Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 NUOVE CLASSI DI CONCORSO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
meide



Messaggi : 483
Data d'iscrizione : 26.04.11

MessaggioOggetto: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Gen 17, 2012 2:32 pm

per il prossimo anno scolastico le classi di concorso muteranno? Quando entreranno in vigore quelle nuove?! A036 e A037 dovrebbero essere accorpate, giusto? Grazie
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Gen 17, 2012 8:52 pm

Per l'anno prossimo non cambierà nulla, sia per i trasferimenti definitivi, sia per i trasferimenti annuali, sia per le nomine da Usp, sia per le nomine da D.S.

A) Solo per la salvaguardia delle situazioni di esubero nella Provincia sono state istituite le classi atipiche, che porteranno una classe di concorso - se in esubero provinciale - ad essere collocata sulla materia della classe di concorso affine.

B) Meno certo che ciò avverrà anche per le situazioni di soprannumerarietà nella Scuola ma NON dovrebbe avvenire, fino a che non ci sono ore della propria classe di concorso nella provincia.

Le classi di concorso che citi non verranno mai accorpate: eventualmente le ore della materia "filosofia" (materia per cui entrambe le classi che citi hanno l'abilitazioni) verranno gestite come detto in A) e in B).
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Gen 17, 2012 8:54 pm

ERRATA CO0RRIGE
"fino a che ci sono ore della propria classe di concorso disponibili nella provincia".
Tornare in alto Andare in basso
franca



Messaggi : 33
Data d'iscrizione : 01.10.09
Età : 38

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Feb 19, 2012 5:23 pm

Per quanto riguarda la classe di concorso A045 scuola medie, ovvero 'Lingua inglese e seconda lingua comunitaria'' ci sono delle novita' ?
Tornare in alto Andare in basso
giulia boffa
Admin


Messaggi : 36316
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 52
Località : milano

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Feb 19, 2012 5:30 pm

LucaPS ha scritto:


B) Meno certo che ciò avverrà anche per le situazioni di soprannumerarietà nella Scuola ma NON dovrebbe avvenire, fino a che non ci sono ore della propria classe di concorso nella provincia.


non è proprio così: le cdc atipiche mirano proprio a non creare perdenti posto nelle scuole di titolarità, pertanto a non fare spostare nessuno

http://dirisp.interfree.it/norme/nm_272_14-3-11.htm
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Feb 19, 2012 7:27 pm

Ah, ho capito.

1) Io pensavo invece che le classi atipiche fossero delle situazioni emergenziali solo per le situazioni di ESUBERO (provinciale), cioè proprio come "ultima ratio" quando proprio proprio non c'è più posto.

2) Invece mi informi che le classi atipiche funzionano anche in via PENultima e cioè già per le situazioni di SOPRANNUMERARIETA' (nella scuola di titolarità). Ad esempio, dici che se nella scuola X c'è un docente soprannumerario e IN UN'ALTRA SCUOLA CI SONO ORE LIBERE PER QUELLA CDC, quel docente - se può insegnare nella scuola di titolarità un'altra materia, grazie alla classe atipica - non viene spostato dalla scuola di titolarità e le ore della sua cdc disponibili nell'altra scuola vengono assegnate nelle fasi di mobilità annuale o di reclutamento annuale.

La situzione 2) però è peggiorativa per gli insegnanti a tempo determinato, perchè nel caso 2) si avrebbe che l'insegnante di ruolo Y con abilitazione Z insegnerebbe alcune ore su una materia atipica, ore che avrebbero dovuto essere assegnate ad un insegnante a tempo determinato H con abilitazione T; e nel contempo le ore libere nell'altra scuola nella cdc Z verrebbero assegnate ad un insegnante a tempo determinato con abilitazione Z.

In pratica, viene assunto nella scuola B un insegnante a tempo determinato sulla stessa cdc in cui l'insegnante di ruolo è soprannumerario nella scuola A. Sarebbe stato più equo far completare all'insegnante di ruolo su due scuole nella materia della sua cdc e riservare le classi atipiche solo ai casi di "vera emergenza" cioè all'esubero provinciale.
Tornare in alto Andare in basso
giulia boffa
Admin


Messaggi : 36316
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 52
Località : milano

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Feb 20, 2012 4:02 am

La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo; il precario non è una categoria , è solo un tappabuchi e mi sembra molto evidente; tra l'altro questo è lo stesso criterio dell'organico funzionale o triennale che dir si voglia.

Anche se si deve riflettere sul fatto che qualche vantaggio deriva anche per i precari: se non si creano perdenti posto e dop, le immissioni sono possibili, infatti se il docente di ruolo preferisce completare la sua cattedra con spezzone di altra cdc, lascia liberi posti da altre parti, che potrebbero appunto essere di diritto e dati a ruolo o comunque ad incarico, e per il precario significa sì perdere uno spezzone, ma anche acquistare una cattedra.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Feb 20, 2012 2:08 pm

Grazie dei chiarimenti.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Apr 29, 2012 4:16 pm

giulia boffa ha scritto:
La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo; il precario non è una categoria , è solo un tappabuchi e mi sembra molto evidente; tra l'altro questo è lo stesso criterio dell'organico funzionale o triennale che dir si voglia.

Anche se si deve riflettere sul fatto che qualche vantaggio deriva anche per i precari: se non si creano perdenti posto e dop, le immissioni sono possibili, infatti se il docente di ruolo preferisce completare la sua cattedra con spezzone di altra cdc, lascia liberi posti da altre parti, che potrebbero appunto essere di diritto e dati a ruolo o comunque ad incarico, e per il precario significa sì perdere uno spezzone, ma anche acquistare una cattedra.

Non concordo sul fatto che "La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo..." in quanto a parer mio non tiene conto neanche delle esigenze degli insegnanti di ruolo per i seguenti motivi:
1 - docenti di ruolo che si vedono costretti a insegnare materie che non vogliono insegnare e per le quali
non hanno le dovute competenze
2 - docenti dio ruolo che vedono sparire cattedre della propria disciplina, anche di colleghi andati in pensione,
perchè, essendo materia atipica, viene utilizzata per formare cattedre di altre classi di concorso
3 - docenti di ruolo che dopo tantissimi anni di servizio vengono trasferiti in sedi disagiate perchè non si
sono formate cattedre in sedi più vicine alla loro residenza
Quindi non sono i docenti di ruolo che preferiscono o meno completare la loro cattedra con spezzone di altra cdc, IL DOCENTE NON HA NESSUN POTERE DECISIONALE IN MERITO, ma e l'istituto scolastico che prerdispone l'organico di diritto con l'approvazione dell'USP in armonia con le disposizioni ministeriali.
Il docente può solo prendere atto di come è stata composta la sua cattedra dagli organismi preposti, senza nessuna possibilità di intervenire in merito.

Tornare in alto Andare in basso
giulia boffa
Admin


Messaggi : 36316
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 52
Località : milano

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Apr 29, 2012 5:12 pm

giovanna onnis ha scritto:
giulia boffa ha scritto:
La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo; il precario non è una categoria , è solo un tappabuchi e mi sembra molto evidente; tra l'altro questo è lo stesso criterio dell'organico funzionale o triennale che dir si voglia.

Anche se si deve riflettere sul fatto che qualche vantaggio deriva anche per i precari: se non si creano perdenti posto e dop, le immissioni sono possibili, infatti se il docente di ruolo preferisce completare la sua cattedra con spezzone di altra cdc, lascia liberi posti da altre parti, che potrebbero appunto essere di diritto e dati a ruolo o comunque ad incarico, e per il precario significa sì perdere uno spezzone, ma anche acquistare una cattedra.

Non concordo sul fatto che "La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo..." in quanto a parer mio non tiene conto neanche delle esigenze degli insegnanti di ruolo per i seguenti motivi:
1 - docenti di ruolo che si vedono costretti a insegnare materie che non vogliono insegnare e per le quali
non hanno le dovute competenze
2 - docenti di ruolo che vedono sparire cattedre della propria disciplina, anche di colleghi andati in pensione,
perchè, essendo materia atipica, viene utilizzata per formare cattedre di altre classi di concorso
3 - docenti di ruolo che dopo tantissimi anni di servizio vengono trasferiti in sedi disagiate perchè non si
sono formate cattedre in sedi più vicine alla loro residenza
Quindi non sono i docenti di ruolo che preferiscono o meno completare la loro cattedra con spezzone di altra cdc, IL DOCENTE NON HA NESSUN POTERE DECISIONALE IN MERITO, ma e l'istituto scolastico che prerdispone l'organico di diritto con l'approvazione dell'USP in armonia con le disposizioni ministeriali.
Il docente può solo prendere atto di come è stata composta la sua cattedra dagli organismi preposti, senza nessuna possibilità di intervenire in merito.


sono d'accordo sull'assoluta mancanza di potere decisionale, ma converrai con me che qualunque danno apportato ad un docente di ruolo è comunque per salvare un altro docente di ruolo, con le cdc atipiche, con la trasformazione delle cattdre, ecc. ecc.non certamente un precario :-) L'organico di diritto, giusto o sbagliato che sia, tiene conto solo delle esigenze del personale di ruolo, a danno di altro personale di ruolo certo, ma mai per favorire un precario
Tornare in alto Andare in basso
LEON2000



Messaggi : 201
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Apr 29, 2012 5:55 pm

Queste operazioni tengono conto esclusivamente delle esigenze del portafoglio.............loro

:-(
Tornare in alto Andare in basso
giulia boffa
Admin


Messaggi : 36316
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 52
Località : milano

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Apr 29, 2012 6:50 pm

giusto, ma non potendo licenziare uno di ruolo, il risparmio è sempre sul contratto del precario, che appunto non ci sarà: mi aiuti a dire Leon
Tornare in alto Andare in basso
anecoico



Messaggi : 1645
Data d'iscrizione : 13.10.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Dom Apr 29, 2012 9:42 pm

Pongo il seguente quesito:
Istituto d'istruzione superiore formato da un ITI e un ITG (codici meccanografici diversi e diverse graduatorie interne docenti).Un docente della classe di concorso A016 perdente posto spinge affinchè gli venga assegnata la cattedra di disegno A071 dell ITI indirizzo chimico. Attualmente questo posto è occupato da un neoimmesso che ha chiesto nei trasferimenti di mantenere la sede. Leggendo la nota ministeriale mi sembra di capire che l'atipicita (incrocio delle graduatorie A016 e A071) vale solo se gli indirizzi sono nello stesso istiuto. Ho dato un occhiata su vari siti e spesso i due indirizzi coesistono all'interno dello stesso istiuto, ad esempio il caso di un iti con sezione periti edili. Per cui la tabella delle atipicità non vale a priori ma caso per caso.
Mi piacerebbe sentire dei pareri, potrà giovare ad altri ed evitare sorprusi da parte di dirigenti e usp.

anecoico
Tornare in alto Andare in basso
LEON2000



Messaggi : 201
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Apr 30, 2012 8:21 am

giulia boffa ha scritto:
giusto, ma non potendo licenziare uno di ruolo, il risparmio è sempre sul contratto del precario, che appunto non ci sarà: mi aiuti a dire Leon

Certo Giulia che è così.
Ma è l'uso del verbo " salvare" che porta con sè, a mio parere, solo emozioni, significati positivi, che non è .....felice, in questo caso.

Nessuno è salvato.

Tornare in alto Andare in basso
anecoico



Messaggi : 1645
Data d'iscrizione : 13.10.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Apr 30, 2012 1:52 pm

anecoico ha scritto:
Pongo il seguente quesito:
Istituto d'istruzione superiore formato da un ITI e un ITG (codici meccanografici diversi e diverse graduatorie interne docenti).Un docente della classe di concorso A016 perdente posto spinge affinchè gli venga assegnata la cattedra di disegno A071 dell ITI indirizzo chimico. Attualmente questo posto è occupato da un neoimmesso che ha chiesto nei trasferimenti di mantenere la sede. Leggendo la nota ministeriale mi sembra di capire che l'atipicita (incrocio delle graduatorie A016 e A071) vale solo se gli indirizzi sono nello stesso istiuto. Ho dato un occhiata su vari siti e spesso i due indirizzi coesistono all'interno dello stesso istiuto, ad esempio il caso di un iti con sezione periti edili. Per cui la tabella delle atipicità non vale a priori ma caso per caso.
Mi piacerebbe sentire dei pareri, potrà giovare ad altri ed evitare sorprusi da parte di dirigenti e usp.

anecoico
Nessuno, che ha capito come funziona l'atipicità, può aiutarmi ?
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Apr 30, 2012 3:41 pm

giulia boffa ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
giulia boffa ha scritto:
La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo; il precario non è una categoria , è solo un tappabuchi e mi sembra molto evidente; tra l'altro questo è lo stesso criterio dell'organico funzionale o triennale che dir si voglia.

Anche se si deve riflettere sul fatto che qualche vantaggio deriva anche per i precari: se non si creano perdenti posto e dop, le immissioni sono possibili, infatti se il docente di ruolo preferisce completare la sua cattedra con spezzone di altra cdc, lascia liberi posti da altre parti, che potrebbero appunto essere di diritto e dati a ruolo o comunque ad incarico, e per il precario significa sì perdere uno spezzone, ma anche acquistare una cattedra.

Non concordo sul fatto che "La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo..." in quanto a parer mio non tiene conto neanche delle esigenze degli insegnanti di ruolo per i seguenti motivi:
1 - docenti di ruolo che si vedono costretti a insegnare materie che non vogliono insegnare e per le quali
non hanno le dovute competenze
2 - docenti di ruolo che vedono sparire cattedre della propria disciplina, anche di colleghi andati in pensione,
perchè, essendo materia atipica, viene utilizzata per formare cattedre di altre classi di concorso
3 - docenti di ruolo che dopo tantissimi anni di servizio vengono trasferiti in sedi disagiate perchè non si
sono formate cattedre in sedi più vicine alla loro residenza
Quindi non sono i docenti di ruolo che preferiscono o meno completare la loro cattedra con spezzone di altra cdc, IL DOCENTE NON HA NESSUN POTERE DECISIONALE IN MERITO, ma e l'istituto scolastico che prerdispone l'organico di diritto con l'approvazione dell'USP in armonia con le disposizioni ministeriali.
Il docente può solo prendere atto di come è stata composta la sua cattedra dagli organismi preposti, senza nessuna possibilità di intervenire in merito.


sono d'accordo sull'assoluta mancanza di potere decisionale, ma converrai con me che qualunque danno apportato ad un docente di ruolo è comunque per salvare un altro docente di ruolo, con le cdc atipiche, con la trasformazione delle cattdre, ecc. ecc.non certamente un precario :-) L'organico di diritto, giusto o sbagliato che sia, tiene conto solo delle esigenze del personale di ruolo, a danno di altro personale di ruolo certo, ma mai per favorire un precario

Concordo pienamente con quanto sostieni relativamente al fatto che i precari della scuola sono sicuramente la categoria meno favorita dalle disposizioni ministeriali e dagli organici di diritto, soprattutto quando la scuola pubblica è il settore maggiormente penalizzato da tagli e riduzioni nei finanziamenti statali.
Però sottolineo il fatto che si sta, purtroppo, creando nel mondo della scuola, una nuova categoria di precari, quella dei docenti di ruolo, che è vero hanno un posto di lavoro, ma dopo tantissimi anni di servizio diventano soprannumerari, DOP, o trasferiti d'ufficio in locaità molto disagiate senza nessuna possibilità di scelta. Docenti che spesso non avendo una sede di titolarità, vengono loro utilizzati come "tappabuchi" provvisori per un anno scolastico. Si ricomincia, quindi, dopo tanti anni la gavetta già affrontata durante il loro vissuto di precari e con, vicino al collo, la mannaia della mobilità regionale, nazionale e/o il futuro (speriamo mai) licenziamento. Si parla tanto di corsi di riconversione professionali, perchè non vengono mai effettuati realmente? Gli stessi TFA banditi non sembra siano accessibili per i docenti di ruolo che vorrebbero prendere un'altra abilitazione per poter usufruire eventualmente di un passaggio di cattedra o di ruolo che consentirebbe loro, forse, maggiori possibilità di scelta e maggiori sicurezze per il futuro.
Tornare in alto Andare in basso
anecoico



Messaggi : 1645
Data d'iscrizione : 13.10.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Apr 30, 2012 3:45 pm

giovanna onnis ha scritto:
giulia boffa ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
giulia boffa ha scritto:
La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo; il precario non è una categoria , è solo un tappabuchi e mi sembra molto evidente; tra l'altro questo è lo stesso criterio dell'organico funzionale o triennale che dir si voglia.

Anche se si deve riflettere sul fatto che qualche vantaggio deriva anche per i precari: se non si creano perdenti posto e dop, le immissioni sono possibili, infatti se il docente di ruolo preferisce completare la sua cattedra con spezzone di altra cdc, lascia liberi posti da altre parti, che potrebbero appunto essere di diritto e dati a ruolo o comunque ad incarico, e per il precario significa sì perdere uno spezzone, ma anche acquistare una cattedra.

Non concordo sul fatto che "La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo..." in quanto a parer mio non tiene conto neanche delle esigenze degli insegnanti di ruolo per i seguenti motivi:
1 - docenti di ruolo che si vedono costretti a insegnare materie che non vogliono insegnare e per le quali
non hanno le dovute competenze
2 - docenti di ruolo che vedono sparire cattedre della propria disciplina, anche di colleghi andati in pensione,
perchè, essendo materia atipica, viene utilizzata per formare cattedre di altre classi di concorso
3 - docenti di ruolo che dopo tantissimi anni di servizio vengono trasferiti in sedi disagiate perchè non si
sono formate cattedre in sedi più vicine alla loro residenza
Quindi non sono i docenti di ruolo che preferiscono o meno completare la loro cattedra con spezzone di altra cdc, IL DOCENTE NON HA NESSUN POTERE DECISIONALE IN MERITO, ma e l'istituto scolastico che prerdispone l'organico di diritto con l'approvazione dell'USP in armonia con le disposizioni ministeriali.
Il docente può solo prendere atto di come è stata composta la sua cattedra dagli organismi preposti, senza nessuna possibilità di intervenire in merito.


sono d'accordo sull'assoluta mancanza di potere decisionale, ma converrai con me che qualunque danno apportato ad un docente di ruolo è comunque per salvare un altro docente di ruolo, con le cdc atipiche, con la trasformazione delle cattdre, ecc. ecc.non certamente un precario :-) L'organico di diritto, giusto o sbagliato che sia, tiene conto solo delle esigenze del personale di ruolo, a danno di altro personale di ruolo certo, ma mai per favorire un precario

Concordo pienamente con quanto sostieni relativamente al fatto che i precari della scuola sono sicuramente la categoria meno favorita dalle disposizioni ministeriali e dagli organici di diritto, soprattutto quando la scuola pubblica è il settore maggiormente penalizzato da tagli e riduzioni nei finanziamenti statali.
Però sottolineo il fatto che si sta, purtroppo, creando nel mondo della scuola, una nuova categoria di precari, quella dei docenti di ruolo, che è vero hanno un posto di lavoro, ma dopo tantissimi anni di servizio diventano soprannumerari, DOP, o trasferiti d'ufficio in locaità molto disagiate senza nessuna possibilità di scelta. Docenti che spesso non avendo una sede di titolarità, vengono loro utilizzati come "tappabuchi" provvisori per un anno scolastico. Si ricomincia, quindi, dopo tanti anni la gavetta già affrontata durante il loro vissuto di precari e con, vicino al collo, la mannaia della mobilità regionale, nazionale e/o il futuro (speriamo mai) licenziamento. Si parla tanto di corsi di riconversione professionali, perchè non vengono mai effettuati realmente? Gli stessi TFA banditi non sembra siano accessibili per i docenti di ruolo che vorrebbero prendere un'altra abilitazione per poter usufruire eventualmente di un passaggio di cattedra o di ruolo che consentirebbe loro, forse, maggiori possibilità di scelta e maggiori sicurezze per il futuro.
Dove hai letto questa preclusione ? Io non la vedo!

anecoico
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Apr 30, 2012 4:06 pm

anecoico ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
giulia boffa ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
giulia boffa ha scritto:
La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo; il precario non è una categoria , è solo un tappabuchi e mi sembra molto evidente; tra l'altro questo è lo stesso criterio dell'organico funzionale o triennale che dir si voglia.

Anche se si deve riflettere sul fatto che qualche vantaggio deriva anche per i precari: se non si creano perdenti posto e dop, le immissioni sono possibili, infatti se il docente di ruolo preferisce completare la sua cattedra con spezzone di altra cdc, lascia liberi posti da altre parti, che potrebbero appunto essere di diritto e dati a ruolo o comunque ad incarico, e per il precario significa sì perdere uno spezzone, ma anche acquistare una cattedra.

Non concordo sul fatto che "La legge sugli organici non tiene conto delle esigenze dei precari, ma solo di quelli di ruolo..." in quanto a parer mio non tiene conto neanche delle esigenze degli insegnanti di ruolo per i seguenti motivi:
1 - docenti di ruolo che si vedono costretti a insegnare materie che non vogliono insegnare e per le quali
non hanno le dovute competenze
2 - docenti di ruolo che vedono sparire cattedre della propria disciplina, anche di colleghi andati in pensione,
perchè, essendo materia atipica, viene utilizzata per formare cattedre di altre classi di concorso
3 - docenti di ruolo che dopo tantissimi anni di servizio vengono trasferiti in sedi disagiate perchè non si
sono formate cattedre in sedi più vicine alla loro residenza
Quindi non sono i docenti di ruolo che preferiscono o meno completare la loro cattedra con spezzone di altra cdc, IL DOCENTE NON HA NESSUN POTERE DECISIONALE IN MERITO, ma e l'istituto scolastico che prerdispone l'organico di diritto con l'approvazione dell'USP in armonia con le disposizioni ministeriali.
Il docente può solo prendere atto di come è stata composta la sua cattedra dagli organismi preposti, senza nessuna possibilità di intervenire in merito.


sono d'accordo sull'assoluta mancanza di potere decisionale, ma converrai con me che qualunque danno apportato ad un docente di ruolo è comunque per salvare un altro docente di ruolo, con le cdc atipiche, con la trasformazione delle cattdre, ecc. ecc.non certamente un precario :-) L'organico di diritto, giusto o sbagliato che sia, tiene conto solo delle esigenze del personale di ruolo, a danno di altro personale di ruolo certo, ma mai per favorire un precario

Concordo pienamente con quanto sostieni relativamente al fatto che i precari della scuola sono sicuramente la categoria meno favorita dalle disposizioni ministeriali e dagli organici di diritto, soprattutto quando la scuola pubblica è il settore maggiormente penalizzato da tagli e riduzioni nei finanziamenti statali.
Però sottolineo il fatto che si sta, purtroppo, creando nel mondo della scuola, una nuova categoria di precari, quella dei docenti di ruolo, che è vero hanno un posto di lavoro, ma dopo tantissimi anni di servizio diventano soprannumerari, DOP, o trasferiti d'ufficio in locaità molto disagiate senza nessuna possibilità di scelta. Docenti che spesso non avendo una sede di titolarità, vengono loro utilizzati come "tappabuchi" provvisori per un anno scolastico. Si ricomincia, quindi, dopo tanti anni la gavetta già affrontata durante il loro vissuto di precari e con, vicino al collo, la mannaia della mobilità regionale, nazionale e/o il futuro (speriamo mai) licenziamento. Si parla tanto di corsi di riconversione professionali, perchè non vengono mai effettuati realmente? Gli stessi TFA banditi non sembra siano accessibili per i docenti di ruolo che vorrebbero prendere un'altra abilitazione per poter usufruire eventualmente di un passaggio di cattedra o di ruolo che consentirebbe loro, forse, maggiori possibilità di scelta e maggiori sicurezze per il futuro.
Dove hai letto questa preclusione ? Io non la vedo!

anecoico

E' vero tale preclusione non è citata esplicitamente, anche se nessuno tra gli organi competenti e associazioni più esperte di me, hanno saputo dare una risposta certa. Testate giornalistiche specializzate come "La Tecnica della scuola" hanno posto specifici quesiti al ministro Profumo, senza però ricevere ancora risposta in merito. Le risposte da me ricevute sono state sempre ipotetiche. Posso certo inoltrare richiesta per partecipare alle selezioni, senza però avere la certezza di potervi accedere.
Tornare in alto Andare in basso
anecoico



Messaggi : 1645
Data d'iscrizione : 13.10.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Lun Apr 30, 2012 4:09 pm

giovanna onnis ha scritto:

E' vero tale preclusione non è citata esplicitamente, anche se nessuno tra gli organi competenti e associazioni più esperte di me, hanno saputo dare una risposta certa. Testate giornalistiche specializzate come "La Tecnica della scuola" hanno posto specifici quesiti al ministro Profumo, senza però ricevere ancora risposta in merito. Le risposte da me ricevute sono state sempre ipotetiche. Posso certo inoltrare richiesta per partecipare alle selezioni, senza però avere la certezza di potervi accedere.
Un bando dice chi può partecipare e chi è escluso. I docenti di ruolo hanno i titoli per partecipare e non sono tra gli esclusi, le testate fanno il loro lavoro : suscitare dubbi e animare le discussioni.

anecoico
Tornare in alto Andare in basso
valeria64



Messaggi : 549
Data d'iscrizione : 16.08.11

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Mag 01, 2012 8:24 am

Ciao Giovanna, il bando dice che per partecipare non devi essere abilitato nella disciplina. Insomma se tu hai due abilitazioni non puoi presentarti per riprendere le stesse ad es. 39 e 60...ma se il tuo titolo permette di prendere la 59, puoi concorrere al suo TFA.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Mag 01, 2012 3:40 pm

valeria64 ha scritto:
Ciao Giovanna, il bando dice che per partecipare non devi essere abilitato nella disciplina. Insomma se tu hai due abilitazioni non puoi presentarti per riprendere le stesse ad es. 39 e 60...ma se il tuo titolo permette di prendere la 59, puoi concorrere al suo TFA.

Ti ringazio Valeria e spero proprio sia come sostieni tu.
Tornare in alto Andare in basso
mary75



Messaggi : 173
Data d'iscrizione : 12.07.11

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Mag 01, 2012 8:31 pm

Si sta facendo confusione. I TFA non sono corsi di riconversione del personale di ruolo ma sono nati, nell'idea del legislatore, con la finalità di far abilitare i giovani non ancora abilitati, soprattutto quelli del periodo post-Ssis. Poi ci sono tante contraddizioni perchè è stato progettato il punteggio di servizio (che non c'era nella Ssis) che va indubbiamente a favore dei meno giovani che hanno già lavorato nella Scuola.

Secondo me, la riconversione dei docenti in soprannumero o chi rischierà di diventarlo a breve dovrebbe prendere altre strade, anche perchè un docente di ruolo che rischia di andare in soprannumero non dovrebbe essere costretto a pagarsi l'abilitazione al caro prezzo del Tfa (dovrebbe quindi essere a carico dell'Amministrazione).

Anche perchè, per il personale di ruolo, c'è ancora il dubbio se l'abilitazioine da Tfa potrà essere usata per la mobilità (sicuramente sarà valido per il personale in soprannumero, dato che - in quanto soprannumerario e in mancanza di posti disponibili in provincia nella classe di appartenenza - può insegnare un'altra materia addirittura col solo titolo di accesso cioè la laurea; ma per il personale di ruolo non soprannumerario rimane ancora il dubbio - che sicuramente sarà sollevato da alcuni sindacati al tempo dei primi movimenti di mobilità, per andare a favore dei neo-abilitati o dai precari a tempo determinato - se l'abilitazione da Tfa, essendo un titolo senza il valore concorsuale a differenza dell'abilitazione Ssis, consentirà di accedere alla mobilità professionale.

Secondo me questo sarebbe stato un punto da chiarire, prim'ancora di far concorrere docenti di ruolo al Tfa, con annesse spese, sacrifici per chi viene ammesso e esclusioni per chi non viene ammesso solo per la motivazione del punteggio di servizio.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Mag 01, 2012 8:42 pm

> dopo tantissimi anni di servizio diventano soprannumerari, DOP, o trasferiti d'ufficio
Penso che la questione si sistemerà tra qualche anno, con l'entrata a regime del Riordino Gelmini, con qualche pensionamento che pur dovrà continuare a scorrere e con gli annuali tentativi di rientro nella Scuola di titolarità. Del resto negli altri Comparti dello Stato non è assolutamente prevista una mobilità (anche annuale) nella quantità e facilità di come avviene per il personale della Scuola. Quindi penso che quello che viene esplicitato sia un disagio solo "percepito"; e, comunque, anche se "reale" (perchè i viaggi per lavoro sono "realmente reali" e tutt'altro che "percepiti"... ne so qualcosa, purtroppo), tale disagio sia comunque un disagio "comparativo" nel senso che diviene tale solo se confrontato con la situazione degli ultimi decenni che consentiva fin troppa mobilità e discontinuità annuale.
Tornare in alto Andare in basso
anecoico



Messaggi : 1645
Data d'iscrizione : 13.10.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Mag 01, 2012 10:33 pm

mary75 ha scritto:
Si sta facendo confusione. I TFA non sono corsi di riconversione del personale di ruolo ma sono nati, nell'idea del legislatore, con la finalità di far abilitare i giovani non ancora abilitati, soprattutto quelli del periodo post-Ssis. Poi ci sono tante contraddizioni perchè è stato progettato il punteggio di servizio (che non c'era nella Ssis) che va indubbiamente a favore dei meno giovani che hanno già lavorato nella Scuola.

Secondo me, la riconversione dei docenti in soprannumero o chi rischierà di diventarlo a breve dovrebbe prendere altre strade, anche perchè un docente di ruolo che rischia di andare in soprannumero non dovrebbe essere costretto a pagarsi l'abilitazione al caro prezzo del Tfa (dovrebbe quindi essere a carico dell'Amministrazione).

Anche perchè, per il personale di ruolo, c'è ancora il dubbio se l'abilitazioine da Tfa potrà essere usata per la mobilità (sicuramente sarà valido per il personale in soprannumero, dato che - in quanto soprannumerario e in mancanza di posti disponibili in provincia nella classe di appartenenza - può insegnare un'altra materia addirittura col solo titolo di accesso cioè la laurea; ma per il personale di ruolo non soprannumerario rimane ancora il dubbio - che sicuramente sarà sollevato da alcuni sindacati al tempo dei primi movimenti di mobilità, per andare a favore dei neo-abilitati o dai precari a tempo determinato - se l'abilitazione da Tfa, essendo un titolo senza il valore concorsuale a differenza dell'abilitazione Ssis, consentirà di accedere alla mobilità professionale.
Secondo me questo sarebbe stato un punto da chiarire, prim'ancora di far concorrere docenti di ruolo al Tfa, con annesse spese, sacrifici per chi viene ammesso e esclusioni per chi non viene ammesso solo per la motivazione del punteggio di servizio.
Ancora confusa. Non preoccuparti i docenti di ruolo possono partecipare, come confermato da chi il bando lo ha appena pubblicato. Il titolo (abilitante o meno) è un titolo per cui sarà spendibile dal docente di ruolo per la mobilità professionale.Il valore abilitante vale per i precari e riguarda il futuro reclutamento.

anecoico
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47876
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: NUOVE CLASSI DI CONCORSO   Mar Mag 01, 2012 11:55 pm

mary75 ha scritto:
ma per il personale di ruolo non soprannumerario rimane ancora il dubbio - che sicuramente sarà sollevato da alcuni sindacati al tempo dei primi movimenti di mobilità, per andare a favore dei neo-abilitati o dai precari a tempo determinato - se l'abilitazione da Tfa, essendo un titolo senza il valore concorsuale a differenza dell'abilitazione Ssis, consentirà di accedere alla mobilità professionale.
Concordo con Anecoico e aggiungo che non solo questo dubbio non esiste, ma che, se anche esistesse, mai e poi mai i sindacati lo solleverebbero rischiando di danneggiare i docenti di ruolo per favorire i neo-abilitati o i precari a tempo determinato.
Tornare in alto Andare in basso
 
NUOVE CLASSI DI CONCORSO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» Due nuove fate
» Nuove faccine
» Nuove fatine
» Corso base-nuove forme-micropittura..ecc
» Nuove linee guida del SSN per amniocentesi e villocentesi

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: