Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Contatti27
Ultimi argomenti attivi
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da Siddharta Gio Giu 10, 2021 3:03 pm

Salve,
sono una docente delle scuole superiori e alla fine di aprile ho avuto un figlio. Attualmente sono nei tre mesi di allattamento che dovrebbero terminare all'inizio di agosto.
Siccome mio figlio avrebbe solo tre mesi e sarebbe veramente piccolo, qualcuno saprebbe dirmi se c'è possibilità di avere ancora qualche mese a disposizione per continuare a stare a casa?
Grazie

Siddharta

Messaggi : 476
Data d'iscrizione : 15.05.11

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da milla 2 Gio Giu 10, 2021 3:09 pm

Hai le ferie e le F.S. Poi potrai chiedere il congedo parentale di cui il primo mese è retribuito al 100% e gli altri 5 al 30%

milla 2

Messaggi : 4879
Data d'iscrizione : 27.09.15

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da fradacla Gio Giu 10, 2021 6:23 pm

Siddharta ha scritto:Salve,
sono una docente delle scuole superiori e alla fine di aprile ho avuto un figlio. Attualmente sono nei tre mesi di allattamento...

Sei nei tre mesi di astensione obbligatoria post partum, che non c'entra con l'allattamento.
Come ti hanno già detto, per tutto il mese di agosto potrai usufruire di ferie e festività soppresse; te ne resteranno un po' che potrai utilizzare nei periodi di sospensione dell'attività didattica del prossimo anno scolastico.
Milla ti ha ricordato che hai un mese di astensione facoltativa al 100%, poi, volendo, 5 mesi al 30%, fruibili tutti anche frazionati.

C'è infine un'ultima cosa per facilitare i neo-genitori: finché il neonato compie un anno di vita, si può chiedere la riduzione oraria, questa sì per allattamento, che consiste in un taglio di 5 o 6 ore settimanali a stipendio pieno.

Ti consiglio di cercare la normativa sulla maternità e paternità e tenerla a portata di mano.

fradacla
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 21361
Data d'iscrizione : 24.08.10

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da Siddharta Lun Giu 14, 2021 7:23 am

Ma questj mesi di astensione facoltativa di cui mi parlate costituiscono il congedo parentale?

Siddharta

Messaggi : 476
Data d'iscrizione : 15.05.11

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da milla 2 Lun Giu 14, 2021 7:28 am

Si, sono il congedo parentale

milla 2

Messaggi : 4879
Data d'iscrizione : 27.09.15

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da paniscus_2.1 Lun Giu 14, 2021 8:06 am

Ma è veramente possibile che una lavoratrice madre che si è già fatta tutta la prima parte della maternità non sappia cose così elementari?

paniscus_2.1

Messaggi : 4105
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da caesar753 Lun Giu 14, 2021 8:15 pm

Di solito quando una ha un figlio mi pare che più o meno riesca ad assentarsi fino al compimento del diciottesimo anno d'età, prova ad informarti...

caesar753

Messaggi : 1122
Data d'iscrizione : 22.05.11

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da paniscus_2.1 Lun Giu 14, 2021 8:18 pm

caesar753 ha scritto:Di solito quando una ha un figlio mi pare che più o meno riesca ad assentarsi fino al compimento del diciottesimo anno d'età, prova ad informarti...

ecco un altro bel caso di trollometro a fondo scala, complimenti.

paniscus_2.1

Messaggi : 4105
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da caesar753 Lun Giu 14, 2021 8:59 pm

beh, io conosco qualcuna che, avendo partorito ad ottobre, dopo la fine dell'astensione obbligatoria, dell'astensione facoltativa al 100% ha fatto "ammalare" il bambino un paio di mesi, poi si è "ammalata" lei un altro mese e infine, a causa della contagiosità diffusa di questo periodo storico, l'anno si è chiuso con un'altra "malattia" del bambino

caesar753

Messaggi : 1122
Data d'iscrizione : 22.05.11

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da gugu Lun Giu 14, 2021 9:11 pm

caesar753 ha scritto:beh, io conosco qualcuna che, avendo partorito ad ottobre, dopo la fine dell'astensione obbligatoria, dell'astensione facoltativa al 100% ha fatto "ammalare" il bambino un paio di mesi, poi si è "ammalata" lei un altro mese e infine, a causa della contagiosità diffusa di questo periodo storico, l'anno si è chiuso con un'altra "malattia" del bambino

C'è chi anche sta in aspettativa per anni per altri motivi.
gugu
gugu

Messaggi : 38198
Data d'iscrizione : 28.09.09

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da caesar753 Lun Giu 14, 2021 9:32 pm

gugu ha scritto:
caesar753 ha scritto:beh, io conosco qualcuna che, avendo partorito ad ottobre, dopo la fine dell'astensione obbligatoria, dell'astensione facoltativa al 100% ha fatto "ammalare" il bambino un paio di mesi, poi si è "ammalata" lei un altro mese e infine, a causa della contagiosità diffusa di questo periodo storico, l'anno si è chiuso con un'altra "malattia" del bambino

C'è chi anche sta in aspettativa per anni per altri motivi.

almeno non lo pagano...

caesar753

Messaggi : 1122
Data d'iscrizione : 22.05.11

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da paniscus_2.1 Lun Giu 14, 2021 9:57 pm

caesar753 ha scritto:beh, io conosco qualcuna che, avendo partorito ad ottobre, dopo la fine dell'astensione obbligatoria, dell'astensione facoltativa al 100% ha fatto "ammalare" il bambino un paio di mesi, poi si è "ammalata" lei un altro mese e infine, a causa della contagiosità diffusa di questo periodo storico, l'anno si è chiuso con un'altra "malattia" del bambino

E questo, ammettendo che sia vero, significa assentarsi fino al diciottesimo anno?

Non vedo cosa c'entrino i falsi certificati di malattia con la maternità.
Chi non si fa scrupoli a farsi fare certificati di malattia falsi, lo fa anche se non ha figli.

E comunque la malattia è una cosa, l'aspettativa un'altra, e il congedo parentale un'altra ancora.

Chi si mette in aspettativa non è pagato, e chi si mette in congedo parentale è pagato a stipendio ridotto.

E non mi risulta che si possano fare tre mesi di "malattia del bambino" a stipendio pieno. Questa è proprio falsa.

paniscus_2.1

Messaggi : 4105
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da caesar753 Lun Giu 14, 2021 10:04 pm

paniscus_2.1 ha scritto:

E questo, ammettendo che sia vero, significa assentarsi fino al diciottesimo anno?

.

iperbole

1. Definizione

L’iperbole (dal gr. yperbolḗ, in lat. superlatio) è una figura retorica che consiste nel portare all’eccesso il significato di un’espressione, amplificando o riducendo il suo riferimento alla realtà per rafforzarne il senso e aumentarne, per contrasto, la credibilità.

Tradizionalmente, l’iperbole coincide con l’esagerazione, cioè col proferire un enunciato in cui il riferimento alla realtà è reso calcolatamente incredibile proprio per intensificare l’espressione di partenza fino a portarla al massimo o al minimo grado, con effetti di varia natura, anche ironici e paradossali. Ecco alcuni esempi italiani, di segno positivo e negativo:

(1) amare da morire

aspettare da una vita

aspettare un secondo

bere un goccio

dire un milione di volte

essere (stanco) morto

fare quattro passi

salire alle stelle

spezzarsi il cuore

In (1) sono contenute espressioni che si caratterizzano per essere modi di dire abusati (tecnicamente, catacretici) o iperboli d’uso (cfr. Mortara Garavelli 1993) e che segnalano l’impossibilità di essere ‘prese alla lettera’, costringendo il destinatario a risolvere da sé l’incongruità tra quanto si dice e quanto si vuole fare intendere.

Da questo punto di vista, l’iperbole è il corrispettivo grammaticale e retorico dei dispositivi linguistici mediante cui si determina il grado con cui diverse entità comunicano la loro idea (ad es., il ➔ superlativo degli aggettivi).

I latini chiamano l’iperbole superlatio. Con questo termine nella Retorica a Gaio Erennio (opera del I sec. a.C. per tradizione attribuita a Cicerone ma in realtà di autore ignoto, il cosiddetto Pseudo-Cicerone) viene indicata quell’espressione che serve per accrescere o diminuire qualcosa oltre la verità. Essa si può ottenere direttamente (per es., misurare l’estensione dell’impero col sorgere e il tramontare del sole) o con il confronto di uguaglianza (nel volto eguaglia l’ardore del sole), ma anche di superiorità (fluiva un discorso più dolce del miele). Nella sua Institutio oratoria Quintiliano mantiene il termine greco e considera l’iperbole come la forma più audace nell’abbellimento (ornatus) dei discorsi. Essa si presenta in diversi modi: dicendo più di quanto avviene o è avvenuto; con una similitudine; con un paragone; o per mezzo di una metafora. Ma si possono anche accostare più iperboli per rafforzarne l’effetto (VIII, 6, 67-70), pur considerando che si tratta di una figura difficile: l’iperbole è infatti una «bugia» che non vuole ingannare, sicché è il fatto stesso di cui si vuol parlare ad andare «oltre la misura» (VIII, 5, 74-76).

I trattati alto-medioevali delle artes poetriae (XI-XII secolo), accogliendo questa definizione, inseriscono l’iperbole nell’ornatus gravis, in quanto tendono a considerarla come un tropo e a collocarla accanto alla ➔ metafora, alla ➔ metonimia e alla ➔ sineddoche. Nasce così la tradizione dell’iperbole come tropo composto, che ottiene il suo effetto a partire da altre figure retoriche (con esempi come un oceano di sangue scorreva come il mare). Goffredo di Vinosalvo nella sua Poetria nova (vv. 1013-19; Faral 19622), raccomandando l’iperbole, mette in guardia rispetto a un suo impiego selvaggio che ferirebbe la mente e l’orecchio, mentre un uso accorto risponde perfettamente all’esigenza di amplificare o diminuire le lodi. Del resto, questo modo di collegare l’iperbole alle lodi è incluso nel topos medievale, e prima classico, del panegirico iperbolico o sopravanzamento (Curtius 1992: 182 segg.) che consiste nel ‘magnificare’ oltre misura una persona, un evento o anche una descrizione naturale. Nel rivolgersi al papa destinatario della sua opera, lo stesso Goffredo lo definisce come stupor mundi («meraviglia del mondo»).

2. La letteratura italiana

Lo stile iperbolico del sopravanzare nella descrizione gli altri poeti è raccolto da ➔ Dante nella Commedia quando, ad es., ricorre alla tipica formula «taccia», riferendosi a Lucano e a Ovidio:

(2) Taccia Lucano omai là dov’e’ tocca del misero Sabello e di Nasidio. […] Taccia di Cadmo e Aretusa Ovidio (Inf. XXV, 94-95, 97)

Ma l’iperbole, nella sua forma più tipica, è piuttosto frequente nella Commedia. Qui si ricorre spesso all’impiego del numero simbolico per intensificare la quantità, secondo una tradizione già classica:

(3) Per mille fonti, credo, e più si bagna (Inf. XX, 64)

(4) “O frati”, dissi, “che per cento milia

perigli siete giunti a l’occidente” (Inf. XXVI, 112-113)

(5) se per mille fiate in sul capo mi tomi (Inf. XXXII, 102)

In altri casi, la quantità viene espressa per via metaforica (con l’uso del termine laco per riferirsi al sangue):

(6) vid’io delle mie vene farsi in terra laco (Purg. V, 84)

o per attenuazione (col termine gocciol per indicare una minima quantità di acqua: «e ora, lasso!, un gocciol d’acqua bramo», Inf. XXX, 63; od oncia, una minima misura di spazio: «ch’i’ potessi in cent’anni andare un’oncia», Inf. III, 83). In Dante l’impiego dell’iperbole consegue però a una pluralità di esigenze espressive. In particolare, la Commedia inaugura il tema iperbolico dell’indicibile e dell’ineffabile e, insieme, prosegue quello (già della Vita nova) della ‘loda’ della donna in quanto figura mistica:

(7) lucevan gli occhi suoi più che la stella (Inf. II, 55)

Fra i vari temi cui si presta l’uso dell’iperbole, quello dell’amplificazione iperbolica della donna amata si instaura nella tradizione lirica italiana e diventa forse il modulo più ricorrente. Ciò appare nei testi poetici di ➔ Francesco Petrarca, con versi celeberrimi («che ’n mille dolci nodi gli avolgea», Canz. XC, 2). In partic., però, l’iperbole si realizza, ancor più che in Dante, come schema compositivo globale capace di organizzare il testo nel suo complesso:

(8) Le stelle, il cielo et gli elementi a prova

tutte lor arti et ogni estrema cura

poser nel vivo lume, in cui Natura

si specchia, e ’l sol che altrove par non trova (Canz. CLIV, vv. 1-4).

Lo stile dell’esagerazione iperbolica come meccanismo testuale è ampiamente testimoniato nel Seicento (ad es., con Giovan Battista Marino; ➔ età barocca, lingua dell’). Ma fu soprattutto l’Ottocento a riportare in auge l’iperbole come forma ricorrente dell’ornatus. Lo testimonia il manuale di Pierre Fontanier che descrive l’iperbole come autentica figura di «veridizione», cioè di produzione di un «effetto rafforzato di verità». Nel collegare le cose ben al di sopra o ben al di sotto di quelle che sono, l’iperbole rafforza l’effetto di credibilità perché porta a intensificare quanto viene detto di incredibile (Fontanier 1971: 123-124). La figura mostra così tutta la sua disponibilità a incrementare i toni forti ed emozionali di un intento comunicativo che si propone di trasmettere al lettore ampliate sensazioni di varia natura (dall’esasperazione all’esaltazione al delirio). Così leggiamo in ➔ Ugo Foscolo:

(9) Allor lento io vagando, ad una ad una palpo le piaghe onde la rea fortuna

e amore e il mondo hanno il mio core aperto (Sonetti, “Così gl’interi giorni”, vv. 7-8)

Foscolo impiega l’iperbole anche concentrandovi più artifici figurativi:

(10) Figlio infelice, e disperato amante,

e senza patria, a tutti aspro e a te stesso,

giovine d’anni e rugoso in sembiante,

che stai? (Sonetti, “Che stai?”, vv. 9-12)

Lo stesso si può dire per ➔ Giacomo Leopardi:

(11) Fugaci giorni! A somigliar di un lampo

son dileguati! (Canti, “Le ricordanze”, vv. 131-32)

(12) il giovanile stato

dove ogni ben di mille pene è il frutto (Canti, “Il tramonto della luna”, vv. 35-37)

che riprende il tema iperbolico dell’indicibile, come nei celebri versi:

(13) Lingua mortal non dice

quel ch’io sentiva in seno (Canti, “A Silvia”, vv. 26-27)

Per ➔ Alessandro Manzoni, invece, i toni iperbolici sembrano riportarsi a moduli più classici:

(14) Dalle Alpi alle Piramidi

dal Manzanarre al Reno

di quel securo il fulmine

tenea dietro il baleno

(“Cinque maggio”, vv. 25-28)

o, come spesso avviene, collegano l’iperbole con l’ironia (col celebre riferimento ai «venticinque lettori» del primo capitolo dei Promessi sposi).

Nell’Ottocento l’iperbole entra come figura caratteristica anche nei testi a diffusione popolare, come i libretti d’opera lirica (➔ melodramma, lingua del); così nella Bohème:

(15) Per sogni, per chimere

e per castelli in aria

l’anima ho milionaria (Quadro primo)

o negli inni (così in “Fratelli di Italia” di Goffredo Mameli:

(16) Dall’Alpe a Sicilia,

ovunque è Legnano (vv. 28-29).

Nel Novecento, il clima culturale delle avanguardie consente all’iperbole forme originali soprattutto per quella che è stata chiamata iperbole combinata (Lausberg 1960). Ad es., nel futurismo di Filippo Tommaso Martinetti, l’iperbole penetra nella parola fino a dilatarla graficamente:

(17) Veramente dio d’una razza d’acciaio

Automobile ebbrrrezza di spazio, che scalpiti e frrremi d’angoscia (Lussuria-velocità, “All’automobile da corsa”, vv. 1-3)

In altri casi, l’iperbole è sempre più dissimulata combinandola con la metafora e l’➔ epifonema, come in Dino Campana:

(18) Nel cuore della sera c’è

sempre una piaga rossa languente

(Canti orfici, “L’invetriata”, vv. 10-11)

o in Giuseppe Ungaretti:

(19) È il mio cuore

il paese più straziato

(L’allegria, “San Martino del Carso”, vv. 11-12).

Nella seconda parte del Novecento, ➔ Eugenio Montale conferma la tendenza dell’iperbole a presentarsi ‘pura’ («Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale»; Satura, Xenia, II 5, v. 1) o più spesso combinata in formule sentenziose:

(20) che il vuoto è il pieno e il sereno

la più diffusa delle nubi

(Satura, Xenia, I, 14, vv. 11-12).

caesar753

Messaggi : 1122
Data d'iscrizione : 22.05.11

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da paniscus_2.1 Lun Giu 14, 2021 10:06 pm

Ok, avevo già prospettato la possibilità che il trollometro fosse a  fondo scala, ma adesso è certo.

Non è che l'abbondanza di citazioni dotte cancelli la sostanza...

paniscus_2.1

Messaggi : 4105
Data d'iscrizione : 31.10.17

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da caesar753 Lun Giu 14, 2021 10:16 pm

https://www.youtube.com/watch?v=v1PBptSDIh8

caesar753

Messaggi : 1122
Data d'iscrizione : 22.05.11

Torna in alto Andare in basso

Permessi oltre 3 mesi dopo il parto Empty Re: Permessi oltre 3 mesi dopo il parto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.