Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Depotenziamento

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
franco71



Messaggi : 1962
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Depotenziamento   Lun Ago 21, 2017 11:52 am

Promemoria primo messaggio :

http://www.repubblica.it/scuola/2017/08/21/news/scuola_in_tre_anni_persi_centomila_alunni_quest_anno_33mila_bambini_in_meno-173499357/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P7-S1.4-T1

"...Quasi 100mila alunni in meno, come se fosse sparita di botto l’intera dotazione di alunni di Molise e Basilicata."

Si sa del trend demografico, giusto per rinfrescare la memoria.
Le future politiche scolastiche, di qualsiasi colore politico, dovranno fare i conti con questa situazione.
Torna in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Francesca4



Messaggi : 3541
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 9:18 am

Concordo con l'analisi di gugu
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 11:32 am

elirpe ha scritto:
Dissento: se gli stipendi bassi hanno tenuto lontano le nostre "eccellenze" favorendo il loro esodo all'estero o nell'università, poco male. E' giusto che qui in trincea, resti chi è davvero motivato a insegnare, senza credere che nelle zone extraitaliana pullino i nostri geni.
Comunque l'argomento era un altro: il calo delle nascita è un problema ma tutto dipende come è interpreta la scuola in quel momento dal potere politico; potrebbe fare tagli gelminiani o, al contrario, darci uno sbocco di lavoro come sostegno e potenziamento.

Dunque meglio uno volenteroso che uno bravo; in fondo se uno è volenteroso impara quello che non sa ? Ma se era volenteroso perchè non ha già imparato ?

Mi sembra piuttosto la posizione di uno che sa di non essere tanto bravo e vuole che i tanto bravi se ne vadano lasciandogli il posto.
Torna in alto Andare in basso
elirpe



Messaggi : 572
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 12:06 pm

gugu ha scritto:
Tenendo lo scenario peggiore (700 mila studenti in meno entro il 2027) si avrebbe, applicando l'attuale normativa sugli organici, un taglio di 45.000 posti.
Già le proiezioni del 2010 davano chiaramente il ritratto per gli anni a venire.
Per il Nord fino al 2027 non succede assolutamente nulla, anzi il calo della primaria verrà compensato da una richiesta sempre più alta per la secondaria.
Al Centro la situazione inizia a peggiorare dal 2022.
Al Sud la situazione era già in peggioramento nel 2010 e nel 2027 è previsto un tracollo pari alla perdita del 30% dell'organico attuale.

Dunque cosa succederà?
Nel 2019, a Legge 107 vigente, si rivedranno gli OA per il triennio 2019-2022. Per non rischiare di avere OF a non finire al Nord e classi di 5 studenti al Sud si trasporterà, come già fatto largamente in passato, OA dal Sud al Nord in maniera corposa.
Questo cosa comporterà?
Che le assunzioni si faranno sempre più a Nord.

Questi sono solo calcoli; è la volontà politica che concretamente modificherà gli organici in base a criteri non necessariamenti legati ai dati oggettivi; il taglio verticale della Gelmini non era prevedibile con nessuna proiezione negli anni precedenti e nemmeno lo era l'aumento dell'organico ottenuto con il potenziamento.
Torna in alto Andare in basso
elirpe



Messaggi : 572
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 12:09 pm

avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:
Dissento: se gli stipendi bassi hanno tenuto lontano le nostre "eccellenze" favorendo il loro esodo all'estero o nell'università, poco male. E' giusto che qui in trincea, resti chi è davvero motivato a insegnare, senza credere che nelle zone extraitaliana pullino i nostri geni.
Comunque l'argomento era un altro: il calo delle nascita è un problema ma tutto dipende come è interpreta la scuola in quel momento dal potere politico; potrebbe fare tagli gelminiani o, al contrario, darci uno sbocco di lavoro come sostegno e potenziamento.

Dunque meglio uno volenteroso che uno bravo; in fondo se uno è volenteroso impara quello che non sa ? Ma se era volenteroso perchè non ha già imparato ?

Mi sembra piuttosto la posizione di uno che sa di non essere tanto bravo e vuole che i tanto bravi se ne vadano lasciandogli il posto.

Esatto, è proprio così. La società non va avanti grazie ai fenomeni ma a chi si impegna e fa le cose in modo scrupoloso; sono ben felice che i geni filosofici siano all'estero e che mi abbiano lasciato un posto fisso a 30 minuti da casa.
Torna in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 3541
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 12:38 pm

@ elirpe
Allora mettiamola così: i dati snocciolati da gugu sono di natura meramente oggettiva.
I tagli della Gelmini pur non previsti erano prevedibili vista l'attenzione del centrodestra alla necessità di continuare a tenere i cittadini nell'ignoranza e nella disinformazione.
Quanto al potenziamento è stata l'unica via percorribile per evitare le sanzioni per lo Stato italiano,cosa che traspariva chiaramente dagli orientamenti giurisprudenziali dell' Europa.
Pertanto anche le immissioni in ruolo in massa pur non essendo previste erano ampiamente prevedibili.
Del resto che questo fosse il trend ci ero arrivata da tempo, fin dai miei primi passi nel mondo della scuola, e non sono certamente una cima in fatto di previsioni ragionate.
Torna in alto Andare in basso
wasted years

avatar

Messaggi : 121
Data d'iscrizione : 01.10.09

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 1:01 pm

45000 posti sarebbero un terzo dell'organico attuale, se i posti sparissero solo al sud.
Non mi quadra il conto.
Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 32843
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 1:37 pm

wasted years ha scritto:
45000 posti sarebbero un terzo dell'organico attuale, se i posti sparissero solo al sud.
Non mi quadra il conto.


L'attuale organico dell'autonomia è formata da 615.000 posti di OD + 55.000 di potenziamento + 100.000 di SOS

Che 45.000 sia un terzo di 770.000...


Comunque il conto lo fai in fretta

774.000 studenti in meno = 35.000 classi (con media di 22 studenti)

ogni classe ha in media 29 ore (unendo infanzia-primaria-secondaria)

1.015.000 ore / 21,5 ore a docente (media fra infanzia, primaria e secondaria)

47.200 posti interi persi
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Depotenziamento   Mar Ago 22, 2017 10:45 pm

elirpe ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:
Dissento: se gli stipendi bassi hanno tenuto lontano le nostre "eccellenze" favorendo il loro esodo all'estero o nell'università, poco male. E' giusto che qui in trincea, resti chi è davvero motivato a insegnare, senza credere che nelle zone extraitaliana pullino i nostri geni.
Comunque l'argomento era un altro: il calo delle nascita è un problema ma tutto dipende come è interpreta la scuola in quel momento dal potere politico; potrebbe fare tagli gelminiani o, al contrario, darci uno sbocco di lavoro come sostegno e potenziamento.

Dunque meglio uno volenteroso che uno bravo; in fondo se uno è volenteroso impara quello che non sa ? Ma se era volenteroso perchè non ha già imparato ?

Mi sembra piuttosto la posizione di uno che sa di non essere tanto bravo e vuole che i tanto bravi se ne vadano lasciandogli il posto.

Esatto, è proprio così. La società non va avanti grazie ai fenomeni ma a chi si impegna e fa le cose in modo scrupoloso; sono ben felice che i geni filosofici siano all'estero e che mi abbiano lasciato un posto fisso a 30 minuti da casa.
Premesso che non tutti coloro che vanno all'estero sono persone geniali, non di meno questo fenomeno esiste.

Limitandoci a considerare i geni all'estero e trascurando tutti gli altri, non credo proprio che persone geniali si accontentino di insegnare ad adolescenti per di più non necessariamente dotati e volenterosi.

Dunque se intendevi dire che la gente media che se n'è andata non ha avuto voglia di impegnarsi nella lunga "corsa al ruolo" e chi lo ha fatto merita il ruolo più di loro allora posso concordare, se invece parli dei geni no.

Se fosse possibile recuperare persone veramente geniali ed affidargli per 10000€/mese i migliori studenti italiani (delle superiori), per fargli conseguire risultati eccezionali, sarei d'accordissimo (e non parteciperei alla selezione dei docenti).

Purtroppo in italia siamo tutti uguali, docenti e studenti, anche quando palesemente non è vero ed il risultato è il livellamento verso il basso, degli uni e degli altri.
Torna in alto Andare in basso
 
Depotenziamento
Torna in alto 
Pagina 2 di 2Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: