Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Su "La buona scuola"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5
AutoreMessaggio
clamar79



Messaggi : 465
Data d'iscrizione : 03.09.11

MessaggioOggetto: Su "La buona scuola"   Ven Dic 05, 2014 3:01 pm

Promemoria primo messaggio :

Abbiamo raccolto le firme per un collegio docenti straordinario per approvare un documento contro l'ennesima controriforma scolastica. Ho informato il dirigente (fan di questa ciofeca di riforma, ma comunque persona amabilissima e disponibilissima per fortuna!) e adesso vi chiedo: la partecipazione al collegio è obbligatoria per TUTTI i docenti vero? Anche per chi non ha fimrato? e chi si assenterà dovrà giustificare l'assenza? E siccome durerà non più di un'ora...si potrà scalarla dalle 40 famose ore? Grazie a tutti!
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 12:12 pm

ma l'educazione civica la daranno come al solito agli insegnanti di lettere che la relegheranno ad una misera ora all'anno? Devono darla ai giuristi gli unici in grado di farla con le competenze adeguate. anche da queste decisioni vedremo la reale volontà di questo governo nel fare le cose sul serio o giusto per parlare!
Tornare in alto Andare in basso
Onofrio Del Grillo



Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 2:22 pm

Cato ha scritto:
"lingua straniera, l'educazione civica, la musica, l'arte, lo sport"

ecco cosa sarà potenziato con "La buona scuola",

Se ne sentiva la mancanza. E' quello che serve all'italia per acquisire competitività a livello internazionale.

Metre gli altri paesi sfornano ingegneri e ricercatori (e qui si pagano brevetti e prodotti), noi sforniamo musicisti, artisti e sportivi.

I genitori si indebitano per far fare ai figli le ripetizioni di matematica, fisica e chimica per dare un futuro ai loro figli e questi potenziano "l'educazione civica, l'arte e lo sport".

Eh sì... perché in Italia ci sono le opere d'arte e gli stadi. Senza parole.

Chi ha figli e soldi metta mano al portafoglio per le ripetizioni, a scuola si farà altro.


Gli "altri paesi" investono in cultura. Sissignori, anche nell'arte e nella musica, nelle lettere antiche e nell'archeologia. Negli altri paesi queste competenze non vengono frustrate, tagliate e vilipese come si fa da noi.
La cultura, quella vera, fatta anche di arte, di musica ed educazione civica è alla base dell'essenza di un popolo, specie come il nostro. Averle tagliate senza pietà ci ha portato ad avere una classe dirigente e politica fatta di ignoranti e di nullità come quella che abbiamo.
Dai, continuiamo a sfornare smanettoni e programmatori informatici, product e sales manager, chimici e biologi che poi emigrano all'estero... poi verranno americani, australiani ecc. a restaurare i monumenti che nel frattempo saranno andati in rovina, a dirci quanto sarebbe stato importante e redditizio conservarli e valorizzarli, e quanta ricchezza ci avrebbero portato se fossimo stati capaci di studiarli, conoscerli, amarli.
Ma sì, vendiamoci tutto... l'importante è saper programmare i videogiochi.


Ultima modifica di Onofrio Del Grillo il Mar Dic 16, 2014 2:56 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Onofrio Del Grillo



Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 2:34 pm

patty20 ha scritto:
ma l'educazione civica la daranno come al solito agli insegnanti di lettere che la relegheranno ad una misera ora all'anno? Devono darla ai giuristi gli unici in grado di farla con le competenze adeguate. anche da queste decisioni vedremo la reale volontà di questo governo nel fare le cose sul serio o giusto per parlare!

Ma non potenzieranno un bel nulla... ormai le ore tagliate dalla Gelmy a queste materie se le sono spartite altre materie "più importanti"... vagliele a togliere adesso! ;-)
Fisica e Chimica (con tutto il rispetto) sono così fondamentali negli alberghieri (dove c'è già Scienze degli Alimenti, peraltro) e turistici? Aver tolto la Storia dell'Arte da indirizzi come questi (ed aggiungo Moda, Design, Arredamento) per potenziarvi Fisica, Chimica, Biologia ha un senso?
Ormai quel che è fatto è fatto, indietro non si torna. Ci vorranno anni, ammesso che ne esista un barlume di volontà.
Tornare in alto Andare in basso
Cato



Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 25.12.12

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 4:13 pm

gugu ha scritto:
Cato ha scritto:
"lingua straniera, l'educazione civica, la musica, l'arte, lo sport"

ecco cosa sarà potenziato con "La buona scuola",

Se ne sentiva la mancanza. E' quello che serve all'italia per acquisire competitività a livello internazionale.

Metre gli altri paesi sfornano ingegneri e ricercatori (e qui si pagano brevetti e prodotti), noi sforniamo musicisti, artisti e sportivi.

I genitori si indebitano per far fare ai figli le ripetizioni di matematica, fisica e chimica per dare un futuro ai loro figli e questi potenziano "l'educazione civica, l'arte e lo sport".

Eh sì... perché in Italia ci sono le opere d'arte e gli stadi. Senza parole.

Chi ha figli e soldi metta mano al portafoglio per le ripetizioni, a scuola si farà altro.



Perchè secondo te rafforzare l'inglese è una perdita di tempo?
Cosa vorresti vedere in più?

No, l'inglese è fondamentale, ovviamente.

Qui però la questione è culturale: non si può andare avanti fossilizzandosi a guardare indietro.

In una scultura di 2000 anni fa non c'è più cultura che in un moderno videogioco.

Non saper calcolare il volume di una sfera o una percentuale è ben più grave di usare male i congiuntivi.

Nella scuola italiana c'è urgenza di potenziare le discipline a carattere numerico-quantitativo e l'inglese.

L'educazione civica si insegna con i buoni esempi non con gli avvocati.
Tornare in alto Andare in basso
Onofrio Del Grillo



Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 4:17 pm

Ah, volevo rassicurare ulteriormente l'utente Cato:

http://www.istruzione.it/allegati/2014/focus151214_all1.pdf

Se si verifica a p. 35 del trionfale esito della consultazione della Buona SQuola, si vede che della Storia dell'Arte non c'è alcuna traccia. La si trova in un grafichetto a p.51 in cui qualche incosciente (il 77%) la vorrebbe potenziare ma poi, come volevasi dimostrare, sparisce nel grafico a torta di p. 52 sui "rafforzamenti".
Nella stessa p. 35 c'è però Storia della Musica e Italiano... tocca portare pazienza, qualche materia inutile toccherà continuare a studiarla. Ma niente Storia dell'Arte, tranquilli! :-)
Tornare in alto Andare in basso
Onofrio Del Grillo



Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 4:20 pm

Cato ha scritto:


No, l'inglese è fondamentale, ovviamente.

Qui però la questione è culturale: non si può andare avanti fossilizzandosi a guardare indietro.

In una scultura di 2000 anni fa non c'è più cultura che in un moderno videogioco.

Non saper calcolare il volume di una sfera o una percentuale è ben più grave di usare male i congiuntivi.

Nella scuola italiana c'è urgenza di potenziare le discipline a carattere numerico-quantitativo e l'inglese.

L'educazione civica si insegna con i buoni esempi non con gli avvocati.

Internet, Inglese, Impresa! :-D
La cosa grave è che la maggioranza degli italiani la pensa esattamente così.
Tornare in alto Andare in basso
viduran



Messaggi : 1000
Data d'iscrizione : 12.09.12

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 6:19 pm

la cosa grave è che a forza di fare solo chiacchiere o quando va bene rifugiarsi dietro le belle  intenzioni , stiamo diventando  un paese di morti di fame .

ps
scusate l' OT ma non c'e l'ho fatta
Tornare in alto Andare in basso
Robert Bruce



Messaggi : 2896
Data d'iscrizione : 19.02.12

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 6:44 pm

Onofrio Del Grillo ha scritto:

Internet, Inglese, Impresa! :-D
La cosa grave è che la maggioranza degli italiani la pensa esattamente così.

La I sta per INFORMATICA, non per INTERNET.
Sono due cose ben diverse...
Tornare in alto Andare in basso
Online
jeppo16



Messaggi : 418
Data d'iscrizione : 18.10.14

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 7:51 pm

Onofrio Del Grillo ha scritto:
Cato ha scritto:


No, l'inglese è fondamentale, ovviamente.

Qui però la questione è culturale: non si può andare avanti fossilizzandosi a guardare indietro.

In una scultura di 2000 anni fa non c'è più cultura che in un moderno videogioco.

Non saper calcolare il volume di una sfera o una percentuale è ben più grave di usare male i congiuntivi.

Nella scuola italiana c'è urgenza di potenziare le discipline a carattere numerico-quantitativo e l'inglese.

L'educazione civica si insegna con i buoni esempi non con gli avvocati.

Internet, Inglese, Impresa! :-D
La cosa grave è che la maggioranza degli italiani la pensa esattamente così.
Ti sbagli di grosso. Se la pensasse così non saremmo nelle condizioni in cui siamo.
Tornare in alto Andare in basso
Ciccio8



Messaggi : 432
Data d'iscrizione : 25.11.12

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 8:03 pm

Cato ha scritto:
"lingua straniera, l'educazione civica, la musica, l'arte, lo sport"

ecco cosa sarà potenziato con "La buona scuola",

Se ne sentiva la mancanza. E' quello che serve all'italia per acquisire competitività a livello internazionale.

Metre gli altri paesi sfornano ingegneri e ricercatori (e qui si pagano brevetti e prodotti), noi sforniamo musicisti, artisti e sportivi.

I genitori si indebitano per far fare ai figli le ripetizioni di matematica, fisica e chimica per dare un futuro ai loro figli e questi potenziano "l'educazione civica, l'arte e lo sport".

Eh sì... perché in Italia ci sono le opere d'arte e gli stadi. Senza parole.

Chi ha figli e soldi metta mano al portafoglio per le ripetizioni, a scuola si farà altro.

Complimenti per il filotto, ne avessi imbroccata una figlio mio! Persino il proposito di restare "Senza parole", unico dato positivo di tutto il commento, è crollato miseramente sotto quattro frasi contraddittorie e completamente campate in aria!

SI, sono indignato, come raramente mi succede leggendo questo forum, perché se queste sono le opinioni diffuse... allora c'è davvero ben poco da fare per migliorare le cose.

Mi limito a considerare, tanto per cominciare, Educazione Civica e Storia dell'Arte.
Scrivi: "Se ne sentiva la mancanza."
Ti rispondo: No, ma che scherzi? Magari si avvertisse! La soffriamo pesantemente però, come un male che ci affligge e ci porta pian piano a spegnerci intellettualmente... e anche economicamente, si economicamente. Non è una cosa di cui i grandi uomini, votati all'imprenditoria e alla conquista dei mercati internazionali, sono consapevoli, no, così come non lo sei tu e tantissimi altri come te. Soprattutto in Italia si resta indietro e puntualmente ci si arrovella nel ricercare la variabile, sfuggita dai calcoli per il puntuale mancato successo di un prodotto "scientificamente" pensato, progettato, realizzato e pubblicizzato... a causa di questo vuoto cosmico. Stesso discorso per i danni irrecuperabili al patrimonio paesaggistico, artistico, ambientale, e i mega progetti industriali tanto mirabilmente condotti dal punto di vista tecnico quanto sciagurati per la salute pubblica e la vivibilità dei territori.

Poi "E' quello che serve all'Italia per acquisire competitività a livello internazionale."
No, è quello che serve all'Italia per recuperare la propria identità culturale, senza inseguire i mercati internazionali ma tornando ad imporsi e ad essere un modello di riferimento nei campi che le sono (erano) storicamente propri e per portare idee, autenticamente innovative, anche in tutti gli altri settori.

"Mentre gli altri paesi sfornano ingegneri e ricercatori (e qui si pagano brevetti e prodotti), noi sforniamo musicisti, artisti e sportivi."
Ok il fatto dei brevetti... Ma sei sicuro? Artisti, musicisti e sportivi? o_O
Ma non è che ti sei confuso con la TV dei reality? Che statistiche hai letto?

Sull'inglese nemmeno replico, dovrei farlo in lingua nel caso, ma rischio di confondere un'espressione gergale con l'altra per mandarticivisivi amabilmente...
Tornare in alto Andare in basso
Onofrio Del Grillo



Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14

MessaggioOggetto: Re: Su "La buona scuola"   Mar Dic 16, 2014 8:53 pm

Ciccio8 ha scritto:

Complimenti per il filotto, ne avessi imbroccata una figlio mio! Persino il proposito di restare "Senza parole", unico dato positivo di tutto il commento, è crollato miseramente sotto quattro frasi contraddittorie e completamente campate in aria!

SI, sono indignato, come raramente mi succede leggendo questo forum, perché se queste sono le opinioni diffuse... allora c'è davvero ben poco da fare per migliorare le cose.

Mi limito a considerare, tanto per cominciare, Educazione Civica e Storia dell'Arte.
Scrivi: "Se ne sentiva la mancanza."
Ti rispondo: No, ma che scherzi? Magari si avvertisse! La soffriamo pesantemente però, come un male che ci affligge e ci porta pian piano a spegnerci intellettualmente... e anche economicamente, si economicamente. Non è una cosa di cui i grandi uomini, votati all'imprenditoria e alla conquista dei mercati internazionali, sono consapevoli, no, così come non lo sei tu e tantissimi altri come te. Soprattutto in Italia si resta indietro e puntualmente ci si arrovella nel ricercare la variabile, sfuggita dai calcoli per il puntuale mancato successo di un prodotto "scientificamente" pensato, progettato, realizzato e pubblicizzato... a causa di questo vuoto cosmico. Stesso discorso per i danni irrecuperabili al patrimonio paesaggistico, artistico, ambientale, e i mega progetti industriali tanto mirabilmente condotti dal punto di vista tecnico quanto sciagurati per la salute pubblica e la vivibilità dei territori.

Poi "E' quello che serve all'Italia per acquisire competitività a livello internazionale."
No, è quello che serve all'Italia per recuperare la propria identità culturale, senza inseguire i mercati internazionali ma tornando ad imporsi e ad essere un modello di riferimento nei campi che le sono (erano) storicamente propri e per portare idee, autenticamente innovative, anche in tutti gli altri settori.

"Mentre gli altri paesi sfornano ingegneri e ricercatori (e qui si pagano brevetti e prodotti), noi sforniamo musicisti, artisti e sportivi."
Ok il fatto dei brevetti... Ma sei sicuro? Artisti, musicisti e sportivi? o_O
Ma non è che ti sei confuso con la TV dei reality? Che statistiche hai letto?

Sull'inglese nemmeno replico, dovrei farlo in lingua nel caso, ma rischio di confondere un'espressione gergale con l'altra per mandarticivisivi amabilmente...

Meno male che qualcuno che ragiona esiste ancora! Quoto tutto, spazi bianchi inclusi.
Tornare in alto Andare in basso
 
Su "La buona scuola"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5
 Argomenti simili
-
» La "buona scuola".....
» Sindacati impugnano la Buona Scuola
» Dove acquistare una buona fresa e lampada uv (no nded)!!
» Buona domenica:cosa cucinate oggi?
» sperando sia la volta buona.....

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: