Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Contatti27
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

+12
lucetta10
stringiamciacoorte
Ire
Gattopardo1945
saracinesca
@melia
carla75
sempreconfusa1
pasqui74
serpina
Perplessa
elirpe
16 partecipanti

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo

Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da elirpe Dom Set 19, 2021 9:15 pm

Promemoria primo messaggio :

Condivido con voi questa situazione:

1.Alunno BES con problematiche di ansia certificate da privato.
2.Richiesta della famiglia di programmare tutte le interrogazioni.
3.Consiglio di classe che intende accettare questa linea.

Io eccepisco quanto segue:

1.Ho impostato l'anno scorso un lavoro con questa classe (in cui l'alunno non era presente) che prevedeva solo interrogazioni a sorpresa e i risultati sono stati molto positivi, non intendo quindi passare alle programmate per tutti perché sarebbe controproducente.
2.D'altra parte trovo irricevibile fare le programmate solo per questo alunno: renderebbe evidente il fatto di avere il BES e sarebbe ben difficile da motivare ai compagni/e (stante che naturalmente non è palese il fatto di essere BES).

Come agireste? Sacrificare la vostra libertà di insegnamento cambiando di fatto un elemento essenziale del vostro metodo o palesare una situazione con tutto ciò che ne consegue?

P.s. Per completezza preciso che i miei colleghi hanno detto che faranno le programmate solo per l'alunno (naturalmente mi riferisco a quelli che prima non usavano le programmate, in caso contrario il problema non esiste) ma a me sembra una soluzione che comporta più problemi di quelli che risolve.

elirpe

Messaggi : 1049
Data d'iscrizione : 02.08.17

Torna in alto Andare in basso


Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da lucetta10 Mar Set 21, 2021 3:58 pm

paniscus_2.1 ha scritto:Ma non è un intervento di forza volontario, è una normale conseguenza della realtà!

Se Giorgino, Paoletta e Pieruccio possono usare la calcolatrice durante il compito e tutti gli altri 25 no, la cosa SI VEDE! La calcolatrice invisibile, o le pagine cartacee di tavole, mappe e formulari invisibili, non esistono, ne vogliamo prendere atto? Non si può pretendere dall'insegnante che sia lui a trovare il modo di renderle invisibili, perché questo modo non c'è!

...salvo modellare la didattica della classe sul pdp dell'alunno dsa, il che è irricevibile

lucetta10

Messaggi : 9902
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da stringiamciacoorte Mar Set 21, 2021 4:20 pm

lucetta10 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:Ma non è un intervento di forza volontario, è una normale conseguenza della realtà!

Se Giorgino, Paoletta e Pieruccio possono usare la calcolatrice durante il compito e tutti gli altri 25 no, la cosa SI VEDE! La calcolatrice invisibile, o le pagine cartacee di tavole, mappe e formulari invisibili, non esistono, ne vogliamo prendere atto? Non si può pretendere dall'insegnante che sia lui a trovare il modo di renderle invisibili, perché questo modo non c'è!

...salvo modellare la didattica della classe sul pdp dell'alunno dsa, il che è irricevibile
Si possono mettere nell'ultima fila di banchi così gli altri sono davanti e non vedono che dietro c'è chi usa la calcolatrice.

Ma quanto sono fantastico ? OPS fantasioso.
stringiamciacoorte
stringiamciacoorte

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 18.08.20

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da stringiamciacoorte Mar Set 21, 2021 4:27 pm

Ire ha scritto:Non lo ritrovo ma ho letto il riferimento al dsm4.  Vorrei far presente  che siamo al 5 e che i cambiamenti in esso contenuti giustificano la fatica di prenderlo in considerazione

Per quanto riguarda la serenità, è indubbio che una volta che è tutto alla luce del sole le cose non  possono che andare meglio ma.............  facciamo attenzione che se l'epoca del rifiuto e della non accettazione corrisponde a quella fase della vita in cui la cosa più importante è essere uguali agli altri, un intervento di forza che renda palese la neurodiversità rischia di fare MOLTO MOLTO MOLTO male.  Non è assolutamente opportuno correre il rischio.   E dire semplicemente che è ora di smetterla sperando che serva è conoscere abbastanza poco le natura umana.  Proviamo a metterci nei panni di una persona che non sta bene con se stessa e pensiamo a se il solo fatto che qualcuno ci dica "basta, finiscila"  fa succedere il miracolo
Io ho passato quella fase della vita (adolescenza) quando vedevo che io avevo gli occhiali e la maggior parte degli altri no; ho messo gli occhiali a 5 anni e mi ci sono abituato, anche alle prese in giro dei miei compagni più fessi.

A che età si diventa dislessici ? Se non è troppo avanzata ci si potrebbe abituare per tempo.
stringiamciacoorte
stringiamciacoorte

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 18.08.20

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Gattopardo1945 Mar Set 21, 2021 4:43 pm

stringiamciacoorte ha scritto:
Ire ha scritto:Non lo ritrovo ma ho letto il riferimento al dsm4.  Vorrei far presente  che siamo al 5 e che i cambiamenti in esso contenuti giustificano la fatica di prenderlo in considerazione

Per quanto riguarda la serenità, è indubbio che una volta che è tutto alla luce del sole le cose non  possono che andare meglio ma.............  facciamo attenzione che se l'epoca del rifiuto e della non accettazione corrisponde a quella fase della vita in cui la cosa più importante è essere uguali agli altri, un intervento di forza che renda palese la neurodiversità rischia di fare MOLTO MOLTO MOLTO male.  Non è assolutamente opportuno correre il rischio.   E dire semplicemente che è ora di smetterla sperando che serva è conoscere abbastanza poco le natura umana.  Proviamo a metterci nei panni di una persona che non sta bene con se stessa e pensiamo a se il solo fatto che qualcuno ci dica "basta, finiscila"  fa succedere il miracolo
Io ho passato quella fase della vita (adolescenza) quando vedevo che io avevo gli occhiali e la maggior parte degli altri no; ho messo gli occhiali a 5 anni e mi ci sono abituato, anche alle prese in giro dei miei compagni più fessi.

A che età si diventa dislessici ? Se non è troppo avanzata ci si potrebbe abituare per tempo.

I tuoi soliti interventi grossolani e inopportuni...
Al di fuori della tua fobia irrazionale del coviddi,  tutto il resto dell universo delle problematiche umane per te sono baggianate su cui fare spallucce  e " ma si che si diano una svegliata"

Gattopardo1945

Messaggi : 633
Data d'iscrizione : 16.08.21

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Ire Mar Set 21, 2021 4:45 pm

Credo che gli occhiali non siano la stessa cosa. Dispiace doverli usare forse ma sono uno strumento culturalmente acquisito. Si diventa dislessici al concepimento direi, si evidenziano gli effetti al momento della scuola dell'obbligo

Ire

Messaggi : 10727
Data d'iscrizione : 02.10.10

http://www.dis-tranoi.it/forum

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da stringiamciacoorte Mar Set 21, 2021 5:19 pm

Ire ha scritto:Credo che gli occhiali non siano la stessa cosa. Dispiace doverli usare forse ma sono uno strumento culturalmente acquisito.  Si diventa dislessici al concepimento direi, si evidenziano gli effetti al momento della scuola dell'obbligo
Dunque a 6 anni. Anch'io direi che ti accorgi di avere problemi di lettura quando ti viene chiesto di leggere, anzi, quando gli altri cominciano a leggere bene e tu no ... 7 anni ?

Vuoi essere la fotocopia degli altri a 12 quindi ci sono malcontati 5 anni di tempo per creare un po' di resilienza.

Non dico che non dia fastidio essere DSA se intorno a te c'è qualche cretinetto che vorrebbe i tuoi aiuti senza però prendersi anche le tue difficoltà, ma se si comincia a 7 anni a spiegare ai bambini della tua classe che le cose stanno così e che non c'è niente da sfottere, poi a 12 anni avrai 4 compagni che ti danno addosso e 10 che ti sostengono (gli altri inerti); se si mantiene tutto nella taboo-zone non avrai nessun sostenitore, ma non è detto che si riesca a mantenere il segreto e che tu non abbia nessun bullo ad assillarti.
stringiamciacoorte
stringiamciacoorte

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 18.08.20

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da lucetta10 Mar Set 21, 2021 5:53 pm

Stiamo sviando. Nessuno dice che sia semplice la posizione di un dsa in un contesto classe. Quello che dico è che si sottovaluta la necessità di lavorare sulla accettazione che porta a rendere pubblico il disturbo.
Ripeto che se l'alunno è ossessionato ma anche molto preoccupato di occultare la sua situazione nella classe, l'intervento di individualizzazione diventa inutile e quasi controproducente. Se il pdp è un documento condiviso tra le parti, la condivisione con l'attore principale del processo è indispensabile perché in concreto, per come è la didattica in classe, comporta il mancato uso degli strumenti. Come si dovrebbe fare con un alunno che scrive al PC o che usa un sintetizzatore vocale per la lettura (anche per la prova Invalsi!)?

Fosse poi vero che nascondendo la sua situazione l'alunno diventa più sereno, se ne potrebbe anche discutere, ma si tratta di una situazione assolutamente controproducente sia per l'ansia che per il rendimento scolastico. Meglio a quel punto procedere veramente senza pdp mettendo il ragazzo di fronte a una scelta consapevole sulla base delle opportunità. Difficile? E chi lo nega...

lucetta10

Messaggi : 9902
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da paniscus_2.1 Mar Set 21, 2021 7:04 pm

stringiamciacoorte ha scritto:
Ire ha scritto:Credo che gli occhiali non siano la stessa cosa. Dispiace doverli usare forse ma sono uno strumento culturalmente acquisito.  Si diventa dislessici al concepimento direi, si evidenziano gli effetti al momento della scuola dell'obbligo
Dunque a 6 anni. Anch'io direi che ti accorgi di avere problemi di lettura quando ti viene chiesto di leggere, anzi, quando gli altri cominciano a leggere bene e tu no ... 7 anni ?

Vuoi essere la fotocopia degli altri a 12 quindi ci sono malcontati 5 anni di tempo per creare un po' di resilienza.

Non dico che non dia fastidio essere DSA se intorno a te c'è qualche cretinetto che vorrebbe i tuoi aiuti senza però prendersi anche le tue difficoltà, ma se si comincia a 7 anni a spiegare ai bambini della tua classe che le cose stanno così e che non c'è niente da sfottere, poi a 12 anni avrai 4 compagni che ti danno addosso e 10 che ti sostengono (gli altri inerti); se si mantiene tutto nella taboo-zone non avrai nessun sostenitore, ma non è detto che si riesca a mantenere il segreto e che tu non abbia nessun bullo ad assillarti.

E comunque il ricorrentissimo paragone con gli occhiali NON HA SENSO, e sarebbe anche ora di dirlo esplicitamente.

Sono anni che ci fanno una capa così con la storia che gli stumenti compensativi per i casi di DSA sono esattamente la stessa cosa degli occhiali per un miope o per un astigmatico, quando invece è evidente che non è vero.

Perchè nel caso del difetto di vista, non si chiede all'insegnante di prescrivere il tipo di occhiali, di inserire nel PDP la concessione di portare gli occhiali, o tantomeno di modificare il compito o i criteri di valutazione in funzione degli occhiali, e di modificare ulteriormente gli occhiali se la cosa non funziona abbastanza bene.

Gli occhiali li prescrive il medico e li costruisce il tecnico ottico, e all'insegnante non spetta nessuna decisione su concedere l'uso degli occhiali o no, e su quale tipo di occhiali concedere.

All'insegnante non cambia assolutamente nulla se un alunno, per fare la verifica, ha bisogno degli occhiali e un altro invece no. La verifica è la stessa. Al massimo può capitare che qualcuno abbia bisogno di una fotocopia in scala più grande (e qui non c'è nessun problema a dargliela), oppure che chieda di rinviare la verifica perché gli occhiali gli si sono rotti, ma la verifica è quella.

Nessuno chiede all'insegnante di prendersi carico personalmente del fatto che Tizio debba essere valutato in maniera diversa perché porta gli occhiali, o tantomeno chiede al consiglio di classe di fare un PDP per concedere gli occhiali come strumento compensativo. Lo studente porta gli occhiali perché li porta di continuo, in tutta la sua vita privata, e non solo a scuola, e la cosa NON E' in carico della scuola, e non c'entra niente con la valutazione. Non è che l'insegnante deve prendersi carico di cambiargli gli occhiali se vede che il ragazzo, nonostante gli occhali, continua a prendere insufficienze.

Invece, per gli strumenti compensativi per i casi di DSA, si pretende esattamente questo: che l'onere di cambiare continuamente i criteri di didattica, di obiettivi, di richieste e di valutazione, spetti sempre solo all'insegnante.

Si ammetterà che non è la stessa cosa?

Quindi, per favore, BASTA con il paragone con gli occhiali, che non ha senso!

paniscus_2.1

Messaggi : 4558
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da stringiamciacoorte Mar Set 21, 2021 7:12 pm

DSA Disturbo Specifico dell' Apprendimento; la causa è organica ma l'effetto riguarda l'apprendimento.
O si stabilisce che non esistono modi per compensare o se esistono è colui che si occupa dell'apprendimento che ha maggiori chance di trovarli e metterli in campo.

Mi disturba di più che il dottorame di varia natura suggerisca le misure compensative senza sapere cosa venga insegnato piuttosto che il docente venga abbandonato a se stesso.
stringiamciacoorte
stringiamciacoorte

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 18.08.20

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da paniscus_2.1 Mar Set 21, 2021 7:22 pm

Agiungo un altro motivo per cui il paragone con gli occhiali non ha senso:

perché gli occhiali servono come strumento di compensazione di uno svantaggio strutturale, SOLO a chi lo svantaggio strutturale ce l'ha davvero, non certo a chi non ne ha bisogno.

Se uno non è miope, non è che utilizzando furbescamente gli occhiali da miope anche se non ne ha bisogno, ottiene dei vantaggi... anzi, al contrario, ci vede peggio.

Quando, invece, i cosiddetti strumenti compensativi per i casi di DSA, nella maggior parte dei casi, costituiscono un oggettivo vantaggio anche per chi non ne avrebbe bisogno, quindi è evidente che ci sia qualcuno che ambisce ad averli anche se non ha nessun problema.

Se Gigetto usa gli occhiali perché è miope e Marchino non lo è, NON esiste che Marchino rivendichi il diritto di usare gli occhiali anche lui, perché sa benissimo che non ci guadagna niente...

...mentre se Luisella può usare il formulario e le tabelle da cui copiare durante la verifica, perché è dislessica, mentre Carlotta non lo è, mi pare evidente che anche Carlotta possa desiderare di accedere alle stesse risorse, perché porterebbero dei vantaggi anche a lei.

Per cui, appunto, BASTA con il paragone con gli occhiali, che è completamente incogruo!

paniscus_2.1

Messaggi : 4558
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Ire Mar Set 21, 2021 7:38 pm

stringiamciacoorte ha scritto:DSA Disturbo Specifico dell' Apprendimento; la causa è organica ma l'effetto riguarda l'apprendimento.
O si stabilisce che non esistono modi per compensare o se esistono è colui che si occupa dell'apprendimento che ha maggiori chance di trovarli e metterli in campo.

Mi disturba di più che il dottorame di varia natura suggerisca le misure compensative senza sapere cosa venga insegnato piuttosto che il docente venga abbandonallorato a se stesso.
Per trovarli bisogna cercarli. E la vedo nerissima

Ire

Messaggi : 10727
Data d'iscrizione : 02.10.10

http://www.dis-tranoi.it/forum

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da lucetta10 Mar Set 21, 2021 7:58 pm

paniscus_2.1 ha scritto:Agiungo un altro motivo per cui il paragone con gli occhiali non ha senso:

perché gli occhiali servono come strumento di compensazione di uno svantaggio strutturale, SOLO a chi lo svantaggio strutturale ce l'ha davvero, non certo a chi non ne ha bisogno.

Se uno non è miope, non è che utilizzando furbescamente gli occhiali da miope anche se non ne ha bisogno, ottiene dei vantaggi... anzi, al contrario, ci vede peggio.

Quando, invece, i cosiddetti strumenti compensativi per i casi di DSA, nella maggior parte dei casi, costituiscono un oggettivo vantaggio anche per chi non ne avrebbe bisogno, quindi è evidente che ci sia qualcuno che ambisce ad averli anche se non ha nessun problema.

Se Gigetto usa gli occhiali perché è miope e Marchino non lo è, NON esiste che Marchino rivendichi il diritto di usare gli occhiali anche lui, perché sa benissimo che non ci guadagna niente...

...mentre se Luisella può usare il formulario e le tabelle da cui copiare durante la verifica, perché è dislessica, mentre Carlotta non lo è, mi pare evidente che anche Carlotta possa desiderare di accedere alle stesse risorse, perché porterebbero dei vantaggi anche a lei.

Per cui, appunto, BASTA con il paragone con gli occhiali, che è completamente incogruo!


Sarà abusato il parallelo con gli occhiali, ma lo è altrettanto questo argomento per cui lo strumento compensativo costituirebbe un vantaggio per un dsa.

Probabilmente un pregiudizio che nasce da una spesso generosa e generica attribuzione degli strumenti. Mai visto un discalculico che con la calcolatrice facesse furore, il disturbo continua a incidere. Lasciamo poi stare le mappe, che alcuni considerano uno strumento banale mentre richiede per essere costruita una serie di competenze complesse e articolate.... Certo che se poi si concede di usare alla verifica le mappe scritte dal tutor o quelle con la scaletta della lezione... E il PC per scrivere faciliterebbe la scrittura di un tema? Senza possibilità di cancellare, con una modalità più rigida di revisione, con la schermata a fare da filtro, la velocità di battitura...

Diciamo che non è nemmeno vero che lo strumento basta a compensare il disturbo come ingenuamente si dice

lucetta10

Messaggi : 9902
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da stringiamciacoorte Mar Set 21, 2021 9:12 pm

paniscus_2.1 ha scritto:Se uno non è miope, non è che utilizzando furbescamente gli occhiali da miope anche se non ne ha bisogno, ottiene dei vantaggi... anzi, al contrario, ci vede peggio.

Quando, invece, i cosiddetti strumenti compensativi per i casi di DSA, nella maggior parte dei casi, costituiscono un oggettivo vantaggio anche per chi non ne avrebbe bisogno, quindi è evidente che ci sia qualcuno che ambisce ad averli anche se non ha nessun problema.
A dire il vero i miei DSA, purtroppo, non hanno grandi aiuti.
Non faccio orali dunque niente mappe all'orale.
Faccio scritti e posso consentire l'uso delle mappe, ma quando lo faccio spesso poi non vengono usate: solitamente sono formulari ma i problemi sono ben altri. Tra l'altro nelle verifiche dove le formule sono "faticose" sono io il primo a indicarle o nella traccia o alla lavagna ed in rarissimi casi offro io un formulario autorizzato
I tempi prolungati non sono mai possibili dunque ai DSA accorcio la verifica; questo è un vantaggio solo se i tempi per i normodotati sono risicati, ma non è così, generalmente pochissimi non completano per mancanza di tempo, di solito non si completa perchè non si sa come fare; se per fare i 100 metri offro a tutti 30 secondi nessuno ambirà al minuto che offro a chi è in carrozzella, 30 secondi bastano ed avanzano.

Per questo almeno nelle mie classi non vedo alcuna invidia verso i DSA
stringiamciacoorte
stringiamciacoorte

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 18.08.20

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da paniscus_2.1 Mar Set 21, 2021 9:38 pm

lucetta10 ha scritto:
Sarà abusato il parallelo con gli occhiali, ma lo è altrettanto questo argomento per cui lo strumento compensativo costituirebbe un vantaggio per un dsa.

Non ho detto che lo strumento compensativo in sè "costituisca un vantaggio per un alunno con DSA" (e per favore, finiamola con il definire lo studente stesso come "un DSA", veramente non si può sentire)... ma ho detto che costituirebbe indubbiamente un vantaggio per chiunque altro potesse accedere agli stessi strumenti anche senza avere alcun DSA, e quindi può essere percepito come una facilitazione appetibile e invidiabile anche dagli altri.

Quando invece questo, ovviamente, NON succede per gli occhiali... perché chi non è realmente miope non otterrebbe nessun vantaggio a dichiararsi falsamente miope per poter usufruire degli occhiali da miope, e quindi non avrebbe nessuna facilitazione a usarli se non ne ha bisogno.

Invece, la possibilità di consultare mappe, schemi, tabelle, appunti e formulari che normalmente non sono consentiti agli altri, costituisce un vantaggio per chiunque, e quindi diventa un obiettivo appetibile anche per chi non ha nessun problema.

E' così difficile l'interpretazione?

Nessuno scalpita per avere il diritto agli occhiali (se non ne ha davvero bisogno), mentre quasi tutti scalpitano per avere il diritto alle interrogazioni programmate, alle mappe, schemi, tabelle, appunti e formulari, o al compito ridotto, ANCHE se non ne hanno davvero bisogno.

Perché gli occhiali fanno comodo solo a chi ne ha bisogno davvero, mentre la possibilità di copiare da appunti e formulari fa comodo a tutti!

paniscus_2.1

Messaggi : 4558
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da donadoni Mar Set 21, 2021 10:01 pm

Concordo

donadoni

Messaggi : 3157
Data d'iscrizione : 21.04.16
Località : toscana

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da lucetta10 Mar Set 21, 2021 10:11 pm

Ora... Che si scalpiti mi pare francamente eccessivo.
Tra lo stigma per cui si vuole mantenere tutto nascosto e l'accolita di questuanti che vogliono la calcolatrice, occorrerebbe cercare un po' di buonsenso.
Chi accede ai test per rilevare un dsa (la malattia...non il ragazzo, dio non voglia!) parte dal rilevamento di uno scarso rendimento scolastico, visto che ci dicono che il disturbo è funzionale.
Che accedendo alla possibilità di scrivere in stampatello o di fare una interrogazione con il formulario, si recuperi la somaraggine, ho più di un dubbio

lucetta10

Messaggi : 9902
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da paniscus_2.1 Mar Set 21, 2021 10:21 pm

E quindi, FINIAMOLA con il paragone con gli occhiali, siamo d'accordo?

per due evidentissimi motivi:

a) gli occhiali sono uno strumento di compensazione solo per chi ha DAVVERO un difetto di vista, ma non rappresentano alcuna facilitazione per chi il difetto di vista non ce l'ha;

b) gli occhiali NON vengono prescritti dagli insegnanti, non vengono inseriti nei PDP, e non hanno niente a che fare con i contenuti didattici richiesti nelle varie materie, né con le modalità di valutazione. Se Giovannina ha preso un certo voto al compito portando gli occhiali o non portandoli, all'insegnante non cambia nulla, visto che l'uso degli occhiali non rientra in nessun protocollo didattico speciale, ma è una cosa privata.

paniscus_2.1

Messaggi : 4558
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da stringiamciacoorte Mar Set 21, 2021 10:45 pm

paniscus_2.1 ha scritto:e per favore, finiamola con il definire lo studente stesso come "un DSA", veramente non si può sentire
Ggiggino è un Disturbato nello Specifico dell'Apprendimento; che c'è che non va ?
stringiamciacoorte
stringiamciacoorte

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 18.08.20

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Ire Mer Set 22, 2021 9:24 am

paniscus. direi che non servono troppe parole






https://i.ytimg.com/vi/uouSqYjYDbU/maxresdefault.jpg

https://www.google.com/url?sa=i&url=https%3A%2F%2Fwww.ecodisavona.it%2F2020%2F03%2F27%2Fil-discorso-di-papa-francesco-al-mondo-e-la-benedizione-urbi-et-orbi%2F&psig=AOvVaw0bsrjtwthBCpnH_ON-YERI&ust=1632381345882000&source=images&cd=vfe&ved=0CAsQjRxqFwoTCJDqgtOEkvMCFQAAAAAdAAAAABAD


non sono riuscita dallo smartphone ad inserire i link, si dovrebbe incollare il link sul browser

Ire

Messaggi : 10727
Data d'iscrizione : 02.10.10

http://www.dis-tranoi.it/forum

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da lucetta10 Mer Set 22, 2021 9:40 am

Ire ha scritto:paniscus.   direi che non servono troppe parole






https://i.ytimg.com/vi/uouSqYjYDbU/maxresdefault.jpg

https://www.google.com/url?sa=i&url=https%3A%2F%2Fwww.ecodisavona.it%2F2020%2F03%2F27%2Fil-discorso-di-papa-francesco-al-mondo-e-la-benedizione-urbi-et-orbi%2F&psig=AOvVaw0bsrjtwthBCpnH_ON-YERI&ust=1632381345882000&source=images&cd=vfe&ved=0CAsQjRxqFwoTCJDqgtOEkvMCFQAAAAAdAAAAABAD


non sono riuscita dallo smartphone ad inserire i link,  si dovrebbe incollare il link sul browser

Io però non ho capito il riferimento

lucetta10

Messaggi : 9902
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Ire Mer Set 22, 2021 10:18 am

Sono personaggi di in certo livello tutti loro stanno parlando con schemi mappe o formulari davanti
E non hanno un dsa

Ire

Messaggi : 10727
Data d'iscrizione : 02.10.10

http://www.dis-tranoi.it/forum

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da lucetta10 Mer Set 22, 2021 11:13 am

Ire ha scritto:Sono personaggi di in certo livello tutti loro stanno parlando con schemi mappe o formulari davanti
E non hanno un dsa

Non stanno nemmeno facendo una interrogazione... mi pare.
O qualunque parlare in pubblico è equivalente a una verifica orale?

lucetta10

Messaggi : 9902
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Ire Mer Set 22, 2021 12:09 pm

lucetta10 ha scritto:
Ire ha scritto:Sono personaggi di in certo livello tutti loro stanno parlando con schemi mappe o formulari davanti
E non hanno un dsa


Non stanno nemmeno facendo una interrogazione... mi pare.
O qualunque parlare in pubblico è equivalente a una verifica orale?

sarei pronta a scommettere che il motivo per cui queste persone usano dei mediatori non sia assolutamente il "parlare in pubblico"  sono persone piuttosto abituate a farlo.

Il motivo sta più nell'avere una traccia mnemonica di quello che devono dire. Come capita a chiunque di noi debba confrontarsi con l'esigenza di esporre qualcosa di compiuto avendo in testa mille altre diverse cose.

Non direi si possa sostenere che non hanno competenza anche se usiamo le mappe mentre se si impegnassero potrebbero farne a meno. Non hanno nulla che non vada

Ire

Messaggi : 10727
Data d'iscrizione : 02.10.10

http://www.dis-tranoi.it/forum

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da stringiamciacoorte Mer Set 22, 2021 2:02 pm

Ire ha scritto:Sono personaggi di in certo livello tutti loro stanno parlando con schemi mappe o formulari davanti
E non hanno un dsa
Stanno facendo una conferenza su quanto vogliono conferire a loro insindacabile giudizio.

A scuola decido io cosa chiedere e l'alunno risponde se sa farlo; io chiedo il 10% di quello che potrei chiedere e loro dovrebbero selezionare gli "appigli mnemonici" in mezzo ad un 90% di cose in quel momento inutili ... mentre sono sotto pressione.

Un paio d'anni fa la ministra dell'istruzione di cui ho dimenticato il nome, la rossa fuoco ex sindacalista che non sapeva di non essere laureata, aveva un discorso scritto non da lei in cui c'era la frase "sempre più migliori" che lesse "sempre .... più migliori" invece di "sempre più ..... migliori", facendo una figura ... lasciamo perdere.

Le mappe non sono la panacea.


Ultima modifica di stringiamciacoorte il Mer Set 22, 2021 2:24 pm - modificato 1 volta.
stringiamciacoorte
stringiamciacoorte

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 18.08.20

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Ire Mer Set 22, 2021 2:10 pm

Non ho capito bene ma concordo con te, non sono la panacea le mappe. sono utili solo a chi ha studiato. Ed è laureato che volevo dire in risposta a chi le vede come strumenti di indebito aiuto

Ire

Messaggi : 10727
Data d'iscrizione : 02.10.10

http://www.dis-tranoi.it/forum

Torna in alto Andare in basso

Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.  - Pagina 3 Empty Re: Noli me tangere: il contrasto tra la tutela della fragilità e il metodo.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.