Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 i furbetti del potenziamento

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
seasparrow



Messaggi : 2644
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: i furbetti del potenziamento   Sab Ott 21, 2017 9:56 am

Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
paniscus_2.1



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Gio Nov 23, 2017 12:27 am

defraz ha scritto:
ho anche sostituito per un mese la collega di matematica in infortunio .

Siamo sicuri che questo sia legale?

A me risultava che le ore di potenziamento NON potessero essere usate per coprire stabilmente supplenze oltre i 10 giorni.

E' cambiata qualche norma di nuovo nel giro di un anno o due?
Tornare in alto Andare in basso
Online
defraz



Messaggi : 658
Data d'iscrizione : 11.04.13

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Gio Nov 23, 2017 2:17 pm

paniscus_2.1 ha scritto:


Siamo sicuri che questo sia legale?

A me risultava che le ore di potenziamento NON potessero essere usate per coprire stabilmente supplenze oltre i 10 giorni.

E' cambiata qualche norma di nuovo nel giro di un anno o due?

mi ero posto il problema anche io, in realtà ho cominciato a sostituire in attesa che la segreteria nominasse il supplente. Non hanno mai nominato quindi sono andato avanti fino al rientro. Ha stupito anche me non avessero trovato nessuno ma pare che per ragioni di lontananza del plesso e di scarsità delle ore disponibili succeda spesso. In ogni caso ho segnalato la cosa all'inizio, mi è stato detto di coprire la classe scoperta quando vi fosse necessità e non mi sono posto successivamente il problema, quindi non so risponderti nel merito.
Tornare in alto Andare in basso
Online
dolcenaufragare



Messaggi : 210
Data d'iscrizione : 14.03.15

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Gio Nov 23, 2017 9:45 pm

Ripropongo: il docente di potenziamento cui è stata assegnata una classe, deve partecipare ai consigli di classe? deve redigere il piano didattico altrimenti detto pd1? grazie.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar_



Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Gio Nov 23, 2017 10:30 pm

dolcenaufragare ha scritto:
Ripropongo: il docente di potenziamento cui è stata assegnata una classe, deve partecipare ai consigli di classe?

Se al docente di potenziamento è stata assegnata la titolarità di una data disciplina, allora deve partecipare ai consigli di classe. Se, invece, opera nella classe in virtù di un progetto, egli non fa parte del consiglio di classe e, di conseguenza non è tenuto a partecipare alle riuniuoni.


dolcenaufragare ha scritto:

deve redigere il piano didattico altrimenti detto pd1? grazie.

Ignoro cosa sia un "pd1".

Immagino si tratti di una nomenclatura legata al sistema di modulistica adottato dalla tua scuola.

Dubito che esista su questo forum un soggetto che abbia una qualche conoscenza sul tema del sistema di modulistica della tua scuola.
Tornare in alto Andare in basso
Online
dolcenaufragare



Messaggi : 210
Data d'iscrizione : 14.03.15

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Ven Nov 24, 2017 8:35 pm

Grazie della risposta.
Non è una titolarità di una data disciplina, si procede esclusivamente con la compresenza. Quindi chi ha ore di potenziamento e gli è stata affidata una classe, ora si trova, a seconda della classe di concorso, con il titolare di italiano, con il titolare di matematica, con il titolare di storia, e via discorrendo.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Ven Nov 24, 2017 10:41 pm

dolcenaufragare ha scritto:
Grazie della risposta.
Non è una titolarità di una data disciplina, si procede esclusivamente con la compresenza. Quindi chi ha ore di potenziamento e gli è stata affidata una classe, ora si trova, a seconda della classe di concorso, con il titolare di italiano, con il titolare di matematica, con il titolare di storia, e via discorrendo.

Cioè, tu dici che alla stessa persona, che magari è stata assunta sulla classe di concorso di matematica, vengono affidate delle compresenze a caso, indifferentemente nell'ora di matematica, di storia o di arte?

Quindi, viene utilizzato più o meno come se fosse una forma di sostegno (anche se la cosa sarebbe irregolare anche per il sostegno vero, e anche se la persona non ha nessuna qualifica per fare sostegno), e che gli sia richiesto di mettere le pezze alle difficoltà generiche in tutte le materie, o in alternativa a stare zitto e guardare il muro mentre l'altro fa lezione?

Veramente a me risulta che il cosiddetto "potenziamento" sia legato specificamente a una disciplina e a una classe di concorso precisa sulla quale si è stati assunti. Non c'è nessun motivo per cui il potenziatore di matematica debba essere schiaffato a fare la compresenza durante un'ora di storia, o viceversa, a meno che non abbiano concordato un progetto in comune.

Per esempio, nella mia scuola è capitata una collega "potenziatrice" di arte, molto ma molto valida, ma VERAMENTE con le controscatole, che è laureata in architettura e che oltre alla normale cattedra di storia dell'arte ha anche diverse altre abilitazioni per materie tecniche di geometria descrittiva e disegno architettonico, o roba simile, che si fanno solo negli istituti d'arte o in quelli per geometri (scusate la nomenclatura approssimativa). La prima cosa che ha fatto, appena arrivata, è stata quella di proporre un piano di lavoro comune non solo con i colleghi di arte, ma anche con quelli di matematica, basato sulla geometria, sulle tassellazioni, sulla costruzione delle curve e delle superfici, anche in tre dimensioni, sia a mano che con supporti informatici.

Tale piano implicava ovviamente anche compresenze... ma appunto, con insegnanti di arte o di matematica, nessuno si è sognato di metterla a fare da tappabuchi insieme a quelli di inglese o di biologia per far finta di fare sostegno a chi non ha il sostegno, o di fare recupero agli scarsi su materie che non conosce.

Ovviamente siamo stati tutti contentissimi della cosa (anzi, devo dire che siamo stati più contenti noi di matematica che quelli di arte, preoccupati di vedersi rubare la scena).

Tutto il contrario è successo con un altro cosiddetto potenziatore di materia completamente inutile e per nulla attinente al nostro corso di studi, che viene usato esclusivamente come tappabuchi per le supplenze occasionali, quindi sostituisce chi capita, sia colleghi di matematica, che di lettere, che di arte, tanto non fa lezione comunque, e resta lì a fare solo sorveglianza perché non si picchino, non si facciano i video sconci col cellulare, o non scappino da scuola. Ma appunto, non compresenze, solo tappabuchismi...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Popocatepetl



Messaggi : 85
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Ven Nov 24, 2017 11:18 pm

Mah...prima di esaltare la wonder woman del disegno architettonico in 5d ,aspetta di vedere se e quali risultati ci saranno nei ragazzi.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.1



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Ven Nov 24, 2017 11:37 pm

Ma tu non ero il primo a sostenere che il potenziamento "fatto bene" e con buona volontà fosse utile? Adesso viene fuori che non è più vero nemmeno quello?
Tornare in alto Andare in basso
Online
dolcenaufragare



Messaggi : 210
Data d'iscrizione : 14.03.15

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Sab Nov 25, 2017 9:37 pm

@paniscus_2.1: succede così. Hai tot ore di potenziamento ed il resto su cattedra di cui sei titolare: per le ore di potenziamento sei assegnato a delle classi. Per ogni classe svolgi lezione, quindi compresenza, col titolare della materia. Ora oltre il caso della disparità e diversità della classe di concorso dei due prof., il docente potenziatore che si trova in questa situazione deve presenziare ai consigli di classe? può concordare col docente titolare un programma/progetto e quindi esprimere delle valutazioni?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Sab Nov 25, 2017 10:56 pm

dolcenaufragare ha scritto:
@paniscus_2.1: succede così. Hai tot ore di potenziamento ed il resto su cattedra di cui sei titolare: per le ore di potenziamento sei assegnato a delle classi. Per ogni classe svolgi lezione, quindi compresenza, col titolare della materia.

Ma questo non è possibile quando assegnano un potenziatore a una scuola in cui la sua materia non c'è proprio. Se assegnano al tecnico industriale un docente assunto sulla classe di concorso di latino e greco, o uno di economia aziendale al liceo scientifico, come si fa a dargli parzialmente delle ore assegnate su cattedra, se quella cattedra non c'è?

Finiranno con l'avere TUTTE ore di potenziamento, ossia quasi esclusivamente di tappabuchismo, oppure di progetti di recupero e sostegno su materie vagamente affini.

Per esempio, il latinista finito al tecnico industriale, che sarà quasi sicuramente abilitato anche su lettere moderne, sarà imbarcato :

a) a fare alfabetizzazione di italiano agli studenti stranieri;

b) a svolgere ufficiosamente le mansioni di un insegnante di sostegno sulle materie umanistiche (senza avere la qualifica per il sostegno) a qualche studente problematico che dovrebbe avere il sostegno ma non ce l'ha, o che ce l'ha ma su troppe poche ore;

c) oppure, a tentare disperatamente di fare recupero, di italiano e di storia, a "quelli che vanno male" e basta, anche senza avere alcun problema specifico di handicap, di dsa o di bes vari.

La cosiddetta "compresenza", dunque, si riduce di fatto a portare i ragazzi problematici fuori dall'aula e a fare loro una lezione differenziata, del tutto aliena da quella ordinaria.
Tornare in alto Andare in basso
Online
herman il lattoniere



Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Dom Nov 26, 2017 9:09 am

Il potenziamento è stato concepito talmente male che è inevitabile che porti con sé numerose contraddizioni e disfunzioni.
Pensiamo a due docenti di arte, oppure di musica, di cui uno è al 100% su potenziamento e uno al 100% sulle classi: in caso di contrazione di organico chi risulta perdente posto? In caso di completamento orario, quale dei due va a completare in altra scuola, magari distante, e quale svolge le sue 18 ore a scuola?
Il dirigente ha la facoltà di stabilire le cattedre su classi e quelle di potenziamento: in base a quali criteri decide chi sta in classe e chi no? Alla simpatia? Alla continuità? Alla "affidabilità"? In base a quali criteri decide di fare o non fare cattedre miste?
Anche senza generalizzare è notorio che la stragrande maggioranza degli insegnanti di potenziamento è impegnata o nelle sostituzioni oppure in progetti, quasi sempre di dubbia utilità didattica. Molti insegnanti curricolari si lamentano, ad esempio, che i potenziatori non partecipino a tutte le attività collegiali di classe, non avendo né classi né voti.
Inoltre è evidente che i potenziatori siano stati assegnati da MIUR e uffici scolastici non in base ai bisogni della scuola formalizzati nel rav e nel ptof, ma semplicemente per assegnare una sede ai docenti. Capita così di avere docenti ad esempio di diritto in scuole dove il diritto non esiste, e che non sempre hanno la voglia o la possibilità di preparare progetti inerenti la propria classe di concorso (es. sulle basi del diritto, la costituzione, la cittadinanza ecc.)
I casi di potenziamento virtuosi sono una minoranza e alcuni di essi sono funzionali alle esigenze didattiche di scuola e alunni, ma anche qui al prezzo di una distorsione: i potenziatori impiegati in un simil-sostegno agli alunni senza 104 svolgono un servizio a volte utilissimo, lo fanno in barba al loro utilizzo sulla propria classe di concorso e a quello degli insegnanti di sostegno veri e propri.
Ci sarebbe quindi la necessità di un chiarimento normativo su questo e tanti altri aspetti rimasti irrisolti.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 58526
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Dom Nov 26, 2017 10:48 am

herman il lattoniere ha scritto:
Il potenziamento è stato concepito talmente male che è inevitabile che porti con sé numerose contraddizioni e disfunzioni.
Pensiamo a due docenti di arte, oppure di musica, di cui uno è al 100% su potenziamento e uno al 100% sulle classi: in caso di contrazione di organico chi risulta perdente posto? In caso di completamento orario, quale dei due va a completare in altra scuola, magari distante, e quale svolge le sue 18 ore a scuola?
Si considera la graduatoria interna (e per il completamento esterno il fatto di essere stato trasferito volontariamente su coe).
herman il lattoniere ha scritto:
Il dirigente ha la facoltà di stabilire le cattedre su classi e quelle di potenziamento: in base a quali criteri decide chi sta in classe e chi no? Alla simpatia? Alla continuità? Alla "affidabilità"? In base a quali criteri decide di fare o non fare cattedre miste?
E in base a quali criteri decide di assegnare una classe ad un docente ed un'altra ad un altro? E' noto che su queste cose i dirigenti hanno grande discrezionalità.
Tornare in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Dom Nov 26, 2017 2:42 pm

sì, però insegnare nella classe eletta è lo stesso tipo di lavoro che insegnare nella classe reietta; al contrario fare sostituzioni o progettini è proprio un'altra faccenda.
La discrezionalità nel primo caso c'è, ma è limitata; nel secondo caso si rischia l'arbitrio molto più di quello dell'assegnazione delle classi. (a uno lo levo dalle classi perché mi è antipatico, a un altro invece lo metto sul potenziamento perché così mi dà una mano come collaboratore)
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 58526
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Dom Nov 26, 2017 3:48 pm

La scelta dei collaboratori, che prima godevano del semiesonero o dell'esonero completo, spettava già al dirigente in piena autonomia. Non sarò certo io a difendere il potenziamento, ma la situazione non mi sembra così tragica come la si dipinge, intanto perché i posti di potenziamento ci sono solo per alcune materie, spesso nemmeno presenti nella scuola (non che questo sia un bene, ma è chiaro che per queste materie non si può togliere nessuno dalle classi), poi perché personalmente non ho mai visto docenti tolti dalle classi perché antipatici al dirigente e anche sul forum abbiamo letto tante lamentele di docenti trasferiti o neoassunti, ma non ricordo molti docenti a cui sono state tolte le classi per ritorsione.
Tornare in alto Andare in basso
Nera



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 23.08.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Dom Nov 26, 2017 4:24 pm

Per rispondere alla domanda di dolcenaufragare vi racconto la mia esperienza. Ero sul potenziamento... avevo queste compresenze con altri docenti. Alcuni di loro erano della mia stessa materia... altri di materia diversa. In realtà non ho mai considerato quelle classi come mie classi. Ho espresso una valutazione solo quando il "loro" insegnante me lo ha chiesto. Quanto ai consigli di classe, ho partecipato a quelli del primo quadrimestre. Al secondo quadrimestre, all'improvviso, il Dirigente ha deciso che i docenti di potenziamento non potevano partecipare. Penso che ogni scuola e ogni Dirigente faccia un po' come gli pare.
Tornare in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 2644
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Lun Dic 11, 2017 12:45 pm

Tornare in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 85
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Lun Dic 11, 2017 1:31 pm

Se andassimo a controllare in Italia quanti "lavoraratori " sono pagati per far nulla....
A partire da...
Siamo ancora a piangerci addosso sul potenziamento.
L unico problema è l inserimento di potenziatori su materie non presenti nell istituto. Quello è un problema.
Per gli altri casi manca voglia di lavorare e c è troppa passività. A meno che non si pensi che il potenziamento non serva perché gli studenti italiani sono tutti brillanti e con ottimi voti. .
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.1



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Lun Dic 11, 2017 3:02 pm

Popocatepetl ha scritto:
Siamo ancora a piangerci addosso sul potenziamento.
L unico problema è l inserimento di potenziatori su materie non presenti nell istituto. Quello è un problema.

Ah, certo, l'UNICO problema... hai detto niente!

Davvero non ti sei accorto che nella maggior parte dei casi è così, perché la maggior parte delle assunzioni straordinarie sono state fatte per imbarcare schiere di docenti poco richiesti di materie poco richieste?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Popocatepetl



Messaggi : 85
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Mar Dic 12, 2017 6:17 pm

Torno a ripetere :le intenzioni sono buone..che possiamo stata una manovra da assumificio è un altro discorso.
Tuttavia, fossi un preside e disponendo di potenziatori, dato che le grandi carenze sono principalmente nelle prime classi, partirei dall assunto che anche un docente di scienze, o diritto, o informatica, o geografia conoscerà quelle quattro cavolate di matematica, fisica, inglese che si fanno in prima. Quindi li metterei sotto con sportelli,gruppi studio ecc.
L idea di avere dipendenti nullafacenti,per me che ho lavorato nel privato ,è semplicemente inconcepibile
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.1



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Mar Dic 12, 2017 7:04 pm

Popocatepetl ha scritto:
L idea di avere dipendenti nullafacenti,per me che ho lavorato nel privato ,è semplicemente inconcepibile

E infatti, tipicamente, dei dipendenti inutili e per i quali non c'è posto, nel privato non li assumono proprio.

Per quanto riguarda l'affermazione sopra, ossia che le materie di studio si riducano a "quattro cavolate" di pure e semplici nozioni da imparare a memoria, e che quindi e che chiunque possa improvvisarsi insegnante di recupero di qualsasi materia per il solo fatto di essere stato a scuola come studente, e di aver studiato tutte le materie a un livello generalistico 30 anni prima (in alcune delle quali magari è sempre andato male da schifo e le ha sempre odiate), farebbe pure ridere se non fosse gravemente offensiva.

Se dovesse capitare a uno dei miei figli di avere delle difficoltà in matematica, e sentirsi proporre dalla scuola lo sportello di recupero tenuto dalla potenziatrice laureata in scienze politiche che fino a ieri faceva la giornalista di gossip, o da quello laureato al DAMS che si occupava di sociologia della danza, e che non sanno distinguere un prodotto notevole o non sanno leggere un numero scritto in notazione esponenziale nemmeno a piangere in turcomanno... diventerei una belva, altro che.

E ancor più diventerei una belva se mio figlio avesse difficoltà in fisica, in chimica o in biologia, e gli venisse proposto lo sportello di recupero tenuto dalla potenziatrice laureata in scienza dell'educazione e intrippata di fuffodiplomi privati olistici new age, che magari prima faceva la naturopata o l'insegnante di reiki, e che crede ciecamente nell'omeopatia, nell'astrologia e nel paranormale.

Figuriamoci se mettessero me a fare sportelli di recupero di greco classico...
Tornare in alto Andare in basso
Online
mara88



Messaggi : 3942
Data d'iscrizione : 24.03.13

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Mar Dic 12, 2017 7:09 pm

Non preoccupatevi, tra poco arriva il governo di centro-destra con annessa simil Gelmini.....dei potenziatori non resterà neanche il ricordo....
Tornare in alto Andare in basso
Online
Nera



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 23.08.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Mar Dic 12, 2017 8:16 pm

Mi hanno insegnato che i fattori produttivi vanno combinati nella maniera ottimale. Se in un panificio hai un chilo di farina e un lievito, è inutile metterci 20 panettieri. Non riusciranno a produrre più pane.. anzi si daranno fastidio a vicenda. Ma con buona pace degli economisti, credo che nella scuola un po' di risorse umane in più non facciamo male. Io, al contrario di Paniscus, non avrei nessuna difficoltà se mio figlio fosse aiutato in uno sportello da un docente che non è della materia. Senza arrivare all'eccesso di pretendere un aiuto in greco o in tedesco da chi non ha un briciolo di basi.... ovvio. Io stessa, non potendo permettermi di mandarlo a ripetizioni private, l'ho aiutato in materie che non erano la mia... e con risultati discreti. In fondo anche al docente di sostegno è richiesto di fare un po' il tuttologo.
Tornare in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 31063
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Mar Dic 12, 2017 8:43 pm

Voglio vedere quando, tagliati i potenziamenti, nessuno riuscirà più a muoversi attraverso la mobilità.
In quel momento ogni potenziamento si rivelerà essenziale alla vita stessa della scuola.
Ad oggi chi critica il potenziamento è, in genere, il docente che non ha ore di potenziamento e vorrebbe avere meno classi.
Il caso del docente di filosofia, che per il secondo anno ripete le stesse cose, mi pare sia isolato (o voi avete visto altri filmati?).
E' anche difficile capire perché non abbia richiesto nessun tipo di mobilità dopo che l'anno scorso si era lamentato dei medesimi problemi (con risposta del DS che contestava quanto affermato) nella stessa scuola.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Mar Dic 12, 2017 9:05 pm

gugu ha scritto:
Ad oggi chi critica il potenziamento è, in genere, il docente che non ha ore di potenziamento e vorrebbe avere meno classi.


Guarda che fino a pochi mesi fa andava di moda il pregiudizio esattamente opposto.

Ovvero, che chi critica il potenziamento sarebbe solo l'insegnante arretrato, arcaico, maniaco della lezione frontale tradizionale, che vuole solo stare in classe a fare solo quella, "che-non-vuole-aggiornarsi-ai-metodi-didattici-innovativi", che non vuole essere disturbato da interferenze altrui, e che quindi non sopporta le compresenze, non sopporta il lavoro per classi parallele, non sopporta il lavoro di gruppo, e non sopporta ingerenze altrui nella propria lezione, non ha neanche la minima voglia di venire a fare sportelli di recupero di pomeriggio, e sostanzialmente considererebbe un'onta mortale il fatto di avere qualche ora di organico di autonomia invece della cattedra piena.

Da quando è che il vento è cambiato, e si è arrivati a inveire all'esatto contrario?
Tornare in alto Andare in basso
Online
gugu

avatar

Messaggi : 31063
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: i furbetti del potenziamento   Mar Dic 12, 2017 9:11 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
gugu ha scritto:
Ad oggi chi critica il potenziamento è, in genere, il docente che non ha ore di potenziamento e vorrebbe avere meno classi.


Guarda che fino a pochi mesi fa andava di moda il pregiudizio esattamente opposto.

Ovvero, che chi critica il potenziamento sarebbe solo l'insegnante arretrato, arcaico, maniaco della lezione frontale tradizionale, che vuole solo stare in classe a fare solo quella, "che-non-vuole-aggiornarsi-ai-metodi-didattici-innovativi", che non vuole essere disturbato da interferenze altrui, e che quindi non sopporta le compresenze, non sopporta il lavoro per classi parallele, non sopporta il lavoro di gruppo, e non sopporta ingerenze altrui nella propria lezione, non ha neanche la minima voglia di venire a fare sportelli di recupero di pomeriggio, e sostanzialmente considererebbe un'onta mortale il fatto di avere qualche ora di organico di autonomia invece della cattedra piena.

Da quando è che il vento è cambiato, e si è arrivati a inveire all'esatto contrario?

Io ho detto solo che vorrebbe avere meno classi. Non pochi qui sul forum si sono espressi in tal senso. Nel mio piccolo vedo la medesima cosa, quest'anno c'è stato un assalto alle ore di potenziamento per avere meno classi (tanto che rispetto all'anno scorso la fisionomia della cattedre nella mia scuola è profondamente mutata).
Per quanto mi riguarda rilevo le seguenti criticità:
- molti docenti hanno solo ore a disposizione per le supplenze perché, de facto, si rifiutano di attivare progetti, rimanere al pomeriggio o simili.
- le materie non sono quelle richieste, ma ormai su questo punto penso non ci sia più nulla da fare. Finché resterà il potenziamento sarà sbilanciato sulle classi difficili perché i docenti che devono entrare in ruolo sono ancora tutti concentrati lì.
- mi piacerebbe che nel tempo queste ore di "potenziamento" venissero spostate per diminuire il carico dei collaboratori del DS, ovvero che queste ore vengano utilizzate per il buon funzionamento della scuola. Le numerose ore a disposizione, che spesso si traducono in nulla (non c'è la supplenza), sono chiaramente non funzionali, potrebbero essere utili, per lo più, a quei docenti molto stanchi che aspettano la pensione l'anno successivo.
Tornare in alto Andare in basso
 
i furbetti del potenziamento
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» ATTENZIONE ALLE TRUFFE. Segnalazione furbetti

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: