Il valore di un insegnante! Contatti27
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Il valore di un insegnante!

+8
Gattopardo1945
lucetta10
balanzone21
boston
antalia
dolcetto
@melia
Mario1970
12 partecipanti

Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Il valore di un insegnante!

Messaggio Da Mario1970 Ven Dic 03, 2021 10:26 am

ecco valorizzzzato il lavoro-valore dell'insegnante!
https://www.orizzontescuola.it/stipendio-insegnanti-con-la-valorizzazione-professionale-la-manovra-mette-12-euro-in-piu-con-il-taglio-del-cuneo-fiscale-aumenti-fino-a-100-euro/
YeaaaaHHH!12 euri! Ci compro nemmeno la lettiera del gatto!

Mario1970

Messaggi : 168
Data d'iscrizione : 29.07.21

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da @melia Ven Dic 03, 2021 10:31 am

Hai ragione, in un mese ne spendo 16, di euro per la lettiera.
@melia
@melia

Messaggi : 4149
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 62
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da dolcetto Ven Dic 03, 2021 12:21 pm

Questi sono una gabbia di matti!
Fatevi sentire ai prossimi scioperi e rifiutate incarichi gratis svolti come totale beneficenza verso la scuola.
Bisogna rivalutare il ruolo sociale e la funzione educativa e didattica dell'insegnante.
Facciamoci valere perchè un aumento del genere fa ridere i polli!
dolcetto
dolcetto

Messaggi : 1704
Data d'iscrizione : 28.09.09

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da antalia Ven Dic 03, 2021 12:29 pm


non ci paghi nemmeno una pizza e una birra....vergognoso!

riguardo incarichi e progetti basati sul volontariato, ne faccio a meno, preferisco utilizzare le ore per altro, ruolo sociale sì, ma fare beneficenza anche no, il docente è un lavoratore non un missionario!

qualsiasi altra professione retribuisce come straordinario ogni attività al di fuori dell'ordinario, da noi ore e ore di lavoro pagate se va bene 2 spicci, ma perlopiù gratis!

antalia

Messaggi : 801
Data d'iscrizione : 26.09.16

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da boston Ven Dic 03, 2021 1:05 pm

Tutto sto bla bla per 12€ lordi? Ma cos'è sta presa per c**o?

boston

Messaggi : 1305
Data d'iscrizione : 16.09.10

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da dolcetto Ven Dic 03, 2021 1:05 pm

Appunto! Un anno rifiutai di fare il coordinatore perchè il nostro lavoro è solo un dare ma si riceve poco o quasi niente; molti accettano (i primi della "classe") solo per compiacere il DS e vivere serenamente sul posto di lavoro...perchè si sa che poi ci sono subdole vessazioni o pratiche poco scorrette da parte del DS e/o della cerchia di seguaci, ossia collaboratori e docenti parenti raccomandati...
Io faccio quello che mi compete, il surplus lo farò solo se e quando vedrò riconosciuto a tutti gli effetti il lavoro svolto.
dolcetto
dolcetto

Messaggi : 1704
Data d'iscrizione : 28.09.09

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da dolcetto Ven Dic 03, 2021 1:07 pm

Ma non bisogna accettare queste cose, bisogna ribellarsi!
Siamo un gregge di pecore o dei professionisti??
Le altre categorie di lavoratori si fanno sentire e rispettare molto di più!
dolcetto
dolcetto

Messaggi : 1704
Data d'iscrizione : 28.09.09

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da balanzone21 Ven Dic 03, 2021 1:12 pm

dolcetto ha scritto:Appunto! Un anno rifiutai di fare il coordinatore perchè il nostro lavoro è solo un dare ma si riceve poco o quasi niente; molti accettano (i primi della "classe") solo per compiacere il DS e vivere serenamente sul posto di lavoro...perchè si sa che poi ci sono subdole vessazioni o pratiche poco scorrette da parte del DS e/o della cerchia di seguaci, ossia collaboratori e docenti parenti raccomandati...
Io faccio quello che mi compete, il surplus lo farò solo se e quando vedrò riconosciuto a tutti gli effetti il lavoro svolto.


Ma poi tu hai subito queste subdole vessazioni dopo avere rifiutato l' incarico?

balanzone21

Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.08.21

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da dolcetto Ven Dic 03, 2021 1:24 pm

Mi sono trasferita in un'altra scuola più comoda perchè vicina a casa, però ho notato che determinati comportamenti erano cambiati.
dolcetto
dolcetto

Messaggi : 1704
Data d'iscrizione : 28.09.09

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da balanzone21 Ven Dic 03, 2021 1:40 pm

dolcetto ha scritto:Mi sono trasferita in un'altra scuola più comoda perchè vicina a casa, però ho notato che determinati comportamenti erano cambiati.

In tanti anni di carriera non ho mai fatto cose che non volevo fare e che non ero costretto a fare.

Determinati comportamenti erano cambiati al punto che si poteva parlare di vessazione?

balanzone21

Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.08.21

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da balanzone21 Ven Dic 03, 2021 1:56 pm

dolcetto ha scritto:Questi sono una gabbia di matti!
Fatevi sentire ai prossimi scioperi e rifiutate incarichi gratis svolti come totale beneficenza verso la scuola.
Bisogna rivalutare il ruolo sociale e la funzione educativa e didattica dell'insegnante.
Facciamoci valere perchè un aumento del genere fa ridere i polli!

Io lo dico e lo scrivo sempre, ma secondo qualcuno dovremmo sentirci in colpa, perché se tutti facessero così la scuola si bloccherebbe. Secondo questa visione la scuola italiana si reggerebbe su un sistema di corve' di tipo feudale.



balanzone21

Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.08.21

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da lucetta10 Ven Dic 03, 2021 2:34 pm

L'extra non c'entra nulla e discutere della retribuzione coinvolgendo gli incarichi, che sono facoltativi, è scorretto sia che lo faccia l'amministrazione, sia che lo faccia il lavoratore per giustificare il suo rifiuto a svolgere incarichi o le sue richieste di aumento stipendiale.

E' tra l'altro lo stesso ragionamento che ha portato alla brillante logica del "bonus" per la professionalità docenti: spostare il piano dalla retribuzione tabellare, troppo bassa e meritevole di attenzione, al merito o al lavoro per il funzionamento, tanto per annacquare e confondere le acque come si fa da qualche anno a questa parte (e si sta facendo anche col cuneo fiscale, che si vuol far passare per un aumento!)... ti mancano i soldi qui, te ne do di qua ma solo a pochi e solo a quelli bravi...

Rifiutare gli incarichi non c'entra assolutamente nulla con scioperare per retribuzioni più dignitose, ed è tra l'altro una modalità molto comoda, che ancora una volta conferma che dietro il rifiuto degli incarichi non c'è alcuna rivendicazione sindacale o battaglia in nome di un lavoro dignitoso.
L'unica via è quella dell'adesione allo sciopero dedicato sul trattamento stipendiale, pagato di tasca propria dal lavoratore, non il rifiuto a una mansione extra che non c'entra nulla e non rende certo più "consapevoli" e impegnati sul piano delle rivendicazioni sindacali.
Sai cosa importa al Ministero se i prof rifiutano di fare il referente per il bullismo o il membro del team digitale! Immagino poi che, se tutti rifiutassimo di essere coordinatori di classe, il ministro stesso metterebbe sul piatto una diaria tripla!


Ultima modifica di lucetta10 il Ven Dic 03, 2021 2:38 pm - modificato 1 volta.

lucetta10

Messaggi : 10144
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da dolcetto Ven Dic 03, 2021 2:37 pm

E perchè negli altri lavori la macchina non si blocca?? o quanto meno si ferma ma poi procede in maniera corretta e giusta..
Non si tratta di creare grosse problematiche, ma semplicemente di farsi valere, di avere un giusto riconoscimento dell'impegno e delle ore di tempo investite. Perchè dovremmo regalare il nostro tempo, i nostri sacrifici?
In ogni scuola c'è una piccola casta protetta (si parte dal riconoscimento della desiderata nell'orario di lavoro alle classi migliori assegnate fino alla nomea positiva che gira per la scuola e quindi che arriva anche nelle classi seguite...ne va anche della reputazione del docente)
dolcetto
dolcetto

Messaggi : 1704
Data d'iscrizione : 28.09.09

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da lucetta10 Ven Dic 03, 2021 2:40 pm

dolcetto ha scritto:E perchè negli altri lavori la macchina non si blocca?? o quanto meno si ferma ma poi procede in maniera corretta e giusta..
Non si tratta di creare grosse problematiche, ma semplicemente di farsi valere, di avere un giusto riconoscimento dell'impegno e delle ore di tempo investite. Perchè dovremmo regalare il nostro tempo, i nostri sacrifici?
In ogni scuola c'è una piccola casta protetta (si parte dal riconoscimento della desiderata nell'orario di lavoro alle classi migliori assegnate fino alla nomea positiva che gira per la scuola e quindi che arriva anche nelle classi seguite...ne va anche della reputazione del docente)

Certo che bisogna farsi valere! Nei modi e nelle sedi e mantenendo il punto sul tema, che non è quello degli incarichi, la macchina da bloccare è quella della didattica, non il RAV (che andrebbe boicottato per altre ragioni semmai).
Vatti a leggere i commenti al 3d sull'adesione allo sciopero: i commenti oscillano tra la considerazione se vada annunciato o meno al paparino DS o se sia "eticamente" accettabile sotto Natale!
Ci sono poi queste storie da retrobottega su chi comanda chi obbedisce chi tiranneggia, che non mi pare nobilitino granchè la nostra reputazione.
Le rivendicazioni stipendiali e sindacali non compaiono proprio...

lucetta10

Messaggi : 10144
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da dolcetto Ven Dic 03, 2021 2:57 pm

lucetta10 ha scritto:L'extra non c'entra nulla e discutere della retribuzione coinvolgendo gli incarichi, che sono facoltativi, è scorretto sia che lo faccia l'amministrazione, sia che lo faccia il lavoratore per giustificare il suo rifiuto a svolgere incarichi o le sue richieste di aumento stipendiale.

E' tra l'altro lo stesso ragionamento che ha portato alla brillante logica del "bonus" per la professionalità docenti: spostare il piano dalla retribuzione tabellare, troppo bassa e meritevole di attenzione, al merito o al lavoro per il funzionamento, tanto per annacquare e confondere le acque... ti mancano i soldi qui, te ne do di qua ma solo a pochi e solo a quelli bravi...

Rifiutare gli incarichi non c'entra assolutamente nulla con scioperare per retribuzioni più dignitose, ed è tra l'altro una modalità molto comoda, che ancora una volta conferma che dietro il rifiuto degli incarichi non c'è alcuna rivendicazione sindacale o battaglia in nome di un lavoro dignitoso.
L'unica via è quella dell'adesione allo sciopero dedicato sul trattamento stipendiale, pagato di tasca propria dal lavoratore, non il rifiuto a una mansione extra che non c'entra nulla e non rende certo più "consapevoli" e impegnati sul piano delle rivendicazioni sindacali.
Sai cosa importa al Ministero se i prof rifiutano di fare il referente per il bullismo o il membro del team digitale! Immagino poi che, se tutti rifiutassimo di essere coordinatori di classe, il ministro stesso metterebbe sul piatto una diaria tripla!

Si sciopera per il giusto adeguamento dello stipendio...però io sto facendo un discorso più generale. Il nostro lavoro ormai è svalutato. Ed il problema nasce anche e soprattutto dal fatto che molti docenti accettano ruoli e mansioni come se fossero delle pecore, senza batter ciglio, solo per paura di ritorsioni. Poi si lamentano se lo stipendio è basso...il Governo sa che su di noi può sempre contare perchè il nostro lavoro è una "missione" (io però non ho scelto di fare il monaco")..
dolcetto
dolcetto

Messaggi : 1704
Data d'iscrizione : 28.09.09

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da lucetta10 Ven Dic 03, 2021 3:10 pm

dolcetto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:L'extra non c'entra nulla e discutere della retribuzione coinvolgendo gli incarichi, che sono facoltativi, è scorretto sia che lo faccia l'amministrazione, sia che lo faccia il lavoratore per giustificare il suo rifiuto a svolgere incarichi o le sue richieste di aumento stipendiale.

E' tra l'altro lo stesso ragionamento che ha portato alla brillante logica del "bonus" per la professionalità docenti: spostare il piano dalla retribuzione tabellare, troppo bassa e meritevole di attenzione, al merito o al lavoro per il funzionamento, tanto per annacquare e confondere le acque... ti mancano i soldi qui, te ne do di qua ma solo a pochi e solo a quelli bravi...

Rifiutare gli incarichi non c'entra assolutamente nulla con scioperare per retribuzioni più dignitose, ed è tra l'altro una modalità molto comoda, che ancora una volta conferma che dietro il rifiuto degli incarichi non c'è alcuna rivendicazione sindacale o battaglia in nome di un lavoro dignitoso.
L'unica via è quella dell'adesione allo sciopero dedicato sul trattamento stipendiale, pagato di tasca propria dal lavoratore, non il rifiuto a una mansione extra che non c'entra nulla e non rende certo più "consapevoli" e impegnati sul piano delle rivendicazioni sindacali.
Sai cosa importa al Ministero se i prof rifiutano di fare il referente per il bullismo o il membro del team digitale! Immagino poi che, se tutti rifiutassimo di essere coordinatori di classe, il ministro stesso metterebbe sul piatto una diaria tripla!

Si sciopera per il giusto adeguamento dello stipendio...però io sto facendo un discorso più generale. Il nostro lavoro ormai è svalutato. Ed il problema nasce anche e soprattutto dal fatto che molti docenti accettano ruoli e mansioni come se fossero delle pecore, senza batter ciglio, solo per paura di ritorsioni. Poi si lamentano se lo stipendio è basso...il Governo sa che su di noi può sempre contare perchè il nostro lavoro è una "missione" (io però non ho scelto di fare il monaco")..

ho capito benissimo cosa dici ma non concordo per nulla e ribadisco che mettere in mezzo le mansioni aggiuntive non rende giustizia alla battaglia per l'adeguamento stipendiale, anzi la offusca e offre argomenti a chi insiste a chiedere un aggravio lavorativo per l'aumento.

La paga è bassa per il mansionario contrattuale di base attuale, nel quale non rientrano gli incarichi aggiuntivi; per il paragone con le restribuzioni europee; per l'alta professionalità che si richiede e il percorso di abilitazione e assunzione... lo dimostra il fatto che la scuola è gestita dai docenti anche per una parte extradidattica (e francamente non auspicherei un papa straniero per gli incarichi).

Un docente di ruolo appena assunto viene pagato quanto uno specializzando in medicina, quindi un non strutturato per di più in formazione di un altro comparto pubblico; a ruota il dirigente scolastico viene pagato meno di un dirigente pubblico di pari livello, un impiegato meno di un altro di pari livello e così via. Il problema è del comparto istruzione. E' talmente basso, che è basso anche per chi fa male il nostro lavoro!
Pensare che lo stato si spaventi se ci rifiutiamo di fare il progetto di contrasto alle noci di cocco è un po' ingenuo. Gli interessa se le scuole chiudono per la didattica normale, come interessa nelle fabbriche o in qualunque altro posto di lavoro.

Gli incarichi non hanno alcun peso sul piano delle rivendicazioni stipendiali e del rinnovo del contratto, e far credere che rifiutare un incarico sia una presa di posizione in nome dell'aumento di stipendio è solo un camuffamento.
Non è che si possa dire "Io protesto in nome dell'adeguamento stipendiale non facendo il coordinatore, o la funzione strumentale o il referente"...  

Non sopporto poi in generale chi attribuisce una responsabilità, anche parziale o minima, al lavoratore, per la mancata elargizione di un compenso giusto al suo lavoro.

Chi teme ritorsioni, da chiunque e per qualunque motivo, se ne assume le responsabilità, ma questo c'entra ancor meno con lo stipendio

lucetta10

Messaggi : 10144
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

L'autore di questo messaggio è stato bannato dal forum - Mostra il messaggio

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da herman il lattoniere Ven Dic 03, 2021 5:32 pm

Anche se di fondo concordo con Lucetta, personalmente lascerei sul piatto qualunque retribuzione aggiuntiva purché mi togliessero:
- 30/40 pdp da compilare, di cui uno in forma cartacea in triplice copia, uno in word, uno in google drive, uno nella chat di classe, uno sulla posta elettronica e così via.
- Le 10/12 chat scolastiche: per le classi, per le sezioni, per il plesso, per i dipartimenti, per i referenti tal dei tali, per lo staff ecc.
- quei 10 pei, visto che il più delle volte i colleghi di sostegno fanno di testa loro
- 10 ore annue di riunioni di dipartimento in cui si decidono le sorti dell'universo
- il registro elettronico su cui riversare quotidianamente compiti e voti
- quei consigli di classe e quei glo straordinari ai quali non puoi dire di no
- le relazioni da stilare in caso di infortuni e la macchinosità necessaria anche a mettere una sola nota
- i profili orientativi, che reputo totalmente inutili, e la certificazione delle competenze
- i colleghi che ti costringono a redigere delle UDA
- il sovrumano sforzo dialettico con cui ci si deve autogiustificare nei documenti ufficiali qualora si abbia l'ardire di mettere un'insufficienza.
- i corsi di formazione che non sono obbligatori ma sono obbligatori e nei quali senti per la duecentesima volta la stessa solfa, spiegata da gente che dovrebbe saperne più di te, ma che non è mai entrata in classe; in particolare quelli sulle metodologie innovative spiegati frontalmente per ore con conseguente rilascio scrotale.

Riterrei invece del tutto congruo con il nostro lavoro un aumento stipendiale di almeno 2/300 euro; se fosse accompagnato all'alleggerimento della parte burocratica di cui sopra sarei molto ben disposto a svolgere una ben più utile ora di programmazione settimanale, stile primaria, per confrontarsi con i colleghi sulle strategie didattiche ed educative da adottare.

herman il lattoniere

Messaggi : 1387
Data d'iscrizione : 15.11.17

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da lucetta10 Ven Dic 03, 2021 6:35 pm

herman il lattoniere ha scritto:Anche se di fondo concordo con Lucetta, personalmente lascerei sul piatto qualunque retribuzione aggiuntiva purché mi togliessero:
- 30/40 pdp da compilare, di cui uno in forma cartacea in triplice copia, uno in word, uno in google drive, uno nella chat di classe, uno sulla posta elettronica e così via.
- Le 10/12 chat scolastiche: per le classi, per le sezioni, per il plesso, per i dipartimenti, per i referenti tal dei tali, per lo staff ecc.
- quei 10 pei, visto che il più delle volte i colleghi di sostegno fanno di testa loro
- 10 ore annue di riunioni di dipartimento in cui si decidono le sorti dell'universo
- il registro elettronico su cui riversare quotidianamente compiti e voti
- quei consigli di classe e quei glo straordinari ai quali non puoi dire di no
- le relazioni da stilare in caso di infortuni e la macchinosità necessaria anche a mettere una sola nota
- i profili orientativi, che reputo totalmente inutili, e la certificazione delle competenze
- i colleghi che ti costringono a redigere delle UDA
- il sovrumano sforzo dialettico con cui ci si deve autogiustificare nei documenti ufficiali qualora si abbia l'ardire di mettere un'insufficienza.
- i corsi di formazione che non sono obbligatori ma sono obbligatori e nei quali senti per la duecentesima volta la stessa solfa, spiegata da gente che dovrebbe saperne più di te, ma che non è mai entrata in classe; in particolare quelli sulle metodologie innovative spiegati frontalmente per ore con conseguente rilascio scrotale.

Riterrei invece del tutto congruo con il nostro lavoro un aumento stipendiale di almeno 2/300 euro; se fosse accompagnato all'alleggerimento della parte burocratica di cui sopra sarei molto ben disposto a svolgere una ben più utile ora di programmazione settimanale, stile primaria, per confrontarsi con i colleghi sulle strategie didattiche ed educative da adottare.

per la parte burocratica dovrebbero coprirci d'oro.

Aggiungerei alla lista degli orrori (per i quali però non cederei denaro e ho acquisito anche una discreta abilità compilatoria):

- le programmazioni e le relazioni finali: ma che vuoi "programmare" di così esotico per geografia in una seconda media o per latino in una prima liceo? E cosa devo relazionare oltre alla pagella? Pratiche puramente punitive, che tra l'altro ognuno fa a capocchia come capita. La vessazione peggiore è la programmazione globale del consiglio di classe, straordinario privilegio del coordinatore, monumento alla fuffa
- la comunicazione alle famiglie delle criticità intermedie, periodiche, mensili, omeopatiche... che non sia mai che dicano di non essere stati informati che il figlio è una pippa... devono sapere, sapere, sapere altrimenti dicono di non sapere, che a casalasapevatantobene... con corredo di convocazione dei casi più umani
- la commissione prove comuni: che facciamo, ci mettiamo un esercizietto sull'articolo? una spruzzatina di ortografia? nooooooooooo i miei non lo hanno fattoooooo!!!! mettiamoci solo crocette con due possibilità e una comprensione di tre righe presa da un sussidiario di terza elementare sul tamburino sardo o la gabbianella e il gatto
- i curricoli: chi li fa, chi li propone, chi li ha pensati

Mi terrei i colleghi... perfino quelli delle UDA

lucetta10

Messaggi : 10144
Data d'iscrizione : 17.01.12

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da serpina Ven Dic 03, 2021 7:13 pm

Sulla comunicazione con le famiglie stendiamo una coperta di lana, alle superiori è diventata manicomiale, ai limiti dello stalking (un genitore all'ennesima chiamata mi ha detto "professoressa, l'ho capito che mio figlio va male, la finite di telefonarmi?"). Io mi accontenterei che mi togliessero questa spada, il resto ormai lo faccio in modalità aereo.

serpina

Messaggi : 1321
Data d'iscrizione : 21.02.13

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da @melia Ven Dic 03, 2021 8:26 pm

Cosa non mi manca della scuola?
Primo fra tutto il colloquio con i genitori, poi la correzione dei compiti e infine alzarmi alle 6.30. Per tutto il resto avrei potuto restare a scuola qualche altro anno.
@melia
@melia

Messaggi : 4149
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 62
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da Mario1970 Ven Dic 03, 2021 8:41 pm

I docenti, il rispetto e l’elemosina di Stato
dalla TECNICADELLASCUOLA
La scuola è cambiata e piano piano la professione insegnante è diventata un’attività lavorativa gravosa e sempre più lontana dalla vera funzione docente per cui abbiamo studiato e superato uno o più concorsi.

Dal 1985 sono passato da tre classi a sette, come i programmi da svolgere, per non parlare del numero di studenti che da 70 sono diventati 180.

Aggiungiamo i progetti per il miglioramento dell’offerta formativa a cui bisogna partecipare, le ore da assegnare ad educazione civica, le certificazioni di lingua, tecnologiche, la gestione delle ore di pcto, i piani di lavoro, il rapporto con le famiglie e spesso un’ora di ricevimento alla settimana non basta per parlare con 180 genitori.

Poi c’è la parte che riguarda l’area disabilità e l’area Dsa, Bes, Nai e gli studenti super atleti che necessitano di una programmazione didattica personalizzata.

Aggiungiamo anche la criticità della pandemia che ha peggiorato l’acquisizione delle conoscenze, delle abilità e delle competenze.

Insomma oggi all’insegnante si chiede di svolgere un’attività di accoglienza, di ascolto, di insegnamento, di essere un modello educativo di conoscenza, di correttezza di umiltà, che accompagni lo studente nella crescita evolutiva.

Lo studente grazie alla presenza degli insegnanti deve crescere con la consapevolezza che ogni persona non deve ledere la libertà degli altri individui, deve essere totalmente libero di organizzare direttamente la propria vita, secondo i propri desideri e senza il condizionamento di vincoli morali, religiosi o sociali.

Noi insegnanti abbiamo una importante responsabilità che non è più riconosciuta dalla politica e dalla società.

Negli anni è stato volutamente cancellato il rispetto verso questa importante figura professionale partendo proprio dallo stipendio che è uno dei più bassi in Europa.

Fare l’insegnante deve essere una scelta orgogliosa, un desiderio, un’aspirazione non un ripiego.

Questo governo come tanti altri non rispetta questa professione. Gli aumenti destinati agli insegnanti saranno di 15-20 euro mensili, in pratica un’elemosina di “Stato”.

Paolo Latella


Mario1970

Messaggi : 168
Data d'iscrizione : 29.07.21

Torna in alto Andare in basso

L'autore di questo messaggio è stato bannato dal forum - Mostra il messaggio

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da Venturina Sab Dic 04, 2021 9:21 am

Non credo che gli insegnanti prima o poi otterranno uno stipendio degno della loro professione. Non interessa a nessuno valorizzare una professione che è stata ridotta a poco più di un babysitteraggio. Sforniamo ignoranti e incompetenti, anche quei pocho che studiano hanno perso tempo a fare cose che non serviranno o le hanno apprese in modo molto labile tanto che gli sforzi non saranno bastati (inglese, un esempio su tutti, ma anche geografia ecc.). Abbiamo una scuola troppo teorica che condannerà molti a fare un giorno lavori sottopagati e precari, sempre che si trovino un lavoretto da fare.
Non ci valorizzeranno perché la casta sa che non serviamo a molto, anzi facciamo il loro gioco. La vera differenza è data dalle risosrse economiche delle famiglie degli studenti: questi impareranno in modo parallelo e svilupperanno esperienze e relazioni che li porteranno al successo lavorativo (come quello dei loro genitori, quindi lavori ben pagati e vita agiata). Gli operai delle aziende artigianali o specializzati o tecnici di primo livello guadagnano quasi 1000 euro in più degli insegnanti. La donna che mi fa le pulizie mi chiede 13 euro all'ora.
Noi abbiamo una responsabilità immane, operiamo con dati sensibili visto che sappiamo vita morte e miracoli dei nostri alunni, delle loro famiglie, della loro salute, incontriamo gli psicologi che li seguono ecc. Dobbiamo fare istruzione ed educazione.
Nei parcheggi delle scuole, escluso l'orario di inizio e fine lezione, sostano macchine per lo più utilitarie, magari pure un po' scassate. Dispiace ma il prestigio social deve essere riconosciuto economicamente. 12 euro sono un insulto, non una elemosina.

Venturina

Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 04.03.20

Torna in alto Andare in basso

L'autore di questo messaggio è stato bannato dal forum - Mostra il messaggio

Il valore di un insegnante! Empty Re: Il valore di un insegnante!

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.