Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 ricercatore a tempo determinato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
il mio gatto



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 17.12.11

MessaggioTitolo: ricercatore a tempo determinato   Sab Dic 17, 2011 1:44 am

qualcuno sa con certezza se nel caso di vincita di un posto di ricercatore universitario a tempo determinato secondo quanto previsto dalla legge Gelmini sull'università (240/2010, art. 24, comma 3a) è possibile chiedere l'aspettativa a scuola come per dottorato, assegni ecc. o è obbligatorio lasciare il posto? (sono docente a tempo indeterminato)
o sapete dirmi dove posso trovare informazioni sicure?
grazie
Tornare in alto Andare in basso
Titti76



Messaggi : 493
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Sab Dic 17, 2011 11:17 am

Non si puo` chiedere l'aspettativa per motivi di studio, ma quella per motivi di lavoro (presso altra pubblica amministrazione) e cmq per non piu` di tre anni.
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Mar Mag 15, 2012 6:15 pm

Da quello che so io, invece, sembra che concedere o meno l'aspettativa per chi abbia vinto un concorso di ricercatore TD sia a discrezione del Dirigente Scolastico. Infatti un'aspettativa per motivi non di studio deve essere pagata direttamente dalla scuola (nel senso che la scuola deve pagare con il FIS il supplente che coprirà le ore lasciate scoperte dal docente in aspettativa), il ministero non la copre. Vi risulta?
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Mer Mag 16, 2012 8:10 pm

Se interessa ancora a qualcuno, io mi sono informato presso il mio Ufficio Scolastico Provinciale...

;-)
Tornare in alto Andare in basso
il mio gatto



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 17.12.11

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Ven Ago 17, 2012 7:32 pm

AxOnLine ha scritto:
Se interessa ancora a qualcuno, io mi sono informato presso il mio Ufficio Scolastico Provinciale...

;-)

a ma interessa tantissimo... dopo l'uscita del decreto 5/2012 che prevede per tutti i dipendenti pubblici vincitori di un posto di ricercatore a tempo determinato l'aspettativa per tutta la durata del contratto, a scuola mi hanno detto che per loro va bene, ma che gli fanno storie dalla ragioneria di stato perché dicono che, avendo io già usufruito recentemente di aspettative e congedi per un totale di 2 anni e 1/2 su cinque, non posso più prendere aspettative di alcun tipo per un po'...
in realtà ho accumulato un anno di aspettativa per assegno di ricerca, un anno e tre mesi di congedo straordinario per borsa di studio e tre mesi di congedo parentale (poi sono tornata a scuola per un anno e mezzo).
Ma il limite dei due anni e mezzo non era per l'aspettativa per motivi di famiglia o personali? l'aspettativa per ricercatore a t.d. non è storia a sé e comunque obbligatoria? me la possono negare per questo motivo? e che c'entra la ragioneria dello stato se la scuola è d'accordo? e se vinco il posto e mi negano l'aspettativa cosa succede?
Non mi aspettavo questo nuovo problema. se qualcuno ha qualche piccolo lume in proposito... o magari un precedente da richiamare...
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Sab Ago 18, 2012 12:08 am

@il mio gatto

"a scuola mi hanno detto che per loro va bene, ma che gli fanno storie dalla ragioneria di stato perché dicono che, avendo io già usufruito recentemente di aspettative e congedi per un totale di 2 anni e 1/2 su cinque, non posso più prendere aspettative di alcun tipo per un po'..."

E hanno ragione, purtroppo. Il TU della scuola prevede infatti proprio questo, max tre anni di aspettativa in tutto nell'ultimo quinquennio, quindi nel caso specifico resterebbero disponibili solo sei mesi. Avrebbero dovuto modificare il TU, ma è già tanto che abbiano avuto il coraggio di integrare decentemente la 240.

"l'aspettativa per ricercatore a t.d. non è storia a sé e comunque obbligatoria?"

Certo, ma nel presupposto che il richiedente non abbia già n-anni di aspettativa alle spalle...

"e che c'entra la ragioneria dello stato se la scuola è d'accordo?"

Ubi maior minor cessat. La RGS fa capo al Ministero dell'Economia che è quello che ci paga. Senza il suo beneplacito la scuola non può fare proprio niente, com'è noto.
Tornare in alto Andare in basso
il mio gatto



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 17.12.11

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Sab Ago 18, 2012 3:30 pm

AxOnLine ha scritto:
@il mio gatto

"a scuola mi hanno detto che per loro va bene, ma che gli fanno storie dalla ragioneria di stato perché dicono che, avendo io già usufruito recentemente di aspettative e congedi per un totale di 2 anni e 1/2 su cinque, non posso più prendere aspettative di alcun tipo per un po'..."

E hanno ragione, purtroppo. Il TU della scuola prevede infatti proprio questo, max tre anni di aspettativa in tutto nell'ultimo quinquennio, quindi nel caso specifico resterebbero disponibili solo sei mesi. Avrebbero dovuto modificare il TU, ma è già tanto che abbiano avuto il coraggio di integrare decentemente la 240.

grazie della risposta anche se un po' deprimente. Mi puoi dare i riferimenti precisi del TU (il dpr 297/94 no?) perché riguardandolo non ho trovato questi riferimenti temporali ai 3 anni su 5, e gli artt. su congedi e aspettative anzi risultano disapplicati dopo l'entrata in vigore del CCNL. I 2 anni e 1/2 su 5 che contestavano a me fanno riferimento al vecchio dpr 3/57 artt. 69-70 che si riferiva all'aspettativa per motivi di famiglia o personali. Ora le tipologie si sono moltiplicate, ma una cosa è il congedo straordinario altra l'aspettativa, altra i congedi parentali, ma si somma tutto a quanto pare?
Visto che sei ben informato o informata, ti chiedo altre due cose:
- che succede se firmo comunque il contratto per ricercatore a t.d. con l'università? decado automaticamente dalla scuola? o non lo posso proprio firmare?
- la recente integrazione alla 240 ricorda l'aspettativa obbligatoria o il collocamento fuori ruolo: e il fuori ruolo a me andrebbe bene, ma nessuno me ne sa dire niente...
grazie...


"l'aspettativa per ricercatore a t.d. non è storia a sé e comunque obbligatoria?"

Certo, ma nel presupposto che il richiedente non abbia già n-anni di aspettativa alle spalle...

"e che c'entra la ragioneria dello stato se la scuola è d'accordo?"

Ubi maior minor cessat. La RGS fa capo al Ministero dell'Economia che è quello che ci paga. Senza il suo beneplacito la scuola non può fare proprio niente, com'è noto.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 6914
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 9:44 am

Puoi chiedere quella per altro lavoro o superare un periodo di prova. Inoltre sei a TI, presupponendo che hai superato l' anno di prova potresti anche chiedere l'anno sabbatico.
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 10:13 am

Paolo1974 ha scritto:
Puoi chiedere quella per altro lavoro o superare un periodo di prova. Inoltre sei a TI, presupponendo che hai superato l' anno di prova potresti anche chiedere l'anno sabbatico.

Aspettativa per altro lavoro: max 1 anno, poi bisogna scegliere definitivamente (aut università aut scuola)
Anno sabbatico: 1 anno per motivi di studio, non per motivi di lavoro, cmq a discrezione del DS
Ricordiamo che è il DS che concede l'aspettativa, non è qualcosa di automatico.

@il mio gatto:
Riferimenti normativi richiesti:
- art. 18 CCNL: prevede max 1 anno aspettativa per incarichi e ricerca
- TU artt. 69-70

Non si possono cumulare aspettative per motivi diversi (ad es. per studio e per famiglia o salute) e bisogna che fra un'aspettativa e l'altra intercorra un periodo di almeno 6 mesi tra un anno e l'altro di aspettativa.

Se qualcuno ne sa più di me e ha precisazioni o diversa interpretazione dei riferimenti normativi suddetti, prego posti con urgenza!
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 6914
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 10:17 am

AxOnLine ha scritto:
Paolo1974 ha scritto:
Puoi chiedere quella per altro lavoro o superare un periodo di prova. Inoltre sei a TI, presupponendo che hai superato l' anno di prova potresti anche chiedere l'anno sabbatico.

Aspettativa per altro lavoro: max 1 anno, poi bisogna scegliere definitivamente (aut università aut scuola)
Anno sabbatico: 1 anno per motivi di studio, non per motivi di lavoro, cmq a discrezione del DS
Ricordiamo che è il DS che concede l'aspettativa, non è qualcosa di automatico.

@il mio gatto:
Riferimenti normativi richiesti:
- art. 18 CCNL: prevede max 1 anno aspettativa per incarichi e ricerca
- TU artt. 69-70

Non si possono cumulare aspettative per motivi diversi (ad es. per studio e per famiglia o salute) e bisogna che fra un'aspettativa e l'altra intercorra un periodo di almeno 6 mesi tra un anno e l'altro di aspettativa.

Se qualcuno ne sa più di me e ha precisazioni o diversa interpretazione dei riferimenti normativi suddetti, prego posti con urgenza!

Mi linki il riferimento dell'anno sabbatico SOLO per motivi di studio?

Per quanto riguarda quella per altro lavoro, certo solo un anno. Il collega è ricercatore a tempo determinato e non di ruolo. Inoltre l aspettativa per altro lavoro non è a discrezione del Ds.
Aggiungo che l anno sabbatico e altro lavoro non sono aspettative per studio o motivi di famiglia, quindi non c'è bisogno di stacco tra un 'aspettativa e altra. Si possono cumulare.




Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 11:49 am

Anno sabbatico:
Comma 14 art. 26. legge n. 448 del 23.12.1998

Sì, l'aspettativa per altro lavoro (ma cmq max 1 anno) non è a discrezione del DS. Ma come che sia, il problema della collega "il mio gatto" a cui rispondevo era un altro (peraltro identico al mio), dato che lei aveva già due anni e mezzo di aspettative cumulate con i precedenti assegni e borse.
Se invece non ci si trova in tale situazione, c'è il DL 5/2012 che consente la messa in aspettativa ai vincitori di concorso ricercatore t.d.
Insomma il problema è di chi è stato dottorando, assegnista, contrattista, borsista ecc. prima della L. 240 e quindi ha accumulato giocoforza aspettative e congedi. Ovvio che le scuole non vedano di buon occhio la cosa, anche perché in questo modo si tiene "congelato" un posto anche per 10 anni (è successo nella mia scuola con un assegnista/borsista che fa ricerca all'estero ma continua a tenere il ruolo al liceo).
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 11:55 am

Dimenticavo: su Orizzonte Scuola c'è tutta la normativa. Ecco il link:

http://www.orizzontescuola.it/permessi_aspettative_congedi

Faccio peraltro notare che chi ha i titoli per un posto di ricercatore t.d. (probabilmente untenured) è anche idoneo per la docenza di seconda fascia (ex prof associato)... A fine luglio è uscito il bando.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 6914
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 12:09 pm

AxOnLine ha scritto:
Anno sabbatico:
Comma 14 art. 26. legge n. 448 del 23.12.1998

Sì, l'aspettativa per altro lavoro (ma cmq max 1 anno) non è a discrezione del DS. Ma come che sia, il problema della collega "il mio gatto" a cui rispondevo era un altro (peraltro identico al mio), dato che lei aveva già due anni e mezzo di aspettative cumulate con i precedenti assegni e borse.
Se invece non ci si trova in tale situazione, c'è il DL 5/2012 che consente la messa in aspettativa ai vincitori di concorso ricercatore t.d.
Insomma il problema è di chi è stato dottorando, assegnista, contrattista, borsista ecc. prima della L. 240 e quindi ha accumulato giocoforza aspettative e congedi. Ovvio che le scuole non vedano di buon occhio la cosa, anche perché in questo modo si tiene "congelato" un posto anche per 10 anni (è successo nella mia scuola con un assegnista/borsista che fa ricerca all'estero ma continua a tenere il ruolo al liceo).

Ok. Il tuo discorso è un altro. In ogni caso la legge sull' anno sabbaticO la conosco bene. Ti chiedevo il riferimento nel senso che non c'è scritto che l'anno sabbatico deve essere chiesto solo per motivi di studio. Infatti non è cosi. Anche perché i motivi per la richiesta dell'anno sabbatico non devono essere esplicitati.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 6914
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 12:11 pm

E comunque ripeto che non fanno cumulo con quelle di 2 anni e mezzo
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 12:34 pm

E anche se non fanno cumulo, scusa...? L'anno sabbatico è per max 1 anno. Cmq i contratti per ricercatore (se è di questo che stiamo parlando e non di assegni, borse, contratti...) prevedono un impegno di tre anni continuativi ed esclusivi... Ergo, l'aspettativa va chiesta per tutti e tre gli anni, non si può tornare a scuola per mezzo anno scolastico. Come si fa a raggiungerli con le aspettative se nell'ultimo quinquennio io e la collega abbiamo già usufruito per due-due anni e mezzo...? La premessa era questa...
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 6914
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 1:02 pm

A mio modesto avviso l'aspettativa di cui all’art. 18 comma 3 (altro lavoro) non rientra nel computo dei 2 anni e mezzo nel quinquennio dal momento che l’art. 70 del dpr prevede ai fini della cumulabilità dei periodi di aspettativa esclusivamente l’aspettativa per motivi di famiglia e per infermità.

Quindi abbiamo motivi di famiglia, anno sabbatico e altro lavoro. Il docente a tempo indeterminato non deve rientrare in servizio tra un'aspettativa e l altra.

Tale soluzione ho prospettato ad un ds per un collega. Con un accordo preventivo si è raggiunto l'obiettivo dei tre anni. Anche perché preventivandolo prima il posto viene coperto con l organico di fatto e la scuola non paga il supplente ( problema comunque risolto con la spending).

Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 4:14 pm

Vediamo se ho capito.
- la cumulabilità dei periodi di aspettativa riguarda solo quelli richiesti per motivi di famiglia e infermità;
- l'aspettativa per svolgere altri incarichi lavorativi come lavoratore dipendente non rientra nel calcolo di cui sopra;
- la richiesta di anno sabbatico non deve essere motivata dal docente a t.i. (veramente nella scuola dove insegno io bisogna motivare tutto, anche i permessi per motivi personali).
I tre anni necessari allo svolgimento del contratto con l'università si raggiungerebbero quindi sommando tre aspettative che non fanno cumulo:
- anno sabbatico;
- motivi di lavoro;
- motivi di famiglia.
D'accordo per i primi due, per i quali ammettiamo pure che non sussista la discrezionalità del DS. Ma per il terzo? Bisogna inventarselo (e quindi dichiarare il falso) o il motivo di famiglia può coincidere con un'esigenza personale di concludere il contratto a t.d.?
Quali sono i termini dell'accordo con il DS?
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 6914
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Ago 19, 2012 4:27 pm

AxOnLine ha scritto:
Vediamo se ho capito.
- la cumulabilità dei periodi di aspettativa riguarda solo quelli richiesti per motivi di famiglia e infermità;
- l'aspettativa per svolgere altri incarichi lavorativi come lavoratore dipendente non rientra nel calcolo di cui sopra;
- la richiesta di anno sabbatico non deve essere motivata dal docente a t.i. (veramente nella scuola dove insegno io bisogna motivare tutto, anche i permessi per motivi personali).
I tre anni necessari allo svolgimento del contratto con l'università si raggiungerebbero quindi sommando tre aspettative che non fanno cumulo:
- anno sabbatico;
- motivi di lavoro;
- motivi di famiglia.
D'accordo per i primi due, per i quali ammettiamo pure che non sussista la discrezionalità del DS. Ma per il terzo? Bisogna inventarselo (e quindi dichiarare il falso) o il motivo di famiglia può coincidere con un'esigenza personale di concludere il contratto a t.d.?
Quali sono i termini dell'accordo con il DS?

L'aspettativa non è solo per motivi di famiglia ma anche personali. Tra quelli personali rientra anche il fatto di voler fare il ricercatore, quindi il mio motivo personale è svolgere l'attività di ricercatore.

Ovviamente nel momento in cui prospetto i tre anni, come ho fatto io per il collega, e faccio notare che dal punto di vista normativo sono in regola, bisogna che il ds già dal primo anno abbia chiara la procedura, in modo da fare le richieste sempre in tempo e prima della scadenza delle relative aspettative cosi il docente non rientra tra un' aspettativa e l'altra. Bisogna puntare sulla non retribuzione delle aspettative ( ricordiamo anche il risvolto negativo in generale sulla carriera da docente). Inoltre ricordiamo che comunque un diniego dev'essere non solo dato per iscritto ma anche motivato.


Per ciò che riguarda i permessi per motivi familiari è un'altra storia, che abbiamo affrontato anche nel forum . Ormai la giurisprudenza ha bacchettato fin troppo i ds.

Tornare in alto Andare in basso
il mio gatto



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 17.12.11

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Lun Ago 20, 2012 11:59 am

AxOnLine ha scritto:
E anche se non fanno cumulo, scusa...? L'anno sabbatico è per max 1 anno. Cmq i contratti per ricercatore (se è di questo che stiamo parlando e non di assegni, borse, contratti...) prevedono un impegno di tre anni continuativi ed esclusivi... Ergo, l'aspettativa va chiesta per tutti e tre gli anni, non si può tornare a scuola per mezzo anno scolastico. Come si fa a raggiungerli con le aspettative se nell'ultimo quinquennio io e la collega abbiamo già usufruito per due-due anni e mezzo...? La premessa era questa...

visto che abbiamo lo stesso problema, tu come ti stai muovendo? hai sentito anche il sindacato o un avvocato? io conto di farlo appena possibile (sono in vacanza).
A me è andata così:
- quando ho chiesto a scuola se potevo, mi hanno detto inizialmente che avevo diritto a un solo anno di aspettativa per lavoro, poi dovevo scegliere; comunque l'aspettativa per lavoro, come l'anno sabbatico, spetta sempre al di là di quanti anni di aspettativa si siano già goduti (questo ti risulta?);
- poi è uscito il decreto 5/2012 (convertito in legge 35 4/4/2012) che integra la legge Gelmini con l'aspettativa per tutta la durata del contratto (tra l'altro: 3 anni + eventuale rinnovo di 2 quindi fino a 5...) o il collocamento fuori ruolo ove previsto (che secondo me potrebbe essere la soluzione, ma nessuno ne sa nulla...). Mi sono detta: ok, è fatta. Consideravo che la tipologia fosse comunque aspettativa per lavoro, visto che si tratta di un contratto di lavoro vero e proprio, non studio e ricerca, e quindi svincolata dal limite dei 2 anni e 1/2 già goduti;
- a metà agosto a scuola mi dicono che per loro non ci sono problemi ma la ragioneria dice che avendo già accumulato 2 anni e 1/2 di aspettativa non ne ho diritto.

A me non sembra logico perché è ovvio che chi tenta un contratto di ricercatore a t.d. ha già alle spalle dottorato, assegni ecc. e quindi si crea una disparità di trattamento tra chi per fortuna ne ha goduto parecchi anni prima e chi no... e di fatto si nega la possibilità che l'integrazione della legge Gelmini introdotta con il decreto 5/2012 voleva assicurare...
quindi secondo me la storia è impugnabile per via giudiziaria, ma certo sono beghe, e vincere il concorso ma dover restare a scuola per la durata della causa metterebbe in una situazione insostenibile in università...

se negano l'aspettativa tu lo sai che succede? posso comunque firmare con l'università e automaticamente decado dalla scuola? o posso prendere comunque l'aspettativa per motivi di lavoro di un anno e vedere che succede nel frattempo? o anche l'anno sabbatico? (ma non credo si possa nel frattempo essere dipendenti dell'università...)

altro problema minore su cui non mi sanno rispondere: le aspettative per lavoro e l'anno sabbatico sono calcolate a anno scolastico. L'assunzione in università sarebbe dal 1 novembre. Si possono chiedere comunque dal 1 novembre?

scusa tutte queste domande, sono sei mesi che cerco di capire, l'impressione è che la normativa di per sé non è il massimo della chiarezza, poi altro è la normativa e altro la prassi, e le interpretazioni sono le più varie...
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Ven Ago 24, 2012 7:27 pm

il mio gatto ha scritto:
AxOnLine ha scritto:
E anche se non fanno cumulo, scusa...? L'anno sabbatico è per max 1 anno. Cmq i contratti per ricercatore (se è di questo che stiamo parlando e non di assegni, borse, contratti...) prevedono un impegno di tre anni continuativi ed esclusivi... Ergo, l'aspettativa va chiesta per tutti e tre gli anni, non si può tornare a scuola per mezzo anno scolastico. Come si fa a raggiungerli con le aspettative se nell'ultimo quinquennio io e la collega abbiamo già usufruito per due-due anni e mezzo...? La premessa era questa...

visto che abbiamo lo stesso problema, tu come ti stai muovendo? hai sentito anche il sindacato o un avvocato? io conto di farlo appena possibile (sono in vacanza).
A me è andata così:
- quando ho chiesto a scuola se potevo, mi hanno detto inizialmente che avevo diritto a un solo anno di aspettativa per lavoro, poi dovevo scegliere; comunque l'aspettativa per lavoro, come l'anno sabbatico, spetta sempre al di là di quanti anni di aspettativa si siano già goduti (questo ti risulta?);
- poi è uscito il decreto 5/2012 (convertito in legge 35 4/4/2012) che integra la legge Gelmini con l'aspettativa per tutta la durata del contratto (tra l'altro: 3 anni + eventuale rinnovo di 2 quindi fino a 5...) o il collocamento fuori ruolo ove previsto (che secondo me potrebbe essere la soluzione, ma nessuno ne sa nulla...). Mi sono detta: ok, è fatta. Consideravo che la tipologia fosse comunque aspettativa per lavoro, visto che si tratta di un contratto di lavoro vero e proprio, non studio e ricerca, e quindi svincolata dal limite dei 2 anni e 1/2 già goduti;
- a metà agosto a scuola mi dicono che per loro non ci sono problemi ma la ragioneria dice che avendo già accumulato 2 anni e 1/2 di aspettativa non ne ho diritto.

A me non sembra logico perché è ovvio che chi tenta un contratto di ricercatore a t.d. ha già alle spalle dottorato, assegni ecc. e quindi si crea una disparità di trattamento tra chi per fortuna ne ha goduto parecchi anni prima e chi no... e di fatto si nega la possibilità che l'integrazione della legge Gelmini introdotta con il decreto 5/2012 voleva assicurare...
quindi secondo me la storia è impugnabile per via giudiziaria, ma certo sono beghe, e vincere il concorso ma dover restare a scuola per la durata della causa metterebbe in una situazione insostenibile in università...

se negano l'aspettativa tu lo sai che succede? posso comunque firmare con l'università e automaticamente decado dalla scuola? o posso prendere comunque l'aspettativa per motivi di lavoro di un anno e vedere che succede nel frattempo? o anche l'anno sabbatico? (ma non credo si possa nel frattempo essere dipendenti dell'università...)

altro problema minore su cui non mi sanno rispondere: le aspettative per lavoro e l'anno sabbatico sono calcolate a anno scolastico. L'assunzione in università sarebbe dal 1 novembre. Si possono chiedere comunque dal 1 novembre?

scusa tutte queste domande, sono sei mesi che cerco di capire, l'impressione è che la normativa di per sé non è il massimo della chiarezza, poi altro è la normativa e altro la prassi, e le interpretazioni sono le più varie...

Non sono proprio nella tua invidiabile situazione, io non ho vinto alcun concorso. Ma penso che potrei trovarmici in mezzo anch'io, prima o poi... spending review permettendo.

Forse l'altolà venuto dalla ragioneria generale deriva dal fatto che tu, prendendo l'aspettativa spettante ex DM 5/2012, accumuleresti complessivamente un periodo di aspettativa di cinque anni e mezzo. Ecco perché bisognerebbe spezzettarla con motivazioni diversificate, rinnovandola di anno in anno o, meglio, di periodo in periodo, contando i giorni esatti (ad es. dal 1° novembre al 22 dicembre, dall'8 gennaio alle vacanze di Pasqua, dalle vacanze di Pasqua alla fine dell'a.s.: così figurerebbe che durante le vacanze scolastiche o nei periodi di sospensione dell'attività didattica all'università sei rientrata in servizio), in modo da non bruciarsi tutto il tempo-aspettativa utile per non sforare il tetto dei 5 anni. Insomma, la cosa andrebbe un po' pensata a tavolino e forse anche "negoziata" in modo intelligente con le parti interessate (DS e ateneo).

Per il resto, condivido tutte le tue perplessità, in particolare quelle sulla disparità di trattamento fra chi è stato costretto a prendere aspettativa per espletare dottorati, assegni, borse all'estero ecc. e chi invece potrà usufruire dei benefici derivanti dal decreto (3 anni + 2 per eventuale rinnovo). Purtroppo non so rispondere a tutte le domande che poni, forse bisognerebbe inviare il quesito al Miur, visto che tutto nasce da un vuoto legislativo conseguente alla L. 240.
Oppure, più semplicemente, sottoporre il quesito per iscritto al DS e vedere cosa risponde in adjecto, cioè con quali riferimenti legislativi. Ma credo che sarebbe comunque meglio proporgli già una soluzione mediata, del tipo di quella descritta poc'anzi.

Per quanto riguarda il collocamento fuori ruolo temo sia un'altra cosa (come del resto il comando: vedi CM 19 del 1/3/2012), che cioè consista essenzialmente in una destinazione di personale docente ad attività correlate alla funzione docente o dirigenziale (associazioni professionali, sindacati, progetti ad hoc negli uffici scolastici provinciali o regionali...), quindi non credo si applichi ai vincitori di un concorso universitario.
Tornare in alto Andare in basso
il mio gatto



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 17.12.11

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Lun Ago 27, 2012 8:52 am

AxOnLine ha scritto:
il mio gatto ha scritto:
AxOnLine ha scritto:
E anche se non fanno cumulo, scusa...? L'anno sabbatico è per max 1 anno. Cmq i contratti per ricercatore (se è di questo che stiamo parlando e non di assegni, borse, contratti...) prevedono un impegno di tre anni continuativi ed esclusivi... Ergo, l'aspettativa va chiesta per tutti e tre gli anni, non si può tornare a scuola per mezzo anno scolastico. Come si fa a raggiungerli con le aspettative se nell'ultimo quinquennio io e la collega abbiamo già usufruito per due-due anni e mezzo...? La premessa era questa...

visto che abbiamo lo stesso problema, tu come ti stai muovendo? hai sentito anche il sindacato o un avvocato? io conto di farlo appena possibile (sono in vacanza).
A me è andata così:
- quando ho chiesto a scuola se potevo, mi hanno detto inizialmente che avevo diritto a un solo anno di aspettativa per lavoro, poi dovevo scegliere; comunque l'aspettativa per lavoro, come l'anno sabbatico, spetta sempre al di là di quanti anni di aspettativa si siano già goduti (questo ti risulta?);
- poi è uscito il decreto 5/2012 (convertito in legge 35 4/4/2012) che integra la legge Gelmini con l'aspettativa per tutta la durata del contratto (tra l'altro: 3 anni + eventuale rinnovo di 2 quindi fino a 5...) o il collocamento fuori ruolo ove previsto (che secondo me potrebbe essere la soluzione, ma nessuno ne sa nulla...). Mi sono detta: ok, è fatta. Consideravo che la tipologia fosse comunque aspettativa per lavoro, visto che si tratta di un contratto di lavoro vero e proprio, non studio e ricerca, e quindi svincolata dal limite dei 2 anni e 1/2 già goduti;
- a metà agosto a scuola mi dicono che per loro non ci sono problemi ma la ragioneria dice che avendo già accumulato 2 anni e 1/2 di aspettativa non ne ho diritto.

A me non sembra logico perché è ovvio che chi tenta un contratto di ricercatore a t.d. ha già alle spalle dottorato, assegni ecc. e quindi si crea una disparità di trattamento tra chi per fortuna ne ha goduto parecchi anni prima e chi no... e di fatto si nega la possibilità che l'integrazione della legge Gelmini introdotta con il decreto 5/2012 voleva assicurare...
quindi secondo me la storia è impugnabile per via giudiziaria, ma certo sono beghe, e vincere il concorso ma dover restare a scuola per la durata della causa metterebbe in una situazione insostenibile in università...

se negano l'aspettativa tu lo sai che succede? posso comunque firmare con l'università e automaticamente decado dalla scuola? o posso prendere comunque l'aspettativa per motivi di lavoro di un anno e vedere che succede nel frattempo? o anche l'anno sabbatico? (ma non credo si possa nel frattempo essere dipendenti dell'università...)

altro problema minore su cui non mi sanno rispondere: le aspettative per lavoro e l'anno sabbatico sono calcolate a anno scolastico. L'assunzione in università sarebbe dal 1 novembre. Si possono chiedere comunque dal 1 novembre?

scusa tutte queste domande, sono sei mesi che cerco di capire, l'impressione è che la normativa di per sé non è il massimo della chiarezza, poi altro è la normativa e altro la prassi, e le interpretazioni sono le più varie...

Non sono proprio nella tua invidiabile situazione, io non ho vinto alcun concorso. Ma penso che potrei trovarmici in mezzo anch'io, prima o poi... spending review permettendo.

Forse l'altolà venuto dalla ragioneria generale deriva dal fatto che tu, prendendo l'aspettativa spettante ex DM 5/2012, accumuleresti complessivamente un periodo di aspettativa di cinque anni e mezzo. Ecco perché bisognerebbe spezzettarla con motivazioni diversificate, rinnovandola di anno in anno o, meglio, di periodo in periodo, contando i giorni esatti (ad es. dal 1° novembre al 22 dicembre, dall'8 gennaio alle vacanze di Pasqua, dalle vacanze di Pasqua alla fine dell'a.s.: così figurerebbe che durante le vacanze scolastiche o nei periodi di sospensione dell'attività didattica all'università sei rientrata in servizio), in modo da non bruciarsi tutto il tempo-aspettativa utile per non sforare il tetto dei 5 anni. Insomma, la cosa andrebbe un po' pensata a tavolino e forse anche "negoziata" in modo intelligente con le parti interessate (DS e ateneo).

Per il resto, condivido tutte le tue perplessità, in particolare quelle sulla disparità di trattamento fra chi è stato costretto a prendere aspettativa per espletare dottorati, assegni, borse all'estero ecc. e chi invece potrà usufruire dei benefici derivanti dal decreto (3 anni + 2 per eventuale rinnovo). Purtroppo non so rispondere a tutte le domande che poni, forse bisognerebbe inviare il quesito al Miur, visto che tutto nasce da un vuoto legislativo conseguente alla L. 240.
Oppure, più semplicemente, sottoporre il quesito per iscritto al DS e vedere cosa risponde in adjecto, cioè con quali riferimenti legislativi. Ma credo che sarebbe comunque meglio proporgli già una soluzione mediata, del tipo di quella descritta poc'anzi.

Per quanto riguarda il collocamento fuori ruolo temo sia un'altra cosa (come del resto il comando: vedi CM 19 del 1/3/2012), che cioè consista essenzialmente in una destinazione di personale docente ad attività correlate alla funzione docente o dirigenziale (associazioni professionali, sindacati, progetti ad hoc negli uffici scolastici provinciali o regionali...), quindi non credo si applichi ai vincitori di un concorso universitario.


Sul fuori ruolo credo sia come dici... ma perché citarlo nella legge allora? per il resto, il limite di aspettativa non è 5 anni ma 2 anni e 1/2 su 5, quindi anche con tutta la fantasia non ci si rientra.
Ti fo sapere come va a finire.
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Gio Set 27, 2012 1:11 pm

@il mio gatto

Com'è andata a finire con la ragioneria di Stato? Hai già preso servizio all'università?
Please let me know!
Tornare in alto Andare in basso
il mio gatto



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 17.12.11

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Dom Set 30, 2012 10:10 pm

AxOnLine ha scritto:
@il mio gatto

Com'è andata a finire con la ragioneria di Stato? Hai già preso servizio all'università?
Please let me know!

la procedura universitaria è ancora in corso, la burocrazia è lunga, il rettore deve approvare gli atti, poi il dipartimento deve fare la chiamata, quindi la deve approvare il consiglio di amministrazione e solo a quel punto, a quanto mi hanno detto (ma magari non è vero) prima di firmare il contratto insomma posso fare domanda per l'aspettativa, speriamo prima di Natale...
e alla domanda di aspettativa non so ancora cosa mi risponderanno, ho cercato in tutti i modi di saperlo prima, mesi prima del concorso, inutilmente; la suspence continua... intanto sono dovuta tornare a scuola...
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Lun Ott 01, 2012 12:14 am

il mio gatto ha scritto:
AxOnLine ha scritto:
@il mio gatto

Com'è andata a finire con la ragioneria di Stato? Hai già preso servizio all'università?
Please let me know!

la procedura universitaria è ancora in corso, la burocrazia è lunga, il rettore deve approvare gli atti, poi il dipartimento deve fare la chiamata, quindi la deve approvare il consiglio di amministrazione e solo a quel punto, a quanto mi hanno detto (ma magari non è vero) prima di firmare il contratto insomma posso fare domanda per l'aspettativa, speriamo prima di Natale...
e alla domanda di aspettativa non so ancora cosa mi risponderanno, ho cercato in tutti i modi di saperlo prima, mesi prima del concorso, inutilmente; la suspence continua... intanto sono dovuta tornare a scuola...

Intanto complimenti perché a quanto pare hai vinto il posto di ricercatrice, ed è già una buona cosa. Sul fronte scuola siamo però punto e a capo, poiché non vedo sviluppi significativi dal punto di vista della burocrazia scolastica. Forse resterebbe ancora una debole speranza: capire meglio in che consista l'istituto del fuori ruolo e come possa essere invocato nel caso specifico. In questo modo si aggirerebbe il problema del cumulo di aspettative. Ma, come sappiamo, il fuori ruolo nessuno sa come funziona per i docenti, né se sia mai stato applicato, dato che di solito lo si usa per distacchi e comandi (e un contratto con l'università non rientra certo in questa fattispecie).
Tornare in alto Andare in basso
AxOnLine



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.05.12

MessaggioTitolo: Re: ricercatore a tempo determinato   Mar Ott 02, 2012 6:26 pm

il mio gatto ha scritto:


la procedura universitaria è ancora in corso, la burocrazia è lunga, il rettore deve approvare gli atti, poi il dipartimento deve fare la chiamata, quindi la deve approvare il consiglio di amministrazione e solo a quel punto, a quanto mi hanno detto (ma magari non è vero) prima di firmare il contratto insomma posso fare domanda per l'aspettativa, speriamo prima di Natale...
e alla domanda di aspettativa non so ancora cosa mi risponderanno, ho cercato in tutti i modi di saperlo prima, mesi prima del concorso, inutilmente; la suspence continua... intanto sono dovuta tornare a scuola...

Forse può essere utile sapere che altri vincitori di concorso a t.d. determinato che avevano in passato goduto di aspettative da scuola per: dottorato, assegni e anche motivi personali hanno ottenuto ora l'aspettativa ex DM 5/2012 (o L. 4/4/2012)...
Quindi credo che bisognerebbe riproporre il quesito all'amministrazione scolastica: forse l'altra volta avevano risposto in quel modo semplicemente perché non avevano ancora direttive precise "dall'alto" sulle aspettative da concedere ex L. 240/2010 + modificazioni.
Tornare in alto Andare in basso
 
ricercatore a tempo determinato
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Il tempo
» il tempo esiste?
» TEMPO TRA INIZIO TERAPIA E GIORNO DEL PICK UP
» In quanto tempo le beta si azzerano?
» Dopo la cura di antibiotico, quanto tempo si deve aspettare per ripetere spermiogramma e spermiocultura?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Ferie, assenze, permessi, stipendi, cedolini, disoccupazione-
Andare verso: