Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Intervista al ministro Bussetti

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
franco71



Messaggi : 2012
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Intervista al ministro Bussetti   Lun Giu 11, 2018 9:39 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.repubblica.it/scuola/2018/06/11/news/ministro_bussetti_smartphone_buona_scuola-198758096/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P2-S1.6-T1

In sintesi:

1) Problema diplomati magistrale: problema in fase di studio;

2) Sul divieto francese degli smartphone a scuola: attenzione alla legge in discussione al Parlamento francese. In Italia esiste già la circolare Fioroni;

3) scuole paritarie e legge 107: capire innanzitutto perchè chiudono.
Torna in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
paniscus_2.1



Messaggi : 950
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 9:08 pm

sempreconfusa1 ha scritto:
ma lì andavano in tandem, evidentemente, crocifisso e canti di natale, dunque anche la tradizione

vedi aggiornamento del post, "tradizione" non pervenuta proprio...
Torna in alto Andare in basso
Sinn Féin



Messaggi : 222
Data d'iscrizione : 06.05.18

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 9:57 pm

Certo che sull argomento Chiesa e ecclesiastici paniscus è peggio di Pol Pot
:))
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 950
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 10:48 pm

Sinn Féin ha scritto:
Certo che sull argomento Chiesa e ecclesiastici paniscus è peggio di Pol Pot
:))

Che c'entrerebbe Pol Pot con uno stato condizionato dal clericalismo cattolico?
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 2012
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 10:49 pm

sempreconfusa1 ha scritto:

OT per franco: scusa, ti ricordi quando dicevi ad arrubiu che il sito localizzava gli utenti a danno della privacy? beh, ho scoperto da qualche giorno la funzione ma mi sono divertita, perché a volte è tutta sballata. Oltre a vari utenti con dono di ubiquità, mi rileva con postazione a napoli, e non sono certo lì ;-)
La localizzazione è molto approssimata, non è certo un gps. Ciò non toglie che è un'informazione privata, raccolta da OS e messa a disposizione di altri utenti.
(p.s. non è che eri in gita a napoli a tua insaputa?)
Torna in alto Andare in basso
Filosofo80

avatar

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 11.02.13
Località : TRINACRIA

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 10:52 pm

Giusto per ritornare alla buonascuola.... come sottosegretario hanno appena nominato "quel" Salvatore Giuliano che era a favore della riforma, quindi con questa nomina è evidente che i 5S si sono rimangiati tutto, prendiamo atto.
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 950
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:01 pm

franco71 ha scritto:
sempreconfusa1 ha scritto:

OT per franco: scusa, ti ricordi quando dicevi ad arrubiu che il sito localizzava gli utenti a danno della privacy? beh, ho scoperto da qualche giorno la funzione ma mi sono divertita, perché a volte è tutta sballata. Oltre a vari utenti con dono di ubiquità, mi rileva con postazione a napoli, e non sono certo lì ;-)
La localizzazione è molto approssimata, non è certo un gps. Ciò non toglie che è un'informazione privata, raccolta da OS e messa a disposizione di altri utenti.
(p.s. non è che eri in gita a napoli a tua insaputa?)

Si può sapere in chiaro dove starebbe questa funzione e come si dovrebbe fare a usarla, o almeno a vedere se dice il vero o no?
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 2012
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:03 pm

@Filosofo80: Ma poi ha cambiato idea. Perchè si sono rimangiati tutto? Adesso? Giuliano era in pole position come ministro, durante la campagna elettorale. La linea mi pare, tra le nomine di Bussetti e Giuliano, è quella di non stravolgere la 107, ma fare interventi ad hoc. La stessa cosa accadrà forse con la legge Fornero.
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 2012
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:09 pm

paniscus_2.1 ha scritto:

Si può sapere in chiaro dove starebbe questa funzione e come si dovrebbe fare a usarla, o almeno a vedere se dice il vero o no?
Ci sarai passata anche tu, a tua insaputa, tante volte con il puntatore del mouse.
[omissis]
Ti si apre con un click una google map. Buon lavoro:)


Ultima modifica di franco71 il Mar Giu 12, 2018 11:27 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Filosofo80

avatar

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 11.02.13
Località : TRINACRIA

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:14 pm

@franco71: diciamo che tu vedi il bicchiere mezzo pieno, io mezzo vuoto. Concediamogli il beneficio del dubbio comunque, vedremo a settembre.
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 2012
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:25 pm

Dal mio punto di vista, per quanto riguarda questo governo, il bicchiere lo vedo vuoto.
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3005
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:40 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
(...) o almeno a vedere se dice il vero o no?

ma sei proprio una miscredente...non ti fidi neppure delle mie verifiche? :-D
cmq assicuro che il dono dell'ubiquità non è di questo sito...eppure
ho avuto modo di vedere che, nello stesso momento, qualcuno stava in svizzera e nel sud italia...magari stava trasferendo conti correnti via O.S. leggendo proprio questo thread sulla futura scuola :-D
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 2012
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:46 pm

sempreconfusa1 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
(...) o almeno a vedere se dice il vero o no?

ma sei proprio una miscredente...non ti fidi neppure delle mie verifiche? :-D
cmq  assicuro che il dono dell'ubiquità non è di questo sito...eppure
ho avuto modo di vedere che, nello stesso momento, qualcuno stava in svizzera e nel sud italia...magari stava trasferendo conti correnti via O.S. leggendo proprio questo thread sulla futura scuola :-D
Paniscus come San Tommaso: per credere deve toccare con mouse.
Confermo, ho visto giorni fa anch'io una bilocazione, forse qualcuno che avrà dimenticato lo smartphone da una parte ed il pc in un'altra.
Un altro limite è che, se sei in linea ed autenticato, non sempre ti da il palloncino blu.
Sempreconfusa, nel frattempo, sei sempre a napoli.
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3005
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:52 pm

franco71 ha scritto:

Sempreconfusa, nel frattempo, sei sempre a napoli.

se fossi superstiziosa...c'è il detto vedi napoli e poi...sarò una deadwalking a mia insaputa?
(no anzi, edit: walking dead è la giusta dicitura)


Ultima modifica di sempreconfusa1 il Mer Giu 13, 2018 1:03 am, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
franco71



Messaggi : 2012
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mar Giu 12, 2018 11:56 pm

Ok. allora meglio tu rimanga dove realmente sei:)
Torna in alto Andare in basso
Tiria



Messaggi : 540
Data d'iscrizione : 21.06.17

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mer Giu 13, 2018 5:30 am

franco71 ha scritto:

Tiria ha scritto:
...
La "legge" prevede che in caso di calo di iscrizioni si attua il dimensionamento dislocando i plessi anche su comuni diversi. ...

Per le scuole dell'infanzia, secondo me vale appunto un discorso simile, anzi forse con meno obblighi di legge. Immagino una situazione in cui non ci sia il servizio scuola dell'infanzia, non saprei dire se l'amministrazione è tenuta a garantire un servizio di scuolabus verso il primo centro abitato utile.

Nell'estate del 2015, in previsione dei disagi conseguenti alla soppressione dei plessi nei piccoli comuni, la Regione Sardegna aveva predisposto un piano di finanziamenti destinato ai comuni interessati dalla soppressione proprio per l'acquisto di scuolabus: https://www.regione.sardegna.it/j/v/2568?s=287097&v=2&c=253&t=1

Da quanto ricordo, ci furono poi i soliti ritardi burocratici e ad anno scolastico iniziato da qualche mese, di questi finanziamenti non si vedeva ancora ombra con impossibilità di offrire il servizio. Non so poi come sia andata a finire la cosa.
Torna in alto Andare in basso
Sinn Féin



Messaggi : 222
Data d'iscrizione : 06.05.18

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Mer Giu 13, 2018 11:50 am

È la solita storia italiana dei finanziamenti "scomparsi" e "non utilizzati ", termini che in realtà indicano altro...
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 950
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Sab Giu 16, 2018 7:10 pm

Filosofo80 ha scritto:
Giusto per ritornare alla buonascuola.... come sottosegretario hanno appena nominato "quel" Salvatore Giuliano che era a favore della riforma, quindi con questa nomina è evidente che i 5S si sono rimangiati tutto, prendiamo atto.

Pochi giorni fa mi è capitato di discutere con un mio collega che si è sempre posto come un militante di sinistra duro e puro, che ai tempi dei tempi votava i partiti minori molto più a sinistra dell'attuale PD, che ha sempre fatto militanza sindacale nei COBAS, organizzando manifestazioni, volantinaggi, raccolte di firme per il referendum, aderendo a tutti gli scioperi contro le riforme recenti... e che negli ultimi tempi è passato a fare l'attivista (da tastiera) dei 5stelle.

Non ho niente contro la scelta personale, ha sempre ammesso di essersi avvicinato ai 5stelle semplicemente perchè non ne poteva più di Renzi e perché pensava che potesse essere una strategia efficace per smascherare e combattere lo strapotere di Renzi nel (cosiddetto) centrosinistra mainstream, scelta per cui ho il massimo rispetto.

Ma la cosa che mi ha fatto impressione è che questo soggetto DIFENDEVA Giuliano come un baluardo della resistenza contro il renzismo nella scuola, e come il potenziale uomo di riferimento affidabile a cui ci si potrà affidare nella speranza che rappresenti un elemento di opposizione alle strategie del ministro, e che lavori per abolire la riforma di Renzi, o almeno ridimensionarla.

Quando gli ho fatto notare che Giuliano era stato un sostenitore entusiasta della riforma di Renzi, e che si era perfino distinto per i suoi strilli pubblici CONTRO lo sciopero generale che si era fatto sull'argomento nel 2015 (e durante il quale il mio stesso collega si era sbattuto a fare comunicati, a consegnare materiale informativo, e a sollecitare la raccolta di firme per il referendum)... ha minimizzato, dicendo che non era vero niente e che "Giuliano ha dichiarato di aver cambiato idea", e che quindi adesso è affidabile.

Il bello è che questa persona insegna storia.
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1865
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 11:28 am

franco71 ha scritto:
Filosofo80 ha scritto:
E soprattutto: "Non ha intenzione di cancellare la Buona scuola, come la base docente vicina ai 5 Stelle gli continua a chiedere...."
Non volevo rovinarti la serata ...
in realtà, in modo elusivo afferma:"Stiamo studiando, a settembre saremo pronti a operare, agiremo di conseguenza su tutte le situazioni della Legge 107."
Lasciamoli lavorare.

Codesta frase l' ho gia' letta e sentita ,sebbene il pronome diretto fosse al singolare.

Lasciamoli lavorare come hanno lavorato nel consiglio comunale di Roma, con la via Almirante? Se il buongiorno si vede dal mattino...
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1865
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 11:47 am

paniscus_2.1 ha scritto:
Veronica.P ha scritto:
@melia ha scritto:
Le religiose sono 3, due delle quali abilitate alla didattica. Sono abbastanza giovani, sui 40 anni, ma l'elasticità di orario è permessa da un'associazione di volontari. Tutto il personale è in regola. La cosa curiosa è che anche i figli di islamici frequentano  la scuola cattolica e non quella statale.
Chi non vuole frequentare la scuola confessionale può frequentare una delle due statali che distano tra loro poco più di un chilometro. Probabilmente una delle due chiuderà per carenza di iscritti, ma l'altra rimane.

Perché nelle scuole cattoliche è permesso l'utilizzo del velo per le bambine, mentre in quella statale no.
Visto in una scuola retta da suore (infanzia,primaria e secondaria di primo grado) a due passi da casa mia a Roma.

Scusa, ma questa non regge proprio.

obiezione A: la tradizione islamica non prevede l'obbligo del velo per le bambine. Non so con precisione a quale età sia consigliato di iniziare a portarlo (presumo che esista una normativa risalente a tradizioni arcaiche, che identifica l'obbligo con l'inizio delle mestruazioni, ma non sono sicura) ma di certo non esiste nessun obblgo in età di scuola materna o elementare. Tutte le bambine di famiglia musulmana che io abbia mai conosciuto, comprese quelle con le mamme più osservanti e più velate di tutte, andavano in giro con i capelli liberi a vista. Poi alcune hanno cominciato a imitare le madri e altre no, ma di sicuro il problema non riguarda le bambine piccole.

obiezione B: non è assolutamente vero che nelle scuole statali sia vietato indossare il velo. Al massimo è vietato il burqa o il niqab quasi integrale che renda irriconoscibile la faccia, ma un foulard sui capelli assolutamente no. Io ho avuto (in più scuole diverse) alunne egiziane o pakistane che lo portavano, e nessuno si è sognato di dire una parola contro.  

E ci mancherebbe pure che dovessimo vietare un foulard sulla testa, quando invece dobbiamo accettare cappellini da baseball calati a rovescio, piercing sanguinanti, creste di capelli tinti e gelatinosi, pantaloni stracciati, short rasochiappa, bermuda da spiaggia con tatuaggi pacchiani a vista libera, e magliette inneggianti a gruppi rock apocalittici.


"E ci mancherebbe pure che ......"

Non e' la stessa cosa vestirsi  da pagliacci o indossare  un simbolo d' oppressione( poco importa che ne siano consapevoli o meno).

Circa queste spinose questioni io mi chiedo : uno stato democratico permetterebbe il velo? permetterebbe alla gente di vestirsi da pirla?


Ultima modifica di balanzoneXXI il Dom Giu 17, 2018 12:17 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1865
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 11:52 am

paniscus_2.1 ha scritto:
Sinn Féin ha scritto:
Certo che sull argomento Chiesa e ecclesiastici paniscus è peggio di Pol Pot
:))

Che c'entrerebbe Pol Pot con uno stato condizionato dal clericalismo cattolico?

E' la reductio ad Polpottum dei reazionari anticomunisti.
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1865
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 12:14 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
Filosofo80 ha scritto:
Giusto per ritornare alla buonascuola.... come sottosegretario hanno appena nominato "quel" Salvatore Giuliano che era a favore della riforma, quindi con questa nomina è evidente che i 5S si sono rimangiati tutto, prendiamo atto.

Pochi giorni fa mi è capitato di discutere con un mio collega che si è sempre posto come un militante di sinistra duro e puro, che ai tempi dei tempi votava i partiti minori molto più a sinistra dell'attuale PD, che ha sempre fatto militanza sindacale nei COBAS, organizzando manifestazioni, volantinaggi, raccolte di firme per il referendum, aderendo a tutti gli scioperi contro le riforme recenti... e che negli ultimi tempi è passato a fare l'attivista (da tastiera) dei 5stelle.

Non ho niente contro la scelta personale, ha sempre ammesso di essersi avvicinato ai 5stelle semplicemente perchè non ne poteva più di Renzi e perché pensava che potesse essere una strategia efficace per smascherare e combattere lo strapotere di Renzi nel (cosiddetto) centrosinistra mainstream, scelta per cui ho il massimo rispetto.

Ma la cosa che mi ha fatto impressione è che questo soggetto DIFENDEVA Giuliano come un baluardo della resistenza contro il renzismo nella scuola, e come il potenziale uomo di riferimento affidabile a cui ci si potrà affidare nella speranza che rappresenti un elemento di opposizione alle strategie del ministro, e che lavori per abolire la riforma di Renzi, o almeno ridimensionarla.

Quando gli ho fatto notare che Giuliano era stato un sostenitore entusiasta della riforma di Renzi, e che si era perfino distinto per i suoi strilli pubblici CONTRO lo sciopero generale che si era fatto sull'argomento nel 2015 (e durante il quale il mio stesso collega  si era sbattuto a fare comunicati, a consegnare materiale informativo, e a sollecitare la raccolta di firme per il referendum)... ha minimizzato, dicendo che non era vero niente e che "Giuliano ha dichiarato di aver cambiato idea", e che quindi adesso è affidabile.

Il bello è che questa persona insegna storia.

La politica e' l' arte dell' impossibile. Pensa che in un paese australe negli anni 70 degli "ingenui" ( voglio essere rispettoso) crepavano nel nome di un ex generale fascistoide, esule nella Spagna di Franco...e pensavano di essere di sinistra.Il populismo terzista e' sempre stato ambiguo.Almeno gli scavezzacollo dell' Erp avevano le idee giust,e anche se poi hanno fatto la stessa triste fine.Se proprio si deve crepare per delle idee, che siano nelle idee nobili.Una cosa e' morire per il comunismo ,un' altra per un caudillo rincitrullito ospite di un altro caudillo.

Io , che mi considero di sinistra , non ho mai avuto questa infatuazione per gli urlatori degli scontrini e dell' "antifascismo non mi compete".
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 950
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 12:44 pm

balanzoneXXI ha scritto:

Non e' la stessa cosa vestirsi  da pagliacci o indossare  un simbolo d' oppressione( poco importa che ne siano consapevoli o meno).

Abbi pazienza, sai che ti stimo e che sono quasi sempre d'accordo con te, ma questa proprio non si può sentire.

Ti arroghi il diritto di pensare che le donne musulmane, non solo siano tutte oppresse, ma siano anche una massa di minorate mentali che nemmeno si accorgono di essere oppresse, e quindi dobbiamo spiegarglielo noi che siamo più intelligenti e più sapienti di loro? E dobbiamo a nostra volta spiegarglielo con l'imposizione, con gli obblighi e con i divieti?

Mi sembra un pensiero di arroganza notevole, e oltretutto tendente a vecchie idee di paternalismo coloniale.

E allora a tutte quelle donne italiane (tra cui anche moltissime nostre colleghe, ben rappresentate qui) che sostengono che sia normale che "la donna lavoratrice deve fare il doppio lavoro per tutta la vita, perché lei deve occuparsi anche delle faccende di casa e della cura dei figli mentre l'uomo no", e che trasmettono esplicitamente questo pensiero alle proprie stesse figlie, cosa risponderesti? Che bisogna vietare per legge le faccende domestiche? O che bisogna imporre per legge un certo numero di ore di faccende domestiche svolte obbligatoriamente dai maschi, da rendicontare con i metodi di controllo più improbabili? Insomma, sulla scia del vecchio celebre "redditometro", introduciamo anche il "bucatometro" o il "lavapiattometro" o lo "stirometro"?

Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1865
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 1:26 pm

Non e' paternalismo coloniale ma universalismo di stampo marxista.Sempre meglio del relativismo culturale di
quelli che " se lapidano le adultere e infibulano le ragazzine non e' affar nostro perche' fa parte della loro cultura".A tal proposito ti consiglio un film recente , il cui autore non e' un eurocentico paternalista ,ma una norvegese di origine pachistana : "Cosa dira' la gente?". Gia che ci siamo, ti consiglio anche un divertente racconto dello scrittore di fantascienza Robert Sheckley, " I mostri".

Ripeto la domanda ,usando stavolta un termine meno generico seppur paleolitico: uno stato socialista permetterebbbe
alle donne di andare in giro velate? Io parto sempre da questa ipotesi -un' ipotesi
talmente inattuale da fare sbarrare gli occhi a qualcuno -quando devo esprimermi su una questione
che riguarda la liberta' degli individui , anche per non essere confuso con quei mezzi fasci che sventolano strumentalmente la bandiera della liberta' femminile (ma poi leccano il fondoschiena del clero, che continua a detenere un potere di veto sui diritti civili ,peggio che negli anni 70).

Cosa risponderei alle donne lavoratrici che considerano normale fare il "doppio lavoro" mentre il "pascia'" ,terminata la sua giornata lavorativa, se ne sta stravaccato sul divano come Andy Capp? Risponderei che sbagliano e che dovrebbero convincere i loro compagni con le buone o con le cattive( leggi mattarello) a collaborare.
Torna in alto Andare in basso
Kuru-nee



Messaggi : 326
Data d'iscrizione : 27.07.17

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 3:40 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
Ti arroghi il diritto di pensare che le donne musulmane, non solo siano tutte oppresse, ma siano anche una massa di minorate mentali che nemmeno si accorgono di essere oppresse, e quindi dobbiamo spiegarglielo noi che siamo più intelligenti e più sapienti di loro? E dobbiamo a nostra volta spiegarglielo con l'imposizione, con gli obblighi e con i divieti?

Purtroppo statisticamente ha ragione balanzone. La maggior parte delle ragazze/donne musulmane di recente immigrazione, che vive una situazione non proprio felice a livello economico non è consapevole della propria "sottomissione" semplicemente perché non ha la cultura minima per esserlo.
Nella mia esperienza scolastica qualcosa come il 90% delle mamme musulmane è completamente analfabeta o quasi. Alcune di loro non sanno nemmeno scrivere il proprio nome, per cui non sanno firmare le comunicazioni scolastiche e devono sempre delegare tutto al marito. Queste sono le donne maggiormente coperte, da capo a piedi e non indossano nemmeno abiti che possano lasciar intravvedere delle forme. Quasi mai i mariti le obbligano a farlo contro la loro volontà, sono proprio le donne a considerare necessario coprirsi.
Le poche donne con un livello culturale superiore vanno in giro molto più scoperte invece, alcune proprio all'occidentale, alcune portano il velo o un berrettino per coprire i capelli (ma vedo spesso frange e collo scoperti), ma indossano jeans attillati e scoprono le braccia nel periodo estivo.
Non può essere un caso che a un minore livello di cultura corrisponda un maggior grado di "copertura", secondo me per la maggior parte di loro non è affatto una scelta libera e consapevole, bensì è un aspetto culturale non messo in discussione.

Con questo non voglio dire che indossare il velo semplicemente per tradizione non sia giusto, ognuno fa come vuole. Credo fermamente che non esistano valori giusti in assoluto, ma io vivo in una determinata società che in questo momento storico ha certi valori dominanti, non potrò mai considerare i valori delle altre culture di pari livello ai miei.
Ovviamente alcuni di questi valori che io considero retrogradi sono parzialmente in vigore anche in molte zone d'Italia, eh, non è che la situazione sia felice dappertutto.
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1865
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Intervista al ministro Bussetti   Dom Giu 17, 2018 4:10 pm

E non e' solo questione di  " salvare" costoro dalle tenebre
della superstizione e dell' oppressione patriarcale,pretesa che i  " relativisti" considerano arrogante e dottrinaria,ma in gioco c' e' il tipo di esistenza che ci attende tra 20/ 30 anni, quando buona parte della popolazione europea, forse la maggioranza, potrebbe essere succube di sistemi di credenze medievali.Abbiamo visto cosa sta succedendo nelle "democrazie" ex colonialiste?Allora che faremo?Poi, naturalmente, ci sono i fascioclericali, atei devoti compresi, che contrappongono
le chiese ai minareti, cioè una superstizione ad un' altra, e a quelli va il mio disprezzo.
Torna in alto Andare in basso
 
Intervista al ministro Bussetti
Torna in alto 
Pagina 2 di 4Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» intervista per La vita in diretta
» RAI2 - Intervista eterologa
» inizia sanremo...apre la clerici
» piacere mi presento, sono una giovane ragazza in menopausa precoce
» io certe cose non le capisco!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: