Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» Come deve comportarsi un insegnante di sostegno durante le verifiche scritte
Oggi alle 3:38 pm Da fnc32

» Cedolino arretrati
Oggi alle 3:35 pm Da hypernova

» Anno di prova: una questione
Oggi alle 3:32 pm Da pigi

» domanda soprannumerari
Oggi alle 3:31 pm Da verdeacqua

» Flessibilità orario
Oggi alle 2:44 pm Da Spino

» Concorso Lazio
Oggi alle 2:43 pm Da ester2

» Supplenza alternativa Rc
Oggi alle 2:42 pm Da paniscus_2.1

» Anno di prova e consegna documenti
Oggi alle 2:33 pm Da grefilk

» Titoli esteri
Oggi alle 2:33 pm Da gabogab

Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Storie di ordinaria mobilità nell'era della buona scuola

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Aspettativa Zero

avatar

Messaggi : 290
Data d'iscrizione : 01.08.11

MessaggioTitolo: Storie di ordinaria mobilità nell'era della buona scuola   Mar Lug 26, 2016 9:09 pm

La “buona scuola” comincia a manifestare i suoi effetti nelle operazioni di mobilità attualmente in corso e, quindi, un’analisi a partire dagli effetti può essere formulata.
Spero non sia considerato populismo o meglio docentismo, addirittura lamentismo, ma ho sempre pensato che il fine ultimo di quella legge fosse riferire la scuola al potere politico, come è già stato fatto per la sanità (docenti - presidi, presidi dirigenti USR - dirigenti USR - partiti).
Personalemnte non riesco a capire come oggi che si parla di valutazione dei Dirigenti Scolastici non si levino gli scudi come è stato per la valutazione dei docenti: si sta saldando l’ultimo anello di quella stessa catena.
Ed il cancro della politica, o meglio dell’occupazione politica delle istituzioni, si comincia ad insediare nella scuola.
Come? Con il suo principale vettore: la burocrazia.
Questa mobilità ha una complicatevolezza degna di Hermes Conrad (il burocrate di livello 34 di Futurama).
Fasi successive ma sovrapposte, interagenti ma separate, alcune per qualcuno mentre altre per altri e ancora alcune per tutti, titolarità a volte su ambiti altre su scuola ma può capitare una COE su più ambiti, graduatorie, colloqui e graduatorie di colloquio, organico di diritto, di fatto ma anche di potenziamento, nella fase successiva cattedre residue dalla precedente ma anche alcune che non c’erano in fase A … prendo il respiro …
Chi poi come me, e mi scuso per il personalismo, vive e insegna in due province limitrofe e quella d’insegnamento è Roma tra fase A (trasferito d’ufficio), fase B (potessi cambiare ora le preferenze), utilizzazione e assegnazione provvisoria (ma poi posso rinunciare?) deve risolvere un’equazione trascendente ogni logica.
Insomma la buona scuola ha scritto il suo primo capitolo: “Storie di ordinaria mobilità”!
E la linea d’ombra della burocrazia politica continua ad avanzare.
Tornare in alto Andare in basso
Niela



Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 26.07.16

MessaggioTitolo: Re: Storie di ordinaria mobilità nell'era della buona scuola   Mar Lug 26, 2016 9:37 pm

Perfettamente d'accordo
Tornare in alto Andare in basso
Rosa.83



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 23.07.15

MessaggioTitolo: Re: Storie di ordinaria mobilità nell'era della buona scuola   Mar Lug 26, 2016 9:44 pm

E se decidono che gli esuberi saranno licenziati, tra qualche anno saremo di nuovo tutto a casa senza lavoro ( per mancanza di fondi della scuola o esubero).
Piano perfetto direi!
Tornare in alto Andare in basso
 
Storie di ordinaria mobilità nell'era della buona scuola
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» la fata della buonanotte
» Regole di convivenza
» LA TEORIA DELL'EVOLUZIONE
» su quali basi si decide il tipo di progesterone?
» Mobilità da ente locale a scuola... possibile?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: