Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 La dura verità sulla Buonascuola...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: La dura verità sulla Buonascuola...   Sab Giu 13, 2015 7:43 am

Promemoria primo messaggio :


http://ilmanifesto.info/la-buona-scuola-si-adatta-al-declino-del-paese/

"Il nostro paese e il suo sistema pro­dut­tivo non sem­brano fatti per per­sone istruite. D’altra parte negli ultimi anni non sono man­cate dichia­ra­zioni di mini­stri del tipo che «con la cul­tura non si man­gia» (Tre­monti) o «chi non sa fare inse­gna» (Castelli)."

"Lo svi­luppo del nostro sistema d’istruzione è stato limi­tato anche dalle dele­te­rie poli­ti­che di con­so­li­da­mento fiscale impe­ranti nell’Unione; ma prima ancora è stato con­di­zio­nato da un sistema pro­dut­tivo sem­pre più appiat­tito sui set­tori “maturi”, che cerca la com­pe­ti­ti­vità per­se­guendo la “via bassa” e per­dente della ridu­zione del costo del lavoro e della sua for­ma­zione. Le poli­ti­che eco­no­mi­che e sociali non hanno pun­tato sull’innovazione pro­dut­tiva, sulla con­nessa for­ma­zione dei lavo­ra­tori e sulla più gene­rale dif­fu­sione dell’istruzione e della ricerca. Nella divi­sione inter­na­zio­nale del lavoro siamo retro­cessi allon­ta­nan­doci dai sistemi in grado di com­pe­tere per l’apporto qua­li­ta­tivo e tec­no­lo­gico dei loro sistemi pro­dut­tivi e for­ma­tivi. Le poli­ti­che per la scuola, l’università e la ricerca si sono adat­tate al declino del nostro paese che non è solo economico."



Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
michetta



Messaggi : 3890
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 10:42 am

giovanna,si che ci va, insieme a suo fratello docenteprof e a suo cugino ottodoro..
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 10:52 am

Stellastellina1975 ha scritto:

assolutamente no, in nessuno di questi casi c'è falsificazione in atto pubblico.
1. Il DS persuasivo non esiste, esiste solo il docente (che SOLO a lui fa capo la valutazione) persuaso e non i convincono i racconti di docenti vessati e costretti in vincoli.
2. Mobbizzare un docente, anzi almeno due o tre per cdc per ottenere la promozione di qualche moccioso somaro, non mi pare un'eventualità decisamente estrema, soprattutto non così diffusa. Anche in questo caso vale 1
3. Il caso 3 non esiste. La programmazione si chiama "di classe" non perché si svolge IN classe, ma perché viene progettata PER le esigenze della classe. Così dice la normativa e così fanno i docenti che non taglincollano ogni anno le stesse quattro chiacchiere. Non si falsifica l'andamento di nessuna classe. Se il livello è basso si fa una didattica corrispondente e poi si valuta a seconda di quello che si è fatto. Fatti salvi gli obiettivi minimi, se il 10 corrisponde a saper fare 2+2 chi dice 4 prende 10, se corrisponde a saper realizzare la fusione a freddo chi lo sa fare prende 10. E questo a prescindere dalle discussioni nel merito o da cosa ne pensiamo: così è e basta.
Se invece programmo sempre la stessa cosa (o insisto a mantenerla così anche se sono tre mesi che mi parlo addosso e basta) e la sottopongo uguale a sé stessa a prescindere che abbia a che fare con Einstein o con Lucignolo sarò costretto (direi piuttosto portato) a falsificare, ma visto che ciò dipende da una mia incapacità iniziale e in itinere (la programmazione si cambia e si verifica in corso d'anno e alla fine), il falso è solo l'ultimo tassello di una sciatteria iniziale.
4. Il voto di consiglio rimane lo stesso che lo si applichi a una materia o a tutte, non vedo differenza. Il limite di una materia non esiste da nessuna parte, anzi, in astratto si potrebbe promuovere anche per voto di consiglio su tutte le materie[/quote]

1 e 2 : Non ha senso affermare che DS "persuasivi" e "vessatori" non esistono. Se hai avuto la fortuna di non incontrarli, al massimo puoi dire che secondo te sono rari, ma non che non esistono. (Altrimenti io potrei affermare che non esistono i castori, nè i pettirossi solo perché non li ho mai visti).
3 : D'accordissimo sul fatto che la programmazione e il livello di difficoltà vanno adattati alla classe. Ma, ad esempio, se mi capita una quarta superiore che nella mia materia si trova ad un livello di terza media, non posso adattare la programmazione perché sarebbe impossibile farla! Dovrò ripartire dagli argomenti di prima superiore e forse, se sarò abbastanza brava, riuscirò a svolgere un quarto del programma. Ma dovrò "falsificare" la programmazione e le votazioni, fingendo che sia tutto nella norma, specialmente se gli studenti l'anno precedente avevano preso tutti 8 e 9 in questa materia, altrimenti verrò accusata di incompetenza dai genitori e dal DS. Anche in questo caso, potresti rispondermi che a te non è mai capitata una situazione del genere, ma non che è impossibile.
4 : Se mi dici che il voto di consiglio lo si può applicare anche a tutte le materie, non fai che confermare la mia versione dei fatti. E cioè che a volte capita di essere costretti a promuovere studenti che non hanno combinato nulla per tutto l'anno, nè gli anni precedenti, ma che riescono ugualmente a prendere il diploma.[/quote]


la discussione riguardava la tua serena accettazione di compiere CONTINUAMENTE un falso in atto pubblico. Stammi sul pezzo.
Certo che ci sono DS cerberi, ma non è questo il punto. Si tratta di dirigenti pubblici e non di padroni, cui si può serenamente dire "no", soprattutto se la richiesta è un illecito.
Tu mi racconti invece che di fronte alla scelta se inimicarsi il dirigente o compiere quello che tu consideri un REATO, si sceglie in genere il reato, ecco, questo equivale a dire che non esistono castori e pettirossi. Di dirigenti con la pistola ancora, sinceramente, non ne ho incontrati, di insegnanti più realisti del re, molti.
La programmazione si fa sulla classe non accetta se e ma. Classi tutte CORALMENTE indietro di 5 ANNI come nel tuo illuminante esempio a naso ce ne dovrebbero essere poche (che tu abbia sbagliato aula?), classi deboli ne abbiamo tutti. Rimane l'assoluta non applicabilità di nessun falso in atto pubblico.
Il voto di consiglio passa a maggioranza. Se 2/3 di un consiglio lo votano vorrà dire che non si può verificare l'ipotesi che l'alunno in questione non abbia fatto nulla, altrimenti si boccia, ma mi pare un'ovvietà. Nemmeno in questo caso vedo alcun falso in atto pubblico. Sul verbale si accertano le insufficienze e si passano a 6 per voto di consiglio, c'è poi addirittura comunicazione alle famiglie.

Non so tu, ma se io avessi, come te, la convinzione di commettere un ILLECITO PENALE (con pene fino a 6 anni, 10 in alcune fattispecie, non proprio una cosetta), se non altro smetterei di farlo, o riterrei ridicolo espormi perché il DS mi fa la faccia truce
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 10:54 am

Stellastellina1975 ha scritto:
Un'altra cosa.

Riguardo alle tue affermazioni:

"se il 10 corrisponde a saper fare 2+2 chi dice 4 prende 10... E questo a prescindere dalle discussioni nel merito o da cosa ne pensiamo: così è e basta."

"si potrebbe promuovere anche per voto di consiglio su tutte le materie"

La dicono lunga sull'impostazione odierna del sistema-scuola e si commentano da sole.



ma questa è un'altra storia
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 10:57 am

magma ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

1. Il DS persuasivo non esiste, esiste solo il docente (che SOLO a lui fa capo la valutazione) persuaso e non i convincono i racconti di docenti vessati e costretti in vincoli.

http://www.orizzontescuola.it/condannato-preside-mobbing-contro-docente-provincia-napoli

Torre del Greco. Condannato un preside per mobbing contro un docente

 
GB - In una scuola della provincia di Napoli, Torre del Greco, si è conclusa la vicenda di un dirigente scolastico accusato di mobbing da parte di un suo docente.

Il preside è stato condannato a pagare un risarcimento di oltre 50mila euro per mobbing ai danni di un professore, che era stato costretto ad andare in pensione per evitare le vessazioni.

Dopo un trasferimento ed una condanna in  primo grado per diffamazione aggravata nei confronti dello stesso docente, il giudice del tribunale civile di Torre Annunziata ha condannato il dirigente al risarcimento del danno per 50.564 euro, piu' 4.053 euro di patrimoniale e 7.500 per le spese legali.

La vicenda comincia nel 2008, appena il DS arriva nella scuola: oltre a note "infamanti" contro il docente, mai notificate e acquisite dal docente solo presso la Direzione scolastica per la Campania ed una relazione negativa in occasione di una proposta di onorificenza  dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Miur, al docente venivano assegnati carichi di lavoro spropositati, addebitati permessi di uscite anticipate o posticipate mai chiesti, non rilasciato l'attestato di aggiornamento svolto, fino alla revoca dell'incarico di portavoce del sindaco di Torre del Greco per mancato nulla osta del preside.

Stufo delle vessazioni, il docente in questione è arrivato fino al TAR  che ha ritenuto illegittimi i provvedimenti del DS. A sua difesa il preside aveva scritto perfino al procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, sostenendo che il docente espletasse l' incarico illegittimamente, ed è stato nuovamente rinviato a giudizio per diffamazione aggravata in atti pubblici, il processo a marzo 2014.


e questo cosa dimostrerebbe?
Conferma semmai il fatto che di fronte a docenti non "persuasi" non c'è alcuna possibilità che il DS traligni impunemente. Almeno finché rimaniamo in uno stato di diritto
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 11:01 am

gugu ha scritto:
Ecco perché la valutazione andrebbe lasciata ad un ente terzo:


http://www.orizzontescuola.it/news/dieci-pi-compito-e-misterioso-incendio



ma come! Ci siamo accapigliati sulla terzietà della valutazione per una settimana e adesso mi dici così?
Allora siamo d'accordo che la valutazione del DS, con o senza cortigiani, è, citando Fantozzi "una boiata pazzesca"?
Tornare in alto Andare in basso
sparviero.



Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 27.04.15

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 11:04 am

Nessuna solidarietà per la preside di Senigallia citata sulla home per essere intervenuta sul 10 più? Non l'accusate di indebita intromissione su una valutazione? Cosa ne pensate di quel o quei docenti che hanno dato valutazioni del genere? Ma per favore....
Tornare in alto Andare in basso
lurk



Messaggi : 818
Data d'iscrizione : 14.04.15

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 11:13 am

docentecheverrà ha scritto:
Non portate i vostri problemi e le vostre frustrazioni in classe; entrate sempre con il sorriso e loro vi risponderanno altrettanto.
Io mi racconto sempre una barzelletta prima di entrare ed entro sganasciato dalle risate. Dici che è per quello che i ragazzi si sganasciano dalle risate quando entro in classe?

E se mi spalmo gli occhi di cipolla che succede, li trovo tutti piangenti?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 11:13 am

Stellastellina1975 ha scritto:
Non credo molto nella validità dei test INVALSI, inoltre è ovvio che l'unica valutazione SERIA che si potrebbe fare su una classe per stabilire l'efficacia del metodo di un docente dovrebbe essere fatta anche in ingresso, e non soltanto in uscita. E' chiaro che se mi viene affidata una classe di "somari" non si può pretendere che il mio intervento didattico li trasformi in tanti piccoli Einstein. E, a differenza della collega, io non me la sento di dare 10 ad uno studente che sa fare 2+2 solo perché gli altri non sanno fare neanche quello, poiché occorre salvaguardare almeno gli obiettivi minimi.

Inoltre, su una sola classe non si può valutare l'intervento di un docente perché il successo del suo metodo può dipendere da troppe variabili incontrollabili. Ad esempio, come già detto, la situazione in ingresso della classe. Ad esempio gli studenti di quella classe potrebbero fare ostruzionismo e non permettere al docente di fare lezione in modo adeguato (a volte basta un solo ragazzo che fa confusione e istiga i compagni per compromettere totalmente lo svolgimento delle lezioni).

E adesso ti saluto gugu.


Ora sei scorretta.
Dai 10 a uno studente che sa fare 2+2 se nella tua programmazione, se è seria, fatta quindi da un professionista che conosce la normativa e non da uno scribacchino, prevedi obiettivi adatti ad un livello medio-basso. Non sei d'accordo con questa impostazione? Questo è un altro conto.
Sei tu a dire che sei costretta a falsificare se hai una classe di somari, non io! Evidentemente perché la tua programmazione è rigida e in alcune classi assolutamente impraticabile. Dal momento che un bravo docente sa che la valutazione è individuale (così dice la normativa da vent'anni a questa parte), il contesto in cui è inserito il ragazzo, al momento di valutarlo individualmente (in base ai criteri fissati in programmazione) non conta proprio.
Nemmeno a me piacciono i test INVALSI, ma ne fanno la fortuna quei docenti che ne banalizzato il lavoro come fai tu. I test misurano (in ingresso e in uscita) le competenze raggiunte, tengono conto e come del percorso e dei livelli, non diciamo sciocchezze. Nella valutazione dei docenti attraverso i test invalsi era previsto che si valutasse la ricaduta dell'intervento del docente. Ecco allora che se il nostro somaro non sa che 2+2 fa 4 in entrata e lo sa in uscita, il docente che gliel'ha insegnato è stato bravo. I problemi del rilevamento invalsi sono altri, e sarebbe bene considerarli seriamente prima di parlare
Tornare in alto Andare in basso
catiusciagr



Messaggi : 1398
Data d'iscrizione : 21.10.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 11:22 am

[quote="avidodinformazioni"]
docentecheverrà ha scritto:

Voi andate a scuola tristi?
Mai, prima leggo sempre qualche intervento come questo.

troppo forte!!!!
Tornare in alto Andare in basso
catiusciagr



Messaggi : 1398
Data d'iscrizione : 21.10.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 11:24 am

lurk ha scritto:
docentecheverrà ha scritto:
Non portate i vostri problemi e le vostre frustrazioni in classe; entrate sempre con il sorriso e loro vi risponderanno altrettanto.
Io mi racconto sempre una barzelletta prima di entrare ed entro sganasciato dalle risate. Dici che è per quello che i ragazzi si sganasciano dalle risate quando entro in classe?

E se mi spalmo gli occhi di cipolla che succede, li trovo tutti piangenti?

altrettanto forte!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 12:43 pm

Evidentemente con alcuni docenti non si riesce ad avere un dialogo serio.

A parte la mia affermazione sul "falso in atto pubblico" (che non mi riguarda, perché come ti ho detto, io non darei mai 10 a uno che sa fare 2+2 oppure a uno che fa 11 errori in un compito, tra i quali ve ne sono anche di gravi, come la docente dell'articolo), qui il punto è un altro ed è inutile far finta di non capire. Io sto parlando di essere  COSTRETTI a falsificare l'andamento di una classe. Ma a quanto pare non riesco a spiegarmi, perciò dovrò fare degli esempi pratici di SITUAZIONI REALI IN CUI MI SONO TROVATA. Cioè due volte in cui ho insegnato in una classe che si trovava ad un livello mostruosamente basso, al punto di non riuscire svolgere il programma di quell'anno scolastico.

Prima di tutto occorre spiegare agli studenti e ai loro genitori, nonchè al DS, che gli 8 e i 9 che sono stati assegnati l'anno precedente sono "fasulli" poiché basati su competenze che non raggiungono lontanamente quelle minime e che occorre quindi ripartire da lontano. Se gli studenti, i genitori e il DS comprenderanno la situazione, allora non ostacoleranno il tuo lavoro e, anzi, cercheranno di aiutarti nel recupero. All'inizio le votazioni saranno basse, ma con l'impegno dei ragazzi e, se fosse possibile, un corso di recupero "serio" a fine quadrimestre, la situazione migliorerà e sarà possibile svolgere anche il programma attuale.

Viceversa, se gli alunni, i genitori e il DS, messi in questa situazione, affermeranno che se l'anno scorso andavano tutti bene e quest'anno sono peggiorati tantissimo, la colpa è soltanto della tua incompetenza, allora i problemi da affrontare saranno molteplici e gravi. Gli studenti non vorranno stare attenti alle lezioni di una docente incompetente che assegna brutti voti, e tantomeno vorranno studiare qualcosa a casa; perciò andranno sempre peggio, invece di migliorare. I genitori andranno dal DS a lamentarsi e lui prenderà tutti i provvedimenti del caso contro tale insegnante incompetente. In queste condizioni, nell'impossibilità di svolgere il lavoro richiesto, ci sono due possibilità: continuare a fare il meglio possibile, prendendosi continui richiami e minacce ed insulti per tutto l'anno scolastico, oppure rassegnarsi, piegare la testa, svolgere un programma ridicolo e cominciare a regalare i voti. Non vedo molte altre alternative!


Ultima modifica di Stellastellina1975 il Dom Giu 14, 2015 1:05 pm, modificato 4 volte
Tornare in alto Andare in basso
lurk



Messaggi : 818
Data d'iscrizione : 14.04.15

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 12:47 pm

catiusciagr ha scritto:
lurk ha scritto:
docentecheverrà ha scritto:
Non portate i vostri problemi e le vostre frustrazioni in classe; entrate sempre con il sorriso e loro vi risponderanno altrettanto.
Io mi racconto sempre una barzelletta prima di entrare ed entro sganasciato dalle risate. Dici che è per quello che i ragazzi si sganasciano dalle risate quando entro in classe?

E se mi spalmo gli occhi di cipolla che succede, li trovo tutti piangenti?

altrettanto forte!!!!
Scherzi a parte, l'autunno scorso alla fine di una ricreazione ho esclamato, sorridendo:
"Avanti, principi del Sulcis, torniamo in classe?"
Mi hanno guardato storto, una ragazza ha emesso un "eh!?"
E fu così che decisi di tornare al consueto
"Ajò, torrai tottus a corrazzu!"
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 1:36 pm

Stellastellina1975 ha scritto:
Evidentemente con alcuni docenti non si riesce ad avere un dialogo serio.

A parte la mia affermazione sul "falso in atto pubblico" (che non mi riguarda, perché come ti ho detto, io non darei mai 10 a uno che sa fare 2+2 oppure a uno che fa 11 errori in un compito, tra i quali ve ne sono anche di gravi, come la docente dell'articolo), qui il punto è un altro ed è inutile far finta di non capire. Io sto parlando di essere  COSTRETTI a falsificare l'andamento di una classe. Ma a quanto pare non riesco a spiegarmi, perciò dovrò fare degli esempi pratici di SITUAZIONI REALI IN CUI MI SONO TROVATA. Cioè due volte in cui ho insegnato in una classe che si trovava ad un livello mostruosamente basso, al punto di non riuscire svolgere il programma di quell'anno scolastico.

Prima di tutto occorre spiegare agli studenti e ai loro genitori, nonchè al DS, che gli 8 e i 9 che sono stati assegnati l'anno precedente sono "fasulli" poiché basati su competenze che non raggiungono lontanamente quelle minime e che occorre quindi ripartire da lontano. Se gli studenti, i genitori e il DS comprenderanno la situazione, allora non ostacoleranno il tuo lavoro e, anzi, cercheranno di aiutarti nel recupero. All'inizio le votazioni saranno basse, ma con l'impegno dei ragazzi e, se fosse possibile, un corso di recupero "serio" a fine quadrimestre, la situazione migliorerà e sarà possibile svolgere anche il programma attuale.

Viceversa, se gli alunni, i genitori e il DS, messi in questa situazione, affermeranno che se l'anno scorso andavano tutti bene e quest'anno sono peggiorati tantissimo, la colpa è soltanto della tua incompetenza, allora i problemi da affrontare saranno molteplici e gravi. Gli studenti non vorranno stare attenti alle lezioni di una docente incompetente che assegna brutti voti, e tantomeno vorranno studiare qualcosa a casa; perciò andranno sempre peggio, invece di migliorare. I genitori andranno dal DS a lamentarsi e lui prenderà tutti i provvedimenti del caso contro tale insegnante incompetente. In queste condizioni, nell'impossibilità di svolgere il lavoro richiesto, ci sono due possibilità: continuare a fare il meglio possibile, prendendosi continui richiami e minacce ed insulti per tutto l'anno scolastico, oppure rassegnarsi, piegare la testa, svolgere un programma ridicolo e cominciare a regalare i voti. Non vedo molte altre alternative!
Finalmente qualcuno che grida la verità dai tetti o che dice che il re è nudo: questa sì che è musica per le mie orecchie!
Quoto e straquoto ed aggiungo che spesso i consigli di classe sono orchestrati da qualcuno (indovinate chi) per mettere in difficoltà chi dice come stanno realmente le cose e cioè che l'asino non vola né mai potrà volare!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 1:57 pm

Stellastellina1975 ha scritto:
Evidentemente con alcuni docenti non si riesce ad avere un dialogo serio.

A parte la mia affermazione sul "falso in atto pubblico" (che non mi riguarda, perché come ti ho detto, io non darei mai 10 a uno che sa fare 2+2 oppure a uno che fa 11 errori in un compito, tra i quali ve ne sono anche di gravi, come la docente dell'articolo), qui il punto è un altro ed è inutile far finta di non capire. Io sto parlando di essere  COSTRETTI a falsificare l'andamento di una classe. Ma a quanto pare non riesco a spiegarmi, perciò dovrò fare degli esempi pratici di SITUAZIONI REALI IN CUI MI SONO TROVATA. Cioè due volte in cui ho insegnato in una classe che si trovava ad un livello mostruosamente basso, al punto di non riuscire svolgere il programma di quell'anno scolastico.

Prima di tutto occorre spiegare agli studenti e ai loro genitori, nonchè al DS, che gli 8 e i 9 che sono stati assegnati l'anno precedente sono "fasulli" poiché basati su competenze che non raggiungono lontanamente quelle minime e che occorre quindi ripartire da lontano. Se gli studenti, i genitori e il DS comprenderanno la situazione, allora non ostacoleranno il tuo lavoro e, anzi, cercheranno di aiutarti nel recupero. All'inizio le votazioni saranno basse, ma con l'impegno dei ragazzi e, se fosse possibile, un corso di recupero "serio" a fine quadrimestre, la situazione migliorerà e sarà possibile svolgere anche il programma attuale.

Viceversa, se gli alunni, i genitori e il DS, messi in questa situazione, affermeranno che se l'anno scorso andavano tutti bene e quest'anno sono peggiorati tantissimo, la colpa è soltanto della tua incompetenza, allora i problemi da affrontare saranno molteplici e gravi. Gli studenti non vorranno stare attenti alle lezioni di una docente incompetente che assegna brutti voti, e tantomeno vorranno studiare qualcosa a casa; perciò andranno sempre peggio, invece di migliorare. I genitori andranno dal DS a lamentarsi e lui prenderà tutti i provvedimenti del caso contro tale insegnante incompetente. In queste condizioni, nell'impossibilità di svolgere il lavoro richiesto, ci sono due possibilità: continuare a fare il meglio possibile, prendendosi continui richiami e minacce ed insulti per tutto l'anno scolastico, oppure rassegnarsi, piegare la testa, svolgere un programma ridicolo e cominciare a regalare i voti. Non vedo molte altre alternative!



Continui invece a spiegarti fin troppo bene, ma non riesci a capire dove sta l'assurdo di quello che dici e soprattutto la gravità di una affermazione fatta con tanta disinvolta leggerezza.
Sembra veramente che tu non abbia mai sentito parlare di valutazione. Restiamo al tuo esempio.
Tu arrivi per salvare una classe dal disastro e "riparti da lontano", cioè, suppongo, ti ritrovi a dover organizzare un recupero.
Benissimo. La tua programmazione lo prevederà (giusto?), comunicherai a tutti gli attori in causa gli obiettivi che sono quelli relativi al recupero (almeno per il primo momento).
Mi spieghi perché mai "All'inizio le votazioni saranno basse"? Tu spieghi 2+2 invece delle equazioni differenziali (quale che sia il motivo) ma, anche se imparano a farlo, devi dare 4 perché avresti dovuto spiegare le equazioni differenziali, perché non è "possibile svolgere anche il programma attuale"? La falsificazione in questo caso la vedo, ma non vedo nessuna costrizione: tu dai voti ribassati solo sulla base del fatto che il programma è di recupero degli anni precedenti! Ma stai scherzando mi auguro! Mi spieghi dove mai hai imparato che la valutazione dipende dalla difficoltà delle nozioni?
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 2:03 pm

La difficoltà dipende dal fatto che a questi ragazzi mancano le basi e il metodo di studio, perché non è stato loro insegnato negli anni precedenti. E dovendo recuperare due o tre anni in uno, quindi dovendo andare più velocemente possibile, è chiaro che inizialmente il profitto sarà scarso.

Aggiungici anche il fatto che gli studenti, invece di impegnarsi, ti fanno ostruzionismo e non studiano, visto che sono spalleggiati dai genitori e dal DS.

Ma vedo che gli altri utenti mi capiscono fin troppo bene, tu invece no. Quindi smetto di risponderti.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 2:10 pm

Stellastellina1975 ha scritto:
La difficoltà dipende dal fatto che a questi ragazzi mancano le basi e il metodo di studio, perché non è stato loro insegnato negli anni precedenti. E dovendo recuperare due o tre anni in uno, quindi dovendo andare più velocemente possibile, è chiaro che inizialmente il profitto sarà scarso.

Aggiungici anche il fatto che gli studenti, invece di impegnarsi, ti fanno ostruzionismo e non studiano, visto che sono spalleggiati dai genitori e dal DS.

Ma vedo che gli altri utenti mi capiscono fin troppo bene, tu invece no. Quindi smetto di risponderti.



e chi dice che non sia difficile? I miracoli sono sempre impegnativi, soprattutto per l'uomo solo al comando.
Niente di tutto questo spiega o giustifica la dabbenaggine dell'uscita sul falso in atto pubblico, che è l'unico punto che mi interessava smentire e di cui tu accusavi, tout court, l'intera categoria insegnanti
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 2:11 pm

lucetta10 ha scritto:
Mi spieghi dove mai hai imparato che la valutazione dipende dalla difficoltà delle nozioni?
Questa affermazione è vera sino ad un certo punto: se l'asticella viene posta a dieci centimetri da terra, non si potrà certo inneggiare al primato mondiale di salto in alto se tutti o la maggior parte di essi riescono a superarla, come a volte viene espressamente chiesto dal ds, o no?
Da qui consegue che l'intera gamma delle valutazioni, se il salto è diciamo così "facilitato", non puo' essere applicata IMHO.
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 2:17 pm

Stellastellina1975 ha scritto:
La difficoltà dipende dal fatto che a questi ragazzi mancano le basi e il metodo di studio,
Magari fosse solo quello: a molti manca la volontà di studiare e preferiscono mandare la loro madre a parlare col DS per strappare una ignominiosa promozione "per voto di consiglio" o nel caso peggiore una sospensione di giudizio con debiti che puntualmente non vengono recuperati a settembre, salvo, per fortuna, rare eccezioni!
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 2:24 pm

Procopio ha scritto:
Stellastellina1975 ha scritto:
La difficoltà dipende dal fatto che a questi ragazzi mancano le basi e il metodo di studio,
Magari fosse solo quello: a molti manca la volontà di studiare e preferiscono mandare la loro madre a parlare col DS per strappare una ignominiosa promozione "per voto di consiglio" o nel caso peggiore una sospensione di giudizio con debiti che puntualmente non vengono recuperati a settembre, salvo, per fortuna, rare eccezioni!

Se rileggi il mio intervento, questo l'ho scritto subito dopo.

Ma le due cose sono strettamente correlate. A volte effettivamente la colpa è dell'insegnante o degli insegnanti precedenti, ma nella maggioranza dei casi, se gli studenti hanno gravi lacune nella preparazione di base e non hanno metodo di studio, è soltanto perché non hanno mai voluto studiare seriamente. Ma le colpe più grandi le hanno i genitori e i DS che permettono loro di andare avanti a forza di "voti di consiglio".

(Fortunatamente non tutti i genitori e non tutti i DS sono come questi, altrimenti il bornout degli insegnanti sarebbe all'ordine del giorno).



Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 2:25 pm

Procopio ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Mi spieghi dove mai hai imparato che la valutazione dipende dalla difficoltà delle nozioni?
Questa affermazione è vera sino ad un certo punto: se l'asticella viene posta a dieci centimetri da terra, non si potrà certo inneggiare al primato mondiale di salto in alto se tutto riescono a superarla, come a volte viene espressamente chiesto dal ds, o no?
Da qui consegue che l'intera gamma delle valutazioni, se il salto è diciamo così "facilitato", non puo' essere applicata IMHO.




Puoi contestarlo, e legittimamente, ma la normativa vuole questo.
Se la tua asticella è a 10 centimetri, lì c'è il tuo 10. Il punto è perché mai l'asticella è stata posta a dieci centimetri da terra se poi non si è disposti a dare una corretta valutazione rispetto ai propri stessi obiettivi?
Chi ce l'ha posta, perché fa finta di non sapere che a dieci centimetri da terra LUI STESSO ha fissato il primato mondiale?
Gli obiettivi minimi serviranno pure a qualcosa o no? Magari a preservare un minimo di decenza! Impariamo a progettare correttamente le nostre programmazioni e saremo anche meno intimoriti da DS e genitori, ergo meno pavidi al momento di affermare una bocciatura
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 2:52 pm

A questo proposito, le difficoltà peggiori non si hanno quando alla classe, dagli anni precedenti, mancano proprio delle parti di programma (in tal caso, semplicemente, si riparte da quelle, anche a costo di far slittare ulteriormente in avanti il programma nuovo, ma almeno si fanno come si deve)...

...ma quando formalmente risulta che le abbiano fatte, e però il nuovo insegnante si accorge che le hanno fatte in maniera tanto superficiale da non sapersela cavare nemmeno con richieste veramente ELEMENTARI.

In tale situazione, i casi sono due: o si fa finta di niente e si procede regolarmente con il nuovo programma, e in tal caso è normale che prendano quasi tutti voti bassi, perché completamente privi di basi; oppure, si pretende che si rimettano le mani su argomenti "già fatti", ma fatti male, e allora le contestazioni saranno ancora più feroci, perché è inevitabile che le verifiche sugli stessi identici argomenti già fatti andranno peggio di come fossero andate l'anno scorso, e quindi vai con il "come è possibile che mio figlio adesso prenda 4 sullo stesso argomento in cui l'anno scorso prendeva 8?"

L.
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 3:09 pm

Allora è proprio vero che non mi so spiegare!

Nel mio racconto erano presenti entrambe le aggravanti: non avevano le basi e non avevano svolto (oppure avevano svolto molto male) gran parte degli argomenti pregressi. Ma risultava almeno "sulla carta" che il programma degli anni precedenti fosse stato svolto completamente e che le valutazioni finali fossero molto buone.

Se le parti di programma che non erano state svolte fossero RISULTATE MANCANTI e se gli studenti che prendevano 8 o 9 fino all'anno precedente avessero almeno ACQUISITO LE BASI, allora non vedo perché i genitori e il DS avrebbero dovuto accusare ME di incompetenza!

Quello che hai affermato (è inevitabile che le verifiche sugli stessi identici argomenti già fatti andranno peggio di come fossero andate l'anno scorso, e quindi vai con il "come è possibile che mio figlio adesso prenda 4 sullo stesso argomento in cui l'anno scorso prendeva 8?") è proprio ciò che è accaduto!

Tornare in alto Andare in basso
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 3:35 pm

Per fare un esempio, quindi, secondo lucetta è colpa di una programmazione sbagliata del docente di italiano il fatto che degli alunni al termine della seconda classe del superiore non sappiano coniugare neppure un verbo italiano e per tale motivo non abbiano la sufficienza nella materia? sarebbe stato compito del docente di italiano della classe seconda superiore far riprendere la coniugazione dei verbi italiani e farla imparare a memoria? eppure questi obiettivi minimi "personalizzati" non coinciderebbero affatto con quelli previsti in linea generale per quel grado di istruzione e oltretutto su determinati argomenti gli studenti sono già stati valutati e hanno già ricevuto negli anni precedenti il "lasciapassare". E' questo il falso di cui parla stellina.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 3:40 pm

Oggi (domenica) abbiamo scrutinato due studentesse che avevano superato il limite delle assenze.
La prima, bravina, l'abbiamo promossa a giugno, perchè "essendo passati in corso d'anno dal registro cartaceo a quello elettronico, non si è sicuri che le assenze siano state inserite tutte correttamente e quindi il 26.1% non è detto che sia reale"
La seconda, caprissima, l'abbiamo bocciata nonostante il 27% di assenze.

Abbiamo rimandato con 3 materie uno studente che aveva 8 insufficienze, perchè "non inserito nella classe, bisognoso di sostegno ma privo di certificazione, assume farmaci che gli causano sonnolenza, scoraggiandolo potrebbe pensare al suicidio (senza averlo mai minacciato)".
A questo ragazzo ho alzato il voto da 3 a 6, così potrà "concentrarsi" sullo studio di materie più caratterizzanti.

La buona scuola è quella che sta per iniziare: da luglio ad agosto due mesi di ferie (pardon, convalescenza da burn out).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La dura verità sulla Buonascuola...   Dom Giu 14, 2015 3:42 pm

La programmazione ben fatta è quella che si fa col copia-incolla dall'anno precedente; non vale nulla, ma richiede poco tempo.
Tornare in alto Andare in basso
 
La dura verità sulla Buonascuola...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» La Verità e il Divenire
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» IUI fatta.....e adesso aspetto con ansia giorno 1 agosto!
» Verità scientifiche nel Corano

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: