Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Aspetti linguistici delle linee guida Contatti
Ultimi argomenti commentati
Link sponsorizzati

 

 Aspetti linguistici delle linee guida

Andare in basso 
AutoreMessaggio
franco71



Messaggi : 6204
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMar Ago 25, 2020 6:19 pm

https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/08/24/news/l_antilingua_delle_linee_guida_dove_il_verbo_insegnare_non_c_e_-265405682/?ref=RHPPTP-BH-I0-C12-P3-S2.4-T1

di Giacomo Papi

"Le Linee guida per la Didattica digitale integrata del Ministero dell’istruzione sono un esempio perfetto di quella che Italo Calvino chiama l’antilingua, il modo di scrivere più diffuso nell’amministrazione italiana e una delle ragioni principali della diffidenza dei cittadini verso lo Stato. Dalla lettura e rilettura del documento — che dovrebbe spiegare a 800 mila insegnanti, 8 milioni di studenti e 16 di genitori come avverranno le lezioni online e in classe «in un equilibrato bilanciamento tra attività sincrone e asincrone» — si intuisce soltanto che il Ministero si rimette alla buona volontà e alla fantasia di professori e presidi. L’antilingua ha lo scopo di tenere a distanza invece di avvicinare, confondere invece di chiarire, per questo sostituisce le parole di uso quotidiano
con perifrasi e termini arcaici e organizza le frasi in sistemi contorti. Rispetto al Piano scuola presentato a fine giugno — che era scritto bene, a parte uno spettacoloso riferimento alle «rime buccali degli alunni », cioè alle bocche — Le linee guida non guidano niente. Per qualche misteriosa
ragione, per esempio, il Lato Oscuro della Sintassi ministeriale scrive: «Le istituzioni scolastiche avviano una rilevazione di fabbisogno di strumentazione tecnologica e connettività», invece di valutano le tecnologie e la connessione necessarie. Nell’antilingua la sistematica manomissione della sintassi si accompagna a quella del lessico. La scelta delle parole rivela, però, sempre,
l’ideologia di chi scrive. Nel documento la didattica si «eroga» come fosse acqua o gas da riversare
nelle menti vuote degli studenti. Sono invece quasi assenti verbi come «insegnare» e «imparare». Abbandonano gli «alunni in parola» e «fragili », giudicati dalla «funzione docimologica » dei docenti. A complicare le cose si aggiungono «turnazioni che contemplino alternanza tra presenza
e distanza », «setting “d’aula” virtuale», «interferenze di eventuali distrattori», «agorà di confronto». Anche l’uso dell’inglese è inutilmente abbondante — flipped classroom, know how, future labs, team dei docenti — come quello degli acronimi — Pnsd, Ddi, Byod — che costringono
i lettori normali a cercare su Google. Per evitare l’antilingua basterebbe rispettare quattro semplici indicazioni: 1 Tra una parola conosciuta e una in disuso o tecnica, scegliere sempre la prima a meno di non essere sicuri che la seconda sia indispensabile 2 Limitare l’uso di subordinate e
adottare di preferenza la costruzione classica soggetto-predicato-complemento. 3 Evitare di appesantire il testo con riferimenti a Decreti, Leggi, Commi che possono tranquillamente comparire nelle note a piè di pagina (sono state inventate per questo). 4 Permettere a chi scrive di firmare
il documento in modo da assumersene la responsabilità ed, eventualmente, il merito. Nel suo libro Come non scrivere, Claudio Giunta spiega che in Italia il ricorso all’antilingua nei testi ufficiali ha ragioni storiche: l’assenza di una lingua parlata nazionale spinse l’amministrazione a prendere a modello testi letterari e scientifici. È certamente così, ma sono convinto che la ragione principale sia politica: esattamente come i call center automatici, la difficoltà impedisce di fare domande e di ottenere risposte perché a protestare se non si capisce qualcosa si rischia sempre di fare la figura degli scemi. Un paio di anni fa il Ministero della Salute raccomandò a tutte le Regioni italiane di invitare i medici a scrivere le ricette in modo leggibile. Estendere l’ideale della chiarezza alla scrittura dell’amministrazione pubblica sarebbe una misura di civiltà maggiore. Tra le misure di igiene e profilassi più urgenti, anche contro l’epidemia, c’è il dovere di scrivere in modo chiaro e il diritto di capire. L’Italia è popolata di scrittori e scrittrici che faticano a sopravvivere. È una delle poche categorie che non ha mai chiesto sussidi. Potrebbero federarsi in una Gilda di Scribi Chiarificatori ed essere assoldati dal ministro della Cultura Dario Franceschini, che è anche romanziere, per un lavoro socialmente utilissimo: contribuire, insegnando o scrivendo, a migliorare la chiarezza dei testi ufficiali e, quindi, il rapporto tra cittadini e Stato. Con un’avvertenza: meglio scegliere quelli meno aulici e sperimentali."

A Miyagi e Campanella piace questo messaggio.

Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 4418
Data d'iscrizione : 05.08.11

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 2:31 am

A  ciò aggiungerei l'uso "vago", e ondivago della lingua, quando non si vuole mostrare palesemente la propria posizione in qualsivoglia faccenda, lasciando  il tutto alla libera interpretazione, per esempio:

"il docente deve garantire la Dad con gli strumenti a disposizione...."
Torna in alto Andare in basso
stringiamciacoorte



Messaggi : 1019
Data d'iscrizione : 18.08.20

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 11:30 am

Chi sa di non avere sostanza si rifugia nella forma; i vestiti più belli li indossano le donne più vecchie.
Torna in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 6738
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 12:04 pm

[quote="stringiamciacoorte"]Chi sa di non avere sostanza si rifugia nella forma; i vestiti più belli li indossano le donne più vecchie.[/quote]

Il tuo stile non mi è nuovo ...

Dovrebbe valere la stessa regola che hanno in UK: testi chiari, frasi di non più di 25 parole. Ma noi, si sa, siamo la patria del bel tema di italiano.
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 8733
Data d'iscrizione : 17.01.12

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 12:07 pm

[quote="mac67"][quote="stringiamciacoorte"]Chi sa di non avere sostanza si rifugia nella forma; i vestiti più belli li indossano le donne più vecchie.[/quote]

Il tuo stile non mi è nuovo ...

Dovrebbe valere la stessa regola che hanno in UK: testi chiari, frasi di non più di 25 parole. Ma noi, si sa, siamo la patria del bel tema di italiano.[/quote]

Non mi pare proprio fosse questa l’idea dell’articolo, che semmai contrappone a una pletora straparlona molto esterofilia proprio le norme del bel tema di italiano...salvo che non si consideri Calvino un sostenitore dei pensierini e la chiarezza una banale questione di dimensioni
Torna in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 6738
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 1:08 pm

[quote="lucetta10"][quote="mac67"][quote="stringiamciacoorte"]Chi sa di non avere sostanza si rifugia nella forma; i vestiti più belli li indossano le donne più vecchie.[/quote]

Il tuo stile non mi è nuovo ...

Dovrebbe valere la stessa regola che hanno in UK: testi chiari, frasi di non più di 25 parole. Ma noi, si sa, siamo la patria del bel tema di italiano.[/quote]

Non mi pare proprio fosse questa l’idea dell’articolo, che semmai contrappone a una pletora straparlona molto esterofilia proprio le norme del bel tema di italiano...salvo che non si consideri Calvino un sostenitore dei pensierini e la chiarezza una banale questione di dimensioni[/quote]

Condivido l'articolo: le mie critiche sono per chi scrive male. Ed è un risultato della nostra scuola.
Torna in alto Andare in basso
Mariagraz.



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 01.03.20

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 3:24 pm

[quote="franco71"]https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/08/24/news/l_antilingua_delle_linee_guida_dove_il_verbo_insegnare_non_c_e_-265405682/?ref=RHPPTP-BH-I0-C12-P3-S2.4-T1

di Giacomo Papi

"Le Linee guida per la Didattica digitale integrata del Ministero dell’istruzione sono un esempio perfetto di quella che Italo Calvino chiama l’antilingua, il modo di scrivere più diffuso nell’amministrazione italiana e una delle ragioni principali della diffidenza dei cittadini verso lo Stato. Dalla lettura e rilettura del documento — che dovrebbe spiegare a 800 mila insegnanti, 8 milioni di studenti e 16 di genitori come avverranno le lezioni online e in classe «in un equilibrato bilanciamento tra attività sincrone e asincrone» — si intuisce soltanto che il Ministero si rimette alla buona volontà e alla fantasia di professori e presidi. L’antilingua ha lo scopo di tenere a distanza invece di avvicinare, confondere invece di chiarire, per questo sostituisce le parole di uso quotidiano [...]
[/quote]

Carissimo Franco, sono perfettamente d'accordo con Giacomo Papi.
Per me l'unico documento ufficiale scritto benissimo (e in forma semplice) è la nostra carissima Costituzione italiana creata dai padri fondatori della nostra Repubblica, antifascisti e contro ogni dittatura (compresa quella comunista)

Infatti solo chi non vuol far capire nulla al popolo (e confonderlo) scrive in modo complesso, arzigogolato e ambiguo in modo tale che alla fine chi legge non ci capisce un bel nulla e chi ha il potere può fare quello che vuole in modo indisturbato.

Meno male che il 4 dicembre 2016 fu  bocciato il referendum voluto da Renzi che doveva modificarne alcune parti.
Ciò che doveva sostituirle erano un barbarico aggroviglio di parole scritte in modo prolisso e confuso.

VIVA LA COSTITUZIONE ITALIANA del 1948.
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 3874
Data d'iscrizione : 21.09.13

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 4:06 pm

Ma che bel pistolotto filocostituzionale! Peccato che sappia tanto di alibi. Qualcuno può informare la nostra dispensatrice di buonumore che la costituzione italiana e' stata votata anche dai comunisti e dai socialisti, tanto che il testo reca la firma pure di Umberto Terracini , presidente dell' Assemblea Costituente ?

Torna in alto Andare in basso
Mariagraz.



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 01.03.20

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 4:21 pm

[quote="balanzoneXXI"]Ma che bel pistolotto filocostituzionale! Peccato che sappia tanto di alibi. Qualcuno può  informare  la nostra dispensatrice di buonumore che la costituzione  italiana e' stata votata anche dai comunisti e dai socialisti, tanto che il testo reca la firma  pure di Umberto Terracini , presidente dell' Assemblea Costituente ?

[/quote]

Ricordati che ho scritto di PADRI FONDATORI. Mica ho fatto i nomi e cognomi di tutti loro o ho citato l'appartenenza politica.
E comunque non puoi negare che la nostra Costituzione italiana, così chiara, semplice è contro TUTTE le dittature: FASCISTA, NAZISTA, COMUNISTA o di coloro che vogliono giocare con raffiche di decreti per non farli arrivare MAI al Parlamento entro i 60 giorni.

Le democrazie sono quelle che usano un linguaggio semplice e comprensibile in ogni documento. Le dittature POTREBBERO essere quelle che, quando c'è una Costituzione rigida che li blocca, giocano con le parole e le trasformano in decreti o in disposizioni (per ogni comparto amministrativo) in cui non si capisce niente di quello che si deve fare...
Torna in alto Andare in basso
stringiamciacoorte



Messaggi : 1019
Data d'iscrizione : 18.08.20

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 5:14 pm

[quote="Mariagraz."]VIVA LA COSTITUZIONE ITALIANA del 1948.[/quote]

ABBASSO TUTTE LE ALTRE COSTITUZIONI ITALIANE.
Torna in alto Andare in basso
Online
stringiamciacoorte



Messaggi : 1019
Data d'iscrizione : 18.08.20

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 5:15 pm

Ad essere pignoli la Costituzione è del 1947
Torna in alto Andare in basso
Online
balanzoneXXI



Messaggi : 3874
Data d'iscrizione : 21.09.13

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 7:46 pm

[quote="stringiamciacoorte"]Ad essere pignoli la Costituzione è del 1947[/quote]

Promulgata alla fine del 1947, e' entrata in vigore il primo gennaio dell' anno successivo.
Torna in alto Andare in basso
Superconduttore



Messaggi : 397
Data d'iscrizione : 17.08.20

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 8:18 pm

Non è arrivata manco a 73 anni..deceduta nel marzo del 2020 , morte violenta per mano del primo dpcm
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 6204
Data d'iscrizione : 14.11.14
Età : 49

Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida EmptyMer Ago 26, 2020 8:19 pm

[quote="stringiamciacoorte"][quote="Mariagraz."]VIVA LA COSTITUZIONE ITALIANA del 1948.[/quote]

ABBASSO TUTTE LE ALTRE COSTITUZIONI ITALIANE.[/quote]
Ad essere pignoli anche lo Statuto Albertino è una costituzione italiana.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Aspetti linguistici delle linee guida Empty
MessaggioTitolo: Re: Aspetti linguistici delle linee guida   Aspetti linguistici delle linee guida Empty

Torna in alto Andare in basso
 
Aspetti linguistici delle linee guida
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: