Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Bocciatura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
alasca2010



Messaggi : 109
Data d'iscrizione : 09.03.12

MessaggioOggetto: Bocciatura   Sab Mag 28, 2016 5:30 pm

Promemoria primo messaggio :

Il padre del mio alunno mi ha appena comunicato che vorrebbe che suo figlio ripetesse l'anno, II media. Come devo comportarmi? E' un art 3 comma 3 (situazione di gravità).
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Davide



Messaggi : 3368
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Mer Giu 08, 2016 7:57 pm

Carla75 come sempre (mi ripeto per l'ultima volta e non vado oltre per non essere pesante per i lettori) dipende dal "progetto di vita" che tutto il team in condivisione ha pensato per il minore. Per curiosità puoi citare la normativa dei CSA che vieta le bocciature? Non ne ero a conoscenza. Ti ringrazio.
Tornare in alto Andare in basso
eragon



Messaggi : 605
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Mer Giu 08, 2016 9:29 pm

carla75 ha scritto:
mbe' Davide, sulle promozioni e bocciature non sono proprio d'accordo. Alle superiori i csa e i Ds non consentono piu' ripetenze. famiglie e asl si possono sbracciare quanto vogliono.
Alle superiori é possibile una ripetenze nella stessa classe, per la seconda ci vuole una delibera del collegio docenti.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6124
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Mer Giu 08, 2016 9:34 pm

carla75 ha scritto:
mbe' Davide, sulle promozioni e bocciature non sono proprio d'accordo. Alle superiori i csa e i Ds non consentono piu' ripetenze. famiglie e asl si possono sbracciare quanto vogliono.

Scusa, ma come si fa a dire che i CSA o i DS "non consentano più ripetenze" per i disabili in generale, per il solo fatto di essere disabili?

Il disabile non viene tenuto a scuola solo per babysitteraggio, in attesa che passi il numero di anni "giusto" per farlo uscire dalla scuola, ma è un alunno a tutti gli effetti, che ha diritto a ricevere un servizio didattico come gli altri, che sta lì per imparare qualcosa come gli altri, e che deve essere valutato come gli altri.

Siccome non può fare le stesse identiche cose degli altri, allora si scrive apposta un PEI che riformula gli obiettivi e le richieste, calibrandole personalmente su di lui e sulle sue effettive capacità.

Ma se alla fine della fiera il ragazzo risulta aver ottenuto risultati insufficienti ANCHE rispetto al piano di studi individuale che è stato stilato apposta per lui, tenendo conto dei suoi limiti e delle sue possibilità effettive, lo si può benissimo bocciare, per la stessa ragione per cui si boccia un altro che non sia disabile... ovvero perché non ha raggiunto gli obiettivi minimi previsti dalla programmazione stabilita per lui.

E ci mancherebbe pure che fosse vietato valutarli, e fosse obbligatorio promuoverli automaticamente senza valutazione...

....e allora il PEI che si scrive a fare?
Tornare in alto Andare in basso
Davide



Messaggi : 3368
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 12:28 am

Per me, opinione del tutto personale, è già una contraddizione stilare un PEI sull'alunno i cui obiettivi non saranno raggiunti almeno con una minima sufficienza. Che senso ha un piano educativo INDIVIDUALIZZATO che non darà frutti? Quale osservazione e studio c'è stata per arrivare a stilare tale PEI infruttuoso? Nei miei PEI l'obiettivo della sufficienza lo deve raggiungere per forza visto che ho calibrato gli obiettivi su quell'alunno specifico, e non su un alunno in generale, poi tutto ciò che ci sarà in più della sufficienza sarà frutto dei risultati di apprendimento( il 7, 8 o anche di più). Personalmente non ho mai pensato di stilare un pei calibrato sull'alunno disabile, quindi studiato per lui e che non abbia raggiunto almeno risultati sufficienti. C'è qualcosa che non va. Ho sempre lavorato sulle competenze, dando peso e risalto a ciò che sa fare, non su ciò che non sa fare. Dire a un disabile che non sa fare determinate cose non serve a nulla, il primo a "sapere di non sapere" fare è lui stesso, oltre che la famiglia. Quindi è plausibile avere una verifica in cui gli obiettivi siano parzialmente raggiunti, o raggiunti in maniera non completa e appena sufficiente; ma dire che gli obiettivi del PEI non sono stati raggiunti, che tutto risulta insufficiente in un piano personalizzato... Mi fa riflettere... Glielo hai personalizzato talmente tanto che non è riuscito a capirci nulla! Questa la mia opinione.


Ultima modifica di Davide il Gio Giu 09, 2016 12:39 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6124
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 12:39 am

Quindi si presume che l'alunno disabile sia una specie di guscio vuoto, che non ha alcuna personalità autonoma, che si limita ad andare a traino puramente passivo di quello che gli insegnanti si aspettano da lui, e che non può personalmente fare nulla per progredire di più o di meno?

E si presume che gli insegnanti, nel momento in cui stabiliscono il PEI, abbiano poteri paranormali di preveggenza tanto da sapere già in partenza, con certezza, se fra dieci mesi il ragazzo raggiungerà gli obiettivi o no?

E allora, ripeto, il PEI cosa si scrive a fare?

Tanto, se le competenze previste dal PEI vengono raggiunte o non vengono raggiunte, tu lo consideri assolutamente uguale, e le dichiari automaticamente raggiunte comunque, anche se questo non è vero... e allora a che serve sbattersi tanto per scrivere il PEI e addirittura per modificarlo e adeguarlo passo passo?

Non basterebbe dire che il PEI non serve a niente, tanto lo dichiariamo sempre sufficiente comunque, e sempre promosso comunque?

Se io avessi un figlio disabile, non vorrei MAI che fosse affidato a un insegnante di sostegno che la pensa come te, ossia che considera la sua presenza a scuola solo come un semplice servizio di babysitter e di badanti, e che prescinde completamente dalla sua istruzione.

Il ragazzo disabile ha il diritto di essere inserito a scuola PER IMPARARE QUALCOSA, e per fare progressi rispetto alla sua situazione iniziale... e non solo per farlo socializzare un po', e per far tirare un po' di fiato ai familiari che non possono accollarselo 24 ore su 24.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6124
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 1:02 am

Ma ti rendi conto di quanto sei pesante tu, nel senso di retorica favolistica insostenibile?

E comunque, no, io non faccio sostegno, ma di alunni che avevano bisogno del sostegno ne ho avuti, e quindi alla stesura dei relativi PEI ho partecipato anch'io.

Non mi risulta che la stesura del PEI spetti individualmente all'insegnante di sostegno che fa tutto da solo mentre gli altri non ci capiscono niente: TUTTE le sante volte che ho avuto un alunno disabile, ho regolarmente partecipato alle riunioni per la stesura del PEI, che non è una creazione personale dell'insegnante di sostegno, ma che viene stilato collegialmente e discusso fra tutti.

E in nessun caso, ma proprio MAI (altrimenti assicuro che mi sarei inq*zzata come una iena e avrei preteso il rispetto delle norme) mi sono mai trovata come collega un insegnante di sostegno così arrogante da pretendere di fare tutto da solo, e che tutti gli altri dovessero adeguarsi ai suoi criteri personali.

Quanto a questo dettaglio:

Citazione :
Forse non sei pratica di didattica per competenze, seminari ne segui?

...mi viene il dubbio che tu, a forza di seguire seminari e di intripparti di autocompiacimento sulle "competenze", abbia totalmente perso di vista che cosa significhi FARE DIDATTICA in generale.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 9:37 am

paniscus_2.0 ha scritto:
Quindi si presume che l'alunno disabile sia una specie di guscio vuoto, che non ha alcuna personalità autonoma, che si limita ad andare a traino puramente passivo di quello che gli insegnanti si aspettano da lui, e che non può personalmente fare nulla per progredire di più o di meno?

E si presume che gli insegnanti, nel momento in cui stabiliscono il PEI, abbiano poteri paranormali di preveggenza tanto da sapere già in partenza, con certezza, se fra dieci mesi il ragazzo raggiungerà gli obiettivi o no?

E allora, ripeto, il PEI cosa si scrive a fare?

Tanto, se le competenze previste dal PEI vengono raggiunte o non vengono raggiunte, tu lo consideri assolutamente uguale, e le dichiari automaticamente raggiunte comunque, anche se questo non è vero... e allora a che serve sbattersi tanto per scrivere il PEI e addirittura per modificarlo e adeguarlo passo passo?

Non basterebbe dire che il PEI non serve a niente, tanto lo dichiariamo sempre sufficiente comunque, e sempre promosso comunque?

Se io avessi un figlio disabile, non vorrei MAI che fosse affidato a un insegnante di sostegno che la pensa come te, ossia che considera la sua presenza a scuola solo come un semplice servizio di babysitter e di badanti, e che prescinde completamente dalla sua istruzione.

Il ragazzo disabile ha il diritto di essere inserito a scuola PER IMPARARE QUALCOSA, e per fare progressi rispetto alla sua situazione iniziale... e non solo per farlo socializzare un po', e per far tirare un po' di fiato ai familiari che non possono accollarselo 24 ore su 24.
Parliamo ovviamente di programmazioni differenziate. Allora: quando si stila un pei si parte sempre dalle cose che un ragazzo sa fare. non potrei mai chedere al mio alunno che non sa fare le sottrazione con prestito, di eseguire un prodotto notevole. Poi si alza l'asticella.. Se il ragazzo non sa fare si riformula il Pei abbassandone le pretese. Tanto è vero che la legge prevede riunioni specifiche per fare il punto della situazione sul Pei. Poi però la legge dice che il diritto del ragazzo disabile di frequentare la scuola termina al compimento del 18° anno di età e al conseguimento del primo titolo utile ( confermato dal parere del Consiglio di Stato n. 3333/06.). quindi la bocciatura non è di fatto contemplata alle superiori, e mentre fino a qualche anno fa tutti chiudevano un occhio , oggi non si fa più. I csa chiedono l'età dei ragazzi e i Ds non concedono più proroghe. e, da un certo punto di vista, è anche giusto, perchè volendo far permanere un  ragazzo disabile grave a scuola basterebbe stabilire obiettivi irragiungibili. ma la scuola non è un parcheggio e, partendo dall'assunto che un ragazzo disabile grave, raggiunti i 18 anni non ha più margini di recupero cognitivo (non li ha nemmeno prima a dirla tutta) la scuola diventa solo un parcheggio. mentre la scuola è un ente che fornisce istruzione, anche nel caso dei ragazzi disabili.
Tornare in alto Andare in basso
Online
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 5:01 pm

carla75 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Quindi si presume che l'alunno disabile sia una specie di guscio vuoto, che non ha alcuna personalità autonoma, che si limita ad andare a traino puramente passivo di quello che gli insegnanti si aspettano da lui, e che non può personalmente fare nulla per progredire di più o di meno?

E si presume che gli insegnanti, nel momento in cui stabiliscono il PEI, abbiano poteri paranormali di preveggenza tanto da sapere già in partenza, con certezza, se fra dieci mesi il ragazzo raggiungerà gli obiettivi o no?

E allora, ripeto, il PEI cosa si scrive a fare?

Tanto, se le competenze previste dal PEI vengono raggiunte o non vengono raggiunte, tu lo consideri assolutamente uguale, e le dichiari automaticamente raggiunte comunque, anche se questo non è vero... e allora a che serve sbattersi tanto per scrivere il PEI e addirittura per modificarlo e adeguarlo passo passo?

Non basterebbe dire che il PEI non serve a niente, tanto lo dichiariamo sempre sufficiente comunque, e sempre promosso comunque?

Se io avessi un figlio disabile, non vorrei MAI che fosse affidato a un insegnante di sostegno che la pensa come te, ossia che considera la sua presenza a scuola solo come un semplice servizio di babysitter e di badanti, e che prescinde completamente dalla sua istruzione.

Il ragazzo disabile ha il diritto di essere inserito a scuola PER IMPARARE QUALCOSA, e per fare progressi rispetto alla sua situazione iniziale... e non solo per farlo socializzare un po', e per far tirare un po' di fiato ai familiari che non possono accollarselo 24 ore su 24.
Parliamo ovviamente di programmazioni differenziate. Allora: quando si stila un pei si parte sempre dalle cose che un ragazzo sa fare. non potrei mai chedere al mio alunno che non sa fare le sottrazione con prestito, di eseguire un prodotto notevole. Poi si alza l'asticella.. Se il ragazzo non sa fare, si riformula il Pei abbassandone le pretese. Tanto è vero che la legge prevede riunioni specifiche per fare il punto della situazione sul Pei. Poi però la legge dice che il diritto del ragazzo disabile di frequentare la scuola termina al compimento del 18° anno di età e al conseguimento del primo titolo utile ( confermato dal parere del Consiglio di Stato n. 3333/06.). quindi la bocciatura non è di fatto contemplata alle superiori, e mentre fino a qualche anno fa tutti chiudevano un occhio , oggi non si fa più. I csa chiedono l'età dei ragazzi e i Ds non concedono più proroghe. e, da un certo punto di vista, è anche giusto, perchè volendo far permanere un  ragazzo disabile grave a scuola basterebbe stabilire obiettivi irragiungibili. ma la scuola non è un parcheggio e, partendo dall'assunto che un ragazzo disabile grave, raggiunti i 18 anni non ha più margini di recupero cognitivo (non li ha nemmeno prima a dirla tutta) la scuola diventa solo un parcheggio. mentre la scuola è un ente che fornisce istruzione, anche nel caso dei ragazzi disabili.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Davide



Messaggi : 3368
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 9:31 pm

Ovviamente, si parte dalle competenze, dalle potenzialità. Non ha alcun senso redigere un PEI che non darà  alcun frutto. Personalizzi un percorso irraggiungibile? Che senso ha? Dov'è dunque la personalizzazione? Ha senso fare un percorso graduato dove all'inizio raggiungerà determinati obiettivi minimi, per poi cercare di andare oltre.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6124
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 9:57 pm

Ok, ma allora ci si riunisce di continuo per modificare il PEI giorno per giorno? Francamente, a me non risulta. La normalità è che si faccia una seduta iniziale del CdC per elaborare il PEI a inizio anno, e una finale per verificare gli esiti. Se poi si rende necessario (perché sono sopravvenuti degli sviluppi nuovi veramente imprevedibili), allora si possono benissimo riconvocare delle riunioni intermedie in più, per modificare ulteriormente il PEI nel corso dell'anno, ma non mi pare che sia tanto comune, si fa solo per motivazioni veramente eccezionali... non mi pare tanto sensato e tanto utile (nemmeno per il ragazzo stesso) che si stia continuamente a stilare un nuovo PEI quattro o cinque volte in un anno!
Tornare in alto Andare in basso
Davide



Messaggi : 3368
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 10:09 pm

Ma infatti di solito il PEI ha obiettivi graduati. Non è necessario la continua modifica appunto perchè è già graduato il percorso e le richieste. Poi certo come tu dici una modifica in corso d'anno si può fare, un'aggiustatina se le cose stanno prendendo un corso inaspettato, in negativo ma anche in positivo. Per farla breve: dall'obiettivo semplice al più complesso secondo le competenze. Alla fine gli obiettivi minimi dovrebbe raggiungerli, altrimenti non sarebbero MINIMI. Poi per il resto si vedrà durante l'anno. Teoricamente un PEI tarato su un alunno non dovrebbe meravigliare che possa dare esito a voti come 9 e 10. Poichè è stato appunto personalizzato e se l'anno è stato particolarmente favorevole per innumerevoli motivi, l'alunno disabile può (secondo il PEI) raggiungere anche voti molto alti. Per questo mi pare contraddittorio avere un PEI studiato sull'alunno e che non ha dato nessun frutto. Obiettivi presenti nel piano educativo individualizzato NON RAGGIUNTI. Almeno gli obiettivi minimi devono esserci. Fosse anche l'obiettivo di: presentarsi in inglese e dire "Hello what's your name? My name is... " .
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6124
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Gio Giu 09, 2016 11:16 pm

Allora, intanto mi pare che ci sia una differenza abissale tra disabili con sostegno e pei, ma con programma curricolare semplificato con obiettivi minimi, e quelli col programma differenziato.

Ma in entrambi i casi, per ragioni diverse, mi sembra che le tue affermazioni assolutistiche contengano qualcosa di contraddittorio (anzi, probabilmente non sei solo tu, è proprio la normativa in sè che è contraddittoria e ipocrita)

Mi spiego meglio...

caso a)
il ragazzo segue un programma curricolare semplificato, che però prevede lo svolgimento regolare di tutte le materie nei loro contenuti effettivi, e prevede un titolo finale valido come quello di tutti gli altri. In questo caso, non solo non può essere "esonerato" totalmente da alcune materie, ma stando alla normativa effettiva, non può nemmeno essere esonerato da PARTI di programma o da singoli argomenti: i contenuti dei programmi delle diverse materie se li deve fare tutti, ed essere davvero valutato su quanto li ha assimilati. Si può scegliere di presentarglieli con un livello di approfondimento più basso (e va benissimo) o di valutarli con prove di struttura semplificata (e anche questo va benissimo), ma non si può scegliere di RIDURGLI i contenuti del programma, altrimenti non può prendersi un titolo di studio valido. In un caso del genere, si fa un PEI che si presume calibrato sulle effettive possibilità dello studente, ma i contenuti delle materie se li deve imparare lo stesso, e se non li impara può benissimo essere bocciato, esattamente come chiunque altro.

caso a)
il ragazzo segue un programma differenziato, che NON prevede lo svolgimento regolare di tutte le materie nei loro contenuti effettivi (ma che persegue obiettivi diversi, di autonomia personale, di socializzazione, e quant'altro, ma NON di apprendimento curricolare), e che però NON prevede un titolo finale valido. Allora concordo che si possa stare a discutere all'infinito sulla modifica sistematica del PEI, sempre al ribasso, finché non si trova il modo di fargli richieste così basse che le soddisfi di sicuro... ma in tal caso, francamente, non vedo che senso abbia valutarlo e dargli i voti. Basterebbe un attestato che descriva quali competenze ha raggiunto e quali no, ma senza valutazione.

Una normativa che obbliga la scuola a valutare obiettivamente un alunno, e che però contemporaneamente la obbliga a mettergli solo voti sufficienti...

...è esattamente come una normativa che prevede l'indizione di elezioni libere, ma contemporaneamente consente di presentarsi alle elezioni solo a un partito unico.
Tornare in alto Andare in basso
eragon



Messaggi : 605
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Ven Giu 10, 2016 1:59 am

carla75 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Quindi si presume che l'alunno disabile sia una specie di guscio vuoto, che non ha alcuna personalità autonoma, che si limita ad andare a traino puramente passivo di quello che gli insegnanti si aspettano da lui, e che non può personalmente fare nulla per progredire di più o di meno?

E si presume che gli insegnanti, nel momento in cui stabiliscono il PEI, abbiano poteri paranormali di preveggenza tanto da sapere già in partenza, con certezza, se fra dieci mesi il ragazzo raggiungerà gli obiettivi o no?

E allora, ripeto, il PEI cosa si scrive a fare?

Tanto, se le competenze previste dal PEI vengono raggiunte o non vengono raggiunte, tu lo consideri assolutamente uguale, e le dichiari automaticamente raggiunte comunque, anche se questo non è vero... e allora a che serve sbattersi tanto per scrivere il PEI e addirittura per modificarlo e adeguarlo passo passo?

Non basterebbe dire che il PEI non serve a niente, tanto lo dichiariamo sempre sufficiente comunque, e sempre promosso comunque?

Se io avessi un figlio disabile, non vorrei MAI che fosse affidato a un insegnante di sostegno che la pensa come te, ossia che considera la sua presenza a scuola solo come un semplice servizio di babysitter e di badanti, e che prescinde completamente dalla sua istruzione.

Il ragazzo disabile ha il diritto di essere inserito a scuola PER IMPARARE QUALCOSA, e per fare progressi rispetto alla sua situazione iniziale... e non solo per farlo socializzare un po', e per far tirare un po' di fiato ai familiari che non possono accollarselo 24 ore su 24.
Parliamo ovviamente di programmazioni differenziate. Allora: quando si stila un pei si parte sempre dalle cose che un ragazzo sa fare. non potrei mai chedere al mio alunno che non sa fare le sottrazione con prestito, di eseguire un prodotto notevole. Poi si alza l'asticella.. Se il ragazzo non sa fare si riformula il Pei abbassandone le pretese. Tanto è vero che la legge prevede riunioni specifiche per fare il punto della situazione sul Pei. Poi però la legge dice che il diritto del ragazzo disabile di frequentare la scuola termina al compimento del 18° anno di età e al conseguimento del primo titolo utile ( confermato dal parere del Consiglio di Stato n. 3333/06.). quindi la bocciatura non è di fatto contemplata alle superiori, e mentre fino a qualche anno fa tutti chiudevano un occhio , oggi non si fa più. I csa chiedono l'età dei ragazzi e i Ds non concedono più proroghe. e, da un certo punto di vista, è anche giusto, perchè volendo far permanere un  ragazzo disabile grave a scuola basterebbe stabilire obiettivi irragiungibili. ma la scuola non è un parcheggio e, partendo dall'assunto che un ragazzo disabile grave, raggiunti i 18 anni non ha più margini di recupero cognitivo (non li ha nemmeno prima a dirla tutta) la scuola diventa solo un parcheggio. mentre la scuola è un ente che fornisce istruzione, anche nel caso dei ragazzi disabili.
Carla, forse avrai letto in maniera frettolosa quel parere del consiglio di Stato che afferma semplicemente che se un ragazzo disabile ha completato un intero percorso di studi superiori conseguendo il correlato titolo di studi (es. geometra) non può iscriversi al primo anno di un altro indirizzo di studi (es. ragioneria) e rifrequentare interamente altri 5 anni di superiori.
Sempre il suddetto parere del consiglio di stato riporta testualmente: "La conferma della volontà del legislatore in tal senso si evince dall'art. 192, comma 4, del D. Lgs 16.4.1994, n. 297 che prevede la frequenza di una stessa classe soltanto per due anni, che possono diventare tre solo in casi eccezionali o, per alunni handicappati, sentito gli specialisti previsti dall'art. 316"
Tornare in alto Andare in basso
eragon



Messaggi : 605
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Ven Giu 10, 2016 2:06 am

Questa sentenza del TAR sulle "ripetenze" è molto interessante:
http://aipd.it/aipd_scuola/il-tar-sicilia-afferma-il-diritto-alliscrizione-alla-scuole-superiori-di-alunni-con-disabilita-ultradiciottenni-sent-252013/
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6124
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Ven Giu 10, 2016 7:06 am

Ma se si parla di programmazioni differenziate, che cosa vuol dire "conseguimento del titolo utile"? Il titolo finale non c'è...
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Sab Giu 11, 2016 8:12 am

eragon ha scritto:
carla75 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Quindi si presume che l'alunno disabile sia una specie di guscio vuoto, che non ha alcuna personalità autonoma, che si limita ad andare a traino puramente passivo di quello che gli insegnanti si aspettano da lui, e che non può personalmente fare nulla per progredire di più o di meno?

E si presume che gli insegnanti, nel momento in cui stabiliscono il PEI, abbiano poteri paranormali di preveggenza tanto da sapere già in partenza, con certezza, se fra dieci mesi il ragazzo raggiungerà gli obiettivi o no?

E allora, ripeto, il PEI cosa si scrive a fare?

Tanto, se le competenze previste dal PEI vengono raggiunte o non vengono raggiunte, tu lo consideri assolutamente uguale, e le dichiari automaticamente raggiunte comunque, anche se questo non è vero... e allora a che serve sbattersi tanto per scrivere il PEI e addirittura per modificarlo e adeguarlo passo passo?

Non basterebbe dire che il PEI non serve a niente, tanto lo dichiariamo sempre sufficiente comunque, e sempre promosso comunque?

Se io avessi un figlio disabile, non vorrei MAI che fosse affidato a un insegnante di sostegno che la pensa come te, ossia che considera la sua presenza a scuola solo come un semplice servizio di babysitter e di badanti, e che prescinde completamente dalla sua istruzione.

Il ragazzo disabile ha il diritto di essere inserito a scuola PER IMPARARE QUALCOSA, e per fare progressi rispetto alla sua situazione iniziale... e non solo per farlo socializzare un po', e per far tirare un po' di fiato ai familiari che non possono accollarselo 24 ore su 24.
Parliamo ovviamente di programmazioni differenziate. Allora: quando si stila un pei si parte sempre dalle cose che un ragazzo sa fare. non potrei mai chedere al mio alunno che non sa fare le sottrazione con prestito, di eseguire un prodotto notevole. Poi si alza l'asticella.. Se il ragazzo non sa fare si riformula il Pei abbassandone le pretese. Tanto è vero che la legge prevede riunioni specifiche per fare il punto della situazione sul Pei. Poi però la legge dice che il diritto del ragazzo disabile di frequentare la scuola termina al compimento del 18° anno di età e al conseguimento del primo titolo utile ( confermato dal parere del Consiglio di Stato n. 3333/06.). quindi la bocciatura non è di fatto contemplata alle superiori, e mentre fino a qualche anno fa tutti chiudevano un occhio , oggi non si fa più. I csa chiedono l'età dei ragazzi e i Ds non concedono più proroghe. e, da un certo punto di vista, è anche giusto, perchè volendo far permanere un  ragazzo disabile grave a scuola basterebbe stabilire obiettivi irragiungibili. ma la scuola non è un parcheggio e, partendo dall'assunto che un ragazzo disabile grave, raggiunti i 18 anni non ha più margini di recupero cognitivo (non li ha nemmeno prima a dirla tutta) la scuola diventa solo un parcheggio. mentre la scuola è un ente che fornisce istruzione, anche nel caso dei ragazzi disabili.
Carla, forse avrai letto in maniera frettolosa quel parere del consiglio di Stato che afferma semplicemente che se un ragazzo disabile ha completato un intero percorso di studi superiori conseguendo il correlato titolo di studi (es. geometra) non può iscriversi al primo anno di un altro indirizzo di studi (es. ragioneria) e rifrequentare interamente altri 5 anni di superiori.
Sempre il suddetto parere del consiglio di stato riporta testualmente: "La  conferma della volontà del legislatore in tal senso si evince dall'art. 192, comma 4, del D. Lgs 16.4.1994, n. 297 che prevede la frequenza di una stessa classe soltanto per due anni, che possono diventare tre solo in casi eccezionali o, per alunni handicappati, sentito gli specialisti previsti dall'art. 316"
quello che volevo intendere è che spesso i ragazzi disabili arrivano già maggiorenni alle superiori o lo diventano prima del conseguimento della qualifica professionale, cioè in terza. Io lavoro in un alberghiero e la preside ci ha fatto capre chiaramente che se i ragazzi ripetono poi in terza devono lasciare se maggiorenni. quindi abbiamo deciso di non farli ripetere per farli arrivare in quinta con i compagni.

per Lisa: http://r.search.yahoo.com/_ylt=A7x9UkpVq1tXpUkA2lxHDwx.;_ylu=X3oDMTBydWpobjZlBHNlYwNzcgRwb3MDMQRjb2xvA2lyMgR2dGlkAw--/RV=2/RE=1465654229/RO=10/RU=http%3a%2f%2fwww.edscuola.it%2farchivio%2fhandicap%2fcompetenze.html/RK=0/RS=1MU5yBICN.SS5sQuzZ1M0_DDXWY-

punto 8. spiega a cosa servono le certificazioni delle competenze per gli alunni disabili, ossia il loro Titolo.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1849
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Sab Giu 11, 2016 10:04 am

Da noi è successo.
Terza media: alunno down con la media del 7 meritata, perché con l'aiuto dell'insegnante di sostegno e dell'AEC ha seguito il programma differenziato lavorando moltissimo con disegni, collage ecc. in tutte le materie. Nell'ambito delle sue capacità, ovviamente limitate, e di quanto previsto nel PEI.
Purtroppo, però, lo stesso alunno ha sviluppato pochissima autonomia e non sarebbe in grado di affrontare un ciclo di istruzione successivo. La famiglia e il neuropsichiatra si sono espressi per la ripetizione dell'anno.
Il cdc ha deciso per la bocciatura, abbassando i voti; a mio avviso non avrebbe avuto neanche bisogno di farlo, basta aggiungere nel verbale una adeguata motivazione per cui malgrado i buoni risultati ecc. ecc.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Davide



Messaggi : 3368
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Bocciatura   Sab Giu 11, 2016 10:34 am

Ushikawa, grazie della tua testimonianza, è l'esempio che cercavo di spiegare. Nel tuo caso hanno abbassato i voti per rendere la bocciatura accettabile anche da un punto di vista numerico. O altrimenti come puntualizzi sarebbe stata sufficiente una dichiarazione congiunta, condivisa da tutti gli interessati (genitori, medico, ds, docenti).
Tornare in alto Andare in basso
 
Bocciatura
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Che cos'è per voi la "bocciatura"?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Sostegno-
Andare verso: