Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Buona Scuola: non fornisce agli studenti la necessaria cultura di base.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Procopio



Messaggi : 1288
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

MessaggioTitolo: Buona Scuola: non fornisce agli studenti la necessaria cultura di base.   Lun Apr 23, 2018 9:33 am

Di seguito, un articolo che riporta l’intervento di Rossi, presidente della Toscana, sul tema in oggetto:
https://www.orizzontescuola.it/buona-scuola-rossi-presidente-toscana-non-fornisce-agli-studenti-la-fondamentale-cultura-di-base/
Torna in alto Andare in basso
Befree2



Messaggi : 414
Data d'iscrizione : 25.01.18

MessaggioTitolo: Re: Buona Scuola: non fornisce agli studenti la necessaria cultura di base.   Lun Apr 23, 2018 11:39 am

Ha scoperto l acqua calda
Torna in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1288
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

MessaggioTitolo: Re: Buona Scuola: non fornisce agli studenti la necessaria cultura di base.   Lun Apr 23, 2018 12:46 pm

Befree2 ha scritto:
Ha scoperto l acqua calda
Il fatto è che di sostenitori della bontà della “Bona Sola” qui, in questo forum, c’è ne sono “infinito alla n”!
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 929
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Buona Scuola: non fornisce agli studenti la necessaria cultura di base.   Lun Apr 23, 2018 1:15 pm

Innanzi tutto, Rossi vuole togliersi i sassolini dalle scarpe per dare addosso a Renzi, che era sempre stato suo rivale politico tosto all'interno del PD della Toscana.

Ma comunque, mi pare evidente che, come molti di noi stavano "profetizzando" già da tempo in queste discussioni, cominci a farsi strada un ripensamento generale sulle impostazioni pedagogiche andate per la maggiore negli ultimi 20-25 anni.

E comincia a farsi strada proprio per le ragioni che indicavamo noi... ossia perché, ridendo e scherzando, è passata una generazione intera, e quindi non è più possibile identificare gli "utenti" di queste impostazioni solo come bambini da proteggere, adolescenti da guidare, e in generale di fruitori di servizi e attività che altri decidono al posto loro.

Se è passato un quarto di secolo, vuol dire che gli utenti di questo modello di scuola sono già arrivati all'età adulta, e presto ce ne saranno molti di più, in massa demografica notevole.

E quindi, si assiste al penoso spettacolo di trentenni (con qualche prima avvisaglia anche nella zona dei quarantenni) che, pur avendo un livello di scolarizzazione formalmente altissimo rispetto alla generazione precedente, non sanno nulla, non sanno fare nulla, che hanno un grado di autonomia intellettuale e professionale oggettivamente deprimente, e che, se anche volessero provare ad assumersi responsabilità da persone adulte, non troverebbero nessuno disposto ad affidargliele.

Fino a pochissimi anni fa, la presa di coscienza su questo enorme problema sociale è stata rinviata a causa delle considerazioni (legittime) sulla stagnazione economica generale.

Ossia, si sosteneva che, se i giovani non trovavano lavoro e non riuscivano a realizzarsi, era soprattutto colpa della crisi, e in fondo non era nemmeno una bugia. Ora che la crisi, almeno in parte, sta rientrando, e che qualche opportunità nuova in più comincia a esserci, la sostanza del fenomeno di fondo emerge in tutta la sua drammaticità vera.

Questi ragazzi, che per quasi 30 anni sono stati coccolati, gratificati, intrattenuti, divertiti, inclusi e illusi da un sistema educativo accattivante e demagogico che compiaceva i loro genitori e che riscuoteva consensi politici, oggi sono adulti, e sbattono il muso sull'evidenza di ritrovarsi con una preparazione fragilissima e inutile, al netto di tutti i diplomi a pieni voti, le lauree un tanto al chilo e i master a pagamento.

Il problema non sta SOLO nell'invertire la rotta sull'istruzione dei bambini e degli adolescenti di oggi.

Il problema sta in cosa sccederà tra altri 10 o 20 anni, quando tutta la generazione di età matura, arrivata a ruoli di dirigenza, si sarà formata in questo modo, e avrà perso qualsiasi continuità con la trasmissione di cultura e di competenza vera delle generazioni precedenti.
Torna in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1288
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

MessaggioTitolo: Re: Buona Scuola: non fornisce agli studenti la necessaria cultura di base.   Lun Apr 23, 2018 2:08 pm

paniscus_2.1 ha scritto:

Il problema sta in cosa succederà tra altri 10 o 20 anni, quando tutta la generazione di età matura, arrivata a ruoli di dirigenza, si sarà formata in questo modo, e avrà perso qualsiasi continuità con la trasmissione di cultura e di competenza vera delle generazioni precedenti.
Se due più due fa quattro, è del tutto evidente che occorre una controriforma seria che parta da chi la scuola la fa ogni giorno (non da chi la pensa solamente dall'alto) e occorre anche che i dirigenti scolastici la smettano una buona volta di volere la promozione "Urbi et orbi", anche dei banchi e della lavagna (quella classica nera, non quella tecnologica che chiamano LIM, forse perchè di LIMiti ne ha molti) IMHO.
Torna in alto Andare in basso
 
Buona Scuola: non fornisce agli studenti la necessaria cultura di base.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Demansionamento a seguito legge "buona scuola"
» Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita
» Scuola, il governo chiede indietro i soldi agli insegnanti.
» Richiesta di accesso agli atti da parte di una collega....
» [articolo] Lezione di sesso troppo esplicita

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: