Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
AutoreMessaggio
eliana78



Messaggi : 78
Data d'iscrizione : 30.08.11

MessaggioOggetto: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Dom Feb 03, 2013 10:04 pm

Promemoria primo messaggio :

Mi trovo alla mia prima esperienza come insegnante di sostegno. Ieri ho partecipato allo scrutinio della classe di uno dei miei alunni (una prima superiore): si tratta di un ragazzino con grossi problemi comportamentali, a cui non interessa nulla o quasi della scuola, che non porta quaderni e libri e che si assenta almeno 4 giorni su 6. In moltissime materie non ha neanche una verifica scritta, perché sempre assente, i voti orali sono inesistenti. Nonostante ciò, segue una programmazione ministeriale per obiettivi minimi e ha pochissime ore di sostegno.
Il lavoro che sto facendo con lui è soprattutto quello di insegnargli a vivere in un contesto sociale, a rispettare le regole e a prendersi le sue responsabilità.
Durante lo scrutinio alcuni colleghi hanno proposto per lui dei voti sufficienti, basati semplicemente sul fatto che "il ragazzo ha il sostegno". A questo punto mi sono alzata e ho pregato i colleghi di dare al ragazzo i voti che merita e di non regalargli la sufficienza. Ho detto che se avessi visto da parte sua impegno e senso di responsabilità, avrei potuto anche essere d'accordo con quei voti, ma data la situazione....no! In seguito a questo mio intervento, i 6 sono diventati 4...alcuni anche 3.
A questo punto mi chiedo: sono stata una pazza? Ho sbagliato? Rischio di essere ripresa dalla dirigenza?
Tengo a precisare inoltre che nella stessa classe c'è un altro ragazzino con obiettivi minimi seguito da una mia collega. Lui studia e si impegna moltissimo, nonostante i suoi problemi si fa interrogare, prende appunti e fa sempre i compiti a casa. Mi sembra assurdo che vengano messi sullo stesso piano. Mi sembra soprattutto molto demotivante per quest'altro ragazzino.
Il mio ruolo è quello di difendere il ragazzo ad ogni costo, o quello di insegnargli che bisogna impegnarsi per raggiungere il massimo che si può raggiungere, in base alle proprie capacità?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 5:04 pm

Albith ha scritto:
Perfetto Ire, però si diceva che è proprio la parola in sé, esteticamente, foneticamente, percettivamente, a essere brutta, e brutto l'uso della sua iniziale per richiamare quella parola.

Io mi aspetto una motivazione estetica e fonetica del perché sia brutta.

Ma io non ho mica detto che sia brutta perché lo penso io, eh: ho solo osservato che QUALSIASI parola, prima o poi, viene cambiata perchè "pare brutta"... anche se poco tempo prima era stata introdotta apposta perché NON veniva percepita come brutta, e per sostituirne un'altra che veniva considerata brutta a sua volta (e che magari, a sua volta era stata inventata per lo stesso motivo). Quindi, mi fa specie che si arrivi al percorso circolare, e che si finisca per riutilizzare di nuovo un termine che 10 o 20 anni primaera stato rifiutato e sostituito perché "brutto", tutto lì...

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 5:11 pm

Si vede che girando girando, vincono sempre le parole più funzionali.

Io dico ancora scuola elementare, media e superiore (ogni tanto però mi concedo "primaria" per le elementari).

Parlo ancora di provveditore e di provveditorato (anche perché la girandola è stata un po' esagerata: CSA, USP, UST, AT...).

Tutti noi ci rivolgiamo al DS chiamandolo "preside".

Così parlo di handicap e di handicappato.

Non si è tornati indietro: semplicemente, con tutti questi balletti, siamo sempre rimasti sulla stessa mattonella, perché se vuoi solo cambiare le parole, senza agire sui contenuti, non si va da nessuna parte.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 5:12 pm

Albith ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
Davide ha scritto:
Molti H per loro natura non possono affrontare le difficoltà, sono H, altrimenti non saremmo qui a parlarne. Secondo me il 5, non da chance di mutamento, un 6 ti dice che ce la fai, e forse (certo più del 5) può farti provare a andare avanti. Il 5 non incoraggia, ti marchia a NON SUFFICIENTE, e con gli alunni H bisogna stare molto attenti a dare la sensazione che essi non ce la facciano, potrebbe essere contro producente.
Condividendo in pieno la risposta che ti ha dato Fedup "Bisogna abituare questi ragazzi ad affrontare le difficoltà, non ad eluderle" ti faccio una domanda Davide " Questo ragazzo che a scuola ha avuto sempre il 6 di incoraggiamento per non "mortificarlo", per non fargli affrontare delle difficoltà, secondo te, una volta uscito dalla scuola, nella vita di tutti i giorni, come potrà affrontare le difficoltà che incontrerà se nessuno gliel' ha mai insegnato?"

Non credo che il problema sia proprio stato posto.

Dire che per definizione il ragazzo X non può essere non sufficiente, è come dire che la sua condizione è immutabile e non prevede cambiamenti.

Se saprà affrontare la vita, bene. Altrimenti non lo sa fare perché poverino non ci riesce e stop!
Che brutta cosa.... è come spuntare le ali a un uccellino prima che abbia incominciato a volare...non lo si vuole aiutare, anzi gli viene impedito,,,non credo sia questo il compito di noi insegnanti e soprattitto dell'insegnante di sostegno...Davide però la pensa in modo diverso!
Tornare in alto Andare in basso
Davide



Messaggi : 3372
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 5:19 pm

Sul discorso H, non c'è molto da discutere. Attualmente H è la sigla per designare gli alunni speciali, quindi per brevità viene ormai da tutti utilizzata. Poi bella o brutta non so. Per comunicare si va per codici.

Ribadisco, per l'ultima volta, poi mi taccio come si vuol dire, perchè potrei parere pesante. Il 6 dato NON e regalato, è un 6 che sono riuscito a scavare nell'alunno H, l'ho strappato, scovato, riuscendo a trovare potenzialità che apparentemente non c'erano. Ogni alunno ha un qualcosa da dare, e in particolare gli H.
Dare un 5 farebbe riflettere l'alunno per superare le difficoltà? Forse sì, ma forse no. Se dare il 6 non aiuterebbe, non penso che un 5 sarebbe la medicina. Allora ogni caso è a se stante. Ribadisco il lavoro sulle potenzialità e non sulle carenze (ovvie in un H).
Ciao a tutti
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 5:42 pm

Converrai che è diverso dire che per definizione è non insufficiente e affermare che il 6 non è regalato ma ottenuto scavando dentro le potenzialità del ragazzo.

E' vero, tutti hanno qualcosa da dare: il punto è che lo devono dare a loro stessi, non a noi. Se operiamo così, è tutto a posto.
Tornare in alto Andare in basso
Davide



Messaggi : 3372
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 6:05 pm

Non posso concepire per definizione che un alunno H non abbia nulla da dare, per cui non sarà mai un non sufficiente per me.
Scavando dentro a un alunno qualcosa di buono lo si troverà, ne sono sicuro ;P ecco da dove scaturisce la diatriba sul 6, da questa consapevolezza che porta un docente a far emergere anche con sforzi ciò che di positivo all'apparenza non si vede per vari motivi o disabilità.
Il disabile (DIS-abile) è un deficitario per natura (e non per volontà) il 5 è un voto non-sufficiente. Il parallelismo mi pare scontato, come scontato, ripetitivo, scocciante è il fatto di ricordarlo a ogni pagella. Io penso di cercare di andare oltre, voglio carpire ciò che invece tu sai fare caro alunno H, perchè io sono convinto che qualcosa sei capace di fare, fosse anche una attività che nulla a che fare con libri e penna.
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 7:26 pm

Ma guarda Davide che io sono d'accordo con te su questi ultimi punti, e infatti nulla da eccepire.

La questione è e resta un'altra: se io devo o no valutare e dire onestamente, a chi ho di fronte, se ha raggiunto o meno il risultato prefissato.

Se il risultato che ci prefiggiamo è che riesca a prendere un autobus da solo, allora quello è l'obiettivo. Io posso mettergli anche dieci, ma fino a quando non riesce da solo a entrare, marcare il biglietto, contare le fermate e scendere a quella prevista, non è sufficiente, e io lo so e lui lo sa (caso realmente avvenuto).

Noi possiamo inventarci quello che vogliamo a scuola per dire (e per dirci) che l'alunno H ha raggiunto "certi" obiettivi, ma se si era pensato, si spera con tutto il GLH, a specifici obiettivi utili e necessari alla sua autonomia, allora o sono raggiunti oppure no.

Possiamo anche dire (e dirci) che il non raggiungimento non pregiudica la sua votazione positiva e il passaggio alla classe successiva, ma che lui non abbia raggiunto certi obiettivi, io lo e soprattutto, in molti casi, LUI lo sa.

Se puntiamo soprattutto al suo benessere a scuola (spesso figura negli obiettivi del PEI) va benissimo, e ti comporti saggiamente: il problema sorge quando gli obiettivi prevedano che sappia leggere e capire un avviso o un segnale stradale, sappia contare il resto quando va a comprare qualcosa, sappia scrivere una nota della spesa o un qualsiasi promemoria, ecc. ecc.

Si tratta sempre di quale obiettivo ci prefiggiamo: da ogni cosa si può ricavare qualcos'altro; il problema e far coincidere ciò che si fa uscire con ciò che si voleva far uscire.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mar Feb 12, 2013 7:36 pm

Davide, il punto che non si è capito è un altro: tu questa definizione la applichi sempre, invariabilmente, a qualsiasi disabile, qualunque diagnosi abbia, qualunque sia il livello di gravità, e qualunque sia il suo grado di consapevolezza personale e la sua capacità di scegliere se darsi da fare volontariamente o no?

Perché se mi parli del cerebroleso con un'età mentale equivalente di 2 anni, oppure dell'autistico gravissimo, che non parla e che quando si trova davanti un'altra persona non si capisce nemmeno se se ne renda conto o no... allora è chiaro che hai ragione tu, e che ha poco senso "valutare" la differenza tra quando si è impegnato e quando no.

Ma se si parla di un ragazzo con handicap non grave, che parla normalmente, che ha imparato regolarmente a leggere, a scrivere e a usare gli strumenti base dell'apprendimento, e che sa perfettamente che cosa significhi "studiare", "fare i compiti" e "sostenere una verifica", che senso ha applicare gli stessi criteri?

L.


Ultima modifica di paniscus il Mer Feb 13, 2013 3:47 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mer Feb 13, 2013 10:04 am

Poi scusa Davide il PEI dovrebbe essere calibrato sull'alunno (parlo di alunno con ritardo cognitivo di grado medio o lieve o comunque di handicap non grave) e il GLH operativo dovrebbe stilarlo dopo aver esaminato e tenendo conto della diagnosi funzionale e del profilo dinamico funzionale, quindi, gli interventi da effettuare e da predisporre, gli obiettivi da raggiungere sono appunto individualizzati e se non vengono raggiunto o è sbagliato il PEI o l'alunno può fare di più e i risultati raggiunti, in tal senso, non sono sufficienti. Io, in questo caso, credo che il 5 possa trasmettergli il messaggio "puoi e devi lavorare meglio, puoi farcela", mentre il 6 gli trasmetterebbe un messaggio sbagliato "è sufficiente ciò che stai facendo e il modo in cui stai lavorando", quando sappiamo bene che non è così!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mer Feb 13, 2013 10:38 am

In linea di massima sono d'accordo con te. Un PEI fatto a modo dovrebbe prevedere obbiettivi raggiungibili. Ma chi può stabilire i tempi del raggiungimento?

Siamo sicuri che invece un 5 non faccia passare il messaggio:

"nonostante quello che hai fatto, per me non sei sufficiente, non ce la puoi fare, avrai sempre 5"

Sono possibili entrambe le letture da parte di un ragazzo. Spero, e credo, che un docente o un gruppo di docenti sia in grado di valutare questo e sappia agire di conseguenza.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mer Feb 13, 2013 10:54 am

Ire ha scritto:
In linea di massima sono d'accordo con te. Un PEI fatto a modo dovrebbe prevedere obbiettivi raggiungibili. Ma chi può stabilire i tempi del raggiungimento?

Siamo sicuri che invece un 5 non faccia passare il messaggio:

"nonostante quello che hai fatto, per me non sei sufficiente, non ce la puoi fare, avrai sempre 5"

Sono possibili entrambe le letture da parte di un ragazzo. Spero, e credo, che un docente o un gruppo di docenti sia in grado di valutare questo e sappia agire di conseguenza.
Ire la valutazione a scuola non viene mai fatta con l'obiettivo di "tagliare ler gambe allo studente", sia che si tratti di un alunno normodotato o alunno H, perchè questo vorrebbe dire che un'insufficienza non potrà mai essere recuperata. Un voto insufficiente dovrebbe servire da stimolo per lavorare meglio, non può e non deve significare "non ce la puoi fare, avrai sempre 5", questo va contro tutto ciò che è il nostro ruolo di insegnanti: gli insegnanti costruiscono non distruggono.
Il modo in cui uno studente legge il messaggio dipende da noi docenti e i tempi per la realizzazione degli obiettivi devono essere sempre stabiliti nel PEI in relazione alle caratteristiche dello studente, quindi anche i tempi sono individualizzati.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mer Feb 13, 2013 11:14 am

eh, lo so, Giovanna.

So perfettamente che il vostro obbiettivo non è tagliare le gambe così come non è punire quando decidete di bocciare. Ma.....
bisogna essere allora bravissimi, avere sempre un dialogo con il ragazzo e la sua famiglia, spiegarlo bene, non darlo per scontato perchè in certe condizioni emotive, caratteriali e intellettive del ragazzo un voto negativo può essere una mazzata.
Alle volte è meglio un: guarda ti do 6 anche se ti rendi conto anche tu che non hai fatto bene del tutto. Mi fido di te e mi aspetto la prossima volta un 6 che sia pieno e meritato. So che ce la puoi fare.

Ma non è semplice, e soprattutto non rientra nelle schematizzazioni.


@Giovanna, mi scuso con te, non ho la possibilità di farlo privatamente quindi non ti dirò il motivo per cui ritengo di aver mancato nei tuoi confronti. Mi scuso e cercherò di non farlo più :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mer Feb 13, 2013 3:06 pm

Scusate un attimo, però, a me tutta questa storia dell'interpretazione, del messaggio implicito, del messaggio nascosto e del "non si può mai sapere come la prenderanno", e sfumature varie, sembra veramente pretestuosa.

Nessun risultato e nessun voto dovrebbero essere suscettibili di interpretazioni ambigue, misteriose o imprevedibili: basta che le comunicazioni (in primis quelle dirette tra insegnanti e ragazzi, e poi in generale anche quelle con le famiglie) siano chiare ed esaurienti.

L'ambiguità e l'imprevedibilità del messaggio esistono SE gli insegnanti vogliono farla esistere, e SE le famiglie contribuiscono a instillare nel figlio un'interpretazione personale loro che è diversa da quella intesa dall'insegnante.

Io personalmente non me lo pongo più di tanto, il problema del "quale messaggio facciamo passare al ragazzo dandogli un'insufficienza", perché io non sto ad aspettare che il messaggio passi da solo e che ognuno se lo interpreti come vuole... bensì mi premuro di comunicarlo e di chiarirlo IO, cosa volevo dire con quel voto, in maniera che non possa essere distorto da nessuno, né per polemica deliberata, ma nemmeno per genuino errore in buona fede.

E questo non vale solo per i disabili, per i DSA o per i problematici in generale, vale per TUTTI:

Se io do delle insufficienze per due motivi completamente diversi (ovvero, l'alunno A si è beccato 5 perché, pur essendosi impegnato abbastanza, non è ancora riuscito a superare certe carenze o difficoltà sue che esistevano alla base, ma ci sta provando ed è in CORSO di miglioramento, mentre l'alunno B si è ugualmente beccato 5 semplicemente perché sarebbe capace ma non ha fatto un cavolo di niente), io queste cose le DICO chiaramente all'alunno, e le spiego anche dettagliatamente ai genitori.

In particolare, la motivazione del "ti do 5 perchè comunque sei un incapace e più di questo non riuscirai mai a fare nemmeno se ti impegnassi il doppio", semplicemente non esiste, non è contemplata. Chi me la attribuisce, oltre a raccontare una balla a se stesso, sta offendendo gravemente anche me.

Se poi l'alunno o la famiglia si ostinano a non credere nelle mie spiegazioni e nelle mie motivazioni, e vogliono a tutti costi convincersi che "in realtà il mio voto voleva sottintendere un messaggio diverso da quello che ho dichiarato io"... beh, mi dispiace, ma sono eminentissimi affari loro, sono dinamiche personali che devono essere affrontate in famiglia, e io, dopo uno o due tentativi di spiegare le cose come stanno, non mi sento più in obbligo di pensarci io, a giustificarmi e a pregarli di cambiare idea. Anzi, francamente lo ritengo anche offensivo nei miei confronti, e non penso che meriti ulteriori mediazioni.

Ma santa pazienza, come si permettono di pensare che io, dando l'insufficienza, "ho voluto comunicare al ragazzo che è un incapace strutturale e che non ce la farà mai"? Ma quando mai ho espresso una cosa del genere? Come si permettono di attribuirmela?

Quello che volevo comunicare al ragazzo dandogli quell'insufficienza, gliel'ho spiegato io, prima al ragazzo e poi anche ai genitori. Se loro si ostinano a interpretarla diversamente, e a non credere alla mia spiegazione, il problema è loro, non mio!

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Mer Feb 13, 2013 3:41 pm

Non hai torto, Paniscus, e in sostanza l'ho detto anche prima: ci deve essere una comunicazione sempre efficace con l'alunno e con la famiglia. Questo in linea generale.

Parlando di H, a mio parere il discorso si fa più complesso e tu come docente non puoi non prenderlo in considerazione.

Ci riferiamo per un momento all'H cui pensi tu, con problemi ma in grado di fare e di dare, il suo H può, dico può, essere impastato e comportare un equilibrio emotivo talmente delicato che anche la sola insufficienza che in linea di massima significa: andiamo avanti facciamo di più puoi farcela può essere presa come sentenza di condanna e rovinare tutto-

In questo caso non hai il dovere di valutare la situazione e di non dire che il problema è suo e non tuo?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Gio Feb 14, 2013 2:28 pm

Ire ha scritto:


@Giovanna, mi scuso con te, non ho la possibilità di farlo privatamente quindi non ti dirò il motivo per cui ritengo di aver mancato nei tuoi confronti. Mi scuso e cercherò di non farlo più :-)
Stai scherzando Ire?? Di cosa dovresti scusarti, non mi risulta assolutamente che tu abbia mancato nei miei confronti....non riesco proprio a capire. Abbiamo dialogato molto io e te in diversi topic e anche se non sempre abbiamo avuto la stessa posizione, il nostro dialogo è stato sempre rispettoso e cordiale e in diverse occasioni abbiamo avuto modo di manifestare una stima reciproca......perchè mi chiedi scusa???
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Gio Feb 14, 2013 4:33 pm

Una pubblica confessione? Naaaaaaaaaaaaaaaaa, dai :-D
Diciamo che il mio atteggiamento in una risposta che ti ho dato non era proprio ecumenico ma l'opposizione era dovuta al fatto che mi ero confusa su chi avesse scritto il post cui rispondevo. Non te ne sei nemmeno accorta, evidentemente sono buona anche quando la mia idea è di essere str....ana ( :-))

Stima? piena e crescente :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Ven Feb 15, 2013 3:37 pm

Ire ha scritto:
Una pubblica confessione? Naaaaaaaaaaaaaaaaa, dai :-D
Diciamo che il mio atteggiamento in una risposta che ti ho dato non era proprio ecumenico ma l'opposizione era dovuta al fatto che mi ero confusa su chi avesse scritto il post cui rispondevo. Non te ne sei nemmeno accorta, evidentemente sono buona anche quando la mia idea è di essere str....ana ( :-))

Stima? piena e crescente :-)
La mia idea, invece Ire è che sei veramente in gamba...è un piacere confrontarsi con te! :-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio   Ven Feb 15, 2013 4:16 pm

grazie :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
Non ho "sostenuto" l'alunno allo scrutinio
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
 Argomenti simili
-
» Israele: i nuovi cittadini dovranno giurare fedeltà allo Stato ebraico
» dolori allo sterno
» torta allo yogurt..facilefacile!Forza donne, non vi abbattete...
» rifiutarsi di firmare verbale scrutinio intermedio
» Alunno introverso

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Sostegno-
Andare verso: