Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Considerazioni per il 2018

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
gugu

avatar

Messaggi : 32218
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Considerazioni per il 2018   Gio Dic 28, 2017 9:49 pm

Promemoria primo messaggio :



Cambieremo governo, cambieremo Miur.

Parte la sperimentazione di 100 classi a quattro anni.

Sulla scuola sono stati messi solo 150 milioni che potranno, forse, permettere il passaggio da OF a OA di circa 6.000 posti.

Se l'Italia è in ripresa, per la scuola dei prossimi 5 anni io vedo scenari più neri che grigi.

Molti di noi vivranno in questo periodo, dopo il ruolo, il periodo che professionalmente dovrebbe essere più ricco (lontani dalla precarietà e lontani dalla pensione). Speriamo, almeno, di avere qualche piccola soddisfazione. La nuova riforma della scuola si avvicina.
Torna in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Lenar_



Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Mar Gen 02, 2018 6:20 pm

herman il lattoniere ha scritto:
Niente di tutto questo.
Il primo controllo sulla qualità degli insegnanti si fa con i concorsi, impopolari quanto ti pare, ma l'unico sistema efficace per selezionare a regime.
Il secondo controllo sulla qualità si dovrebbe fare con la formazione d'ingresso e con quella continua, non come quella imposta oggi su argomenti teorici ma tarata sulla classe e volta al continuo miglioramento dell'efficacia dell'insegnamento.
Un'altra misura necessaria, a mio avviso, sarebbe la riduzione del carico burocratico inutile per permettere agli insegnanti di concentrarsi sul loro lavoro vero; ma questo andrebbe contro gli ultimi 25 anni di riforme.

herman il lattoniere ha scritto:
ovviamente l'apprendimento dipende principalmente dall'impegno dello studente, ma è pure vero che la scuola italiana nel suo complesso non lo facilita perché piena di complicazioni assurde, con troppe cose che non funzionano e pochi fondi. Neanche i docenti sono messi in condizione di lavorare al meglio. La mancanza di concorsi, l'attivazione di decine di canali diversi di accesso all'insegnamento e la formazione di un precariato stabile hanno contribuito moltissimo alla deprofessionalizzazione dell'insegnamento, con docenti che hanno via via visto diminuire sia i propri diritti che i propri doveri.

Non posso che essere d'accordo con Herman. Credo che in questi messaggi si siano evidenziati dei punti rispetto ai quali sia difficile dissentire.

Aggiungo che non può esserci una richiesta stipendiale senza il riconoscimento della professionalità del docente. Per rendere riconoscibile la professionalità del docente è necessario, a mio avvisto, porre un serissimo filtro in ingresso. Per questo, personalmente, sono critico nei confronti del potenziamento, un'invenzione la cui unica finalità era svuotare le graduatorie indipendentemente dal merito di chi vi figurava, una manovra che ha conferito un sacrosanto e sudatissimo ruolo a docenti preparati e con anni di esperienza ma, allo stesso tempo, ha portato dietro una cattedra gente senza la minima professionalità, il cui unico merito stava nell'essere risultato idoneo (non vincitore!) in un concorso bandito 20 anni fa. Per questo sono contrario al riconoscimento del valore abilitante del diploma per gli ITP. Per la stessa ragione sono contrario alle procedure concorsuali riservate previste dalla 107 così come mi sono opposto a tutti i vergognosi "ope legis" (PAS e DM85) che hanno regalato l'abilitazione a decine di migliaia di soggetti che possedevano come unico merito quello di aver fatto due o tre anni di precariato.

Se mai, un giorno, avremo una classe docente fatta da "professionisti", selezionata in maniera seria tramite una procedura severa, allora, forse, avremo sufficiente consapevolezza per chiedere di essere pagati in maniera più decente.
Torna in alto Andare in basso
Online
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Mar Gen 02, 2018 6:27 pm

Quali dipendenti statali sono selezionati in maniera "seria" attraverso procedura 'severa"?
Con quale criterio ti arroghi tu l essere parte dei "migliori"?
Seleziona pure duramente, invece che 800000 insegnanti ne avremmo 20000. E le rimanenti scuole senza docenti.
Che inutile blaterare di meritocrazia ,in un Paese finito e ridotto a pupazzo d Europa
Torna in alto Andare in basso
Lenar_



Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Mar Gen 02, 2018 6:49 pm

Popocatepetl ha scritto:

Quali dipendenti statali sono selezionati in maniera "seria" attraverso procedura 'severa"?

Magistrati e notai. Anche i medici. Anche per accedere ai ruoli dell'AdE o all'accademia della Guardia di Finanza le selezioni non sono uno scherzo.

Popocatepetl ha scritto:

Con quale criterio ti arroghi tu l essere parte dei "migliori"?

Dove leggi che io mi consideri tra i "migliori"? Non sostengo questo. Sostengo che, mediamente, chi, ad esempio, ha passato le selezioni del TFA era, mediamete, più preparato o più sveglio di chi non le ha passate.

Tra chi non le ha passate molto probabilmente c'erano validissimi docenti e, allo stesso tempo, c'erano capre immonde. Personalmente credo che il tasso di capraggine tra chi non ha passato la selezione fosse, in media, maggiore rispetto a quello che caratterizzava chi, invece, la selezione l'ha passata.

Il fatto di aver passato una selezione rende chi la passa, automaticamente, "migliore"? No, ovviamente. Nessuna selezione è talmente raffinata da segare ogni possibile animale da soma che si provi ad affrontarla. La selezione ha un valore "sistemico": serve per ridurre il tasso medio di capraggine del corpo docente.

Popocatepetl ha scritto:

Seleziona pure duramente, invece che 800000 insegnanti ne avremmo 20000. E le rimanenti scuole senza docenti.

Prima che le scuole rimangano senza docenti c'è da assorbire il colpo dei 100.000 potenziatori assunti con la BS. Non vedo un concreto rischio di rimanere senza docenti...


Torna in alto Andare in basso
Online
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 13883
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Mar Gen 02, 2018 6:58 pm

Quanti di quei 100.000 erano i tanto vituperati "idonei" al concorso?
Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 32218
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Mar Gen 02, 2018 7:00 pm

Lenar_ ha scritto:

Prima che le scuole rimangano senza docenti c'è da assorbire il colpo dei 100.000 potenziatori assunti con la BS. Non vedo un concreto rischio di rimanere senza docenti...




I posti di potenziamento sono 48.000, divisi fra i vari ordini di scuola.
Almeno le basi oggettive prima di sparare giudizi.
Torna in alto Andare in basso
frankenstin



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 13.09.13

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Mar Gen 02, 2018 8:01 pm

In Italia ci sono mediamente più insegnanti rispetto ad altri paesi europei, non solo per la legislazione sul sostegno (forse l'unica cosa ancora all'avanguardia da noi), ma soprattutto per la presenza degli insegnanti di religione cattolica.

Inoltre in Italia esistono dei vincoli sociali e geografici che in paesi sono molto meno accentuati.

Il 2018 è appena cominciato e già ci tocca sentire ancora la vecchia solfa, una vera stupidaggine, della meritocrazia anche quando è dimostrato che in realtà di insegnanti ce ne vorrebbero di più e non di meno, perchè il primo fattore che incide sulla dispersione scolastica sono le classi pollaio.

Al nord, la crisi di insegnanti è endemica. Tutti pronti a prendere qualunque cosa nel c--o in nome della santa "flessibilità" ed "efficienza", ma mai che si provi davvero ad essere flessibili abbandonando la solita ipocrisia del menga: di graduatorie (di merito, non di ignoranza come qualcuno dice) ce ne sono quante ne vogliamo, il sistema dei punteggi pure... Perchè allora ogni provincia non convoca da graduatorie gli insegnanti che gli servono ogni biennio imponendo agli assunti 5 o 10 anni di immobilità?

Zero spese per concorsi, zero problemi di reclutamento, zero stronzate di chi afferma che un laureato è una capra perchè non supera una selezione fatta a posta per... selezionare. Come se il primo escluso di matematica debba darsi all'eremitaggio, mentre il primo al concorso di educazione fisica o di lettere moderne, o di scienze politiche, meriti l'appellativo di capace e meritevole, quando invece se andiamo a raffrontare le difficoltà che si affrontano nei singoli corsi di studi... Ma per favore!
Torna in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Mar Gen 02, 2018 9:30 pm

"I medici sono duramente selezionati".
Ci sono medici capracottari come medici di altissimo livello. Se ,come un comune mortale, avrai avuto qualche disturbo e consultato più dottori ti sarai accorto che c è chi diagnostica a cazzo e chi lo fa con grande preparazione ed esperienza.
I medici della mutua a mio avviso sono poco sopra,come livello,alle nonne e agli stregoni sioux. Sono i "non specializzati '. E anche tra gli specializzati ci sono personaggi immondi.
Nella estate 2016 ebbi in Toscana una brutta otite. La guardia medica mi consiglio' cortisonico senza antibiotico. Vabbe. ..l otorino dell ospedale di xxx un otite cronica,mi prescritte l antibiotico contro batteri aerobici. Nulla. Andai a pagamento da un altro otorino in un centro privato, antibiotico contro i batteri anaerobici, otite cronica. Zero risultati.
Tornato a Torino assai da un superspecializzato otorino con lo studio tappezzato di corsi e seminari in tutta Europa.
Otite acuta, banale augmentin,bentelan, spray nasale . E fanculizzo' le precedenti diagnosi e cure. Cinque giorni ed ero guarito.
No, i medici non sono una categoria superselezionata!
Esiste la malasanità e la malagiustizia. Storie di magistrati che cavalcano l onda emotiva dei mass media per acquisire notorietà, a volte con sentenze ingiuste verso innocenti ..mica sono tutti falcone e caponnetto!
Dove li vedi questi superselezionati?
Torna in alto Andare in basso
peadp



Messaggi : 128
Data d'iscrizione : 26.12.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 12:59 am

dei 48000 posti di potenziamento qualcuno, come il mio, era una semplice trasformazione di spezzoni in cattedre da 18 ore di cui magari 2/3 erano di sostituzione. Io da quest'anno ho una cattedra completa. Sono entrata con la 107 ma dopo aver fatto 10 anni di supplenze annuali e una specializzazione sostegno TFA. Senza la Buona scuola sarei entrata in ruolo col sostegno nel 2016. Non tutti i potenizatpri sono inutili e immeritevoli miracolati. Gente ferma in sala professori ne ho visti solo il primo anno, via via stanno coprendo i buchi di organico che si creano
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 292
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 6:43 am

Il problema non sono i potenziatori, ma il potenziamento in sé: le situazioni virtuose, come la tua e quella di qualcun altro forumista, a oggi rimangono una minoranza, specie alla scuola media. La maggior parte degli (ex) potenziatori sono concentrati in alcune classi di concorso sature, per cui ancora adesso rimangono sottoutilizzati o mal utilizzati. Una mia collega di arte, ad esempio, completa con due ore in altra scuola su una cattedra di potenziamento rimasta vacante: in quelle due ore o fa supplenze spot o si gira i pollici e mettere su un progetto di arte per due ore non avrebbe molto senso. Il collega potenziatore di quella scuola è stato "promosso" su cattedra, ma le ore di potenziamento, anche se smembrate e divise tra i vari docenti titolari, sono rimaste alla scuola.
Torna in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 11:45 am

Se ci sono troppi potenziatori a spasso perché iscritto a classi di concorso superinflazionate la soluzione è una sola:mettere un freno alle iscrizioni ed un tetto annuale nelle facoltà produttrici di disoccupati. Non solo non danno sbocchi lavorativi, ma riempiono ed intasano l unica loro valvola di sfogo che è l insegnamento. .
MA NON SIA MAI. !!
Come dire alla ragazza uscita dal grafico pubblicitario o dall artistico che è meglio che faccia un corso da barista invece che perdere altri anni al dams e poi rimanere a spasso? Vorremo mica tarpare le ali ai loro talenti!
Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 13883
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 11:49 am

Non vedo perché limitare l'accesso ai corsi di laurea "produttori di disoccupati", per usare la tua terminologia. Mica si studia solo per andare ad insegnare.
Piuttosto ci deve essere una corretta informazione per cui, ad esempio, chi pensa di laurearsi in diritto per insegnare deve sapere che la situazione è molto grigia, per un po' di tempo.
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 12:41 pm

arrubiu ha scritto:
Non vedo perché limitare l'accesso ai corsi di laurea "produttori di disoccupati", per usare la tua terminologia. Mica si studia solo per andare ad insegnare.
Piuttosto ci deve essere una corretta informazione per cui, ad esempio, chi pensa di laurearsi in diritto per insegnare deve sapere che la situazione è molto grigia, per un po' di tempo.
Scriveresti "mica si studia solo per andare a lavorare" ?

Certo anche questa frase sarebbe valida, esiste ed è giusto che esista una sparuta minoranza di persone che è disposta a versare alle università alcune migliaia di euro ed a dedicare allo studio 5 anni di vita al solo scopo di acculturarsi su qualcosa che ama e di farlo ai massimi livelli; sappiamo però benissimo (e negarlo sarebbe scorretto) che quasi tutti (il 99.9% ?) inizia a studiare qualcosa perchè vuole farne il lavoro della propria vita; se esistesse la sfera di cristallo tutti guarderemmo dentro per capire se lavoreremo con quella laurea e se vedessimo disoccupazione e povertà non ci iscriveremmo.

Tra coloro che per lavoro fanno "scrivere parole in lingua italiana ed in modo ortograficamente dignitoso" quanti non fanno l'insegnante di lettere ?
Giornalisti e scrittori corrispondono a questa definizione; quanti sono in percentuale sui laureati in lettere ?

Allora davanti a tutte le facoltà ci vorrebbe un cartello con scritto (ad esempio) "qui ogni anno entrano 5000 matricole ed ogni anno escono 3500 laureati, 1500 si perdono per strada e sprecano tempo e soldi; entro 5 anni lavorano 2300 laureati, 1200 rimangono disoccupati; dei 2300 1000 mette a frutto la laurea facendo un lavoro che altrimenti non avrebbe potuto fare e gli altri lavorano in modi per cui la laurea se la potevano risparmiare."

Solo così lo stato avrebbe la coscienza pulita.
Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 13883
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 12:48 pm

Sono perfettamente d'accordo sul fatto che gli studenti dovrebbero essere informati sugli sbocchi delle università, le percentuali etc, mai detto il contrario infatti.
Ma non trovo giusto che si chiuda l'accesso alle facoltà perché poi è difficile trovare un lavoro "collegato" al corso di laurea scelto, tutto qua.
Perché poi alla fine vuole dire che nessuno si iscrive in facoltà umanistiche e non la trovo una bella cosa, anche a livello generale e sociale.
Altrimenti andiamo tutti a fare una ingegneria a caso o informatica e siamo a posto, no?
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 695
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 1:32 pm

Oltretutto, mi pare che una rilevante fetta di neoassunti potenziatori (e proprio quelli considerati più inutili) arrivino dalle classi di concorso di materie economiche e giuridiche, cioè non proprio laureati in discipline frivole, fuffologiche e creative considerate sforna-disoccupati, ma laureati in economia e in giurisprudenza... ossia, facoltà universitarie storicamente considerate appetibili per libere professioni prestigiose e per carriere brillanti nell'impresa privata. Lo devo ancora vedere uno, ma dico uno solo, che 20 o 30 anni fa abbia scelto di studiare economia e commercio apposta per andare a insegnare!
Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 32218
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 1:34 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
Oltretutto, mi pare che una rilevante fetta di neoassunti potenziatori (e proprio quelli considerati più inutili) arrivino dalle classi di concorso di materie economiche e giuridiche, cioè non proprio laureati in discipline frivole, fuffologiche e creative considerate sforna-disoccupati, ma laureati in economia e in giurisprudenza... ossia, facoltà universitarie storicamente considerate appetibili per libere professioni prestigiose e per carriere brillanti nell'impresa privata. Lo devo ancora vedere uno, ma dico uno solo, che 20 o 30 anni fa abbia scelto di studiare economia e commercio apposta per andare a insegnare!


Quali facoltà?
Torna in alto Andare in basso
Lenar_



Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 1:35 pm

arrubiu ha scritto:

Altrimenti andiamo tutti a fare una ingegneria a caso o informatica e siamo a posto, no?

Personalmente la vedo un po' come Pocahontas (o come si chiama l'attuale incarnazione di Masy...): numero chiuso su tutte le facoltà universitarie (ingegneria ed informatica comprese).

L'efficacia e la bontà del numero chiuso si è chiaramente visto con le professioni sanitarie: medicina, negli anni 90, era vista come una facoltà ancora prestigiosa ma incapace di garantire un futuro a chi vi si iscriveva. Oggi c'è chi farebbe carte false per potersi iscrivere a Medicina, gli studenti migliori mirano ad un impiego nel settore sanitario, per passare i test c'è chi si mette testa bassa sei mesi prima etc etc...

Inoltre, last but not least, gli stipendi di medici e affini sono più che dignitosi ed il rispetto sociale di cui gode un tecnico radiologo o un infermiere noi insegnanti ce lo sogniamo.




Torna in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.1



Messaggi : 695
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 2:19 pm

La generalizzazione del numero chiuso ovunque, però, si porta dietro anche il rischio di un ulteriore scadimento del livello degli insegnamenti universitari e del valore effettivo della preparazione del laureato. Come ho già avuto occasione di notare, esistono corsi di laurea che vengono considerati selettivissimi solo perché è difficile entrare, ma una volta entrati il percorso è facile, gli esami sono facili, l'asticella è molto bassa, le bocciature e gli abbandoni quasi non esistono, e tutti prendono voti alti. Certo che qualcuno potrebbe interpretarla proprio come conseguenza diretta del fatto che "siano state selezionate solo le eccellenze", ma io non avrei tanta fiducia che sia così. Semplicemente, le facoltà universitarie non hanno bisogno di scremare tra numeri troppo alti, e hanno interesse a dimostrare che il corso funziona bene, quindi non fermano nessuno...

Tutti gli anni ho qualche esempio di ex-studenti piuttosto limitati, che si beccavano qualche materia a settembre tutti gli anni e poi hanno preso la maturità con un voto modestissimo (e ripeto, non solo quelli intelligenti ma lavativi, ma anche proprio diversi casi di ragazzi MOLTO limitati nelle capacità critiche e nell'autonomia intellettuale), che riescono a entrare a corsi universitari a numero chiuso (magari non fra i primi, magari per il rotto della cuffia, a scorrimento successivo delle graduatorie, ma comunque entrano), dopo di che vanno avanti in automatico con la massima facilità. E magari dopo tre o quattro anni ce li ritroviamo a svolgere professioni sanitarie o tecniche molto delicate...

Per dirne una, ho un bell'esempio terra terra risalente a una mia classe di tre anni fa: una ragazzotta   che nelle materie scientifiche (e in particolare quelle più concrete e sperimentali, e menomale che faceva proprio scienze applicate) non ne imbroccava una, sbagliava le equivalenze, gli ordini di grandezza, le unità di misura, in fisica era capace di tirare fuori un'orbita planetaria di raggio 200 metri o un mattone di massa 350 tonnellate o una costante elastica negativa, in chimica peggio che mai, in informatica un pianto... bene, la signorina, dopo aver preso il diploma con il minimo assoluto possibile, è riuscita a superare (fra gli ultimi, ma è riuscita) la selezione per l'ambito delle professioni paramediche, e in particolare si è iscritta al corso per tecnico di laboratorio di analisi. Non ho sue notizie recentissime, ma per tutto il primo anno ha superato esami senza il minimo problema, ed era soddisfatta della scelta. Io un po' di paura ce l'avrei, a pensare che possa mettere le mani sui miei dati clinici...


Ultima modifica di paniscus_2.1 il Gio Gen 04, 2018 3:38 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 3:33 pm

arrubiu ha scritto:
Sono perfettamente d'accordo sul fatto che gli studenti dovrebbero essere informati sugli sbocchi delle università, le percentuali etc, mai detto il contrario infatti.
Ma non trovo giusto che si chiuda l'accesso alle facoltà perché poi è difficile trovare un lavoro "collegato" al corso di laurea scelto, tutto qua.
Perché poi alla fine vuole dire che nessuno si iscrive in facoltà umanistiche e non la trovo una bella cosa, anche a livello generale e sociale.
Altrimenti andiamo tutti a fare una ingegneria a caso o informatica e siamo a posto, no?
No, assolutamente no; il bello di ingegneria è che siamo pochi (si fa per dire); se tutti si iscrivessero lì poi saremmo noi a fare la fame.

No no, meglio che si iscrivano a lettere e filosofia.
Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 13883
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 4:35 pm

Ironia a parte, meglio che ognuno faccio ciò che si sente di fare.
E che sia libero di fare tale scelta.
Torna in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5922
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 5:00 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
La generalizzazione del numero chiuso ovunque, però, si porta dietro anche il rischio di un ulteriore scadimento del livello degli insegnamenti universitari e del valore effettivo della preparazione del laureato. Come ho già avuto occasione di notare, esistono corsi di laurea che vengono considerati selettivissimi solo perché è difficile entrare, ma una volta entrati il percorso è facile, gli esami sono facili, l'asticella è molto bassa, le bocciature e gli abbandoni quasi non esistono, e tutti prendono voti alti. Certo che qualcuno potrebbe interpretarla proprio come conseguenza diretta del fatto che "siano state selezionate solo le eccellenze", ma io non avrei tanta fiducia che sia così. Semplicemente, le facoltà universitarie non hanno bisogno di scremare tra numeri troppo alti, e hanno interesse a dimostrare che il corso funziona bene, quindi non fermano nessuno...

Tutti gli anni ho qualche esempio di ex-studenti piuttosto limitati, che si beccavano qualche materia a settembre tutti gli anni e poi hanno preso la maturità con un voto modestissimo (e ripeto, non solo quelli intelligenti ma lavativi, ma anche proprio diversi casi di ragazzi MOLTO limitati nelle capacità critiche e nell'autonomia intellettuale), che riescono a entrare a corsi universitari a numero chiuso (magari non fra i primi, magari per il rotto della cuffia, a scorrimento successivo delle graduatorie, ma comunque entrano), dopo di che vanno avanti in automatico con la massima facilità. E magari dopo tre o quattro anni ce li ritroviamo a svolgere professioni sanitarie o tecniche molto delicate...


Confermo, anch'io ho ex studenti di questo tipo. Del resto, i test per accedere sono puramente nozionistici (a proposito, come la mettiamo con la solita tiritera ministeriale delle competenze?) anziché di tipo attitudinale.
Torna in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 8:07 pm

E perché l alternativa a medicina o ingegneria o che altro dovrebbe essere per forza lettere o scienze politiche? E l alternativa NO UNIVERSITÀ nessuno la prende in considerazione? Prima di trasferirmi in zona da me ero circondato da giovanissimi carrozzieri, guardie giurate,autisti pullman gran turismo, musicisti in band di liscio, giardinieri. Chi più chi meno tutto erano abbastanza soddisfatti e soprattutto TUTTI AVEVANO UN LAVORO DIGNITOSO.
Bisogna allargare gli orizzonti, e non pensare solo che o fai l ingegnere o fai il cassiere da Burger King.
Ci sono moltissime professioni o mestieri,non necessariamente pesanti o pericolosi, che permettono di vivere. Di questo agli "orientamento in uscita " non vi è mai traccia . Ed è un male.
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1750
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Gen 04, 2018 8:16 pm

Mentre il 2018 emette i suoi primi vagiti, nella scuola italiana esistono dirigenti che consultano l' esorciccio o richiamano i docenti che cambiano i testi delle canzoncine
natalizie.Orbene ,la loro esistenza come anche l' ignavia del docente medio può essere deplorata, ma e' in primo luogo un effetto del degrado socio-culturale in cui ci tocca languire.Si potrà invertire il trend? Vedremo un' Europa meno ingombrata da piccoli borghesi rancorosi e incolti che sproloquiano di radici ed identità? Oppure moriremo prima?Alle fattucchiere , all' icinghio, al limite agli studiosi marxisti l' ardua sentenza.
Torna in alto Andare in basso
bourbaki



Messaggi : 155
Data d'iscrizione : 26.07.14

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Gen 12, 2018 12:47 am

È il 2018 anche in Cina
http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/cina-bambino-arriva-a-scuola-congelato-dopo-4-km-a-9-gradi-la-foto-e-virale_3116747-201802a.shtml
Ditelo ai nostri utenti/clienti e ai loro degni genitori.
Torna in alto Andare in basso
 
Considerazioni per il 2018
Torna in alto 
Pagina 3 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: