Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» Convocazione A. A. posizione
Oggi alle 10:06 am Da wappazzo

» Prove di matematica e fisica nel concorso
Oggi alle 9:22 am Da seasparrow

» Riunioni su piu’ plessi
Oggi alle 9:15 am Da arrubiu

» anno pre ruolo non riconosciuto
Oggi alle 9:08 am Da DubbiScuola

» è possibile acquistare un monitor con la carta del docente?
Oggi alle 8:44 am Da Greens

» Gita e servizio in più scuole
Oggi alle 8:39 am Da Disillusa

» Permesso orario malattia
Oggi alle 8:38 am Da gigulina

» Carta del docente
Oggi alle 8:37 am Da arrubiu

» Integrazione esami
Oggi alle 8:21 am Da annina82

Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria

Andare in basso 
AutoreMessaggio
herman il lattoniere



Messaggi : 422
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 7:29 am

Solo un libro dei sogni:

1) equiparazione di orari e stipendi alla scuola secondaria di primo grado (oppure mantenimento delle 22+2 ore con 4 ore di compresenza obbligatoria)
2) abolizione o fortissima riduzione del FIS e con esso di tutti i progetti di dubbi utilità, spesso adottati come integrazione stipendiale
3) netto sfrondamento delle indicazioni nazionali e ritorno all'insegnamento dei saperi di base (leggere, scrivere e fare di conto)
4) sostituzione dei test invalsi di seconda e quinta con dei momenti di verifica unificati a livello nazionale non solo sulle capacità di comprensione del testo e di risoluzione di quiz di logica, ma anche sulla grafia, sulla capacità di sintesi e di esposizione
5) garanzia del pluralismo all'interno dei corsi universitari di scienze della formazione primaria
Torna in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 158
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 10:10 am

Puoi spiegare meglio il punto 5?
Grazie
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1353
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 11:34 am

Annaangelaelvira ha scritto:
Puoi spiegare meglio il punto 5?
Grazie

Immagino che si intenda dire

- che non se ne può più dell'imposizione dittatoriale dell'ideologia costruttivista come UNICO approccio possibile all'insegnamento primario e della demonizzazione di qualsiasi cosa sia "trasmissiva"...

- e che sarebbe ora di tornare ad ammettere che possono esserci più tesi diverse in materia, e che ognuna deve essere trattata con sano spirito critico e con atteggiamento di confronto scientifico, e non dogmatico, e nemmeno emotivo e sentimentale.

Dico bene?
Torna in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 3554
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 59
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 12:41 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
Annaangelaelvira ha scritto:
puoi spiegare meglio il 5? grazie
(...) dico bene?
esatto ... pero' sembra impossibile riportare anche soltanto parzialmente in funzione la lezione frontale alla primaria ... servirebbe una generazione di futuri maestri (cioe' maestre) contestatori

non si rendono conto di cosa e' la selezione dei candidati e del personale in azienda
Torna in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 3554
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 59
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 12:48 pm

Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6627
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 1:00 pm

Aggiungerei una drastica riduzione degli alunni per classe.
riguardo al punto 3, le Indicazioni nazionali non hanno abolito i saperi di base, che rimangono. Se però, di fonte a una pluralità di scelte, i saperi di base non vengono tenuti nella giusta considerazione (e sono d'accordo che non lo siano) dagli insegnanti, il problema deve essere un altro.
Assolutamente d'accordo con il punto 2, ma mi limiterei a destinare il FIS a esigenze reali e di stretta pertinenza scolastica, con singole voci di spesa dedicate (penso a come è stato fatto quest'anno con le aree a rischio), senza demandare la scelta alle singole scuole. Immagino che anche herman abbia in mente come me costosissimi progetti di porcellane e orti messi sullo stesso piano del recupero di matematica
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6627
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 1:03 pm

seasparrow ha scritto:

non si rendono conto di cosa e' la selezione dei candidati e del personale in azienda

Cioè? Non sanno cosa significhi andare a un colloquio senza una raccomandazione? Probabilmente vero, le poverette sono abituate a selezioni, abilitazioni, lauree specialistiche, precariato, aggiornamento... penseranno che sia dappertutto così selettivo!
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 2059
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 1:09 pm

Riguardo al punto uno, temo che l' equiparazione tenteranno di farla aumentando il numero di ore di lezione degli insegnanti della secondaria.Durante il governo Monti, sei anni fa, si parlo' di questa eventualita'. Naturalmente si sarebbe trattato di un aumento delle ore in classe a costo zero, una fredda provocazione che anticipava il " clima" nel quale sarebbe stata subodorata la " buona sola".
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1353
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Gio Gen 03, 2019 1:27 pm

Con tutta la buona volontà, non riesco a capire cosa c'entri la selezione del personale nelle aziende con i metodi di insegnamento alle elementari.

Oltretutto, non si capisce nemmeno se si faccia riferimento alla preparazione delle maestre (o anche maestri, eh, esistono anche quelli) o a quella degli alunni.

Si intende dire che le maestre dovrebbero martellare fin dall'inizio i loro alunni di sei anni in funzione della loro futura prospettiva di dover superare selezioni del personale nelle aziende? Ma non ti viene in mente che la modalità di lavoro (e di reclutamento nel lavoro) cambia ripetutamente con rapidità estrema nel giro di pochi anni, e che già i consigli che davano a me negli anni ottanta e novanta (quando ero all'università, non alle elementari) non servono più a niente nella realtà di oggi?

Oppure si intende dire che le maestre dovrebbero essere assunte con gli stessi criteri usati per la selezione del personale in azienda? E allora di sicuro le conseguenze sull'insegnamento e sulla preparazione dei ragazzi sarebbero ancora peggio di adesso, perché verrebbero selezionati solo gli insegnanti più obbedienti alle direttive dei dirigenti e più inclini ad accontentare qualsiasi pretesa delle famiglie, invece che quelli più preparati e più validi didatticamente.

Sarebbe il trionfo assoluto dei maestri innovativi, alternativi, scenografici, i fautori fanatici dell'abolizione della lezione trasmissiva, dell'abolizione dei voti, dell'abolizione dei compiti, dell'abolizione dei libri, dell'abolizione degli zaini, dell'abolizione dell'ortografia, dell'abolizione delle verifiche, ed entusiasti di far lavorare i bambini di sei anni direttamente con lo smartphone in classe, perché questo è quello che fa figo, che va di moda, e che la maggior parte delle famiglie apprezza.
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 422
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Sab Gen 05, 2019 6:58 am

Leggo solo ora i commenti e spiego meglio i punti:
- il primo punto mi sembra sufficientemente chiaro
- nel secondo punto mi riferisco a quei progetti scelti dalle maestre/ dai maestri sia perché "fa figo" presentare ai colleghi una classe che fa diecimila progetti, sia perché con le ore extra dei progetti e qualche incarico si arrotonda lo stipendio, che è piuttosto misero (vedi punto uno)
- Per il terzo punto la mia opinione è che le indicazioni nazionali oggi contengano di tutto e di più, in uno sforzo di onnicomprensività e di garanzia del pluralismo che sa anche di democristiano non scegliere. In questo marasma può capitare di avere in classe degli alunni che non hanno mai imparato le tabelline a memoria, perché la maestra riteneva un abominio l'apprendimento mnemonico, che non sanno fare le divisioni, ma che però hanno ricevuto nozioni di calcolo probabilistico o di finanza o di trigonometria... un'assurdità. Non c'è alcun meccanismo di reale selezione delle priorità didattiche, e se c'è diventa una forma di imposizione assunta dalle singole scuole che lede la libertà di insegnamento o aumenta i carichi di lavoro con prove comuni e griglie a volontà.
- Per il quarto punto: si attaccano spesso i test invalsi, anche giustamente, criticandone le lacune e il fatto di coprire solo una piccola parte dell'apprendimento dell'alunno, ma in realtà spesso la vera ragione delle critiche è la paura che insieme agli alunni vengano giudicati le scuole e i singoli insegnanti; questo perché la libertà di insegnamento è interpretata a volte in maniera troppo estensiva, per cui sia in matematica che in italiano molti colleghi tendono ad eludere gli aspetti più necessari delle proprie discipline per concentrarsi su aspetti accessori o su un approccio inclusivista. Sarebbe per me opportuno ripristinare dei quasi-esami che superino i test invalsi, estendendosi anche ad altri aspetti dell'apprendimento degli alunni come la grafia, la capacità di sintesi, le conoscenze storico-geografiche eccetera; ovviamente commisurato all'età degli alunni.
- Riguardo al quinto punto è corretta l'interpretazione fornita da Paniscus: sia i corsi universitari di sfp che i siss-pas-tfa che l'indire nell'anno di prova insistono su una visione costruttivistica dell'insegnamento, quasi a configurare una forma di indottrinamento che non riguarda solo le basi pedagogiche che, giustamente, ogni insegnante deve avere. Sarebbe opportuno che in tutti questi momenti di formazione dell'insegnante sia garantito il pluralismo.

Riguardo a quello che dice Lucetta10 sulla riduzione del numero di alunni per classe non posso che concordare, ma devo anche sottolineare come decenni fa nelle orribili classi della scuola classista di un tempo (per capirci quella austera della maestra Romano dell'amica geniale) la disciplina e il successo formativo dei migliori era garantito anche con trenta o trentacinque alunni per classe. I tempi sono fortunatamente cambiati e quindi si ritiene che ogni alunno debba essere seguito in maniera più individualizzata dagli insegnanti, ma ciò si ottiene non solo diminuendo il numero di compagni, ma anche ripristinando un immaginario collettivo riguardo alla scuola e all'insegnante come istituzioni autorevoli e degne di rispetto. Il problema che personalmente riscontro nelle classi non è tanto il numero degli alunni, quanto la loro indisciplina che costringe a impiegare un'ora per fare ciò che, nella classe della porta accanto, richiede mezz'ora.

La considerazione di Balanzone è corretta. Alcune forze sindacali hanno sposato la linea delle 18 ore in classe e poi basta, altre invece vorrebbero far rientrare nel conteggio delle ore anche le attività funzionali previste dall'insegnamento, ma non quantificate come la correzione dei compiti e la tenuta dei registri, cosa che sarebbe un disastro; personalmente sono contrario sia a una linea che all'altra e preferirei che venissero inserite nel contratto e retribuite anche quelle attività che non sono neanche nominate negli obblighi contrattuali e che comunque vengono svolte, come la formazione, il coordinamento e la verbalizzazione, gli incontri tra colleghi, gli open-day, l'assolvimento di compiti relativi alla sicurezza (dalla somministrazione dei farmaci all'attesa dei genitori in uscita), la compilazione di migliaia di griglie imposte dalla mania della rendicontazione (che porta via ore) e così via. In tal senso facilmente si arriverebbe, ad esempio, a 18 ore in classe + 4 di altri obblighi + le 40+40 ore + le solite attività funzionali e così via, e si equiparerebbe il lavoro degli insegnanti dei due livelli scolastici.

Ho capito forse anche cosa vuol dire seasparrow: se gli insegnanti sapessero come si viene selezionati e trattati nelle aziende e  quali sono le "skill" (mi si conceda l'anglismo) richieste dalle aziende forse cambierebbero il modo di insegnare o, quanto meno, l'approccio che spesso vira troppo verso il coccoloso-indulgente-deresponsabilizzante. E forse guarderebbero anche in maniera diversa alle prerogative e alle tutele che il nostro contratto ci riserva.
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1353
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Sab Gen 05, 2019 11:23 am

herman il lattoniere ha scritto:
Riguardo al quinto punto è corretta l'interpretazione fornita da Paniscus: sia i corsi universitari di sfp che i siss-pas-tfa che l'indire nell'anno di prova insistono su una visione costruttivistica dell'insegnamento, quasi a configurare una forma di indottrinamento che non riguarda solo le basi pedagogiche che, giustamente, ogni insegnante deve avere. Sarebbe opportuno che in tutti questi momenti di formazione dell'insegnante sia garantito il pluralismo.

Faccio presente che io ho fatto l'anno di prova nell'ormai lontano 2002, e per quanto mi posso ricordare, all'epoca, nel corso di formazione per neo immessi in ruolo, di fuffa costruttivista non c'era proprio traccia, nonostante i corsi fossero già gestiti dall'Indire.

O forse ce n'era un po' nei materiali bibliografici segnalati, ma con nessun obbligo di utilizzarla e seguirla davvero (e comunque, con toni molto meno dogmatici e totalizzanti rispetto a quelli che si usano adesso).

Ricordo che mi era richiesto di presentare un certo numero di relazioni e tesine su argomenti a scelta, e che fui lasciata liberissima di scegliere quelli più attinenti ai contenuti delle mie materie e al lavoro fatto in classe.

Magari cominciava a esserci un po' di insistenza sull'importanza di adattare la didattica con intenti inclusivi, e la proposta (espressa in positivo, ma pomunque PROPOSTA, non intimazione autoritaria) di integrare i materiali didattici tradizionali anche con strumenti informatici, video e altre forme di comunicazione (ma appunto, INTEGRARLI, non certo abolirli e sostituirli del tutto, come si pretenderebbe adesso)...

...e di sicuro non c'era traccia dell'esaltazione fanatica delle "metodologie innovative" che ci ritroviamo ora, e tantomeno della guerra aperta contro la lezione frontale o contro qualsiasi cosa che sapesse di "trasmissivo", con i toni deliranti da caccia alle streghe che ben conosciamo ora.

E non c'era traccia nemmeno dei toni che ci ritroviamo adesso sull'efficienza aziendale della scuola, sull'obbedienza passiva a ordini superiori, sulla "accountability" dell'insegnante, sulla necessità di soddisfare e gratificare le aspettative dell'utenza sopra qualsiasi altra cosa (eppure l'autonomia scolastica c'era già da diversi anni).

(per herman: hai em)
Torna in alto Andare in basso
Kuru-nee



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 27.07.17

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Sab Gen 12, 2019 4:59 pm

herman il lattoniere ha scritto:
Ho capito forse anche cosa vuol dire seasparrow: se gli insegnanti sapessero come si viene selezionati e trattati nelle aziende e  quali sono le "skill" (mi si conceda l'anglismo) richieste dalle aziende forse cambierebbero il modo di insegnare o, quanto meno, l'approccio che spesso vira troppo verso il coccoloso-indulgente-deresponsabilizzante. E forse guarderebbero anche in maniera diversa alle prerogative e alle tutele che il nostro contratto ci riserva.

In realtà, herman, sono d'accordo con tutti i punti che hai proposto, mi permetto solo di fare un piccolo appunto: secondo il mio personalissimo parere coccoloso non si accorda necessariamente ad indulgente e deresponsabilizzante, nel senso che si può essere anche molto teneri verso gli alunni, senza per questo pretendere di meno da un punto di vista della responsabilità.
Sono all'infanzia, quindi è tutto proporzionale al grado in cui mi trovo, ma io impiego molto tempo ed energie a instillare nei bambini un senso di responsabilità nei confronti di sé stessi, del proprio materiale, e dello spazio in cui vivono, oltre che dei compagni e di tutte le figure che lavorano per loro. L'allenamento alla fatica (che a 4 anni può essere semplicemente temperarsi da soli i pastelli o la matita o pulire dove si è sporcato) per me è essenziale, e i bambini che sono abituati dai genitori ad avere tutto spianato, spesso sbattono sonoramente i denti con la mia intransigenza. Eppure penso di essere una maestra ultra-coccolosa e incoraggiante.
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1353
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Sab Gen 12, 2019 9:28 pm

herman il lattoniere ha scritto:
Ho capito forse anche cosa vuol dire seasparrow: se gli insegnanti sapessero come si viene selezionati e trattati nelle aziende e  quali sono le "skill" (mi si conceda l'anglismo) richieste dalle aziende forse cambierebbero il modo di insegnare o, quanto meno, l'approccio che spesso vira troppo verso il coccoloso-indulgente-deresponsabilizzante. E forse guarderebbero anche in maniera diversa alle prerogative e alle tutele che il nostro contratto ci riserva.

Quesa considerazione sarebbe corretta se non fosse per un motivo estremamente plateale, che salta agli occhi subito:

visto che si presume che mediamente la categoria dei genitori quelle cose le sappia MEGLIO della categoria degli insegnanti (e che anzi, spesso disprezzano gli insegnanti proprio per questa ragione, ossia perché li considerano ignari di come funzioni il mondo del lavoro reale là fuori, e di quali selezioni e pressioni dovranno subire i loro figli nelle aziende)...

...come si spiega che non siano quasi mai i genitori stessi a pretendere un approccio più rigoroso e più richiedente anche dentro la scuola?

E che anzi, al contrario, siano ben contenti dell'atteggiamento coccoloso-indulgente-deresponsabilizzante, e che se lo facciano andare benissimo fino alla fine delle superiori, protestando vigorosamente quando non sembra loro ABBASTANZA coccoloso e quando dà l'impressione di pretendere troppo...

...salvo poi voltare faccia da così a così quando il giovane, uscito da quella scuola tanto coccolosa, non trova lavoro o non riesce a passare i test di accesso all'università, e quindi prendersela con gli insegnanti, accusati di non avergli insegnato abbastanza, proprio perché loro "non sanno che cosa sia la selezione nel mondo del lavoro vero"?
Torna in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 3434
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Dom Gen 13, 2019 10:33 am

paniscus_2.1 ha scritto:


E che anzi, al contrario, siano ben contenti dell'atteggiamento coccoloso-indulgente-deresponsabilizzante, e che se lo facciano andare benissimo fino alla fine delle superiori, protestando vigorosamente quando non sembra loro ABBASTANZA coccoloso e quando dà l'impressione di pretendere troppo...

...salvo poi voltare faccia da così a così quando il giovane, uscito da quella scuola tanto coccolosa, non trova lavoro o non riesce a passare i test di accesso all'università, e quindi prendersela con gli insegnanti, accusati di non avergli insegnato abbastanza, proprio perché loro "non sanno che cosa sia la selezione nel mondo del lavoro vero"?

Questo è assolutamente vero ed accade perchè la maggior parte delle persone vive l'attimo, senza riflettere sulle conseguenze future. Il figlio si lamenta ora e quindi, per loro, il problema è ora. Ciò che scrivi andrebbe fatto presente ai genitori che si lamentano. Io qualche volta l'ho fatto ed ho visto negli interlocutori sguardi smarriti: nessuno mi ha contraddetto.
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1353
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria   Dom Gen 13, 2019 5:59 pm

chicca70 ha scritto:
Questo è assolutamente vero ed accade perchè la maggior parte delle persone vive l'attimo, senza riflettere sulle conseguenze future. .

Ma la modalità quotidiana di vivere solo nell'attimo, senza pensare alle conseguenze a lungo termine... la trovo normale negli adolescenti, non nei quarantenni o cinquantenni...
Torna in alto Andare in basso
 
Una mia modesta proposta di riforma della scuola primaria
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: