Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente
AutoreMessaggio
Procopio



Messaggi : 1257
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

MessaggioTitolo: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Dom Mag 06, 2018 10:54 pm

E chi lo fa capire ai DS, ai genitori ed al MIUR?
Riporto il link ad un articolo interessante sul tema in oggetto, più volte dibattuto, ma sempre schivato con la promozione per voto di "coniglio", ops voto di consiglio (ormai è fatta : )
https://www.orizzontescuola.it/bocciatura-insegnanti-devono-far-capire-agli-studenti-che-e-unopportunita-di-crescita/
Buona lettura, specie ora che si avvicinano gli scrutini finali ed i DS cominciano a scalpitare!
Tornare in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 12:34 am

Il mio articolista preferito; incarna lo spirito di OS meglio di chiunque altro.
Tornare in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 292
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 6:34 am

il problema, almeno nella fascia di età delle medie, non è farlo capire agli studenti, ma farlo capire alle famiglie. Una bella bocciatura, oltre ad essere occasione di recupero e di riscatto, può avere l'effetto di una vivificante doccia fredda per quelle famiglie e quegli alunni che pensano di potersela cavare sempre con qualche magheggio, con il caso pietoso, con la richiesta di PDP, con la difesa a spada tratta del piccolo Buddha che si sono trovati per figlio, con le assenze strategiche a compiti e interrogazioni, con le giustificazioni scritte, con le richieste di facilitazioni e così via.
Bocciare ormai è un'impresa sempre più improba, visti i paletti fissati dal dlgs 62/17 sulla valutazione: per riuscirci bisogna che il consiglio di classe sia molto unito, anche di fronte al dirigente che ha, al contrario dei docenti, l'interesse economico e di carriera che vengano promossi tutti,
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 695
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 7:21 am

Io non credo che sia tanto una questione di burocrazia e di interessi diretti, quanto proprio di percezione psicologica di una "massa critica".

Più le bocciature diventano rare, più quelle pochissime che ci sono ancora vengono viste (dagli insegnati) come dei provvedimenti spaventosi e drammatici da applicare solo in casi eccezionalmente estremi e vengono viste (dalle famiglie) come enormi tragedie, persecuzioni personali o traumi irreversibili che rovinano la vita intera... e quindi vengono usate ancora meno e diventano ancora più rare.

Se si tornasse gradualmente a bocciare un po' di più, la bocciatura tornerebbe ad essere vista come era vista 30 anni fa, ossia come una delle tante eventualità (spiacevoli ma non certo letali) che possono capitare a chiunque, se non si impegna abbastanza a scuola. E che magari è anche una lezione utile per i comportamenti futuri del ragazzo...
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1257
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 7:45 am

Il mio pensiero è che occorre abbattere i paletti posti in atto da chi ci governa per giusitificare la spesa per la pubblica istruzione secondo la logica che più promozioni equivale ad una spesa più proficua in tal senso, che accontenta gli elettori, in primis, ed i figli degli elettori (portando così voti alle prossime elezioni). Un esempio per tutti è l'introduzione delle insuffcienze nelle scuole medie superiori, altrimenti dette "debiti formativi": negli scrutini finali entrano alunni con sei insufficienze gravi in altrettante materie, che poi escono con "sospensione del giudizio" al massimo in tre, se non in due o addirittura in una sola materia (quando non promossi) per il famigerato "voto di consiglio", sollecitato dal "primo motore immobile" (il DS). Aggiungo solo che sistematicamente i suddetti vengono poi promossi a settembre con le stesse identiche insufficienze, sempre e comunque "per voto di consiglio". "O tempora, o mores".


Ultima modifica di Procopio il Lun Mag 07, 2018 10:46 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1750
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 8:57 am

Procopio ha scritto:
E chi lo fa capire ai DS, ai genitori ed al MIUR?
Riporto il link ad un articolo interessante sul tema in oggetto, più volte dibattuto, ma sempre schivato con la promozione per voto di "coniglio", ops voto di consiglio (ormai è fatta : )
https://www.orizzontescuola.it/bocciatura-insegnanti-devono-far-capire-agli-studenti-che-e-unopportunita-di-crescita/
Buona lettura, specie ora che si avvicinano gli scrutini finali ed i DS cominciano a scalpitare!


"Voto di coniglio", buona questa!
Tornare in alto Andare in basso
Sinn Féin



Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 06.05.18

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 9:57 am

Paniscus parla di "massa critica"...
Supponiamo esista effettivamente una massa critica di utenti (genitori e studenti) che non accetta mai e per NESSUN ragione la bocciatura. Ebbene, prendiamo un ordigno nucleare a fissione e vediamo, una volta che la massa critica di materiale fissile si è creata, cosa è necessario per innescare la temibile reazione a catena e l esplosione delle promozioni :
-un generatore di neutroni di polonio ,che innesca l urto del primo neutrone contro la massa dei nuclei fissili (il preside)
-una densità sufficiente di nuclei pronti a spaccarsi (la massa di conigli, come li definisce Procopio, in grado di attivarsi alle intimazioni e imposizioni del preside)
- la possibilità che i neutroni non vengano dispersi ma vengano riflessi e resi disponibili per nuove fissioni del nucleo ("se non lo abbiamo bocciato lo scorso anno,come possiamo pensare di bocciarlo ora dopo averlo illuso )
Dovremmo evitare che ad ogni scrutinio la reazione catena delle promozioni si inneschi, utilizzando barre di controllo che catturano i neutroni, m a la temerarietà media del docente rende il "controllo della reazione " ed eventualmente il suo spegnimento estremamente improbabili.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4670
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 12:16 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
Io non credo che sia tanto una questione di burocrazia e di interessi diretti, quanto proprio di percezione psicologica di una "massa critica".

Più le bocciature diventano rare, più quelle pochissime che ci sono ancora vengono viste (dagli insegnati) come dei provvedimenti spaventosi e drammatici da applicare solo in casi eccezionalmente estremi e vengono viste (dalle famiglie) come enormi tragedie, persecuzioni personali o traumi irreversibili che rovinano la vita intera... e quindi vengono usate ancora meno e diventano ancora più rare.

Se si tornasse gradualmente a bocciare un po' di più, la bocciatura tornerebbe ad essere vista come era vista 30 anni fa, ossia come una delle tante eventualità (spiacevoli ma non certo letali) che possono capitare a chiunque, se non si impegna abbastanza a scuola. E che magari è anche una lezione utile per i comportamenti futuri del ragazzo...
Bacola parla di quello che succede normalmente nelle scuole. Nessuno boccia, se non in casi rari ed estremi. Perciò, come dici tu, la bocciatura viene vista come un maltrattamento personale...
Gli insegnanti dovrebbero essere meno accomodanti e più oggettivi nelle valutazioni. Non devono solo pensare a formare le classi...o a non "mettersi contro le famiglie".
Alla fine pure Bocola ammette che "molti ragazzi, nonostante abbiano insegnanti che li spronano, li appassionano, non vogliono saperne dello studio, ma devono essere in grado di comprendere che senza la scuola non si va avanti in questa società complessa."
Questo bisogna farglielo capire subito, dall'inizio dell'anno, e poi mettere mano mano le carte a posto...
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4670
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 12:22 pm

Procopio ha scritto:
Il mio pensiero è che occorre abbattere i paletti posti in atto da chi ci governa per giusitificare la spesa per la pubblica istruzione secondo la logica che più promozioni equivale ad una spesa più proficua in tal senso, che accontenta gli elettori, in primis, ed i figli degli elettori (portando così voti alle prossime elezioni). Un esempio per tutti è l'introduzione delle insuffcienze nelle scuole medie superiori, altrimenti dette "debiti formativi": negli scrutini finali entrano alunni con sei insufficienze gravi in altrettante materie, che poi escono con "sospensione del giudizio" al massimo in tre, se non in due o addirittura in una sola materia (quando non promossi) per il famigerato "voto di consiglio", sollecitato dal "primo motore immobile" (il DS). Aggiungo solo che sistematicamente i suddetti vengono poi promossi a settembre con le stesse identiche insufficienze, sempre e comunque "per voto di consiglio". "O tempora, o mores".
Poi bisogna abbattere i paletti dei colleghi, che allegramente si limitano alla "sospensione del giudizio", anche con sei insufficienze, sapendo in partenza che poi li promuoveranno a settembre con le stesse insufficienze.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4670
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 12:24 pm

balanzoneXXI ha scritto:
Procopio ha scritto:
E chi lo fa capire ai DS, ai genitori ed al MIUR?
Riporto il link ad un articolo interessante sul tema in oggetto, più volte dibattuto, ma sempre schivato con la promozione per voto di "coniglio", ops voto di consiglio (ormai è fatta : )
https://www.orizzontescuola.it/bocciatura-insegnanti-devono-far-capire-agli-studenti-che-e-unopportunita-di-crescita/
Buona lettura, specie ora che si avvicinano gli scrutini finali ed i DS cominciano a scalpitare!


"Voto di coniglio", buona questa!
Bravo, non è il DS, ma è il voto di con(s)iglio...
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4670
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 12:31 pm

Zacinto ha scritto:
Paniscus parla di "massa critica"...
Supponiamo esista effettivamente una massa critica di utenti  (genitori e studenti) che non accetta mai e per NESSUN ragione la bocciatura. Ebbene, prendiamo un ordigno nucleare a fissione e vediamo, una volta che la massa critica di materiale fissile si è creata, cosa è necessario per innescare la temibile reazione a catena e l esplosione delle promozioni :
-un generatore di neutroni di polonio ,che innesca l urto del primo neutrone contro la massa dei nuclei fissili (il preside)
-una densità sufficiente di nuclei pronti a spaccarsi  (la massa di conigli,  come li definisce Procopio,  in grado di attivarsi alle intimazioni e imposizioni del preside)
- la possibilità che i neutroni non vengano dispersi ma vengano riflessi e resi disponibili per nuove fissioni del nucleo  ("se non lo abbiamo bocciato lo scorso anno,come possiamo pensare di bocciarlo ora dopo averlo illuso )
Dovremmo evitare che ad ogni scrutinio la reazione  catena delle promozioni si inneschi, utilizzando barre di controllo che catturano i neutroni, m a la temerarietà media del docente rende il "controllo della reazione " ed eventualmente il suo spegnimento estremamente improbabili.
-una densità sufficiente di nuclei pronti a spaccarsi  (la massa di conigli,  come li definisce Procopio,  in grado di attivarsi alle intimazioni e imposizioni del preside).
Purtroppo i conigli si riproducono e si moltiplicano...come conigli.
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 1091
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 3:05 pm

Chi l'ha detto che è davvero un' opportunità di crescita? Mandarli a lavorare anche a tredici anni, quella sì che è un'opportunità vera di crescita! Bocciarli No, non ho mai visto nessun alunno che in seguito ad una bocciatura sia migliorato, anzi, semmai è peggiorato e da semplicemente svogliato e solo un po' strafottente che era all'inizio è diventato semmai quasi un mezzo delinquente!
Nessun alunno per la mia esperienza è cambiato in meglio per una bocciatura, l'unico argomento a favore delle ripetenze è semmai quello che la classe nel suo complesso si avvantaggia dalla bocciatura dei disturbatori e dei nullafacenti, solo per quest'aspetto ha un senso.
Io risolverei la questione semplicemente facendo sin dall'inizio classi di livello omogenei, in cui da una parte ci sono solo i bravi e dall'altra quelli scadenti, con programmi differenziati per ciascuno, in questo modo si avrebbe una scuola efficiente che risponde davvero alle esigenze differenziate degli utenti.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 695
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 3:34 pm

Procopio ha scritto:
Un esempio per tutti è l'introduzione delle insuffcienze nelle scuole medie superiori, altrimenti dette "debiti formativi": negli scrutini finali entrano alunni con sei insufficienze gravi in altrettante materie, che poi escono con "sospensione del giudizio" al massimo in tre, se non in due o addirittura in una sola materia (quando non promossi) per il famigerato "voto di consiglio", sollecitato dal "primo motore immobile" (il DS). Aggiungo solo che sistematicamente i suddetti vengono poi promossi a settembre con le stesse identiche insufficienze, sempre e comunque "per voto di consiglio". "O tempora, o mores".

Ma questo non è colpa di modifiche recenti alla normativa: il voto di consiglio esisteva già anche 30 anni fa e anche 50 o 60 anni fa, più o meno con le stesse funzioni di adesso. Ossia, non solo per decidere se promuovere o bocciare nei casi dubbi, ma anche proprio per cambiare i singoli voti.

Anche nella sciagurata parentesi intermedia (boh, che anni? dal 1995 al 2005 circa? non mi ricordo), quella in cui gli esami di recupero non c'erano proprio e si poteva essere promossi col "sei rosso" o col "sei con l'asterisco" anche se la materia era insufficiente, era sempre il consiglio di classe che passava quei voti a 6, altrimenti non si sarebbe potuto promuovere.

L'unica cosa che è formalmente diversa, tra la vecchia "rimandatura a settembre" e l'attuale "giudizio sospeso"...

... è che a quei tempi la verifica di recupero a settembre o a fine agosto, era considerata una vera e propria sessione di esami autonoma, staccata dalle operazioni di scrutinio dell'anno precedente, mentre adesso si deve far figurare come se fosse un prolungamento di quello stesso scrutinio, che si tiene in due fasi diverse. Però il potere di attribuzione dei voti a maggioranza da parte del consiglio di classe è identico a prima, sia a giugno che a settembre.

Per il resto, anche nel liceo più selettivo degli anni Cinquanta, il consiglio di classe poteva benissimo votare a maggioranza per trasformare un 4 in 6, sia a giugno che a settembre, anche contro il parere dell'insegnante che lo aveva assegnato. Da questo punto di vista, non è cambiato nulla nella legge.

L'unica differenza è che allora non veniva in mente a nessuno di usarlo di routine, in massa, per dichiarare delle valutazioni complessive spudoratamente false.

Lo si usava con parsimonia estrema, solo in casi eccezionali, per portare a 6 un'unica materia col 5, quando tutto il resto del quadro era positivo, e quando era chiaro che quell'unica insufficienza fosse dovuta a difficoltà specifiche, indipendenti dalla volontà dello studente, che aveva comunque dimostrato di averci provato impegnandosi molto.

Di sicuro 50 anni fa (o anche 25 anni fa) non veniva in mente a nessuno di usare il voto di consiglio come strumento facile, innocuo e comune, per promuovere un alunno che avesse 6 materie insufficienti (tre regalate a giugno e tre a settembre), oppure per assecondare la simpatica scelta di un altro alunno che avesse deciso a priori di selezionare le materie e di studiare solo quelle che gli piacevano, rifiutandone completamente un paio, con risultato di insufficienze gravissime solo in quelle, ma quadro accettabile in tutto il resto. Se qualcuno aveva cinque o sei materie insufficienti, lo si bocciava a giugno senza passare dal via, non si stava a discutere di come fare a regalargliene un paio in sanatoria, per dargli una possiibilità in più. E se qualcuno aveva due materie con insufficienze gravi e tutto il resto sufficiente, e arrivava a settembre avendo ancora gli stessi risultati senza averne recuperata nemmeno una, e senza aver nemmeno dimostrato di essere passato dal 4 al 5,  lo si bocciava. Non esisteva il concetto che "non possiamo mica bocciarlo solo per due materie, quando nelle altre va bene"...

Ma tutto questo, ripeto, non è cambiato perché sia cambiata la legge.

La legge è la stessa di prima!


Ultima modifica di paniscus_2.1 il Mar Mag 08, 2018 12:45 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 695
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 3:43 pm

Scuola70 ha scritto:
Bocciarli No, non ho mai visto nessun alunno che in seguito ad una bocciatura sia migliorato, anzi, semmai è peggiorato e da semplicemente svogliato e solo un po' strafottente che era all'inizio è diventato semmai quasi un mezzo delinquente!
Nessun alunno per la mia esperienza è cambiato in meglio per una bocciatura,

Invece che statistica hai su quanti alunni hai visto cambiare in meglio, a seguito di una promozione chiaramente regalata e non meritata?

Io personalmente nessuno.

Anzi, esattamente come descrivi tu, li ho sempre visti peggiorare, perché chi è promosso in maniera immeritata LO SA benissimo che era immeritata, e quindi ne approfitta per estendere lo stesso atteggiamento anche all'anno dopo.

Quelli che dico io, avevano potuto constatare che anche non facendo nulla venivano promossi lo stesso, e quindi hanno continuato a non fare nulla nemmeno nell'anno successivo (e anzi, a rafforzare il loro atteggiamento di arroganza e di sfida), tanto si aspettavano di essere promossi di nuovo ugualmente, come era successo l'anno prima.

Quindi, a parità di risultati identici (ossia, non migliorano, e spesso peggiorano), per quale motivo la soluzione di promuoerli sarebbe MIGLIORE rispetto a quella di bocciarli?
Tornare in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 5:51 pm

giobbe ha scritto:
"molti ragazzi, nonostante abbiano insegnanti che li spronano, li appassionano, non vogliono saperne dello studio, ma devono essere in grado di comprendere che senza la scuola non si va avanti in questa società complessa."
Sono solo io che in questa frase vede un sacco di Boccolate ?

"nonostante abbiano insegnanti che li spronano, li appassionano" Li appassionano ? allora sono ragazzi appassionati !
Forse voleva scrivere "tentano di appassionarli" ma un docente non dovrebbe fare (in continuazione) simili grossolani errori semantici (infinitamente piú gravi degli errori ortografici).

"devono essere in grado di comprendere" E'possibile avere l'obbligo di essere in grado ? Posso essere obbligato ad essere intelligente ? Posso essere obbligato a desiderare ? Forse voleva dire che sarebbe bello che fossero in grado di comprendere ? Altro errore semantico.

"senza la scuola non si va avanti in questa societá complessa" Vi risulta che questa societá brilli per meritocrazia ? Vi risulta che tutti quelli che hanno studiato abbiano successo nella vita e tutti quelli che non lo hanno fatto non lo abbiano ? Non é proprio perché la nostra societá é complessa che la mia ministra ha due lauree in meno rispetto a me e guadagna 10 volte di piú ?

Provo imbarazzo quando OS pubblica gli articoli di questo collega, temo che la gente possa pensare che siamo tutti come lui, anzi a dirla tutta non me ne frega nulla se la gente pensa che voi siate tutti come lui, mi preoccupa che si possa pensare che io sia come lui.
Tornare in alto Andare in basso
ISKRA84



Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 18.03.18

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 7:30 pm

A mio modesto avviso, bocciare è utile e doveroso se serve a far maturare l'alunno.
Però oramai la scuola in Italia è alla frutta, non dimentichiamolo...
Lo scorso anno ho preso parte ad un collegio in cui allo scrutinio finale i 3 e 4 diventano per magia 6, il 5 nel compito di recupero veniva portato a 6 per non bocciare, il preside che allo scrutinio del primo trimestre chiedeva a tutti noi docenti di mettere 6 "altrimenti che figura ci facciamo con le famiglie?"...

Tornare in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 2818
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 7:44 pm

Bocola non conosce un fenomeno che, di frequente, si manifesta in quello strano mondo fatato che sono le scuole medie: un esercizio di grammatica "dopo aver letto il testo, sottolinea tutti gli aggettivi presenti e trasforma al plurale quelli presenti nella forma al singolare".

"Prof...ma che devo fare? non ho capito..."

E così, per tante materie, dalle lingue alla matematica.
Non capiscono proprio cosa leggono, oppure capiscono sempre "dopo".
Vorrei sapere che tipo di bocciatura ci sia per questa forma di analfabetismo funzionale, perché vi assicuro, fa perdere un sacco di tempo a chi cerca di insegnare qualcosa.

Tornare in alto Andare in basso
ISKRA84



Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 18.03.18

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 7:53 pm

della serie, una mia alunna al secondo anno del linguistico mi chiede: "Prof, con quante p si scrive dappertutto" e io che avrei voluto risponderle: "chiedilo a quella capra del tuo docente di lettere"... :-)
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 695
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 8:17 pm

ISKRA84 ha scritto:
Lo scorso anno ho preso parte ad un collegio in cui allo scrutinio finale i 3 e 4 diventano per magia 6, il 5 nel compito di recupero veniva portato a 6 per non bocciare,

Che c'entra il collegio con lo scrutinio finale?
Tornare in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 8:17 pm

Quante p ci sono in "guerre stellari" ?

Neanche una

Ma come ? Papparapapaaaa parapapappaaaaaa parapapappaaaa parapapaaaa
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1257
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 8:45 pm

Che dire: sembra che lo sport più diffuso a livello di "coniglio" di classe sia la promozione "Urbi et Orbi" o, nei casi più disperati, la promozione "in differita" a settembre. Eppure il "Regio Decreto" del 1925 (mi sembra, ancora in vigore) recita all'art. 79 "...I voti si assegnano, su proposta dei singoli professori,...Se non siavi dissenso, i voti in tal modo proposti s'intendono approvati;..". Indovinate un po' chi fa nascere il dissenso? Bravi, l'avete capito subito!
Tornare in alto Andare in basso
Sinn Féin



Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 06.05.18

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 10:08 pm

Procopio, sei all antica, sei rimasto alle promozioni "in playback " e in "euro visione "
Ora la promozione è in streaming, basterà a breve accedere al sito della scuola e s arcate gratis il proprio diploma ormai svincolato da studio,esercizio, voti
Tornare in alto Andare in basso
deutschklar



Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 13.06.17

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Lun Mag 07, 2018 10:32 pm

Ed ecco perché a 20, 30, 40...anni non sapranno ancora il vero significato della parola "merito"!
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 1257
Data d'iscrizione : 28.12.13
Località : Bari: la città più grande del Piemonte

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Mar Mag 08, 2018 12:37 am

Zacinto ha scritto:
Procopio, sei all antica, sei rimasto alle promozioni "in playback " e in "euro visione "
Ora la promozione è in streaming,  basterà a breve accedere al sito della scuola e s arcate gratis il proprio diploma ormai svincolato da studio,esercizio,  voti
Beh, devo dire che appena entrato in ruolo (nel 1984) ho subito capito l’andazzo e formulato la proposta di attestare la sola frequenza di questi giovani virgulti. Le competenze? Beh, sono ovviamente un “optional” che si paga a parte con l’unica moneta possibile: l’impegno (quello serio ed autentico).
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 695
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita   Mar Mag 08, 2018 8:28 am

sempreconfusa1 ha scritto:
un esercizio di grammatica "dopo aver letto il testo, sottolinea tutti gli aggettivi presenti e trasforma al plurale quelli presenti nella forma al singolare".

"Prof...ma che devo fare? non ho capito..."

E così, per tante materie, dalle lingue alla matematica.
Non capiscono proprio cosa leggono, oppure capiscono sempre "dopo".
Vorrei sapere che tipo di bocciatura ci sia per questa forma di analfabetismo funzionale, perché vi assicuro, fa perdere un sacco di tempo a chi cerca di insegnare qualcosa.

Secondo me questo non è proprio un esempio di analfabetismo funzionale, ma solo di pigrizia e di abitudine ad adagiarsi sulla pappetta pronta.

Fanno così non perchè non siano in grado di capire quello che leggono (cioè, semmai qualcuno è anche incapace di questo, ma non tutti), ma perché hanno constatato che è più comodo chiedere immediatamente il suggerimento a qualcun altro, piuttosto che rileggere due o tre volte con lentezza e pazienza finché non si è capito.

Fanno così perchè hanno preso atto che nella maggior parte dei casi la stategia funziona e il suggerimento effettivamente arriva (e in questo, purtroppo, molti nostri colleghi si rendono responsabili dello stesso atteggiamento rinunciatario che noi rimproveriamo ai genitori, in materia di educazione ai limiti, ai divieti e alle regole: cioè, se il ragazzino si lamenta che la richiesta è troppo difficile e che non può farcela da solo, preferiscono risolvere subito l'impasse offrendo l'aiutino, piuttosto che contrariare l'alunno dicendogli di no, e mettendolo di fronte a una pretesa di impegno esplicita).

In questo contesto, fanno così perché non sono mai stati educati a leggere con attenzione, concentrazione, e appunto con lentezza e pazienza, per loro "leggere" vuol dire solo scorrere distrattamente il testo, con un'occhiata mordi-e-fuggi, rigorosamente una volta sola, e più rapidamente possibile, per finire prima. Ma basterebbe dare un po' meno aiutini e rispondere sistematicamente "rileggi il testo e la spiegazione te la trovi da solo", e dopo un po' ci riuscirebbero...
Tornare in alto Andare in basso
 
Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita
Tornare in alto 
Pagina 1 di 10Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente
 Argomenti simili
-
» Bocciatura, insegnanti devono far capire agli studenti che è un’opportunità di crescita
» Scuola, il governo chiede indietro i soldi agli insegnanti.
» Non ci spero ma voglio capire
» Agli occhi di Dio sono tutti uguali.
» Affidare la Chiesa agli Atei

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: