secondo me è fondamentale il fattore tempo. Se l'emergenza dovesse durare fino all'autunno, dopo di che il vaccino potrà essere disponibile, un ripartenza anche differenziata non la troverei scandalosa, tenendo conto delle situazioni sanitarie a livello regionale. Tra parentesi potrebbero presentarsi differenze anche all'interno della stessa regione o provincia. Se il problema sta solo nella mancanza di spazi adeguati, senza la presenza di nuovi focolai di infezione, si deve fare uno sforzo per trovare questi spazi. Anche la didattica mista, può essere una soluzione ponte, non parlo di dad pura da una parte dello stivale e did in un'altra, ma della possibilità di fare turni in presenza alternati alla dad (se ne è discusso) all'interno di una stessa scuola che presenti problemi di aule non risolvibili. Mi rendo conto che alla fine, per non complicarci la vita, la decisione ministeriale sarà unica.

franco71

Messaggi : 6386
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Torna in alto Andare in basso

L'autore di questo messaggio è stato bannato dal forum - Mostra il messaggio

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da mattopris Mar Giu 16, 2020 9:49 pm

Franco, io invece credo che non sarà così. La Azzolina ha più volte detto che sarà data una cornice di regole comuni, all'interno delle quali le scuole utilizzeranno la loro autonomia. Quindi dubito che verranno imposti a livello nazionale, ad esempio, il modulo orario da 40' o la didattica mista: saranno suggeriti come soluzioni nel caso in cui la singola scuola non possa garantire altrimenti il distanziamento. Ripeto, se una scuola, per ipotesi, può evitare di tagliare minuti di insegnamento, o riesce a permettere la didattica integralmente in presenza grazie ai suoi spazi, troverei assurdo che il Ministero le dicesse "eh no, anche tu fai i 40 minuti!".
A livello contrattuale credo il problema non si ponga: sulla questione-moduli, basta fare un calcolo aritmetico (quanti moduli da "x" minuti per coprire 18h di insegnamento). Sulla regolamentazione di un'eventuale didattica mista, l'ultimo decreto Rilancio prevede si apra una contrattazione specifica in tal senso. Se una scuola la userà, farà riferimento a tali nuove previsioni normative, altrimenti no.

mattopris

Messaggi : 1170
Data d'iscrizione : 12.11.19
Età : 32
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da mattopris Mar Giu 16, 2020 10:26 pm

C.V.D.

https://www.tecnicadellascuola.it/i-giorni-caldi-della-scuola-al-via-la-maturita-in-mascherina-e-poi-le-linee-guida-che-ogni-istituto-fara-proprie

"a breve saranno rese pubbliche le Linee Guida da adottare per il rientro: si tratta di una serie di indicazioni che ogni scuola plasmerà per decidere i tempi e le modalità della ripartenza delle lezioni. [...] Ecco perché non sarebbe possibile introdurre un progetto unico, un “canovaccio” valido per tutti: semplicemente perché per molte scuole sarebbe inattuabile."

mattopris

Messaggi : 1170
Data d'iscrizione : 12.11.19
Età : 32
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da franco71 Mar Giu 16, 2020 10:29 pm

[quote="mattopris"]... Ripeto, se una scuola, per ipotesi, può evitare di tagliare minuti di insegnamento, o riesce a permettere la didattica integralmente in presenza grazie ai suoi spazi, troverei assurdo che il Ministero le dicesse "eh no, anche tu fai i 40 minuti!".
...[/quote]
Ma per non creare situazioni discriminatorie, il ministero deve fornire alternative valide anche alle scuole che non possono garantire il distanziamento ed altro. Non può dire arrangiati con la dad, ad esempio trovare altre strutture pubbliche oppure finanziare doppi turni.

franco71

Messaggi : 6386
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da mattopris Mar Giu 16, 2020 10:33 pm

Diciamo che se si facessero le cose sul serio si assumerebbero tutti i docenti che servono e si troverebbero tutti gli spazi che servono.
Visto che così non sarà, non troverei scandaloso che, al limite, per ragioni di spazi una scuola facesse didattica mista (dad integrale non se ne parla!) mentre un'altra tutto in presenza. L'auspicio mio personale è che scompaia dalla faccia della Terra qualsiasi forma di dad alla velocità della luce, ma "si fa il fuoco con la legna che si ha"...
Per dire: una delle mie due sedi di quest'anno già da maggio sta riorganizzando le aule in vista di una didattica mista, e nell'ultimo collegio all'ordine del giorno c'erano le proposte per la ripartenza a settembre.

mattopris

Messaggi : 1170
Data d'iscrizione : 12.11.19
Età : 32
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da lucetta10 Mar Giu 16, 2020 10:36 pm

[quote="mattopris"]Posto che certe volte fatico a comprendere alcuni tuoi riferimenti, nemmeno tu rispondi a me. Implicitamente confermi che una situazione di questo tipo, a tuo avviso, comporta che il percorso scolastico risulti "platealmente differenziato", e già su questo non ti seguo.
Mi dici infatti che non si sa quanto durerà questa situazione...ma come? Ma non siamo in attesa del "Vaccino"? Ma non è a due passi? Ma non ci è stato detto che entro un anno dallo scoppio della pandemia sarebbe stato disponibile? E ora dobbiamo pure spingerci a pensare che questo incubo duri a tempo indeterminato? Poniamo comunque che tutto il prossimo a.s. vada così: resterebbe comunque 1 anno su 13.

E comunque, alla domanda se manterresti inutilizzate delle aule in una scuola solo perché in altri istituti tali spazi non ci sono, non mi hai ancora risposto in modo netto. Immagino la risposta sia un "sì", ma pur essendo come te contro l'autonomia differenziata (e sostenerlo qui in Veneto è difficile...!), fatico davvero a comprenderne la ratio. Mi sembra un po' la diatriba tra socialisti massimalisti e riformisti...io di natura sarei un massimalista, ma sempre più spesso mi rendo conto che occorre accettare dei compromessi per portare a casa qualcosa.[/quote]

...del vaccino non so dire a differenza di tutti a quanto pare, e comunque si ragiona evidentemente senza sapere per quanto tempo, o almeno io lo ignoro.

Riguardo alle aule inutilizzate non vedo cosa c'entrino.
Il sistema di istruzione non può essere differenziato sul piano nazionale, questo è l'assunto e lo so visto che l'input era mio.
Se comporta che nessuna regione del territorio nazionale può rimanere indietro è evidente che nessuna può balzare avanti, mi pare una banalità (mi spiegherai poi se alle famiglie degli alunni in dad applicheresti la stessa pressione fiscale che a quelle con i figli a scuola!).

Le aule, se sono inutilizzate, lo sono anche ora e lo erano prima e non mi pare che per timore dello spreco di cubatura negli edifici scolastici si sia ridotto il numero di alunni per classe "laddove si poteva" e si poteva anche sei mesi fa evidentemente, salvo che le aule non siano spuntate ora per miracolo: piccoli centri e paesi, ma anche quartieri urbani dove si sono lasciate abbandonate intere ale di edifici per stipare tutti i ragazzini in classi pollaio e risparmiare sul maestro unico, quindi si tratta di un falso problema.

L'assunto dell'autonomia differenziata è che si possa differenziare l'offerta del servizio pubblico: esattamente quello che proponi tu. Non si può considerare massimalismo il rispetto di un principio come quello della validità nazionale del sistema educativo: ovunque ci deve essere la stessa prestazione richiesta ai docenti (altrimenti, come chi sostiene l'autonomia differenziata, si possono ammettere contratti diversi), lo stesso standard per gli studenti, lo stesso tempo scuola con tabelle nazionali per disciplina (fosse per me abolirei anche la percentuale di flessibilità).

A me paiono banalità mentre sembra che stia sostenendo la scuola sovietica!

Ora mi risponderai in merito a validità del titolo di studio, variazioni contrattuali per docenti con diverse mansioni, equipollenza dei titoli... hai soluzioni? Ti paiono cosucce purchè si rientri?

lucetta10

Messaggi : 8850
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da mattopris Mar Giu 16, 2020 10:48 pm

...e in ogni caso la scuola sovietica è decisamente migliore della scuola neoliberista e aziendalista :-)

A parte questo, sono d'accordo in toto con quello che sostieni sulla scuola in generale. Dico solo che, vista l'eccezionalità e la straordinarietà della situazione, determinate modifiche o adattamenti al contesto territoriale non li troverei un'eresia. Con il macigno che ci è piombato addosso, dubito che un protocollo fisso, standard, immutabile da Torino ad Agrigento, dal paesino alla metropoli sia la risposta adatta per lo specifico frangente.
Anche sulle aperture/chiusure in base al contagio: se ricordi, a febbraio hanno chiuso le scuole in Veneto, Lombardia ed Emilia; il resto d'Italia lo ha fatto solo il 5 marzo, quando la situazione mostrava ormai la sua gravità ed era sfuggita di mano. Riterrei davvero assurdo chiudere di nuovo in tutta Italia qualora in date zone si sviluppassero dei focolai; sarebbe come chiudere le scuole a Bologna perché è esondato il Piave...
Poi, chiaramente, occorre vigilare perché tutto questo (come la dad stessa) non diventi un cavallo di Troia per rendere permanenti determinate disposizioni.

mattopris

Messaggi : 1170
Data d'iscrizione : 12.11.19
Età : 32
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

L'autore di questo messaggio è stato bannato dal forum - Mostra il messaggio

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da Anselmo Mer Giu 17, 2020 8:06 am

[quote="paniscus_2.1"]E comunque (a parte il consueto lisciaggio e ricerca di consenso presso la categoria dei genitori inferociti che non sanno a chi lasciare i figli), questo signore lo sa che l'attività didattica di questo anno scolastico si è appena chiusa e che abbiamo già fatto gli scrutini, con relativi voti di fine anno e relazioni finali in cui si dichiara la programmazione che si è svolta nell'anno scolastico FINITO?

Cosa dovrebbero andarci a fare i ragazzi, a scuola, a luglio? [/quote]

le canne!!

Anselmo

Messaggi : 50
Data d'iscrizione : 06.03.20

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da lucetta10 Mer Giu 17, 2020 9:39 am

[quote="mattopris"]...e in ogni caso la scuola sovietica è decisamente migliore della scuola neoliberista e aziendalista :-)

A parte questo, sono d'accordo in toto con quello che sostieni sulla scuola in generale. Dico solo che, vista l'eccezionalità e la straordinarietà della situazione, determinate modifiche o adattamenti al contesto territoriale non li troverei un'eresia. Con il macigno che ci è piombato addosso, dubito che un protocollo fisso, standard, immutabile da Torino ad Agrigento, dal paesino alla metropoli sia la risposta adatta per lo specifico frangente.
Anche sulle aperture/chiusure in base al contagio: se ricordi, a febbraio hanno chiuso le scuole in Veneto, Lombardia ed Emilia; il resto d'Italia lo ha fatto solo il 5 marzo, quando la situazione mostrava ormai la sua gravità ed era sfuggita di mano. Riterrei davvero assurdo chiudere di nuovo in tutta Italia qualora in date zone si sviluppassero dei focolai; sarebbe come chiudere le scuole a Bologna perché è esondato il Piave...
Poi, chiaramente, occorre vigilare perché tutto questo (come la dad stessa) non diventi un cavallo di Troia per rendere permanenti determinate disposizioni.[/quote]

Capisco quello che dici, ma eccezionalità e straordinarietà sono categorie che andavano bene per marzo e che erano giustificate a febbraio.
Ora si sta pianificando per settembre e ci dovrebbero essere piani di rientro, con possibili ipotesi B e magari C, soluzioni che tutelino il diritto allo studio e l'uniformità del sistema nazionale.

Mi va bene che si dica che, in caso di nuovo focolaio in Lombardia a novembre, non si chiuda anche Tortoreto. Ma a giugno, con le scuole chiuse e stante il dato dei contagi, si dovrebbe parlare soltanto di un piano nazionale perchè c'è tutto il tempo per reperire locali per chi non ne ha, se si vuole tornare in presenza; strutturare meglio la dad (non sarebbe male l'indicazione di una piattaforma unica, per esempio...) se si vuole rimanere a distanza o si prevede la didattica mista.
Si dovrebbe ragionare a seconda dei gradi di istruzione per esempio, perchè a me pare impensabile per la primaria o l'infanzia pensare ancora alla dad per il primo quadrimestre del prossimo anno, per i grandi ci sarebbero margini maggiori, e allora la questione dei locali si porrebbe in modo diverso e si potrebbe pensare a destinarli prioritariamente ai piccoli.

Intanto si sarebbe potuto ridurre il numero degli alunni nelle classi in entrata, visto che l'ipotesi di eliminare le "classi pollaio" era già nelle esternazioni di Azzolina all'insediamento!

lucetta10

Messaggi : 8850
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da mattopris Mer Giu 17, 2020 10:08 am

Che la questione sia stata (e sia) gestita alla carlona è purtroppo evidente. Come giustamente dici, un ministro che da anni si batte per ridurre gli alunni per classe avrebbe dovuto davvero pretendere tale provvedimento, vista la situazione eccezionale. Invece, come se nulla fosse, la normativa è invariata e gli usr accorpano classi che è un piacere...
Il colmo è che, alla peggio, si poteva decidere di assumere gli insegnanti necessari solo a tempo determinato, per l'anno in corso: questo avrebbe tamponato (se non risolto) il problema, e per di più avrebbe pesato solo in parte nel bilancio statale (sarebbe stata una sorta di "una tantum", esattamente come i bonus da 600 euro o l'estensione della CIG, più che giustificata come provvedimento di emergenza). E invece siamo qui, a metà giugno, rimasti per ora con un palmo di naso.

mattopris

Messaggi : 1170
Data d'iscrizione : 12.11.19
Età : 32
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

L'autore di questo messaggio è stato bannato dal forum - Mostra il messaggio

L'autore di questo messaggio è stato bannato dal forum - Mostra il messaggio

Eccone un altro - Pagina 2 Empty Re: Eccone un altro

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.